Passa ai contenuti principali

Report del corteo antifascista del 19 settembre di Gorizia contro Casapound ( foto)

E' innegabile, è incontestabile che quanto fatto dall'Osservatorio Regionale Antifascista del FVG, è importante, e politicamente anche significativo, perché non fare passare sotto l'indifferenza l'inaugurazione della sede di Casapound, e ricordo che il loro capo ha detto che sono d'ispirazione fascista e ciò lo vedono come un dono, è un qualcosa di non scontato. Anche perché il tutto è stato organizzato in pochissimi giorni e di questo se ne deve tenere, nella sua complessità, assolutamente conto. Ma non scontato soprattutto dopo il 23 maggio 2015. Abbiamo riempito, in quel giorno, le strade di manifestanti, di antifascisti, antimilitaristi, di contenuti. Gorizia è diventata un simbolo, un simbolo politico regionale. Non è casa o proprietà privata e non è un luogo ove solo pochi "eletti" hanno il diritto di prendere la parola in materia di antifascismo od antirazzismo. Anzi, quanto fatto dall'Osservatorio doveva servire da lancio affinché a Gorizia si creasse una situazione stabile di movimento, e la manifestazione del 19 settembre, ha avuto anche questo scopo, con il dispiacere di più di qualcuno. 
250 antifascisti, tanti e tante da Gorizia, con determinazione hanno ricordato che Gorizia è una città che ha una storia antifascista importante, che rifiuta i fascismi siano essi di ieri che di oggi. Diversi sono stati i tentativi finalizzati a depotenziare questa manifestazione, ma sono falliti. Gli antifascisti hanno comunicato le loro istanze alla città, a partire dalla stazione centrale dei treni, lì ove vi è la targa che ricorda la storica battaglia di Gorizia, passando dal Parco della Rimembranza ove diversi sono stati gli interventi sulla questione profughi,rifugiati, richiedenti asilo denunciando il trattamento degradante che continuano a subire in città per colpa di una politica scellerata di non voluta accoglienza. Il movimento si è sempre occupato della questione profughi ed immigrazione, ognuno di noi, nel suo piccolo, quotidianamente e nelle forme e modalità che reputa più opportune lotta contro ogni tipo di discriminazione e per l'accoglienza e tali interventi erano un mero obbligo e non sono mancati. Sotto le note di Bella Ciao si è poi entrati in piazza del Municipio, una piazza semplicemente blindata dove diversi interventi, e letture anche di documenti e lettere di carattere sia storico che politico ed antifascista, hanno accompagnato buona parte del presidio. Purtroppo, in quella che sembrava essere una piazza blindata, ove vi era il concentramento antifascista, dei provocatori casapoundisti, di cui uno con dei guanti neri, sono riusciti, in modo semplicemente inaccettabile, ad entrare, una provocazione che ha portato ad una inevitabile risposta che ha visto come reazione manganellate ed il ferimento di tre compagni antifascisti e non solo. La situazione poteva degenerare ma il comportamento come globalmente assunto ha evitato il peggio, un peggio non imputabile certamente all'Osservatorio Regionale Antifascista.

Dunque, tirando le somme, una giornata positiva per l'antifascismo, una giornata che dopo il 23 maggio evidenzia la necessità di “edificare” a Gorizia uno spazio, un luogo che sia d'aggregazione sia fisica che ideale per tutti coloro che hanno soprattutto costruito il 23 maggio e questo 19 settembre, uno spazio di movimento ed in movimento per la Gorizia di questo nuovo secolo.


Marco Barone

foto:








Commenti

Post popolari in questo blog

Giorno del ricordo a Gorizia e agibilità democratica: Revocata sala gestita dalla provincia a resistenza storica

Era stato promosso dal gruppo di Resistenza Storica e sinistra goriziana antifascista, un convegno per il 10 febbraio dal seguente titolo, da svolgersi in Gorizia, presso il palazzo provinciale Attems:11 ANNI DI "GIORNO DEL RICORDO" Tra mistificazioni storiche e rivalutazione del fascismo. Questi gli interventi previsti: Alessandra KERSEVAN: Il ruolo della X Mas al confine orientale; Claudia CERNIGOI: Il "fenomeno" delle foibe e gli scomparsi da Gorizia nel maggio 1945; Sandi VOLK: 10 anni di onorificenze della legge del Ricordo; Piero PURINI: Gli esodi prima e dopo il secondo conflitto mondiale; Marco BARONE: "Volemo tornar". L'irredentismo del terzo millennio; nota di inquadramento storico e coordinamento del dibattito a cura di Marco PUPPINI. Contestualmente a ciò, nella stessa giornata, nella stessa città, ma in luogo diverso, è previsto il convegno organizzato dalla Lega Nazionale di Gorizia, con l'alto patrocinio della Prefettura, Provincia…

Se Babbo Natale ha ridimensionato San Nicolò

Ma è più sentito San Nicolò o Babbo Natale?

Questo è quanto mi domandavo notando tutta la serie di prodotti realizzati, i mercatini diffusi, le fiere e quant'altro si afferma in prossimità della notte tra il 5 e 6 dicembre. Così come mi domando, ma quanti conoscono la sua storia? Quanti sanno che tipo di santo protettore sarebbe?  Scommetto che le mani alzate sarebbero una manciata.  Ed a dirla tutta non interessa, interessa quel giorno solo scambiarsi qualche regalino, girovagare per le fiere, bere e mangiare.
San Nicolò, dicono, è un santo molto venerato in tutto il mondo, addirittura avrebbe carattere universale. Sarà. Ma in Italia ci sono su più di 8 mila Comuni solo una ventina di località, e qualche Comune, ad avere questo nome e sono poche le località dove viene festeggiato, soprattutto in alcune zone del Nord Est ed in Puglia.  Vi è chi dice che Babbo Natale altro non sia che praticamente il San Nicolò in chiave pienamente consumistica, che avrebbe tratto origine da qu…

Gorizia,16 dicembre, manifestazione regionale a sostegno dei migranti "RESTIAMO UMANI-HUMANITY WELCOME"

Il titolo della manifestazione è restiamo umani, humanity welcome. Il 16 dicembre se a Roma ci sarà la manifestazione nazionale dei migranti, a Gorizia si svolgerà una manifestazione regionale che ha lo scopo di denunciare il fallimento dell'accoglienza diffusa in regione, lo stato di degrado umano che si è raggiunto nei confronti dei richiedenti asilo "fuori convenzione", senza dimenticare quanto accade nel CARA di Gradisca, che è oltre ogni limite di capienza, destinato a diventare nuovamente centro di espulsione, senza dimenticare quanto accade lungo le rive dell'Isonzo da Gorizia a Gradisca, a Pordenone, senza dimenticare l'omissione di soccorso sistematica ed impunita. Gorizia non è mai stata realmente una porta verso l'Est, si è sempre chiusa, non è mai stata una porta verso l'Oriente, e la caduta visiva dell'ultimo muro d'Europa, dopo quello di Berlino, è stato solo un gesto illusorio, perchè le divisioni sono sempre state la normalità in q…