Passa ai contenuti principali

E l'esercito di profughi marciava per il sogno europeo

Una vera e tremenda strage. Sono più di 3.117 i migranti che hanno perso la vita nel Mediterraneo da inizio anno ad oggi. Si è già detto e scritto tanto in materia, e tanto ancora si continuerà a scrivere. Fiumi di parole. Sul portale del Parlamento europeo si legge che i grandi nomi del cinema europeo si uniscono per chiedere interventi risolutivi in materia. Cioè la stessa Europa che si auto-sollecita. E quando leggi, cosa ha fatto l'Europa? Ecco la risposta: "Una risoluzione del dicembre 2014, con la quale i deputati hanno chiesto un approccio globale dell'UE in materia di migrazione e un maggiore sforzo per prevenire la tragedia umana nel Mediterraneo.Poi, più tardi, nel mese di aprile, i deputati hanno chiesto in una risoluzione una quota vincolante per la distribuzione dei richiedenti asilo tra tutti i paesi dell'Unione europea, maggiori risorse per i programmi di reinsediamento, una migliore cooperazione con i paesi terzi e misure più severe contro i trafficanti di esseri umani. Inoltre, nel mese di luglio il Parlamento ha approvato un budget speciale di 69.600.000 euro per sostenere le agenzie europee come Frontex. Mentre il 10 settembre i deputati hanno sostenuto il meccanismo di emergenza vincolante per trasferire un totale iniziale di 40.000 richiedenti asilo provenienti da Italia e Grecia verso altri Stati membri dell'UE". Ed il 9 ottobre, infatti, anche dall'aeroporto di Ronchi, è "decollato" un primo gruppo di profughi nell'ottica di quello che viene chiamato ricollocamento. Europa che parla, che discute e realizza anche sondaggi. Sempre sul sito del Parlamento si legge che la disoccupazione e l'immigrazione sono le due più grandi sfide dell'UE, secondo l'ultimo sondaggio dell'Eurobarometro commissionato dal PE. Quasi due terzi dei cittadini pensano che le decisioni in materia d'immigrazione debbano essere prese a livello comunitario piuttosto che a livello nazionale, mentre otto su dieci hanno indicato che i richiedenti asilo dovrebbero essere "meglio distribuiti tra tutti gli Stati membri dell'UE". Tuttavia, le risposte variano notevolmente da paese a paese. Secondo questa indagine condotta in settembre, il 47% dei cittadini ha detto che l'immigrazione è la sfida maggiore per l'Unione europea - rispetto al 14% nel 2013. In media, il 66% dei cittadini UE crede che maggiori decisioni in materia d'immigrazione dovrebbero essere prese a livello europeo (79-81% in Olanda, Lussemburgo, Spagna, Germania e Cipro, e 40% in Estonia, Polonia e Slovacchia).Il 78% è d'accordo che i richiedenti asilo dovrebbero essere meglio distribuiti tra tutti gli Stati membri dell'UE: 92-97% a Malta, in Germania e Svezia, ma solo 31-33% in Slovacchia e Repubblica Ceca.
Parole, studi, analisi ed ancora parole. Ed intanto l'esercito umano di profughi marcia. E tutti i Paesi che attraversano per arrivare in Germania, come una litania che sembra mai avere fine, urlano che esplodono. Esplodono. E l'esercito di profughi marcia, e ci è scappato pure un morto in questa marcia, dicono per un proiettile caduto dal cielo. E forse non sarà neanche l'ultimo. Ora è il turno della Slovenia, a pochi passi dall'Italia. Italia che non proferisce verbo alcuno. Silenzio. Magari incrociando le dita perché l'Austria faccia il suo compito, e non respinga. Magari opera sotto silenzio, dopo aver dato prova della sua incapacità gestionale di questo fenomeno che ha cause note, guerre determinate da politiche occidentali. Il caso di Gorizia ha fatto scuola, in negativo. Europa fondata su meravigliosi principi umanitari, che nella pratica diventano solo parole, astrazione, quando qui urge l'azione concreta, e l'Italia è uno dei Paesi fondanti l'Europa. Dovrebbe avere voce in capitolo. Dovrebbe attivarsi per aiutare i vicini sloveni, e non solo. Invece, silenzio e dita incrociate. E la patata bollente viene scaricata alle capacità od incapacità dei singoli Paesi. E l'esercito di profughi marciava e continuerà a marciare e non vi sarà muro reale o virtuale che sia, che potrà tenere o contenere il diritto dell'essere umano ad una vita dignitosa. Perché questo è il sogno europeo per i migranti, i rifugiati che marciano, ed il sogno europeo ha sostituito quello americano, e l'Europa deve essere orgogliosa di ciò ed attivarsi tempestivamente affinché questo sogno possa divenire realtà.

Commenti

Post popolari in questo blog

Giorno del ricordo a Gorizia e agibilità democratica: Revocata sala gestita dalla provincia a resistenza storica

Era stato promosso dal gruppo di Resistenza Storica e sinistra goriziana antifascista, un convegno per il 10 febbraio dal seguente titolo, da svolgersi in Gorizia, presso il palazzo provinciale Attems:11 ANNI DI "GIORNO DEL RICORDO" Tra mistificazioni storiche e rivalutazione del fascismo. Questi gli interventi previsti: Alessandra KERSEVAN: Il ruolo della X Mas al confine orientale; Claudia CERNIGOI: Il "fenomeno" delle foibe e gli scomparsi da Gorizia nel maggio 1945; Sandi VOLK: 10 anni di onorificenze della legge del Ricordo; Piero PURINI: Gli esodi prima e dopo il secondo conflitto mondiale; Marco BARONE: "Volemo tornar". L'irredentismo del terzo millennio; nota di inquadramento storico e coordinamento del dibattito a cura di Marco PUPPINI. Contestualmente a ciò, nella stessa giornata, nella stessa città, ma in luogo diverso, è previsto il convegno organizzato dalla Lega Nazionale di Gorizia, con l'alto patrocinio della Prefettura, Provincia…

Le conclusioni della Commissione d'inchiesta sul caso Moro

Nelle considerazioni conclusive della Commissione d'inchiesta sul Caso Moro emergono spunti di riflessione importante ed anche inquietanti che dovrebbero far tremare i pilastri della nostra Repubblica. Un lavoro durato alcuni anni, con diverse audizioni, accessi a documenti, verifiche, ispezioni, un lavoro enorme e giunto a termine.    La legge istitutiva della Commissione (Legge 30 maggio 2014, n. 82) ha assegnato come mandato all'inchiesta parlamentare quello di «accertare eventuali nuovi elementi che possono integrare le conoscenze acquisite dalle precedenti Commissioni parlamentari di inchiesta sulla strage di Via Fani, sul sequestro e sull'assassinio di Aldo Moro; eventuali responsabilità sui fatti di cui alla lettera a) riconducibili ad apparati, strutture e organizzazioni comunque denominati ovvero a persone a essi appartenenti o appartenute». E' stato sottolineato che è "dalla rilettura sistematica dei cinque processi e dell'attività delle precedenti…

Il pranzo sociale dell’ANPI di Ronchi ( foto) sotto il segno dell’antifascismo e dei ricordi

Riuscito e partecipato il pranzo sociale organizzato dall’ANPI di Ronchi presso l'accogliente agriturismo Mazzuchin di Vermegliano a pochi passi dalla suggestiva chiesetta di Santo Stefano e durato per buona parte del pomeriggio del 16 dicembre. Quasi un centinaio i partecipanti, dove sotto il segno della musica, partigiana e popolare, balli e ricordi, senza dimenticare l'immancabile lotteria curata con una passione unica dalla solita ed immancabile ed unica Angela, si è consumato un momento conviviale oramai tradizionale. Non sono mancati i momenti di confronto e di riflessione, con i messaggi e gli spunti offerti sia dal Presidente provinciale dell’ANPI di Gorizia, Pironi che dalla Presidente dell’ANPI di Ronchi, Cuzzi.

Il segretario Martinuzzi ha ricordato tutta l’attività svolta dall’ANPI di Ronchi, dai pellegrinaggi laici organizzati nei luoghi della resistenza in Slovenia, ai gemellaggi storici, agli incontri con le scuole, agli appuntamenti del 25 aprile e 2 giugno, a…