Passa ai contenuti principali

Una Trieste diversamente umorale




E giunto a Trieste, con il solito trenino che ha l'aria condizionata a mille, quando va bene, o semplicemente non funzionante, quando va male, ma il va bene od il va male è una valutazione del tutto soggettiva e personale, ecco spuntare il nuovo treno con scritto " Città di Trieste". Nella fase umorale da criticone, penserai: " cioè Trieste non è ancora una città metropolitana, ma già ha un treno tipico delle città metropolitane?". Nella fase umorale dove tutto va bene, anche se il mondo va a pezzi, ma non è il tuo mestiere quello di comporre o ricomporre il puzzle, pensi: "che meraviglia, ora sì che Trieste sembra enorme, voglio tutti i treni che da Ronchi Nord, perché la Sud è non funzionante, nell'attesa che facciano la stazione Est o la Ovest, abbiano quella scritta, Città di Trieste, siamo tutti una sola grande metropoli".

E poi nell'afa di questo agosto, ecco una via libera da auto, ma non dai motorini. Nella fase umorale da criticone penserai: " a Trieste scambiano le strade per piste, ora ho capito perché questa è la città delle assicurazioni", nella fase dove tutto va bene, se non di più: " guarda che colori, guarda che cielo, ed anche questa puzza di smog, ha un qualcosa di magico, di meravigliosamente metropolitano".


Lì ove l'URSUS continua a riposare, ecco una scena tipica di Trieste, due pescatori. Fase umorale da rompi...:" ma nessuno vieta a costoro di pescare lì? Sarà mica legale?" Nella fase del meravigliosamente tutto va bene: " che poesia, lì l'Ursus, e poi uno dei mestieri più antichi del mondo, il pescatore, e pensare che Trieste una volta viveva anche di pesca, tradizione che resiste in questa frenetica modernità".

Alle spalle dei due pescatori, appare una vespa.
Nella fase umorale del mega rompi: " ma dico, proprio qui doveva parcheggiare, ma i vigili dove sono? Sotto l'Impero Austro Ungarico queste cose non accadevano, ma da quando è arrivata l'Italia...". 


Nella fase del superlativamente meravigliosamente bene: " E mentre Eva attende l'Ursus, questa vespa, i cui colori si armonizzano con il tramonto che arriverà su Trieste, sembra di vivere un meraviglioso film, ma senza telecamere, senza attori, senza comparse".


E poi nei pressi del molo Audace, ex San Carlo. Fase, beh oramai avete capito: " Ma come può questa barca stare qui? Barche di mega lusso dovrebbero stare qui, non è questo il destino di Trieste, la Montecarlo d'Italia? Ed allora?".
Nell'altra fase, invece..." Il tempo qui si è fermato, non so quando, e neanche in che anno, epoca, secolo. Ma che importa? Vivi questa cartolina, è per te. Sì, vivila per te, in un tempo ove vi sono quelli che rottamano l'ideologia e perdono la testa per la tecnologia e pensano di curare un mal di testa solo con l'aspirina quando è il cervello che batte la testa non per fare un ace ma per ricordarti che tipo di persona sei. Vi sono alcuni che cantano che questa è la generazione boh altri che è quella del si salvi che può, chiedi tempi migliori e senza valori non conoscendo i tempi peggiori e la generazione senza età vive e convive senza sapere perché alla fine devo chiedermi il perché? Ci sono quelli che si amano per poi odiarsi, quelli che si odiano senza essersi mai amati, quelli che insultano e picchiano i migranti, quelli che hanno dimenticato il loro passato di valigia e sogni infranti, quelli che camminano guardando cellulari, quelli che nei cellulari guardano senza poter camminare, quelli che per non pensare si chiudono nella radio, quelli che pensano come evitare le onde radio, quelli che litigano per squadre di calcio milionarie e poi a casa non hanno neanche da mangiare. Già. Ed in tutto ciò, Chiara Trieste va oltre e tu, seguila".

Infine, ecco l'entrata sul palco più grande d'Italia, che affaccia sul mare, Piazza Grande o dell'Unità. Qui pensieri meravigliosi o super critici si perdono, si confondono, perché le cose da dire, con la storia di quella Piazza, sono così tante, dall'Impero, al fascismo, al nazismo ecc, che il silenzio è quello che conta. E lo conti. Nell'attesa che quelle nuvole che si apprestano, come sempre, a conquistare la Piazza di Trieste, spazzino via ogni sentimento, e diano spazio allo stupore per poi conoscere e capire cosa è stata e cosa è oggi questa difficile ed umorale Trieste.


Marco Barone

Commenti

Post popolari in questo blog

La nuova strage di migranti nel Mediterraneo era prevedibile e forse anche voluta nel nazismo del terzo millennio

Lo si sapeva. Lo si sapeva che in tarda primavera sarebbero ripresi gli sbarchi dalla Libia. Con i soliti schemi, metodi. Tutto era prevedibile, conoscibile. E qui la chiusura criminale della rotta balcanica non c'entra nulla. Viviamo in una società dove il più grande crimine di guerra mai compiuto e mai punito, quale il lancio delle bombe atomiche sul Giappone, viene quasi giustificato. Senza quelle bombe non sarebbe finita la seconda guerra mondiale, si dice. E per questo non si deve chiedere scusa. Sono certo che se quelle bombe le avesse lanciate la Russia, oggi si racconterebbe una storia diversa. Ma il mondo funziona così. L'Europa, costituita da Paesi ricchi, si chiude per non essere contaminata dalle razze inferiori. Sì, parlo di razze, si parlo di inferiori. Perché? Perché il fantomatico sentimento razzista di paura, trova in realtà il proprio fondamento in quel concetto di superiorità della razza pura del terzo millennio, che non deve essere intaccata dai poveracci …

Il Confine una fiction da no comment e quella mescolanza tra Udine e Trieste e Gorizia

Fiction significa finzione, nella cinematografia e in televisione, come evidenzia la Treccani, è il genere di film a soggetto, che si contrappone per es. a quello dei documentarî e, negli sceneggiati televisivi, quello che si basa su intrecci romanzati.

Eppure la fiction il Confine che avrebbe avuto una media di poco superiore a 3 milioni di spettatori ambientata soprattutto in FVG sembrava, per i colori, per la regia, per i dialoghi, le musiche e l'ambientazione complessiva una fiction pseudo documentaria alla Piero o Alberto Angela che altro.

Ma non era questo l'intento. Una storia profondamente banale, dal finale scontato e altrettanto banale, che non è riuscita a trasmettere la complessità della guerra, l'atrocità della stessa,  la sensazione che si è avuta è che l'approccio sia stato più da soap opera spagnola, ma che per una parte del pubblico pare essere stata apprezzata. Forse è meglio un no comment. D'altronde la qualità della nostra televisione non par…

Cent'anni d'Italia in FVG non fanno rima con bellezza

E sono cento. Ancora un niente rispetto all'esperienza asburgica e via scivolando in quel passato che ha connotato questa fetta d'Europa. Cent'anni d'Italia son bastati per stravolgere la fisionomia di questo territorio, stravolgere le identità culturali, linguistiche. Con l'avvento dell'Italia qui si ricorda più ciò che è stato distrutto, compromesso che ciò che è stato costruito, edificato, in segno propositivo. Andando a guardare le questione delle opere, la bellezza dei luoghi che vogliono Trieste come la piccola Vienna d'Italia, Gorizia come la Nizza d'Austria e Udine in armonia con l'eleganza di un tempo che non esiste più, in quella nostalgia diventata poesia ma anche pericolosa illusione è dovuta esclusivamente a quel passato che con l'avvento del Regno d'Italia è stato effettivamente annientato. Se pensi all'Italia a quali opere pensi? Al faro della Vittoria? Alla scalinata di cemento che ha conquistato il Carso di Redipuglia, …