Passa ai contenuti principali

Gorizia, una triste ed indimenticabile giornata

Stamani, 14 ottobre, siamo stati ricevuti dal Prefetto, era presente anche il Questore di Gorizia. Dopo il primo incontro del 9 ottobre, che è stato determinante per dare una mera accelerazione alla questione non accoglienza dei richiedenti asilo, un centinaio che da mesi dormono per strada, è stato comunicato che 44 avranno da subito un tetto. Si è messa in moto la macchina e nella prossima settimana verranno trovate soluzioni concrete per gli altri richiedenti asilo. In concomitanza con tale incontro si è verificata l'emergenza sulle rive del fiume. 
Eravamo in Prefettura ed arriva la telefonata " aiutateci siamo in difficoltà, fate qualcosa". In tempo reale verranno chiamati dal Questore i soccorsi, che hanno supportato i volontari che erano già giunti sul posto. Perché a causa del pessimo tempo la situazione era diventata pericolosissima per i richiedenti asilo che si trovavano lì accampati ecc.
Si è sollecitata la Provincia affinché aprisse una delle sue strutture per dare un tetto in via provvisoria a queste persone. Ma la partita a ping pong continua e nel mezzo i richiedenti asilo, diventati una rete che divide Gorizia. E' stato addirittura, in via di esasperazione, contattato anche il Vaticano, da una delle volontarie, affinché le chiese letteralmente aprissero i propri locali ai richiedenti asilo, almeno per questi giorni di pioggia. Ma a parte l'aver ascoltato al telefono, a quanto pare, un canonico Ave Maria, nulla si è per ora mosso. Ad oggi si deve constatare che il muro alzato dal Comune, l'ambiguità della Provincia, l'assenza della Regione, il non aiuto da parte di quasi tutti i Comuni della provincia di Gorizia, sono stati devastanti e se in questa giornata non si è realizzata l'ennesima tragedia, lo si deve al pronto intervento dei volontari e di chi era lì presente oltre che da parte dei soccorsi che sono intervenuti appena contattati. Siamo in una situazione degradante, triste a livello umano.E la cosa che fa più rabbia è l'ipocrisia e la demagogia di alcune soggettività che esprimono tante belle parole sulla questione immigrazione, ma poi, salvo qualche rara eccezione, non alzano concretamente un dito per affrontare con coerenza il tutto. Gorizia sta mostrando il suo lato peggiore. Si è preso positivamente atto del mutamento di indirizzo della principale articolazione dello Stato sul nostro territorio, che si è attivata, dopo l'incontro del 9 ottobre partito dal basso, per concretizzare in tempi rapidi una soluzione dignitosa. Almeno in questa notte molti di loro avranno un tetto, certo è a Gradisca, certo è nella stessa struttura del CARA, ma così è. Tra le altre cose apprese in Prefettura è che il 9 ottobre è avvenuto uno dei primi ricollocamenti dei profughi, accaduti in Italia, con partenza dall'aeroporto di Ronchi.
Comunque sia, la manifestazione del 15 ottobre è stata confermata, con concentramento e presidio in Piazza Vittoria di Gorizia, simbolo della città, alle ore 16.00. Per dire non al razzismo, no ai muri della non accoglienza, no al degrado sociale provocato da chi sostiene politiche non conformi alla nostra Costituzione nata dall'antifascismo, sì al rispetto pieno dei diritti umani.

Commenti

Post popolari in questo blog

Giorno del ricordo a Gorizia e agibilità democratica: Revocata sala gestita dalla provincia a resistenza storica

Era stato promosso dal gruppo di Resistenza Storica e sinistra goriziana antifascista, un convegno per il 10 febbraio dal seguente titolo, da svolgersi in Gorizia, presso il palazzo provinciale Attems:11 ANNI DI "GIORNO DEL RICORDO" Tra mistificazioni storiche e rivalutazione del fascismo. Questi gli interventi previsti: Alessandra KERSEVAN: Il ruolo della X Mas al confine orientale; Claudia CERNIGOI: Il "fenomeno" delle foibe e gli scomparsi da Gorizia nel maggio 1945; Sandi VOLK: 10 anni di onorificenze della legge del Ricordo; Piero PURINI: Gli esodi prima e dopo il secondo conflitto mondiale; Marco BARONE: "Volemo tornar". L'irredentismo del terzo millennio; nota di inquadramento storico e coordinamento del dibattito a cura di Marco PUPPINI. Contestualmente a ciò, nella stessa giornata, nella stessa città, ma in luogo diverso, è previsto il convegno organizzato dalla Lega Nazionale di Gorizia, con l'alto patrocinio della Prefettura, Provincia…

Se Babbo Natale ha ridimensionato San Nicolò

Ma è più sentito San Nicolò o Babbo Natale?

Questo è quanto mi domandavo notando tutta la serie di prodotti realizzati, i mercatini diffusi, le fiere e quant'altro si afferma in prossimità della notte tra il 5 e 6 dicembre. Così come mi domando, ma quanti conoscono la sua storia? Quanti sanno che tipo di santo protettore sarebbe?  Scommetto che le mani alzate sarebbero una manciata.  Ed a dirla tutta non interessa, interessa quel giorno solo scambiarsi qualche regalino, girovagare per le fiere, bere e mangiare.
San Nicolò, dicono, è un santo molto venerato in tutto il mondo, addirittura avrebbe carattere universale. Sarà. Ma in Italia ci sono su più di 8 mila Comuni solo una ventina di località, e qualche Comune, ad avere questo nome e sono poche le località dove viene festeggiato, soprattutto in alcune zone del Nord Est ed in Puglia.  Vi è chi dice che Babbo Natale altro non sia che praticamente il San Nicolò in chiave pienamente consumistica, che avrebbe tratto origine da qu…

Gorizia,16 dicembre, manifestazione regionale a sostegno dei migranti "RESTIAMO UMANI-HUMANITY WELCOME"

Il titolo della manifestazione è restiamo umani, humanity welcome. Il 16 dicembre se a Roma ci sarà la manifestazione nazionale dei migranti, a Gorizia si svolgerà una manifestazione regionale che ha lo scopo di denunciare il fallimento dell'accoglienza diffusa in regione, lo stato di degrado umano che si è raggiunto nei confronti dei richiedenti asilo "fuori convenzione", senza dimenticare quanto accade nel CARA di Gradisca, che è oltre ogni limite di capienza, destinato a diventare nuovamente centro di espulsione, senza dimenticare quanto accade lungo le rive dell'Isonzo da Gorizia a Gradisca, a Pordenone, senza dimenticare l'omissione di soccorso sistematica ed impunita. Gorizia non è mai stata realmente una porta verso l'Est, si è sempre chiusa, non è mai stata una porta verso l'Oriente, e la caduta visiva dell'ultimo muro d'Europa, dopo quello di Berlino, è stato solo un gesto illusorio, perchè le divisioni sono sempre state la normalità in q…