Passa ai contenuti principali

Una Trieste diversamente umorale




E giunto a Trieste, con il solito trenino che ha l'aria condizionata a mille, quando va bene, o semplicemente non funzionante, quando va male, ma il va bene od il va male è una valutazione del tutto soggettiva e personale, ecco spuntare il nuovo treno con scritto " Città di Trieste". Nella fase umorale da criticone, penserai: " cioè Trieste non è ancora una città metropolitana, ma già ha un treno tipico delle città metropolitane?". Nella fase umorale dove tutto va bene, anche se il mondo va a pezzi, ma non è il tuo mestiere quello di comporre o ricomporre il puzzle, pensi: "che meraviglia, ora sì che Trieste sembra enorme, voglio tutti i treni che da Ronchi Nord, perché la Sud è non funzionante, nell'attesa che facciano la stazione Est o la Ovest, abbiano quella scritta, Città di Trieste, siamo tutti una sola grande metropoli".

E poi nell'afa di questo agosto, ecco una via libera da auto, ma non dai motorini. Nella fase umorale da criticone penserai: " a Trieste scambiano le strade per piste, ora ho capito perché questa è la città delle assicurazioni", nella fase dove tutto va bene, se non di più: " guarda che colori, guarda che cielo, ed anche questa puzza di smog, ha un qualcosa di magico, di meravigliosamente metropolitano".


Lì ove l'URSUS continua a riposare, ecco una scena tipica di Trieste, due pescatori. Fase umorale da rompi...:" ma nessuno vieta a costoro di pescare lì? Sarà mica legale?" Nella fase del meravigliosamente tutto va bene: " che poesia, lì l'Ursus, e poi uno dei mestieri più antichi del mondo, il pescatore, e pensare che Trieste una volta viveva anche di pesca, tradizione che resiste in questa frenetica modernità".

Alle spalle dei due pescatori, appare una vespa.
Nella fase umorale del mega rompi: " ma dico, proprio qui doveva parcheggiare, ma i vigili dove sono? Sotto l'Impero Austro Ungarico queste cose non accadevano, ma da quando è arrivata l'Italia...". 


Nella fase del superlativamente meravigliosamente bene: " E mentre Eva attende l'Ursus, questa vespa, i cui colori si armonizzano con il tramonto che arriverà su Trieste, sembra di vivere un meraviglioso film, ma senza telecamere, senza attori, senza comparse".


E poi nei pressi del molo Audace, ex San Carlo. Fase, beh oramai avete capito: " Ma come può questa barca stare qui? Barche di mega lusso dovrebbero stare qui, non è questo il destino di Trieste, la Montecarlo d'Italia? Ed allora?".
Nell'altra fase, invece..." Il tempo qui si è fermato, non so quando, e neanche in che anno, epoca, secolo. Ma che importa? Vivi questa cartolina, è per te. Sì, vivila per te, in un tempo ove vi sono quelli che rottamano l'ideologia e perdono la testa per la tecnologia e pensano di curare un mal di testa solo con l'aspirina quando è il cervello che batte la testa non per fare un ace ma per ricordarti che tipo di persona sei. Vi sono alcuni che cantano che questa è la generazione boh altri che è quella del si salvi che può, chiedi tempi migliori e senza valori non conoscendo i tempi peggiori e la generazione senza età vive e convive senza sapere perché alla fine devo chiedermi il perché? Ci sono quelli che si amano per poi odiarsi, quelli che si odiano senza essersi mai amati, quelli che insultano e picchiano i migranti, quelli che hanno dimenticato il loro passato di valigia e sogni infranti, quelli che camminano guardando cellulari, quelli che nei cellulari guardano senza poter camminare, quelli che per non pensare si chiudono nella radio, quelli che pensano come evitare le onde radio, quelli che litigano per squadre di calcio milionarie e poi a casa non hanno neanche da mangiare. Già. Ed in tutto ciò, Chiara Trieste va oltre e tu, seguila".

Infine, ecco l'entrata sul palco più grande d'Italia, che affaccia sul mare, Piazza Grande o dell'Unità. Qui pensieri meravigliosi o super critici si perdono, si confondono, perché le cose da dire, con la storia di quella Piazza, sono così tante, dall'Impero, al fascismo, al nazismo ecc, che il silenzio è quello che conta. E lo conti. Nell'attesa che quelle nuvole che si apprestano, come sempre, a conquistare la Piazza di Trieste, spazzino via ogni sentimento, e diano spazio allo stupore per poi conoscere e capire cosa è stata e cosa è oggi questa difficile ed umorale Trieste.


Marco Barone

Commenti

Post popolari in questo blog

Giorno del ricordo a Gorizia e agibilità democratica: Revocata sala gestita dalla provincia a resistenza storica

Era stato promosso dal gruppo di Resistenza Storica e sinistra goriziana antifascista, un convegno per il 10 febbraio dal seguente titolo, da svolgersi in Gorizia, presso il palazzo provinciale Attems:11 ANNI DI "GIORNO DEL RICORDO" Tra mistificazioni storiche e rivalutazione del fascismo. Questi gli interventi previsti: Alessandra KERSEVAN: Il ruolo della X Mas al confine orientale; Claudia CERNIGOI: Il "fenomeno" delle foibe e gli scomparsi da Gorizia nel maggio 1945; Sandi VOLK: 10 anni di onorificenze della legge del Ricordo; Piero PURINI: Gli esodi prima e dopo il secondo conflitto mondiale; Marco BARONE: "Volemo tornar". L'irredentismo del terzo millennio; nota di inquadramento storico e coordinamento del dibattito a cura di Marco PUPPINI. Contestualmente a ciò, nella stessa giornata, nella stessa città, ma in luogo diverso, è previsto il convegno organizzato dalla Lega Nazionale di Gorizia, con l'alto patrocinio della Prefettura, Provincia…

Se Babbo Natale ha ridimensionato San Nicolò

Ma è più sentito San Nicolò o Babbo Natale?

Questo è quanto mi domandavo notando tutta la serie di prodotti realizzati, i mercatini diffusi, le fiere e quant'altro si afferma in prossimità della notte tra il 5 e 6 dicembre. Così come mi domando, ma quanti conoscono la sua storia? Quanti sanno che tipo di santo protettore sarebbe?  Scommetto che le mani alzate sarebbero una manciata.  Ed a dirla tutta non interessa, interessa quel giorno solo scambiarsi qualche regalino, girovagare per le fiere, bere e mangiare.
San Nicolò, dicono, è un santo molto venerato in tutto il mondo, addirittura avrebbe carattere universale. Sarà. Ma in Italia ci sono su più di 8 mila Comuni solo una ventina di località, e qualche Comune, ad avere questo nome e sono poche le località dove viene festeggiato, soprattutto in alcune zone del Nord Est ed in Puglia.  Vi è chi dice che Babbo Natale altro non sia che praticamente il San Nicolò in chiave pienamente consumistica, che avrebbe tratto origine da qu…

Gorizia,16 dicembre, manifestazione regionale a sostegno dei migranti "RESTIAMO UMANI-HUMANITY WELCOME"

Il titolo della manifestazione è restiamo umani, humanity welcome. Il 16 dicembre se a Roma ci sarà la manifestazione nazionale dei migranti, a Gorizia si svolgerà una manifestazione regionale che ha lo scopo di denunciare il fallimento dell'accoglienza diffusa in regione, lo stato di degrado umano che si è raggiunto nei confronti dei richiedenti asilo "fuori convenzione", senza dimenticare quanto accade nel CARA di Gradisca, che è oltre ogni limite di capienza, destinato a diventare nuovamente centro di espulsione, senza dimenticare quanto accade lungo le rive dell'Isonzo da Gorizia a Gradisca, a Pordenone, senza dimenticare l'omissione di soccorso sistematica ed impunita. Gorizia non è mai stata realmente una porta verso l'Est, si è sempre chiusa, non è mai stata una porta verso l'Oriente, e la caduta visiva dell'ultimo muro d'Europa, dopo quello di Berlino, è stato solo un gesto illusorio, perchè le divisioni sono sempre state la normalità in q…