Passa ai contenuti principali

Ma che fine ha fatto il famigerato decreto della Regione FVG d'emergenza per la questione profughi?



E' o non è emergenza? Se è emergenza, siamo a settembre, e l'annunciato, a luglio, famigerato decreto d'emergenza della Regione FVG che prevedeva l'intervento della protezione civile, per la questione profughi, è sparito, anzi, è mai stato realmente partorito? Il testo mai pervenuto. Cosa è successo? Problemi di natura politica? Chissà. Ciò, comunque, evidenzia che lo stato di emergenza in FVG è inesistente, ma solo, ad oggi, figlio di campagne mediatiche faziose, per non dire altro. Da Gorizia che pare scoppiare, ove si attua una sorta di sgombero dei profughi dal Parco della Rimembranza, con tutte le vicende ben note, che casualmente cadeva a pochi giorni dalla cerimonia della presa di Gorizia. Poi, tutto può, in un certo senso continuare come prima, polemiche e strumentalizzazioni politiche a parte, per, far riemergere la problematica in prossimità della nuova ricorrenza che verrà...
Strutture vuote ve ne sono, si potrebbero adottare una miriade di soluzioni, da quelle temporanee, come accade nei casi dell'emergenza terremoti, a quelle con convenzioni doverose con strutture alberghiere, con privati cittadini, con le strutture pubbliche ecc. Nel mentre si corre da una polemica che inquina la vita ordinaria di Gorizia e dove non si parla di altro, mentre la città continua a vivere i suoi problemi mai risolti, alla faccia dell'operazione distrazione verrebbe da dire, ma la campagna elettorale è già iniziata e sulla pelle di chi si trova qui solo di passaggio perché fugge da situazioni maledette.  A Trieste, invece, vi è il vedo ma non vedo, che prima o poi farà vedere i canonici sorci verdi dell'intolleranza, quando anche lì si deciderà di strumentalizzare il tutto per la campagna elettorale. E nel mentre, la questione accoglienza, rischia di diventare una problematica di carattere esclusivamente di ordine pubblico, di sicurezza, cosa che non deve assolutamente accadere.
Non vi è la volontà politica di affrontare una non emergenza. E se per caso, dovesse veramente arrivare l'emergenza, quella vera, quella difficile da gestire, già immagino quali soluzioni verranno proposte. 
Intanto, il Garante regionale per i diritti della persona si appella alla comunità regionale affinché venga messo in atto un ulteriore sforzo di solidarietà nei confronti dei rifugiati e dei richiedenti asilo e vengano trovate tempestive soluzioni di accoglienza dignitosa per chi è attualmente costretto a vivere in condizioni di grave precarietà, che mettono a repentaglio la sicurezza personale e, al contempo, contribuiscono a fomentare tensioni con le comunità locali. "Il Garante esprime forte preoccupazione e condanna verso manifestazioni di intolleranza indirizzate anche attraverso i social network a rappresentanti istituzionali e del mondo del volontariato che si sono spesi in questi mesi per garantire l'accoglienza dignitosa dei rifugiati. A tal riguardo ricorda come la libertà di manifestazione del pensiero non può spingersi sino a tutelare espressioni di intolleranza e odio razziale, ma nemmeno ingiurie o diffamazioni fondate sull'avversione verso gruppi razziali o religiosi, che costituiscono reati perseguibili penalmente o comunque molestie razziali vietate dalla normativa europea e nazionale".
L'Europa è in declino totale, prima o poi salta, questo è poco ma sicuro. Era il 2000 quando si sollevavano all'Europa problematiche che interessavano il FVG ed in particolar modo Gorizia e Trieste.Il Consiglio regionale del Friuli Venezia-Giulia aveva chiesto, addirittura, l'intervento dell'esercito per contrastare e gestire il fenomeno dell'immigrazione così detta clandestina. Era il 2000. Certo, la vicenda riguardava l'immigrazione così detta clandestina, ma la percezione del problema era identico a quello odierno, ove si parla di profughi e di persone che fuggono da guerre determinate dall'umanitario Occidente, anche se qualcuno cerca di fare di tutta l'erba un fascio, spesso razzista. Come rispondeva la mitica Europa nel 2000? Invitando, e ripeto, invitando,  il Consiglio e/o gli Stati membri a fare quanto segue: affrontare alla radice l'immigrazione illegale, soprattutto contrastando coloro che si dedicano alla tratta di esseri umani e allo sfruttamento economico dei migranti; adottare norme che prevedano sanzioni severe contro tale grave reato; congiuntamente all'Europol, adoperarsi per individuare e smantellare le organizzazioni criminali coinvolte; garantire i diritti delle vittime di tali attività, con particolare attenzione ai problemi delle donne e dei minori; sviluppare l'assistenza ai paesi di origine e transito, al fine di aiutare le autorità di tali paesi a rafforzare la loro capacità di combattere efficacemente la tratta degli esseri umani e di adempiere i loro obblighi di riammissione nei confronti dell'Unione e degli Stati membri; promuovere una più stretta cooperazione e assistenza tecnica fra i servizi degli Stati membri preposti al controllo delle frontiere, per esempio mediante programmi di scambio e trasferimenti di tecnologia, in particolare alle frontiere marittime.  La Commissione, rendeva esplicitamente noto, che non aveva "nessun potere operativo o esecutivo in materia di immigrazione clandestina e non esistono ancora disposizioni comunitarie per un'equa suddivisione dei costi generati dai controlli alle frontiere esterne dell'Unione. In altri termini, allo stato attuale delle cose la Commissione non ha nessuna possibilità di assistere direttamente le regioni italiane più colpite dal fenomeno dell'immigrazione clandestina". Poi arriverà Dublino,  mentre l'Italia si armava dei noti, ahimè, CPT, prima, poi CIE. Una cosa è certa la non emergenza profughi, ha ben evidenziato l'inconsistenza della solidarietà, fratellanza all'interno dell'Unione Europa. Purtroppo la realtà è stata più crudele di ogni utopia, di ogni illusione. Il sogno europeo è diventato un vero incubo, che ognuno faccia da solo, che collabori con accordi bilaterali o plurilaterali, in armonia con i principi fondanti la nostra storia della resistenza, per andare oltre e pensare ad una nuova soggettività. Questa Europa, d'altronde, mica è stata prescritta da qualche medico, o no?

Commenti

Post popolari in questo blog

Passo dopo passo il Nord è conquistato da chi vuole "l'indipendenza della Padania"

Ciò che non è entrato dalla porta principale, entra, anno dopo anno, passo dopo passo, in modo sistematico, con estrema pazienza ed intelligenza politica, dalle finestre che connotano la casa del Nord. Un Nord che è uscito con le ossa fratturate dalla crisi del 2007, divenuto isola felice per le mafie, per la corruzione, ma che ha continuato ad essere rispetto al Sud sempre il locomotore dell'Italia, Paese che sta all'Europa come il Sud Italia sta al Nord Italia. Ed il Nord non ci sta più. Pensiamo al Friuli Venezia Giulia, dove cortocircuiti storici sono anche visibili. Ovunque piazze dedicate all'Unità d'Italia che qui non poteva essere festeggiata perchè quando questa raggiunta non era mica contemplata l'Italia, ma si era in gran parte in quello che veniva definito come l'Impero felice a cui è stata anche dedicata una piazza e si continuano a dedicare statue o celebrarne i fasti nobiliari. E poi sarà in prima linea su due fronti di guerra catastrofici, la …

Salvare le scritte storiche sui muri delle nostre città dei tempi della guerra. Rischiano l'estinzione

Il Friuli Venezia Giulia è una polveriera storica impressionante. Anche se la storia che ovviamente si racconta di più e che ha sancito le sorti di quel presente che viviamo è quella del '900. Terra martoriata da due catastrofi mondiali e che ha rischiato, per la nota causa di Trieste, di scatenare anche la terza. Ci sono diverse testimonianze storiche di quel tempo, soprattutto della seconda guerra mondiale e delle fasi successive alla liberazione dal nazifascismo che caratterizzeranno le sorti di Trieste e dell'Isontino per diversi anni. Ad esempio si possono ancora oggi leggere in alcune località, come Monfalcone, Ronchi, delle scritte che inneggiano alla Jugoslavia, alla settima Repubblica Federativa Jugoslava. In rosso.
Sopravvissute al tempo, alla storia, alla memoria. Anche se a dire il vero ne sono rimaste solo una manciata e difficilmente leggibili. Ma anche per Trieste ci saranno testimonianze del genere come nelle località sicuramente interessate da questa contor…

Quel grave gesto di farsi fotografare alla tomba di Giulio Regeni. Violato il rispetto

Ci sono tombe diventate luoghi cult come quella di Jim Morrison, Oscar Wilde, che le guide turistiche non possono non indicare perchè è così che va il mondo. Ci sono tombe che sono espressione della grandezza storica di certi e dati eventi, come quelle dei partigiani, tutti luoghi dove farsi fotografare è legittimo. E poi ci sono luoghi dove dovrebbe governare l'assoluto buon senso e senso del rispetto. Siamo oramai entrati nel pieno del terzo anno dalla scomparsa di Giulio, tre anni di atroci e durissime lotte da parte della famiglia prima di tutto, tre anni alla ricerca continua e costante di quella verità per Giulio che è stata negata, compromessa, a colpi di effetti teatrali, menzogne, depistaggi, con l'aggravante di chi ha rappresentato l'Italia di effettivamente chinarsi ed arrendersi al torto di stato del compromesso. Se nel corso di questi anni praticamente non è mai circolata la foto della tomba di Giulio, qualcuno si sarà posto un minimo perchè? Già la famiglia …