Passa ai contenuti principali

Scuola e questione meridionale, una nota stonata con la macchina che decide il tuo futuro

So bene cosa voglia dire abbandonare la propria terra, il proprio mare, lasciare i propri genitori e poi una borsa in mano, un viaggio che sembra non avere mai fine e sbarcare in quella che un tempo la presentavano come la terra della nebbia, fredda, il nord. So bene cosa significhi chiudersi per qualche minuto in se stessi e pensare che a me il sud piace, ma. Appunto, ma. Un conto è quando il ma è privato, è una scelta privata, insomma una scelta. Certo, a volte non proprio libera, perché le mafie, la corruzione, il sistema clientelare hanno reso buona parte del Sud ingestibile, però vi è chi ha deciso di restare, di lottare, di non adeguarsi, di andare contro, ed il Sud lo vive. Un conto quando il ma è pubblico, nel senso che è il tuo Stato, proprio quello che ha determinato la questione meridionale, il tuo datore di lavoro, quello che ha, anno dopo anno, in via passionaria, giostrato con leggi, regole, incertezze,corsi ecc perché tu potessi arrivare dove sei arrivato od arrivata. Partire o non partire? E se non parto, vengo penalizzato, ciò a prescindere dal fatto che il docente o la docente, perché qui trattasi soprattutto di condizione femminile, abbia deciso di partecipare, come in un gioco, alla ruota della fortuna di questo Stato. Notti senza dormire, ansia, a volte magari ci ridevi anche su, però, in fondo, tu in quel sud ci sei cresciuto, è la tua casa ed ora te la portano via. Di soluzioni ve ne sarebbero a decine, la più banale, è ridurre il rapporto docenti/studenti, visto che vi è un problema demografico, vista che la situazione è strutturale. Dicono anche che è fisiologica la percentuale di trasferimenti. Ma come osano? Un conto è scegliere liberamente, un conto è non scegliere ma vedere la propria sorte essere in balia dell'astrazione pura, di programmi, della meschina macchina. La macchina non ha sentimenti, la macchina non ha cuore, neanche anima, niente. La macchina è una macchina ed anche le macchine possono sbagliare. E sbagliano. Ma come cercare l'errore all'interno di un sistema totalmente errato che costringe migliaia di persone ad errare per questo Paese? E poi non dimentichiamolo, chi è soggetto a questo piano di assunzioni straordinario, a disposizione del così detto potenziamento, non sarà neanche più il classico docente. No. Vivrà con incarichi di durata triennale. Sono riusciti ad inventarsi la precarietà all'interno del ruolo, oltre all'estrema flessibilità. E senza avere neanche più un rapporto diretto, di continuità, con la propria classe. Non vedrai nascere la tua classe, e non la vedrai neanche finire l'ordine di scuola , ma sarai in mezzo, ancora una volta. In mezzo per non contare nulla. Un numero, una banale astrazione, da collocare dove la macchina ha deciso. Ma ricordiamolo che dietro l'operato della macchina vi è sempre la responsabilità dell'uomo.

Commenti

Post popolari in questo blog

Se la tutela del decoro diventa questione di sicurezza urbana e rischia di criminalizzare il disagio sociale. Breve analisi del testo normativo

E' in fase di conversione in legge il decreto-legge 20 febbraio 2017, n. 14,  recante disposizioni urgenti in materia di sicurezza delle città. Un testo che ha introdotto il famigerato " DASPO Urbano" un testo che tende a ricondurre il concetto di decoro, che non è tipizzato e di cui non esiste una mera definizione giuridica e sostanziale omogenea e consolidata, sotto la voce di sicurezza urbana nel momento in cui si afferma che  " ai fini del presente decreto, si intende per sicurezza urbana il bene pubblico che afferisce alla vivibilità e al decoro delle città". Dunque il decoro della città diviene una questione legalitaria di sicurezza urbana, ergo di ordine pubblico. Ma contro chi si scaglierà questo dettato normativo? Mi soffermerò ora su alcuni elementi di questo decreto in fase di conversione. L'articolo 9 afferma che "Fatto salvo quanto previsto dalla vigente normativa a tutela delle aree interne delle infrastrutture, fisse e mobili, ferroviar…

Quali sono i comportamenti vietati a Trieste?

Quali sono i comportamenti vietati a Trieste?  Scopriamolo con il nuovo regolamento  urbano" che entrerà in vigore in città a partire dal 2 aprile 2017.  
Testo scritto rigorosamente ed esclusivamente in italiano, perchè il bilinguismo a Trieste è un non diritto. Disposizioni che dovranno conoscere anche coloro che si troveranno a Trieste di passaggio, per evitare che magari possano incorrere in qualche spiacevole sanzione. Buona lettura, magari con un sano bicchierino di amaro digestivo alle erbe.
***A salvaguardia e tutela degli spazi ed aree pubbliche ricadenti nel territorio del Comune è vietato: nelle fontane introdursi ed introdurre sostanze liquide imbrattanti, abbeverare ed introdurre animali, utilizzare o prelevare l’acqua, bagnarsi, estrarre o comunque raccogliere le monete o altri oggetti di valore gettati dai proprietari, in omaggio a tradizioni e consuetudini locali, in quanto tali oggetti devono intendersi acquisiti dal Comune con effetto immediato per essere dest…

Se a Venezia si può fare l'elemosina e dormire sulle panchine, a Trieste nel nome del decoro no se pol

Trieste e Venezia, concorrenti forse da sempre, due amanti che si corteggiano, ma si respingono a vicenda, quando nella società odierna l'unica soluzione possibile sarebbe collaborazione. Venezia non necessita di presentazione alcuna, è una cartolina meravigliosa, invasa da milioni di turisti. A Venezia ci sono regole rigide da rispettare per preservare l'intero ambiente e continue battaglie per salvare la laguna contro ogni tipo di inquinamento. Ma una cosa che colpisce è che per i tanti vicoli del centro è facilissimo incontrare diversi mendicanti, e per il centro, su qualche panchina, vedere qualche vagabondo, riposare, dormire e vivere i suoi sogni in santa pace.  


Nulla di strano, perchè vagabondi e mendicanti son sempre esistiti, son sempre sopravvissuti e sempre esisteranno e sempre sopravviveranno. Ed i turisti non sembrano proprio per niente essere infastiditi. Anzi, forse neanche ci fanno caso. Perchè la bellezza di Venezia cala un sipario che rende queste persone a…