Passa ai contenuti principali

Dalla foto del bambino di Kobane, al bambino che canta "Siam pronti alla morte l'Italia chiamò"



Ha sconvolto il mondo la foto del bambino di Kobane. Diventato simbolo di una società sempre più chiusa in se stessa, una società che deve andare alla ricerca dell'emozione sconvolgente per assolvere se stessa da quelle responsabilità determinate dalla cattiva politica sistemica del presente Occidente. Minuti di silenzio, raccolte fondi, striscioni di solidarietà, un ponte nato sulla pelle di un bambino di Kobane, labile quanto questo tempo, perché non durerà. Domenica sera. Stadio di Palermo. Italia contro Bulgaria. Giocatori accompagnati dai bambini. L'inno d'Italia. E poi quella inquadratura, il bambino che canterà “ Siam pronti alla morte l'Italia chiamò”. Ecco, in tutto questo vi è il senso e lo specchio della nostra società. Un mondo che si commuove per il bambino di Kobane, pur forse nulla conoscendo della realtà di Kobane di cosa lì accade. E centinaia di centinaia sono i bambini uccisi dall'indifferenza, dalla guerra, dalla fame, dalla povertà. dalla fuga in cerca di miglior sorte e vita,ma ora questo mondo ha trovato un simbolo, anzi, il simbolo per cambiare pagina, ora si rincorre la solidarietà, i privati cittadini si sostituiscono allo Stato latitante. Se prima le notizie erano i muri, i manganelli, le intolleranze, adesso sono i cortei di auto, gli applausi. Ed il tutto nel giro di un niente che ha risucchiato la vita di migliaia di persone. Un giro di niente che ha deciso di mostrare il lato dell'Europa che reagisce, solidale, quel lato che magari anche prima era presente, ma non doveva fare notizia. 

E poi la vita ordinaria continua come se nulla fosse. Ed infatti, un bambino nello stadio di calcio, uno di quelli che accompagnerà i giocatori, canterà, "Siam pronti alla morte l'Italia chiamò". Come è noto l'inno di questo Paese mai è diventato ufficiale, il Consiglio dei ministri del 12 ottobre 1946, presieduto da Alcide De Gasperi, acconsentì all'uso dell'inno di Mameli come inno nazionale della Repubblica Italiana così disponendo “(…) Su proposta del Ministro della Guerra si è stabilito che il giuramento delle Forze Armate alla Repubblica e al suo Capo si effettui il 4 novembre p.v. e che, provvisoriamente, si adotti come inno nazionale l’inno di Mameli". Un banale verbale che ha comportato l'effetto di avere ancora oggi quell'inno che per la prima volta venne intonato a Genova durante una festa popolare. Certo, non sfugge che nel 2012 è stata anche approvata la proposta di legge che vorrebbe l'insegnamento dell'inno di Mameli, musicato da Michele Novaro nelle scuole. Ma come si può insegnare nelle scuole l'inno che vuole l'Italia schiava di Roma come iddio la creò, inno che esalta la morte, che celebra la morte, che invoca la morte per l'Italia, per la patria? Quanto ciò è ancora accettabile? Cosa ha realmente insegnato la foto del bambino di Kobane?La sua,ahimè, morte? 
Marco Barone 

Commenti

Post popolari in questo blog

La nuova strage di migranti nel Mediterraneo era prevedibile e forse anche voluta nel nazismo del terzo millennio

Lo si sapeva. Lo si sapeva che in tarda primavera sarebbero ripresi gli sbarchi dalla Libia. Con i soliti schemi, metodi. Tutto era prevedibile, conoscibile. E qui la chiusura criminale della rotta balcanica non c'entra nulla. Viviamo in una società dove il più grande crimine di guerra mai compiuto e mai punito, quale il lancio delle bombe atomiche sul Giappone, viene quasi giustificato. Senza quelle bombe non sarebbe finita la seconda guerra mondiale, si dice. E per questo non si deve chiedere scusa. Sono certo che se quelle bombe le avesse lanciate la Russia, oggi si racconterebbe una storia diversa. Ma il mondo funziona così. L'Europa, costituita da Paesi ricchi, si chiude per non essere contaminata dalle razze inferiori. Sì, parlo di razze, si parlo di inferiori. Perché? Perché il fantomatico sentimento razzista di paura, trova in realtà il proprio fondamento in quel concetto di superiorità della razza pura del terzo millennio, che non deve essere intaccata dai poveracci …

Un maledetto 17 agosto a Barcellona

Ci sono cose nella vita che non dimenticherai mai e quanto accaduto in un caldo ed apparentemente tranquillo agosto a Barcellona è una di quelle cose che non metabolizzerai per lungo tempo. Hai la fortuna di poterlo in parte raccontare, anche se non sai bene cosa raccontare. Sei a pochi metri dalla interminabile e costante folla della Rambla. Vedi decine e decine di persone a passo spedito venire contro la tua direzione. In un primo momento pensi che vai sempre controcorrente. Poi arriva la polizia, di corsa, chiude la via nella quale ti trovi, una laterale della Rambla. Una delle tante. Non riesci al momento a collegare. Anche se sai che nel mondo la situazione è tesa. Ma sei a Barcellona, pensi. Un luogo sicuro.
Poi l’inevitabile ti si presenta come un cazzotto devastante nello stomaco. Attentato. Terrorismo. Panico totale. Cerchi le persone a te più care, fino a quando non le trovi e non le rintracci non sei "tranquillo".
Cerchi di capire come comportarti. Cosa fare. Cosa…

Per essere un Paese migliore si deve chiedere scusa,ed alcune date di Gorizia da non dimenticare

Quanto è difficile chiedere scusa, eppure chiedere scusa è il primo passo necessario non tanto per ricominciare, ma per avviare un percorso diverso, più onesto, più eticamente e moralmente corretto. Il Papa, ad esempio, qualche passo tenue nei confronti degli omosessuali lo sta facendo, Obama si è recato ad Hiroshima, gesto importante, ma non ha osato chiedere scusa per quel crimine immenso compiuto contro inermi civili. Tante barbarie nel corso della storia sono state compiute in nome e per conto dell'Italia. Dalla “piemontesizzazione del Sud”, ai massacri della prima guerra mondiale, al regime fascista, alle violenze e crimini compiuti nelle terre occupate, in Africa, Albania, Grecia, in Jugoslavia. Mai scusa si è chiesto per ciò. Eppure basterebbe poco, chiedere scusa per restituire dignità all'Italia, il cui nome è stato usurpato dalle peggiori nefandezze. Il problema è che quando pretendi ciò ti etichettano spesso come anti-italiano. A parer mio il peggior modo di essere…