Passa ai contenuti principali

E l'esercito di profughi marciava per il sogno europeo

Una vera e tremenda strage. Sono più di 3.117 i migranti che hanno perso la vita nel Mediterraneo da inizio anno ad oggi. Si è già detto e scritto tanto in materia, e tanto ancora si continuerà a scrivere. Fiumi di parole. Sul portale del Parlamento europeo si legge che i grandi nomi del cinema europeo si uniscono per chiedere interventi risolutivi in materia. Cioè la stessa Europa che si auto-sollecita. E quando leggi, cosa ha fatto l'Europa? Ecco la risposta: "Una risoluzione del dicembre 2014, con la quale i deputati hanno chiesto un approccio globale dell'UE in materia di migrazione e un maggiore sforzo per prevenire la tragedia umana nel Mediterraneo.Poi, più tardi, nel mese di aprile, i deputati hanno chiesto in una risoluzione una quota vincolante per la distribuzione dei richiedenti asilo tra tutti i paesi dell'Unione europea, maggiori risorse per i programmi di reinsediamento, una migliore cooperazione con i paesi terzi e misure più severe contro i trafficanti di esseri umani. Inoltre, nel mese di luglio il Parlamento ha approvato un budget speciale di 69.600.000 euro per sostenere le agenzie europee come Frontex. Mentre il 10 settembre i deputati hanno sostenuto il meccanismo di emergenza vincolante per trasferire un totale iniziale di 40.000 richiedenti asilo provenienti da Italia e Grecia verso altri Stati membri dell'UE". Ed il 9 ottobre, infatti, anche dall'aeroporto di Ronchi, è "decollato" un primo gruppo di profughi nell'ottica di quello che viene chiamato ricollocamento. Europa che parla, che discute e realizza anche sondaggi. Sempre sul sito del Parlamento si legge che la disoccupazione e l'immigrazione sono le due più grandi sfide dell'UE, secondo l'ultimo sondaggio dell'Eurobarometro commissionato dal PE. Quasi due terzi dei cittadini pensano che le decisioni in materia d'immigrazione debbano essere prese a livello comunitario piuttosto che a livello nazionale, mentre otto su dieci hanno indicato che i richiedenti asilo dovrebbero essere "meglio distribuiti tra tutti gli Stati membri dell'UE". Tuttavia, le risposte variano notevolmente da paese a paese. Secondo questa indagine condotta in settembre, il 47% dei cittadini ha detto che l'immigrazione è la sfida maggiore per l'Unione europea - rispetto al 14% nel 2013. In media, il 66% dei cittadini UE crede che maggiori decisioni in materia d'immigrazione dovrebbero essere prese a livello europeo (79-81% in Olanda, Lussemburgo, Spagna, Germania e Cipro, e 40% in Estonia, Polonia e Slovacchia).Il 78% è d'accordo che i richiedenti asilo dovrebbero essere meglio distribuiti tra tutti gli Stati membri dell'UE: 92-97% a Malta, in Germania e Svezia, ma solo 31-33% in Slovacchia e Repubblica Ceca.
Parole, studi, analisi ed ancora parole. Ed intanto l'esercito umano di profughi marcia. E tutti i Paesi che attraversano per arrivare in Germania, come una litania che sembra mai avere fine, urlano che esplodono. Esplodono. E l'esercito di profughi marcia, e ci è scappato pure un morto in questa marcia, dicono per un proiettile caduto dal cielo. E forse non sarà neanche l'ultimo. Ora è il turno della Slovenia, a pochi passi dall'Italia. Italia che non proferisce verbo alcuno. Silenzio. Magari incrociando le dita perché l'Austria faccia il suo compito, e non respinga. Magari opera sotto silenzio, dopo aver dato prova della sua incapacità gestionale di questo fenomeno che ha cause note, guerre determinate da politiche occidentali. Il caso di Gorizia ha fatto scuola, in negativo. Europa fondata su meravigliosi principi umanitari, che nella pratica diventano solo parole, astrazione, quando qui urge l'azione concreta, e l'Italia è uno dei Paesi fondanti l'Europa. Dovrebbe avere voce in capitolo. Dovrebbe attivarsi per aiutare i vicini sloveni, e non solo. Invece, silenzio e dita incrociate. E la patata bollente viene scaricata alle capacità od incapacità dei singoli Paesi. E l'esercito di profughi marciava e continuerà a marciare e non vi sarà muro reale o virtuale che sia, che potrà tenere o contenere il diritto dell'essere umano ad una vita dignitosa. Perché questo è il sogno europeo per i migranti, i rifugiati che marciano, ed il sogno europeo ha sostituito quello americano, e l'Europa deve essere orgogliosa di ciò ed attivarsi tempestivamente affinché questo sogno possa divenire realtà.

Commenti

Post popolari in questo blog

La nuova strage di migranti nel Mediterraneo era prevedibile e forse anche voluta nel nazismo del terzo millennio

Lo si sapeva. Lo si sapeva che in tarda primavera sarebbero ripresi gli sbarchi dalla Libia. Con i soliti schemi, metodi. Tutto era prevedibile, conoscibile. E qui la chiusura criminale della rotta balcanica non c'entra nulla. Viviamo in una società dove il più grande crimine di guerra mai compiuto e mai punito, quale il lancio delle bombe atomiche sul Giappone, viene quasi giustificato. Senza quelle bombe non sarebbe finita la seconda guerra mondiale, si dice. E per questo non si deve chiedere scusa. Sono certo che se quelle bombe le avesse lanciate la Russia, oggi si racconterebbe una storia diversa. Ma il mondo funziona così. L'Europa, costituita da Paesi ricchi, si chiude per non essere contaminata dalle razze inferiori. Sì, parlo di razze, si parlo di inferiori. Perché? Perché il fantomatico sentimento razzista di paura, trova in realtà il proprio fondamento in quel concetto di superiorità della razza pura del terzo millennio, che non deve essere intaccata dai poveracci …

Togliatti: "tutte le campagne circa le persecuzioni degli italiani in Jugoslavia sono calunnie e menzogne"

Togliatti nella prima pagina dell'Unità del 7 novembre 1946, racconta il suo viaggio a Belgrado e l'incontro con il Maresciallo Tito. "Il Maresciallo Tito mi ha dichiarato di essere disposto a consentire che Trieste appartenga all'Italia, cioè sia sotto la Sovranità della Repubblica italiana qualora l'Italia consenta di lasciare Gorizia alla Jugoslavia, città che anche secondo i dati del nostro ministero degli esteri è in prevalenza slava. La sola condizione che il Maresciallo Tito pone è che Trieste riceva in seno alla Repubblica italiana uno statuto autonomo effettivamente democratico che permetta ai triestini di governare la loro città ed il loro territorio secondo principi democratici". Alla domanda, cosa pensava di questa proposta, Togliatti, rispose: io penso che è ora di smetterla di servirsi della questione triestina per seminare discordia tra due popoli i quali sono entrambi popoli di lavoratori che debbono collaborare nel modo più stretto allo scop…

Il concerto di Trieste per la sofferenza degli innocenti ed il discorso assurdo di Arguello al Family Day

Domenica 25 giugno, alle ore 20.30, piazza Unità d’Italia, ospiterà il concerto “La sofferenza degli innocenti”, organizzato da Diocesi, Comunità Ebraica e il Comune di Trieste. Si legge che "composta da Kiko Argüello, iniziatore del Cammino Neocatecumenale, l'opera sinfonico-catechetica presenta la sofferenza di una madre ebrea, Maria di Nazareth, che vede uccidere suo figlio, una sofferenza inaudita che le attraversa l'anima, una spada, un dolore assimilato a quello di ogni madre davanti alla morte dei propri figli, vittime innocenti in tanti campi di concentramento come Auschwitz, Majdanek, Mauthausen, Treblinka, Trieste." Tutti coloro che parteciperanno a quel concerto dovrebbero avere ben ferme nella mente le parole assurde pronunciate da Argüello nel suo discorso, al Family day del 2015 a Roma,  tra le altre cose applaudito, con uno striscione enorme alle spalle con scritto "stop gender nelle scuole". Una riflessione che nasce sul femminicidio e da un…