Passa ai contenuti principali

Il caso della "salvezza"della Prefettura di Gorizia, ma quando finisce il processo migratorio?



Correva il mese di maggio 2015, e sembrava che la Prefettura di Gorizia fosse "salva". Poi, no, non è più salva, è a rischio chiusura. Ma come? O non è mai stata salva, dunque è stato comunicata cosa non vera, oppure qualcosa non torna, mentre molto tornerebbe politicamente. Adesso giunge con viva enfasi mediatica un nuovo comunicato, che annuncia un testo noto a pochi, che prevede la chiusura di diverse Prefetture, e Gorizia, ancora una volta, pare essere salva. 
Pordenone invece salterebbe.  E forse salterà anche qualche testa politica.
Salvezza, quella di Gorizia, che sembra dipendere dalla sua peculiarità, quale? Forse essere zona di confine, ma non è detto che sia solo questa, pare di capire dalle notizie che circolano che tale salvezza dipenda in particolar modo dai flussi migratori e famigerate rotte balcaniche, che al momento, a dire il vero, neanche sfiorano, se non in modo irrisorio, il goriziano. Paradossalmente è proprio la questione della immigrazione, quella che ha reso la città, per alcune scelte politiche scellerate, il simbolo di determinate situazioni a dir poco disgustose per il rispetto dei diritti umani, e di ogni buon senso, la causa della salvezza della Prefettura. E cosa diranno ora i destri? Non diranno nulla. Silenzio. Ma quando il processo migratorio, che oggi conosciamo, giungerà alla sua naturale fine, perché giungerà a fine, la Prefettura di Gorizia dovrà attendere un terzo provvedimento per la sua salvezza? Certo,  Gorizia è la città delle redenzioni, di cui si è perso il conto ed anche il senso, però quando finirà questo giochino?

Marco Barone 

Commenti

Post popolari in questo blog

Passo dopo passo il Nord è conquistato da chi vuole "l'indipendenza della Padania"

Ciò che non è entrato dalla porta principale, entra, anno dopo anno, passo dopo passo, in modo sistematico, con estrema pazienza ed intelligenza politica, dalle finestre che connotano la casa del Nord. Un Nord che è uscito con le ossa fratturate dalla crisi del 2007, divenuto isola felice per le mafie, per la corruzione, ma che ha continuato ad essere rispetto al Sud sempre il locomotore dell'Italia, Paese che sta all'Europa come il Sud Italia sta al Nord Italia. Ed il Nord non ci sta più. Pensiamo al Friuli Venezia Giulia, dove cortocircuiti storici sono anche visibili. Ovunque piazze dedicate all'Unità d'Italia che qui non poteva essere festeggiata perchè quando questa raggiunta non era mica contemplata l'Italia, ma si era in gran parte in quello che veniva definito come l'Impero felice a cui è stata anche dedicata una piazza e si continuano a dedicare statue o celebrarne i fasti nobiliari. E poi sarà in prima linea su due fronti di guerra catastrofici, la …

Salvare le scritte storiche sui muri delle nostre città dei tempi della guerra. Rischiano l'estinzione

Il Friuli Venezia Giulia è una polveriera storica impressionante. Anche se la storia che ovviamente si racconta di più e che ha sancito le sorti di quel presente che viviamo è quella del '900. Terra martoriata da due catastrofi mondiali e che ha rischiato, per la nota causa di Trieste, di scatenare anche la terza. Ci sono diverse testimonianze storiche di quel tempo, soprattutto della seconda guerra mondiale e delle fasi successive alla liberazione dal nazifascismo che caratterizzeranno le sorti di Trieste e dell'Isontino per diversi anni. Ad esempio si possono ancora oggi leggere in alcune località, come Monfalcone, Ronchi, delle scritte che inneggiano alla Jugoslavia, alla settima Repubblica Federativa Jugoslava. In rosso.
Sopravvissute al tempo, alla storia, alla memoria. Anche se a dire il vero ne sono rimaste solo una manciata e difficilmente leggibili. Ma anche per Trieste ci saranno testimonianze del genere come nelle località sicuramente interessate da questa contor…

Quel grave gesto di farsi fotografare alla tomba di Giulio Regeni. Violato il rispetto

Ci sono tombe diventate luoghi cult come quella di Jim Morrison, Oscar Wilde, che le guide turistiche non possono non indicare perchè è così che va il mondo. Ci sono tombe che sono espressione della grandezza storica di certi e dati eventi, come quelle dei partigiani, tutti luoghi dove farsi fotografare è legittimo. E poi ci sono luoghi dove dovrebbe governare l'assoluto buon senso e senso del rispetto. Siamo oramai entrati nel pieno del terzo anno dalla scomparsa di Giulio, tre anni di atroci e durissime lotte da parte della famiglia prima di tutto, tre anni alla ricerca continua e costante di quella verità per Giulio che è stata negata, compromessa, a colpi di effetti teatrali, menzogne, depistaggi, con l'aggravante di chi ha rappresentato l'Italia di effettivamente chinarsi ed arrendersi al torto di stato del compromesso. Se nel corso di questi anni praticamente non è mai circolata la foto della tomba di Giulio, qualcuno si sarà posto un minimo perchè? Già la famiglia …