Passa ai contenuti principali

Gorizia caso nazionale della cattiva accoglienza. Interviene Medici Senza Frontiere



Missione Italia è stata aperta da Medici senza Frontiere alla fine degli anni '90 prestando aiuto e soccorso alle persone in difficoltà anche nel nostro disastrato Paese. Si ricordano i casi di Lampedusa, di Pozzallo, la tendopoli Tiburtina a Roma, la valutazione dei bisogni medico-umanitari a Ventimiglia. Ed ora, a quanto pare, sarà il turno di Gorizia. La causa? Una politica scellerata, indegna, incivile, che ha comportato come effetto il far rimanere per strada, per mesi, centinaia di richiedenti asilo. Ed ora è che è arrivato l'autunno, con le piogge, la situazione è drammatica. Richiedenti asilo che hanno subito vigliaccate di ogni tipo a Gorizia, azioni di disturbo, insulti, offese, sono state segnalati anche lanci di bottiglie di vetro contro di loro e qualcuno ha anche segnalato che una sera di fine estate, nella zona ove loro dormono, sono stati uditi colpi di pistola di scacciacani. Ma cani da scacciare a Gorizia non ve ne sono. Ed il Sindaco destro di Gorizia cosa propone come soluzione? Sulla sua pagina Facebook del 12 ottobre scrive” Non esiste nel modo più assoluto che a Gorizia si apra un'altra tendopoli che, com'è già successo, non farebbe che accrescere l'arrivo di altri richiedenti asilo nella nostra città. I profughi che vivono all'aperto devono essere ricoverati in strutture adeguate fuori da Goriza. Vanno portati via e basta. Non esistono altre soluzione”.( ndr gli errori di battitura ecc sono quelli originali come riportati nel post del Sindaco)

E no. Esistono altre soluzioni. Anzi, la soluzione.  E si chiama accoglienza obbligatoria. E poi cosa si deve pretendere visto che a Gorizia vi è la commissione territoriale? Già è stata depotenziata rispetto al passato occupandosi attualmente delle sole istanze che riguardano il FVG, forse la vogliono chiudere? Intanto, fino a quando esiste è più che ovvio che proprio Gorizia debba essere pronta a convivere con certe ovvie ed inevitabili situazioni. E di strutture vuote ve ne sono tantissime. Ma manca la volontà politica. Il vuoto degli spazi, ed il vuoto della politica governativa sono il sintomo del malessere di questa società, falsa, meschina, egoista. Regione e Comune non hanno mosso un dito per risolvere un problema figlio della politica di non accoglienza. La Provincia è attualmente assente. La Prefettura, probabilmente, anche alla luce di quanto accaduto il 9 ottobre quando i richiedenti asilo hanno semplicemente chiesto un tetto recandosi in Prefettura, e viste anche le novità normative come in vigore da fine settembre 2015, probabilmente gestirà la cosa diversamente. Chi deve andare via da Gorizia è la politica della non accoglienza. E la situazione come oggi sussistente è dovuta proprio a ciò. Certo, è innegabile che la quasi totalità dei Comuni della Provincia di Gorizia non hanno mosso un dito per risolvere tale questione, ma deve essere Gorizia, essendo anche capoluogo di provincia e città che ospita la commissione territoriale, a dare l'esempio e ad oggi l'esempio che ha dato è negativo. "Medici senza frontiere ha toccato con mano la realtà goriziana e ha già specificato che la additerà come caso nazionale emblema della cattiva accoglienza" Questo quanto emerso sulla stampa. Ed è assolutamente vero. Gorizia vivrà una situazione da terzo mondo? Questo terzo mondo non è stato causato dai richiedenti asilo ma da chi nulla ha fatto per gestire la cosa in modo umano ed umanitario non ottemperando obblighi giuridici in materia. Persone fuggite da guerre, e che si trovano a vivere, o meglio sopravvivere in una città, senza neanche avere più coperte. I volontari hanno colmato le lacune, gravi, delle Istituzioni. Ma così avanti non si può più andare.  Sarà Medici senza Frontiere a creare un ponte temporaneo per una politica dell'accoglienza sostenibile e strutturale a Gorizia? Sì. E Gorizia è diventata, sua malgrado, l'esempio della cattiva, anzi pessima accoglienza in Italia. E la colpa è di chi nulla ha fatto, pur avendo responsabilità governative, per affrontare la questione con senso civico, e manifestando rispetto per i diritti umani. Si può ben scrivere che da oggi esiste la questione di Gorizia. 

Commenti

Post popolari in questo blog

Nova Gorica interrompa i rapporti con Gorizia

Non è la prima volta e non sarà forse neanche l'ultima volta che Gorizia e l'Italia dovranno vivere un sabato nero. Ricevere certi nostalgici è un qualcosa di veramente incomprensibile che continua a trovare spazio e legittimazione in una zona di confine come questa che ha conosciuto più che altrove le barbarie compiute soprattutto contro gli sloveni. Non è un caso che anche Gorizia ha avuto il suo Narodni dom. Il 4 novembre del 1926, sei anni dopo l'incendio del Narodni dom,un manipolo di fascisti, festeggiando la Celebrazione della vittoria, entrarono violentemente nelle sale del Trgovski Dom, gettando in cortile libri, mobili, oggetti, tutto quello che si poteva gettare venne gettato via fino a costituire un mucchio da bruciare. E bruciarono libri, documenti, mobili,oggetti, simboli, bruciarono l'identità slovena, il riscatto sloveno, tra una folla di cittadini che osservava anche applaudendo ed inneggiando Viva l'Italia. E' inaccettabile che nella Repubbli…

Clara Petacci è stata violentata ?

Chi è Clara Petacci? Chi sono i Partigiani? Domande legittime, anzi doverose perchè le nuove generazioni non conoscono la storia, e quando leggi che per molti studenti tedeschi Hitler altro non era che un democratico, allora comprendi che quando si parla di tematiche calde e delicate che hanno segnato la storia del secolo scorso, non si deve mai dare nulla per scontato. Nella serata del 6 luglio 2012 Rai tre,conosciuto come canale di sinistra, oggi io direi sinistra sinistrata, ha trasmesso un programma storico interessante che riguardava la Marcia su Roma, la morte ed i misteri di Mussolini. Il programma era la Grande Storia. Ha voluto conferire una diversa visione della verità storica ufficiale conferendo grande credito a teorie sostenute specialmente dai nostalgici del fascismo. Certo la storia o meglio la verità storica per essere tale non dovrebbe essere politicizzata, ma ciò è a dir poco impossibile visto il funzionamento della società. Ieri sera mi son voluto mettere nei panni di un …

Minoranza linguistica slovena, in Italia si guarda al modello danese?

Se c'è una cosa che andrà ricordata quasi come si ricordava l'Ave Maria è che se il FVG può vantare la sua specialità, il suo essere Regione a Statuto speciale è prevalentemente se non esclusivamente per il suo plurilinguismo. Oramai, è ahimè una constatazione di fatto, la lingua tedesca è parlata in pochissimi casi e realtà, si è fatto poco o nulla per difenderla ed incentivarla, resistono invece lo sloveno ed il friulano, nonostante siano tante le mancanze a partire dal bilinguismo visivo soprattutto violato nei confronti degli sloveni. Su 216 Comuni  in FVG la minoranza linguistica friulana è presente in 175 comuni, quella slovena in 32 e quella germanica in 5, cioè la quasi totalità dei Comuni ha una "minoranza linguistica". E visto che la minoranza germanica è a rischio di estinzione, l'attenzione deve essere alta.

E' un dato di fatto che in Italia vi è un deficit di democrazia importante, basta guardare le elezioni di marzo 2018, pochi mesi di campagna…