Passa ai contenuti principali

Questione profughi, Gorizia è al centro dell'attenzione, senza dimenticare gli esodi del passato

L'Italia è un Paese che ha conosciuto diversi “esodi”. Il più significativo è stato certamente quello che ha interessato i calabresi. Due i periodi di riferimento, che sono successivi comunque alla nascita del Regno d'Italia, quale quello 1871/1951 con 773 mila calabresi emigrati nelle Americhe, e 1951/1971 con 741 mila calabresi emigrati tra il nord Europa ed il Nord Italia. Dunque 1 milione e 514 mila persone che hanno abbandonato la propria terra di origine, fenomeno che ancora oggi, pur in ovvia misura ridotta, continua. Ma anche la nostra regione, il FVG ha conosciuto esodi importanti soprattutto oltre oceano. Ma l'Italia pare, in larga parte ciò averlo rimosso, erano altri tempi, si dirà. Era il la fine di luglio del 1946 e De Gasperi incaricava il vice prefetto ispettore generale Meneghini di costituire a Venezia “un ufficio direttamente dipendente dal Ministero-Gabinetto per la Venezia Giulia- con il compito di apportare un piano organico per l'eventuale esodo della popolazione italiana da Pola e da altre località della Zona B, predisporre i vari e necessari aiuti occorrenti ai profughi al momento della partenza, prendere opportuni accordi con i competenti organi per l'opera di prima assistenza ai profughi e per il loro smistamento verso le altre province che dimostrino adeguate capacità ricettive”.Ciò a dimostrare che il così detto esodo era stato previsto, organizzato e gestito da parte dello stesso Governo italiano. Saranno oltre 150 i provvedimenti legislativi a favore del complesso e variegato mondo degli esuli e saranno miliardi e miliardi di vecchie lire ed essere state stanziate per ciò. E si trattava, nella quasi totalità dei casi, di persone fuggite per effetto della nuova composizione che si determinerà nelle terre, appartenute all'Italia per pochi decenni. Persone che fuggivano soprattutto dal nuovo sistema sociale, non accettato, persone che fuggivano dalla Jugoslavia, che non accettavano. Anche se saranno in tanti ad essere rimasti in Jugoslavia. Dalla fine del 1940 in poi, Gorizia ha dato rifugio a migliaia di istriani italiani che dovevano fuggire dalle regioni annesse alla Jugoslavia. Molti di coloro che si stabilirono in città, hanno avuto un ruolo importante nel plasmare nel suo dopoguerra l' identità nazionale e politica della città. Questo è quanto denuncia, ad esempio, l'enciclopedia libera in versione inglese. Gli organismi di parte rilevano che circa 5 mila esuli hanno scelto come luogo Gorizia andando a costituire circa il 15 % della popolazione residente. Il concentramento, non casuale, che è avvenuto a Gorizia, ha certamente favorito l'assegnazione della città all'Italia piuttosto che alla Jugoslavia. Erano, si dirà anche in questo caso, altri tempi, altre situazioni e vi erano interessi nazionali e di nazionalismo ben chiari. Tutte conseguenze del fascismo. Gorizia ha subito più di altre località gli effetti nefasti del cancro fascista.Un cancro che ha portato allo smembramento della città, ad una guerra che ha comportato, guardando solo i residenti o domiciliati nella città di Gorizia, ben 1918 vittime. Un cancro che ha ucciso il carattere multiculturale, il pluralismo sociale, vitale di Gorizia, che ha diviso per decenni italiani e sloveni, con l'effetto di favorire e determinare un processo di violenza inaudita, senza precedenti nell'Europa Occidentale, contro gli sloveni. Ora, l'allerta in città è alta per la questione profughi e rotta balcanica. Pare che la Prefettura sia stata stata salvata, per l'ennesima volta, soprattutto per tale questione e non è chiaro se quando questa “emergenza” finirà verrà messa nuovamente in discussione, cosa da non escludere. Se in città non si è riusciti a dare accoglienza a centinaia di persone che ancora vivono all'aperto, come si pensa di gestire una eventuale affluenza dalla “rotta balcanica”? Il 19 settembre si scenderà in piazza, partendo dalla stazione centrale dei treni anche per questi motivi. L'Osservatorio regionale antifascista del FVG evidenzierà che Gorizia rischia di diventare a livello regionale e non solo, tristemente, una città simbolo per la questione non accoglienza dei profughi e reazione, che in questa città realtà e politiche d'ispirazione fascista non devono avere spazio, come ricordato anche dall'Anpi nazionale in merito al recente caso di Milano. Ma si evidenzierà che non tutta Gorizia è così ed è stata così, ed il suo contributo nella storia della resistenza all'antifascismo docet. Si pretenderà accoglienza nei confronti dei profughi, perché questa è un dovere istituzionale oltre che sociale e civico, e che non devono esistere divisioni tra italiani e non italiani, l'umanità deve andare oltre i banali pericolosi nazionalismi che altro non fomentano che intolleranze e situazioni minacciose per la convivenza civile. Gorizia, che ha già vissuto fenomeni immigratori ben più consistenti, potrà, se lo vorrà, dare una risposta esemplare dal punto di vista umanitario e ciò non farebbe altro che bene alla nostra regione.
Marco Barone

Commenti

Post popolari in questo blog

Quattro studentesse dell'Università di Padova in Egitto per una tesi. Era proprio indispensabile?

Circola in rete la notizia che  quattro ragazze Unipd vanno  “alla conquista” dell’Egitto, per lavorare alla loro tesi di laurea e frequentano il corso di Progettazione e gestione del turismo culturale, Dipartimento di Beni Culturali dell'Università di Padova. Si legge  con grande enfasi che  "La loro tesi si è concentrata sulla riprogettazione e sul riallestimento della Sala dei Cimeli nel Sacrario militare italiano. Il Sacrario è un edificio costruito per commemorare i caduti italiani durante le battaglie di El-Alamain, che si sono svolte nel 1942 durante la Seconda Guerra Mondiale."
Ora, non so se vi sono già state altre iniziative del genere da quando è stato assassinato Giulio Regeni, quello che so è che  il rettore dell'Università di Padova, Rosario Rizzuto, ha dedicato la giornata dell'inaugurazione del 794° anno accademico a Giulio Regeni con queste parole "Voglio inoltre ricordare in questa occasione con affetto e dolore Giulio Regeni, il g…

Quella sera a Ruda... e Giulio ci ha fatto conoscere il dolore degli altri

Una miscela di emozioni, di sentimenti. E' stato definito come il pellegrinaggio per la verità e giustizia per Giulio. Sempre costantemente in movimento Paola e Claudio ed ovunque vengono accolti, abbracciati, incontrano l'affetto dell'Italia vera, quella che non ha accettato e mai potrà accettare l'ignobile compromesso che ha portato al cambio di rotta repentino segnato dalla politica di Roma, mai tanto distante quanto ora dalla via della verità e giustizia per Giulio. La politica ha intrapreso la via della normalizzazione dei rapporti, neanche due anni son trascorsi. E son bastati per ritornare amici come prima se non più di prima. D'altronde, lo scrivono in tutte le lingue, Italia ed Egitto sono in rapporto amichevole da 2000 anni. Come a dire, vuoi che 2000 anni di storia vengano compromessi da Giulio?  Non da Giulio, ma da chi ne ha cagionato la morte, da chi ha determinato depistaggi, sviamenti, distrazioni, da chi ha cercato di auto-assolversi, passando in …

Quando venne soppressa la provincia di Gorizia perchè troppo slava e l'italianizzazione dei cognomi a Ronchi

Il libro il " fascismo di Confine" di Degrassi, pubblicato in collaborazione con il Comune di Ronchi, offre dei dati storici interessanti. Principalmente incentrato sulle vicende complessive del Confine Orientale e della Venezia Giulia, si addentra anche su come il fascismo ha condizionato e stravolto la vita soprattutto a Ronchi passata dalla provincia di Gorizia a quella di Trieste, a cui vi rimarrà fino al '47, per poi ritornare a quella di Gorizia successivamente fino all'attualità che la vede nell'UTI Carso Isonzo Adriatico.

Le elezioni del 1921 segnarono l'inizio della fine della provincia di Gorizia come determinatesi dopo la fine della grande guerra. In quel collegio vi erano 117 mila abitanti di lingua italiana, 193 mila di lingua slovena, pari al 60%, circa 4 mila di lingua tedesca e circa 5 mila di altre lingue . Dunque era una provincia a forte connotazione slovena. La batosta che verrà subita a livello elettorale dal primo blocco fascista, dove no…