Passa ai contenuti principali

Questione profughi, Gorizia è al centro dell'attenzione, senza dimenticare gli esodi del passato

L'Italia è un Paese che ha conosciuto diversi “esodi”. Il più significativo è stato certamente quello che ha interessato i calabresi. Due i periodi di riferimento, che sono successivi comunque alla nascita del Regno d'Italia, quale quello 1871/1951 con 773 mila calabresi emigrati nelle Americhe, e 1951/1971 con 741 mila calabresi emigrati tra il nord Europa ed il Nord Italia. Dunque 1 milione e 514 mila persone che hanno abbandonato la propria terra di origine, fenomeno che ancora oggi, pur in ovvia misura ridotta, continua. Ma anche la nostra regione, il FVG ha conosciuto esodi importanti soprattutto oltre oceano. Ma l'Italia pare, in larga parte ciò averlo rimosso, erano altri tempi, si dirà. Era il la fine di luglio del 1946 e De Gasperi incaricava il vice prefetto ispettore generale Meneghini di costituire a Venezia “un ufficio direttamente dipendente dal Ministero-Gabinetto per la Venezia Giulia- con il compito di apportare un piano organico per l'eventuale esodo della popolazione italiana da Pola e da altre località della Zona B, predisporre i vari e necessari aiuti occorrenti ai profughi al momento della partenza, prendere opportuni accordi con i competenti organi per l'opera di prima assistenza ai profughi e per il loro smistamento verso le altre province che dimostrino adeguate capacità ricettive”.Ciò a dimostrare che il così detto esodo era stato previsto, organizzato e gestito da parte dello stesso Governo italiano. Saranno oltre 150 i provvedimenti legislativi a favore del complesso e variegato mondo degli esuli e saranno miliardi e miliardi di vecchie lire ed essere state stanziate per ciò. E si trattava, nella quasi totalità dei casi, di persone fuggite per effetto della nuova composizione che si determinerà nelle terre, appartenute all'Italia per pochi decenni. Persone che fuggivano soprattutto dal nuovo sistema sociale, non accettato, persone che fuggivano dalla Jugoslavia, che non accettavano. Anche se saranno in tanti ad essere rimasti in Jugoslavia. Dalla fine del 1940 in poi, Gorizia ha dato rifugio a migliaia di istriani italiani che dovevano fuggire dalle regioni annesse alla Jugoslavia. Molti di coloro che si stabilirono in città, hanno avuto un ruolo importante nel plasmare nel suo dopoguerra l' identità nazionale e politica della città. Questo è quanto denuncia, ad esempio, l'enciclopedia libera in versione inglese. Gli organismi di parte rilevano che circa 5 mila esuli hanno scelto come luogo Gorizia andando a costituire circa il 15 % della popolazione residente. Il concentramento, non casuale, che è avvenuto a Gorizia, ha certamente favorito l'assegnazione della città all'Italia piuttosto che alla Jugoslavia. Erano, si dirà anche in questo caso, altri tempi, altre situazioni e vi erano interessi nazionali e di nazionalismo ben chiari. Tutte conseguenze del fascismo. Gorizia ha subito più di altre località gli effetti nefasti del cancro fascista.Un cancro che ha portato allo smembramento della città, ad una guerra che ha comportato, guardando solo i residenti o domiciliati nella città di Gorizia, ben 1918 vittime. Un cancro che ha ucciso il carattere multiculturale, il pluralismo sociale, vitale di Gorizia, che ha diviso per decenni italiani e sloveni, con l'effetto di favorire e determinare un processo di violenza inaudita, senza precedenti nell'Europa Occidentale, contro gli sloveni. Ora, l'allerta in città è alta per la questione profughi e rotta balcanica. Pare che la Prefettura sia stata stata salvata, per l'ennesima volta, soprattutto per tale questione e non è chiaro se quando questa “emergenza” finirà verrà messa nuovamente in discussione, cosa da non escludere. Se in città non si è riusciti a dare accoglienza a centinaia di persone che ancora vivono all'aperto, come si pensa di gestire una eventuale affluenza dalla “rotta balcanica”? Il 19 settembre si scenderà in piazza, partendo dalla stazione centrale dei treni anche per questi motivi. L'Osservatorio regionale antifascista del FVG evidenzierà che Gorizia rischia di diventare a livello regionale e non solo, tristemente, una città simbolo per la questione non accoglienza dei profughi e reazione, che in questa città realtà e politiche d'ispirazione fascista non devono avere spazio, come ricordato anche dall'Anpi nazionale in merito al recente caso di Milano. Ma si evidenzierà che non tutta Gorizia è così ed è stata così, ed il suo contributo nella storia della resistenza all'antifascismo docet. Si pretenderà accoglienza nei confronti dei profughi, perché questa è un dovere istituzionale oltre che sociale e civico, e che non devono esistere divisioni tra italiani e non italiani, l'umanità deve andare oltre i banali pericolosi nazionalismi che altro non fomentano che intolleranze e situazioni minacciose per la convivenza civile. Gorizia, che ha già vissuto fenomeni immigratori ben più consistenti, potrà, se lo vorrà, dare una risposta esemplare dal punto di vista umanitario e ciò non farebbe altro che bene alla nostra regione.
Marco Barone

Commenti

Post popolari in questo blog

Regionali FVG 2018 se a qualcuno interessano i programmi...

Si voterà in prossimità del ponte, una grande pensata che altro non farà che favorire già quello che si sa che sarà, una partecipazione al voto calante,e chiunque vincerà non vincerà tanto per il suo programma elettorale innovativo o superlativo, profondo o leggero o geniale che questo sia. I programmi oramai trovano il tempo che trovano ci puoi mettere di tutto e di più. Da chi parlerà di TAV a chi parlerà di tutela dell'identità friulana o slovena a chi di zone agevolate interesserà poco alla maggior parte dei cittadini. Perchè ragioneranno sulla base di quello che hanno vissuto, un vissuto che è fatto di esperienze, di questioni concrete. E soprattutto di un rigurgito chiaro e netto nei confronti di un certo modo di fare e concepire la politica ed il bene comune sempre più degradato e sacrificato all'altare dell'austerità e della globalizzazione selvaggia che ha favorito il ritorno di nazionalismi anacronistici e ucciso identità e specificità che meritavano tutela. Ogn…

L'Italia e l'alleanza con gli USA, una scelta di campo?

Così Gentiloni sulla questione Siria: voglio solo dire, in conclusione, che l'Italia non è un Paese neutrale, non è un Paese che sceglie di volta in volta, di fronte a questa o a quella crisi, se schierarsi con l'Alleanza atlantica o schierarsi da un'altra parte. Noi siamo coerentemente, da più di sessant'anni, partner fondamentali dell'Alleanza atlantica e alleati degli Stati Uniti. Siamo alleati dell'America, voglio dire: non è un problema di rapporti con questo o quel presidente americano. Siamo stati alleati dell'America con Kennedy e con Nixon, con Clinton e con Reagan, con Bush e con Obama e lo abbiamo fatto perché - lo dico senza infingimenti - è una scelta di campo. È una scelta di campo. È una scelta di campo che deriva certamente dal fatto che l'America, insieme agli alleati, ci ha liberato dal nazifascismo e che certamente deriva dai nostri interessi di difesa e di sicurezza del Paese, ma non è solo questo. È una scelta di campo che deriva da…

Salvare le scritte storiche sui muri delle nostre città dei tempi della guerra. Rischiano l'estinzione

Il Friuli Venezia Giulia è una polveriera storica impressionante. Anche se la storia che ovviamente si racconta di più e che ha sancito le sorti di quel presente che viviamo è quella del '900. Terra martoriata da due catastrofi mondiali e che ha rischiato, per la nota causa di Trieste, di scatenare anche la terza. Ci sono diverse testimonianze storiche di quel tempo, soprattutto della seconda guerra mondiale e delle fasi successive alla liberazione dal nazifascismo che caratterizzeranno le sorti di Trieste e dell'Isontino per diversi anni. Ad esempio si possono ancora oggi leggere in alcune località, come Monfalcone, Ronchi, delle scritte che inneggiano alla Jugoslavia, alla settima Repubblica Federativa Jugoslava. In rosso.
Sopravvissute al tempo, alla storia, alla memoria. Anche se a dire il vero ne sono rimaste solo una manciata e difficilmente leggibili. Ma anche per Trieste ci saranno testimonianze del genere come nelle località sicuramente interessate da questa contor…