Passa ai contenuti principali

Se l'Invalsi cambia sede perché Villa Falconieri era fuori norma



Oltre 300 mila euro, a carico del bilancio dell'Invalsi,ergo Stato italiano, e l'Istituto si trasferisce dalla storica Villa Falconieri in Frascati, a Roma Via Ippolito Nievo 35. Perché?  Le motivazioni sono riportate in una determinazione n. 26 del 9 febbraio 2015. 
Qui si legge che“la nota prot. n. 2013/9298/DR‐ST‐PARC del 16 maggio 2013 con la quale l'Agenzia del Demanio,in seguito a sopralluogo effettuato presso Villa Falconieri sede dell'INVALSI ha sottolineato la inidoneità dell' immobile, soprattutto in termini di sicurezza, dovuta alla fatiscenza dello stesso ed ha avanzato una proposta di razionalizzazione indicando, quale nuova sede dell'Istituto, gli spazi presenti nell'immobile sito in Roma in via Ippolito Nievo n. 35, di disponibilità del MIUR” dunque, stante “l'estrema urgenza di procedere all'affidamento dei lavori di ristrutturazione dei locali posti al piano sesto e settimo dell'edificio sito in via Ippolito Nievo, 35 Roma, dovuta alla necessità di scongiurare situazioni di pericolo per persone e cose, emerse dai citati sopralluoghi realizzati presso l'attuale sede dell'INVALSI dall'Agenzia del Demanio e dal Corpo Nazionale dei Vigili del fuoco, nonché alla circostanza che, al momento, l’INVALSI è già assegnatario della nuova sede e, conseguentemente, risulta opportuno ridurre al minimo il tempo per effettuare i necessari lavori di ristrutturazione anche in considerazione del beneficio per la finanza pubblica derivante da una sollecita restituzione al Demanio dell’immobile attualmente in uso” si delibera lo stanziamento della somma come indicata in premessa per provvedere al trasferimento, come avvenuto in questi primi giorni di agosto 2015. Diversi pensieri sorgono. Il primo, quello forse più cattivo, è che neanche la facciata sono in grado di curare, come Stato italiano. Ci hanno presentato l'Invalsi come modello efficiente, valido, che deve essere apprezzato, lodato, e lo Stato il suo caro e prezioso modello da lodare dove lo ospitava? In un luogo che rischiava di crollare da un momento all'altro? Un luogo fuori norma, per quanto concerne la sicurezza, dove addirittura, stante la lettura della nota indicata in premessa, sembrava imminente il rischio del pericolo per persone e cose, ergo lavoratori, molti dei quali sono soprattutto precari?

nota: pubblicato per Tecnica della Scuola 

Commenti

Post popolari in questo blog

Ma se in Friuli Venezia Giulia si votasse per diventare Stato indipendente,cosa vincerebbe?

Se c'è una regione dove l'Italia ed il sentirsi italiano ha veramente preso poco, questa è certamente il Friuli Venezia Giulia. Non è l'unica in Italia, basta pensare alla Sardegna, al Trentino-Alto Adige, alla Sicilia, al Veneto, ma se si facesse qualche analisi più approfondita forse la maggior parte delle regioni italiane si sentono poco italiane. Il Friuli Venezia Giulia ha conseguito il suo stato di autonomia grazie al plurilinguismo, dal friulano, allo sloveno, al tedesco, e poi vi sono diversi dialetti, dal bisiaco, al triestino ecc. Una terra che nel corso della sua storia ha conosciuto diversi domini, diverse appartenenze, alcune profonde come quella con la Repubblica Veneta, o l'Impero Austroungarico, altre di passaggio e da un secolo oramai vi è l'Italia. Che si è presentata nei peggiori dei modi fin dall'origine, perchè il nome dell'Italia è coinciso con la fascistizzazione di questa area, con tutte le brutalità che ne sono conseguite, e sarà s…

Attraversando Pordenone (foto)

E' necessario produrre una filmografia sulla resistenza e realizzare musei sulla sua storia

I tempi son mutati ed è di fondamentale importanza, per non rischiare di essere sommersi dall'ignoranza, dal revisionismo storico, dall'indifferenza,  trasmettere i valori della resistenza anche attraverso strumenti e mezzi che ad oggi per ragioni a dire il vero incomprensibili sono stati poco utilizzati. Libertà, uguaglianza, fratellanza, pace, riscatto morale ed etico del nostro Paese, internazionalismo, diritti dei lavoratori, diritti delle donne, diritti civili, ovvero antinazifascismo. Concetti che quotidianamente vengono sistematicamente e metodicamente messi in discussione. E' vitale, per la memoria umana storica attivarsi in ogni ovunque per promuovere una filmografia sulla nostra resistenza, necessità che viene espressa non solo da storici, ma anche da scrittori, registi, e cittadini, nonché promuovere spazi museali affinché si possano raggiungere con maggiore facilità e coinvolgimento, anche emotivo e fisico, le nuove generazioni. Esistono musei di ogni tipo in …