Passa ai contenuti principali

Dalla foto del bambino di Kobane, al bambino che canta "Siam pronti alla morte l'Italia chiamò"



Ha sconvolto il mondo la foto del bambino di Kobane. Diventato simbolo di una società sempre più chiusa in se stessa, una società che deve andare alla ricerca dell'emozione sconvolgente per assolvere se stessa da quelle responsabilità determinate dalla cattiva politica sistemica del presente Occidente. Minuti di silenzio, raccolte fondi, striscioni di solidarietà, un ponte nato sulla pelle di un bambino di Kobane, labile quanto questo tempo, perché non durerà. Domenica sera. Stadio di Palermo. Italia contro Bulgaria. Giocatori accompagnati dai bambini. L'inno d'Italia. E poi quella inquadratura, il bambino che canterà “ Siam pronti alla morte l'Italia chiamò”. Ecco, in tutto questo vi è il senso e lo specchio della nostra società. Un mondo che si commuove per il bambino di Kobane, pur forse nulla conoscendo della realtà di Kobane di cosa lì accade. E centinaia di centinaia sono i bambini uccisi dall'indifferenza, dalla guerra, dalla fame, dalla povertà. dalla fuga in cerca di miglior sorte e vita,ma ora questo mondo ha trovato un simbolo, anzi, il simbolo per cambiare pagina, ora si rincorre la solidarietà, i privati cittadini si sostituiscono allo Stato latitante. Se prima le notizie erano i muri, i manganelli, le intolleranze, adesso sono i cortei di auto, gli applausi. Ed il tutto nel giro di un niente che ha risucchiato la vita di migliaia di persone. Un giro di niente che ha deciso di mostrare il lato dell'Europa che reagisce, solidale, quel lato che magari anche prima era presente, ma non doveva fare notizia. 

E poi la vita ordinaria continua come se nulla fosse. Ed infatti, un bambino nello stadio di calcio, uno di quelli che accompagnerà i giocatori, canterà, "Siam pronti alla morte l'Italia chiamò". Come è noto l'inno di questo Paese mai è diventato ufficiale, il Consiglio dei ministri del 12 ottobre 1946, presieduto da Alcide De Gasperi, acconsentì all'uso dell'inno di Mameli come inno nazionale della Repubblica Italiana così disponendo “(…) Su proposta del Ministro della Guerra si è stabilito che il giuramento delle Forze Armate alla Repubblica e al suo Capo si effettui il 4 novembre p.v. e che, provvisoriamente, si adotti come inno nazionale l’inno di Mameli". Un banale verbale che ha comportato l'effetto di avere ancora oggi quell'inno che per la prima volta venne intonato a Genova durante una festa popolare. Certo, non sfugge che nel 2012 è stata anche approvata la proposta di legge che vorrebbe l'insegnamento dell'inno di Mameli, musicato da Michele Novaro nelle scuole. Ma come si può insegnare nelle scuole l'inno che vuole l'Italia schiava di Roma come iddio la creò, inno che esalta la morte, che celebra la morte, che invoca la morte per l'Italia, per la patria? Quanto ciò è ancora accettabile? Cosa ha realmente insegnato la foto del bambino di Kobane?La sua,ahimè, morte? 
Marco Barone 

Commenti

Post popolari in questo blog

Incredibile ma vero, il Consiglio Comunale di Trieste approva mozione contro il Sindaco di Napoli

All'inverosimile non vi è mai fine, ed a Trieste meno che mai. Trieste e Napoli due città distanti, che già hanno "guerreggiato" sulla primazia del caffè, quando qualcuno a Trieste collocò un cartello, ancora non rimosso, sulla strada che conduce verso Opicina, con scritto città del caffè, in aggiunta a città della Barcolana. Ma gli scazzi tra Trieste e Napoli non sono mancati neanche ultimamente su diverse questioni politiche e battute miserabili. E la sfida, se così la possiamo chiamare tale situazione politica a dir poco assurda, continua. In relazione ai noti fatti di Napoli, in merito alla visita di Salvini, e manifestazioni di protesta che ne sono conseguite, non avendo nulla di meglio da fare, cosa ha deciso di approvare il Consiglio comunale di Trieste? Una mozione proposta dal partito della lega nord, nella quale si critica duramente l'operato del Sindaco di Napoli, sia "per il diniego dato a Salvini per la sala richiesta" che per i toni utilizzat…

La nuova strage di migranti nel Mediterraneo era prevedibile e forse anche voluta nel nazismo del terzo millennio

Lo si sapeva. Lo si sapeva che in tarda primavera sarebbero ripresi gli sbarchi dalla Libia. Con i soliti schemi, metodi. Tutto era prevedibile, conoscibile. E qui la chiusura criminale della rotta balcanica non c'entra nulla. Viviamo in una società dove il più grande crimine di guerra mai compiuto e mai punito, quale il lancio delle bombe atomiche sul Giappone, viene quasi giustificato. Senza quelle bombe non sarebbe finita la seconda guerra mondiale, si dice. E per questo non si deve chiedere scusa. Sono certo che se quelle bombe le avesse lanciate la Russia, oggi si racconterebbe una storia diversa. Ma il mondo funziona così. L'Europa, costituita da Paesi ricchi, si chiude per non essere contaminata dalle razze inferiori. Sì, parlo di razze, si parlo di inferiori. Perché? Perché il fantomatico sentimento razzista di paura, trova in realtà il proprio fondamento in quel concetto di superiorità della razza pura del terzo millennio, che non deve essere intaccata dai poveracci …

La Carta di Roma? Un documento privo di autocritica e si persiste sugli errori dell’Europa. Così non va

Una dichiarazione simbolica, sottoscritta da 27 leader, così si legge in premessa, dei vari stati membri delle istituzioni dell’UE. E si dice subito che sono orgogliosi dei risultati raggiunti dall’Unione Europea. Le fondamenta dell’attuale Unione Europea sono quelle del mercato, dell’economia, sulla circolazione delle merci, solo successivamente si sono affermati importanti diritti umani, o situazioni finalizzate a garantire la libera circolazione delle persone, a partire dalla demolizione delle frontiere. Ma scrivere in premessa di essere orgogliosi dei risultati raggiunti, significa auto-celebrarsi, senza capire che le politiche governative degli ultimi decenni hanno portato l’Europa nella situazione disastrosa nella quale noi tutti ci troviamo, Grecia docet ed Italia pure. Europa nata dalle macerie della seconda guerra mondiale, che ha conosciuto conflitti importanti, come quello devastante della Jugoslavia, d’altronde non poteva esistere una Jugoslavia socialista forte alle port…