Passa ai contenuti principali

Attenzione ad usare l'accoglienza come strumento per avere manovalanza a basso costo




Avevo già espresso diverse perplessità ed anche valutazioni critiche in merito all'opportunità del così detto volontariato che dovrebbe interessare i richiedenti asilo, i profughi, i rifugiati. Insomma attività lavorativa a costo zero. Certo. E viene giustificata come un segno “di gratitudine per l'Italia che li ospita” o come segno d'integrazione. Come dire prima di demolisco la casa dove vivi, poi ti ospito a casa mia ma ad una condizione che tu faccia lavori di manutenzione o similari gratis od a costo minimo. Ciò perché non deve mai sfuggire il senso della causa e la causa della situazione come oggi esistente sono le politiche che un tempo venivano chiamate imperialiste da parte dell'Occidente ed il suo voler imporre modelli “democratici” con destabilizzazioni e bombe “umanitarie”. L'altra sera in una trasmissione televisiva, sul canale Telequattro di Trieste, il Senatore del Pd Russo ha in sostanza affermato un concetto chiaro: in Italia le nascite sono in calo, vi è necessità di avere manodopera e la nuova immigrazione, con la quale oggi ci si confronta, è una risorsa in tal senso. Ricordando che la grandezza di Trieste di un tempo era dovuta proprio al contributo di immigrati come provenienti da diverse zone di quello che è stato l'Impero Austro Ungarico.  Ben è noto che in Italia vi è un problema di disoccupazione enorme, così come è noto che il lavoro è un miraggio. La così detta crisi che altro effetto non ha avuto che rafforzare un capitalismo sempre più estremo, compromettere diritti storici in materia di lavoro e welfare, favorendo l'arricchimento dei soliti noti uccidendo il ceto così detto medio. Vi è ora una nuova fase.  Quella di avere necessità di manovalanza a costo ridotto, con diritti ridotti. L'accoglienza umanitaria è obbligo civico, morale ed etico, sociale e politico ed istituzionale. Ma questa non deve divenire strumento per determinare politiche di neo-schiavismo. Anche perchè se tale discorso riguarderà i profughi inciderà su tutti i lavoratori. Questo è bene capirlo e comprenderlo. E' chiaro a tutti che non si è in presenza di un fenomeno immigratorio epocale, anche se a livello mediatico così viene presentato ed il nuovo “spirito di Monaco” ha un possibile senso, avere manovalanza a costo basso per il sistema produttivo e funzionale al capitalismo estremo che non guarda in faccia a nessuno. Quanto accaduto, per esempio a Monfalcone, con il così detto metodo bangla, dovrebbe indurre alla riflessione. Attingere manodopera da determinati Paesi, in condizioni ove sussistono situazioni di debolezza e precarietà esistenziale assoluta, ha favorito un processo di spaccatura, di frammentazione delle lotte minando i diritti di tutti i lavoratori.  Non è colpa, ovviamente, dei lavoratori bengalesi, ma di un sistema marcio nel quale navighiamo, galleggiamo per non affogare, solo l'unità la riscoperta della necessità di lottare per la difesa dei propri diritti contro ogni abuso, contro ogni prepotenza ed arroganza, potrà fermare quello che pare essere l'inarrestabile avanzata di un capitalismo sempre più estremo che specula sulle sofferenze altrui.

Marco Barone

Commenti

Post popolari in questo blog

Con i confini della giusta sconfitta di Caporetto l'Italia oggi si fermerebbe a Treviso

Dal dannunzianesimo in poi, passando per retoriche risorgimentali estremizzate, irredentismi radicali, simulati patriottismi, l'Italia decise di aggredire l'Impero Austro Ungarico, occupando terre non italiane, anche se forse si poteva pur parlare l'italiano, anche se prevalentemente si parlavano dialetti locali oltre ovviamente allo sloveno, il tedesco, il friulano. Dove vi potevano essere radici latine, risalenti anche all'Impero Romano, ma non è che ovunque l'Impero Romano mise piede era da considerarsi Italia, perchè allora dovrebbero rivendicare anche l'Azerbaigian, senza dimenticare che l'Italia si formerà come Stato unitario poi solo nel 1861. Audacia, tenacia, scippati dalla terra contadini, ragazzi, famiglie senza più i loro figli, mandati a morire nel nome del niente. Arroganza, gestione criminale del conflitto, per conquistare fazzoletti di terra che ancora oggi si sentono poco italiani, perchè l'Italia è giovane, l'Italia unita si è fat…

La nuova strage di migranti nel Mediterraneo era prevedibile e forse anche voluta nel nazismo del terzo millennio

Lo si sapeva. Lo si sapeva che in tarda primavera sarebbero ripresi gli sbarchi dalla Libia. Con i soliti schemi, metodi. Tutto era prevedibile, conoscibile. E qui la chiusura criminale della rotta balcanica non c'entra nulla. Viviamo in una società dove il più grande crimine di guerra mai compiuto e mai punito, quale il lancio delle bombe atomiche sul Giappone, viene quasi giustificato. Senza quelle bombe non sarebbe finita la seconda guerra mondiale, si dice. E per questo non si deve chiedere scusa. Sono certo che se quelle bombe le avesse lanciate la Russia, oggi si racconterebbe una storia diversa. Ma il mondo funziona così. L'Europa, costituita da Paesi ricchi, si chiude per non essere contaminata dalle razze inferiori. Sì, parlo di razze, si parlo di inferiori. Perché? Perché il fantomatico sentimento razzista di paura, trova in realtà il proprio fondamento in quel concetto di superiorità della razza pura del terzo millennio, che non deve essere intaccata dai poveracci …

A Trieste chiude la libreria indipendente IN DER TAT, Davide questa volta ha perso contro Golia

"IN DER TAT“, prendendo in prestito un concetto che il filosofo Hegel riferiva alla cultura, significa in atto, in evoluzione. E’ per questo motivo che l’abbiamo scelto come nome per la nostra libreria, proprio perché pensiamo alla cultura come qualcosa in continuo mutamento(...)". Questo è quello che leggi nel sito di questa libreria, situata nella zona Cavana di Trieste, non più un bordello ottocentesco, ma un rione oramai destinato ad essere fashion, riqualificato, perfetto, una vetrina nella vetrina di Trieste, che ha snaturato la sua storia, che forse viene ricordata dalla statua di Svevo, niente di più. Una libreria che ha segnato per anni ed anni la storia di questo rione, un punto di riferimento culturale, sociale per triestini e non, appuntamenti di gran rilievo, dibattiti e confronti su più materie, i libri prendevano forma, vita attraverso anche gli incontri, le relazioni. Una libreria relazionale. Con il vecchio libraio o vecchia libraia, non per questione ana…