Passa ai contenuti principali

Trattato di amicizia Italia Russia, e la cultura, quanto è stato realmente compiuto?


Firmato a Mosca nel 1994, stipulato per un periodo di 20 anni ed automaticamente destinato ad essere rinnovato per un successivo periodo quinquennale se nessuna delle Parti in causa, Italia e Russia, invierà all’altra Parte una notifica scritta, della propria intenzione di porvi termine, il Trattato di amicizia tra questi due importanti Paesi, è da molti sconosciuto se non totalmente dimenticato. La Russia, come è noto, è il più vasto stato del pianeta con la superficie di più di 17 milioni di km 2 e il nono paese più grande per popolazione (circa 146,1 milioni di persone) ,un Paese che ha enormi potenzialità, il Paese della Rivoluzione, il cui centenario è vicino. L'articolo 21 del citato trattato prevedeva e prevede, essendo teoricamente ancora in vigore, espressamente che tra la Repubblica Italiana e la Federazione Russa, basandosi sul reciproco arricchimento plurisecolare della cultura dei popoli dei due Paesi e sul loro inestimabile contributo alla civiltà europea, debbano porre in essere ogni sforzo per sviluppare ulteriormente la collaborazione culturale sul piano bilaterale. Una particolare attenzione la si dedica alla conoscenza da parte dei rispettivi popolo della ricchezza dell’eredità musicale, architettonica ed artistica; degli apporti della cultura, dell’arte e della letteratura moderne nonché della cinematografia; della vita culturale quotidiana di province, delle città e delle varie comunità etniche di ciascuno dei due Paesi. Ciascuna delle Parti, in conformità all’Accordo di collaborazione culturale del 19 dicembre 1991, si legge sempre nel testo del citato Trattato,  deve fornire il massimo sostegno allo sviluppo delle attività dei centri culturali, e adotterà misure per facilitare l’accesso allo studio della lingua e della cultura dell’altra Parte attraverso il sostegno delle iniziative pubbliche e private, anche per mezzo di scambi di borsisti e studenti. Le Parti incoraggeranno la collaborazione diretta tra istituzioni universitarie, culturali ed artistiche dei due Paesi, nonché tra le Associazioni operanti in tali settori. Spazio si dedica anche alla questione dell'insegnamento della lingua, dell’altra Parte nelle scuole e nelle istituzioni universitarie. A tal fine metteranno a disposizione dell’altra Parte i mezzi per favorire la formazione e l’aggiornamento dei docenti, nonché i sussidi didattici, compreso l’uso della televisione e della radio, di mezzi audiovisivi e della tecnica informatica. Esse appoggeranno iniziative per l’istituzione di scuole bilingui.
Ovviamente questo Trattato, conteneva e contiene altre disposizioni, molto rilevanti dal punto di vista politico, commerciale ed economico, ma, a parte le buone intenzioni, quanto di tutto ciò è stato realizzato? A parte qualche evento, pur importante, che ha interessato le città metropolitane italiane, sono stati realmente conseguiti gli scopi come indicati in questo Trattato? Molto di più si doveva fare e molto si deve fare, perché attraverso la cultura si possano superare situazioni, pregiudizi, conflittualità ed anche oscenità dal punto di vista sociale e politico che minano il quieto vivere e la civiltà occidentale, sempre più succube a logiche di mercato, di omologazione, che altro effetto non hanno se non quello di demolire ogni patrimonio pluri-secolare culturale, a favore di quel semplicismo, di quella ignoranza, di quella società del solo saper fare e non saper pensare e criticare, destinata a favorire nuovi odi, guerre ed ostilità ed immensi stati di mera ignoranza. E quanto nato dalla lotta nella e per la resistenza contro il fascismo ed il nazismo, a livello culturale, a livello di rielaborazione critica, storica, contro ogni processo di revisionismo storico, dovrebbe essere il canale privilegiato da perseguire nella reciprocità dell'amicizia culturale. A parer mio l'Est deve essere il vero faro dell'Italia e se non dell'Italia intera, certamente del Friuli Venezia Giulia, terra di confine che deve necessariamente cambiare rotta, per evitare di continuare ad essere una estrema periferia d'Italia, conosciuto fino allo scorso secolo come Bel Paese, oggi come bella addormentata.

Marco Barone

Commenti

Post popolari in questo blog

Se la tutela del decoro diventa questione di sicurezza urbana e rischia di criminalizzare il disagio sociale. Breve analisi del testo normativo

E' in fase di conversione in legge il decreto-legge 20 febbraio 2017, n. 14,  recante disposizioni urgenti in materia di sicurezza delle città. Un testo che ha introdotto il famigerato " DASPO Urbano" un testo che tende a ricondurre il concetto di decoro, che non è tipizzato e di cui non esiste una mera definizione giuridica e sostanziale omogenea e consolidata, sotto la voce di sicurezza urbana nel momento in cui si afferma che  " ai fini del presente decreto, si intende per sicurezza urbana il bene pubblico che afferisce alla vivibilità e al decoro delle città". Dunque il decoro della città diviene una questione legalitaria di sicurezza urbana, ergo di ordine pubblico. Ma contro chi si scaglierà questo dettato normativo? Mi soffermerò ora su alcuni elementi di questo decreto in fase di conversione. L'articolo 9 afferma che "Fatto salvo quanto previsto dalla vigente normativa a tutela delle aree interne delle infrastrutture, fisse e mobili, ferroviar…

Quali sono i comportamenti vietati a Trieste?

Quali sono i comportamenti vietati a Trieste?  Scopriamolo con il nuovo regolamento  urbano" che entrerà in vigore in città a partire dal 2 aprile 2017.  
Testo scritto rigorosamente ed esclusivamente in italiano, perchè il bilinguismo a Trieste è un non diritto. Disposizioni che dovranno conoscere anche coloro che si troveranno a Trieste di passaggio, per evitare che magari possano incorrere in qualche spiacevole sanzione. Buona lettura, magari con un sano bicchierino di amaro digestivo alle erbe.
***A salvaguardia e tutela degli spazi ed aree pubbliche ricadenti nel territorio del Comune è vietato: nelle fontane introdursi ed introdurre sostanze liquide imbrattanti, abbeverare ed introdurre animali, utilizzare o prelevare l’acqua, bagnarsi, estrarre o comunque raccogliere le monete o altri oggetti di valore gettati dai proprietari, in omaggio a tradizioni e consuetudini locali, in quanto tali oggetti devono intendersi acquisiti dal Comune con effetto immediato per essere dest…

Se a Venezia si può fare l'elemosina e dormire sulle panchine, a Trieste nel nome del decoro no se pol

Trieste e Venezia, concorrenti forse da sempre, due amanti che si corteggiano, ma si respingono a vicenda, quando nella società odierna l'unica soluzione possibile sarebbe collaborazione. Venezia non necessita di presentazione alcuna, è una cartolina meravigliosa, invasa da milioni di turisti. A Venezia ci sono regole rigide da rispettare per preservare l'intero ambiente e continue battaglie per salvare la laguna contro ogni tipo di inquinamento. Ma una cosa che colpisce è che per i tanti vicoli del centro è facilissimo incontrare diversi mendicanti, e per il centro, su qualche panchina, vedere qualche vagabondo, riposare, dormire e vivere i suoi sogni in santa pace.  


Nulla di strano, perchè vagabondi e mendicanti son sempre esistiti, son sempre sopravvissuti e sempre esisteranno e sempre sopravviveranno. Ed i turisti non sembrano proprio per niente essere infastiditi. Anzi, forse neanche ci fanno caso. Perchè la bellezza di Venezia cala un sipario che rende queste persone a…