Passa ai contenuti principali

Gorizia caso nazionale della cattiva accoglienza. Interviene Medici Senza Frontiere



Missione Italia è stata aperta da Medici senza Frontiere alla fine degli anni '90 prestando aiuto e soccorso alle persone in difficoltà anche nel nostro disastrato Paese. Si ricordano i casi di Lampedusa, di Pozzallo, la tendopoli Tiburtina a Roma, la valutazione dei bisogni medico-umanitari a Ventimiglia. Ed ora, a quanto pare, sarà il turno di Gorizia. La causa? Una politica scellerata, indegna, incivile, che ha comportato come effetto il far rimanere per strada, per mesi, centinaia di richiedenti asilo. Ed ora è che è arrivato l'autunno, con le piogge, la situazione è drammatica. Richiedenti asilo che hanno subito vigliaccate di ogni tipo a Gorizia, azioni di disturbo, insulti, offese, sono state segnalati anche lanci di bottiglie di vetro contro di loro e qualcuno ha anche segnalato che una sera di fine estate, nella zona ove loro dormono, sono stati uditi colpi di pistola di scacciacani. Ma cani da scacciare a Gorizia non ve ne sono. Ed il Sindaco destro di Gorizia cosa propone come soluzione? Sulla sua pagina Facebook del 12 ottobre scrive” Non esiste nel modo più assoluto che a Gorizia si apra un'altra tendopoli che, com'è già successo, non farebbe che accrescere l'arrivo di altri richiedenti asilo nella nostra città. I profughi che vivono all'aperto devono essere ricoverati in strutture adeguate fuori da Goriza. Vanno portati via e basta. Non esistono altre soluzione”.( ndr gli errori di battitura ecc sono quelli originali come riportati nel post del Sindaco)

E no. Esistono altre soluzioni. Anzi, la soluzione.  E si chiama accoglienza obbligatoria. E poi cosa si deve pretendere visto che a Gorizia vi è la commissione territoriale? Già è stata depotenziata rispetto al passato occupandosi attualmente delle sole istanze che riguardano il FVG, forse la vogliono chiudere? Intanto, fino a quando esiste è più che ovvio che proprio Gorizia debba essere pronta a convivere con certe ovvie ed inevitabili situazioni. E di strutture vuote ve ne sono tantissime. Ma manca la volontà politica. Il vuoto degli spazi, ed il vuoto della politica governativa sono il sintomo del malessere di questa società, falsa, meschina, egoista. Regione e Comune non hanno mosso un dito per risolvere un problema figlio della politica di non accoglienza. La Provincia è attualmente assente. La Prefettura, probabilmente, anche alla luce di quanto accaduto il 9 ottobre quando i richiedenti asilo hanno semplicemente chiesto un tetto recandosi in Prefettura, e viste anche le novità normative come in vigore da fine settembre 2015, probabilmente gestirà la cosa diversamente. Chi deve andare via da Gorizia è la politica della non accoglienza. E la situazione come oggi sussistente è dovuta proprio a ciò. Certo, è innegabile che la quasi totalità dei Comuni della Provincia di Gorizia non hanno mosso un dito per risolvere tale questione, ma deve essere Gorizia, essendo anche capoluogo di provincia e città che ospita la commissione territoriale, a dare l'esempio e ad oggi l'esempio che ha dato è negativo. "Medici senza frontiere ha toccato con mano la realtà goriziana e ha già specificato che la additerà come caso nazionale emblema della cattiva accoglienza" Questo quanto emerso sulla stampa. Ed è assolutamente vero. Gorizia vivrà una situazione da terzo mondo? Questo terzo mondo non è stato causato dai richiedenti asilo ma da chi nulla ha fatto per gestire la cosa in modo umano ed umanitario non ottemperando obblighi giuridici in materia. Persone fuggite da guerre, e che si trovano a vivere, o meglio sopravvivere in una città, senza neanche avere più coperte. I volontari hanno colmato le lacune, gravi, delle Istituzioni. Ma così avanti non si può più andare.  Sarà Medici senza Frontiere a creare un ponte temporaneo per una politica dell'accoglienza sostenibile e strutturale a Gorizia? Sì. E Gorizia è diventata, sua malgrado, l'esempio della cattiva, anzi pessima accoglienza in Italia. E la colpa è di chi nulla ha fatto, pur avendo responsabilità governative, per affrontare la questione con senso civico, e manifestando rispetto per i diritti umani. Si può ben scrivere che da oggi esiste la questione di Gorizia. 

Commenti

Post popolari in questo blog

Passo dopo passo il Nord è conquistato da chi vuole "l'indipendenza della Padania"

Ciò che non è entrato dalla porta principale, entra, anno dopo anno, passo dopo passo, in modo sistematico, con estrema pazienza ed intelligenza politica, dalle finestre che connotano la casa del Nord. Un Nord che è uscito con le ossa fratturate dalla crisi del 2007, divenuto isola felice per le mafie, per la corruzione, ma che ha continuato ad essere rispetto al Sud sempre il locomotore dell'Italia, Paese che sta all'Europa come il Sud Italia sta al Nord Italia. Ed il Nord non ci sta più. Pensiamo al Friuli Venezia Giulia, dove cortocircuiti storici sono anche visibili. Ovunque piazze dedicate all'Unità d'Italia che qui non poteva essere festeggiata perchè quando questa raggiunta non era mica contemplata l'Italia, ma si era in gran parte in quello che veniva definito come l'Impero felice a cui è stata anche dedicata una piazza e si continuano a dedicare statue o celebrarne i fasti nobiliari. E poi sarà in prima linea su due fronti di guerra catastrofici, la …

Salvare le scritte storiche sui muri delle nostre città dei tempi della guerra. Rischiano l'estinzione

Il Friuli Venezia Giulia è una polveriera storica impressionante. Anche se la storia che ovviamente si racconta di più e che ha sancito le sorti di quel presente che viviamo è quella del '900. Terra martoriata da due catastrofi mondiali e che ha rischiato, per la nota causa di Trieste, di scatenare anche la terza. Ci sono diverse testimonianze storiche di quel tempo, soprattutto della seconda guerra mondiale e delle fasi successive alla liberazione dal nazifascismo che caratterizzeranno le sorti di Trieste e dell'Isontino per diversi anni. Ad esempio si possono ancora oggi leggere in alcune località, come Monfalcone, Ronchi, delle scritte che inneggiano alla Jugoslavia, alla settima Repubblica Federativa Jugoslava. In rosso.
Sopravvissute al tempo, alla storia, alla memoria. Anche se a dire il vero ne sono rimaste solo una manciata e difficilmente leggibili. Ma anche per Trieste ci saranno testimonianze del genere come nelle località sicuramente interessate da questa contor…

Quel grave gesto di farsi fotografare alla tomba di Giulio Regeni. Violato il rispetto

Ci sono tombe diventate luoghi cult come quella di Jim Morrison, Oscar Wilde, che le guide turistiche non possono non indicare perchè è così che va il mondo. Ci sono tombe che sono espressione della grandezza storica di certi e dati eventi, come quelle dei partigiani, tutti luoghi dove farsi fotografare è legittimo. E poi ci sono luoghi dove dovrebbe governare l'assoluto buon senso e senso del rispetto. Siamo oramai entrati nel pieno del terzo anno dalla scomparsa di Giulio, tre anni di atroci e durissime lotte da parte della famiglia prima di tutto, tre anni alla ricerca continua e costante di quella verità per Giulio che è stata negata, compromessa, a colpi di effetti teatrali, menzogne, depistaggi, con l'aggravante di chi ha rappresentato l'Italia di effettivamente chinarsi ed arrendersi al torto di stato del compromesso. Se nel corso di questi anni praticamente non è mai circolata la foto della tomba di Giulio, qualcuno si sarà posto un minimo perchè? Già la famiglia …