Passa ai contenuti principali

Se l'Invalsi cambia sede perché Villa Falconieri era fuori norma



Oltre 300 mila euro, a carico del bilancio dell'Invalsi,ergo Stato italiano, e l'Istituto si trasferisce dalla storica Villa Falconieri in Frascati, a Roma Via Ippolito Nievo 35. Perché?  Le motivazioni sono riportate in una determinazione n. 26 del 9 febbraio 2015. 
Qui si legge che“la nota prot. n. 2013/9298/DR‐ST‐PARC del 16 maggio 2013 con la quale l'Agenzia del Demanio,in seguito a sopralluogo effettuato presso Villa Falconieri sede dell'INVALSI ha sottolineato la inidoneità dell' immobile, soprattutto in termini di sicurezza, dovuta alla fatiscenza dello stesso ed ha avanzato una proposta di razionalizzazione indicando, quale nuova sede dell'Istituto, gli spazi presenti nell'immobile sito in Roma in via Ippolito Nievo n. 35, di disponibilità del MIUR” dunque, stante “l'estrema urgenza di procedere all'affidamento dei lavori di ristrutturazione dei locali posti al piano sesto e settimo dell'edificio sito in via Ippolito Nievo, 35 Roma, dovuta alla necessità di scongiurare situazioni di pericolo per persone e cose, emerse dai citati sopralluoghi realizzati presso l'attuale sede dell'INVALSI dall'Agenzia del Demanio e dal Corpo Nazionale dei Vigili del fuoco, nonché alla circostanza che, al momento, l’INVALSI è già assegnatario della nuova sede e, conseguentemente, risulta opportuno ridurre al minimo il tempo per effettuare i necessari lavori di ristrutturazione anche in considerazione del beneficio per la finanza pubblica derivante da una sollecita restituzione al Demanio dell’immobile attualmente in uso” si delibera lo stanziamento della somma come indicata in premessa per provvedere al trasferimento, come avvenuto in questi primi giorni di agosto 2015. Diversi pensieri sorgono. Il primo, quello forse più cattivo, è che neanche la facciata sono in grado di curare, come Stato italiano. Ci hanno presentato l'Invalsi come modello efficiente, valido, che deve essere apprezzato, lodato, e lo Stato il suo caro e prezioso modello da lodare dove lo ospitava? In un luogo che rischiava di crollare da un momento all'altro? Un luogo fuori norma, per quanto concerne la sicurezza, dove addirittura, stante la lettura della nota indicata in premessa, sembrava imminente il rischio del pericolo per persone e cose, ergo lavoratori, molti dei quali sono soprattutto precari?

nota: pubblicato per Tecnica della Scuola 

Commenti

Post popolari in questo blog

Passo dopo passo il Nord è conquistato da chi vuole "l'indipendenza della Padania"

Ciò che non è entrato dalla porta principale, entra, anno dopo anno, passo dopo passo, in modo sistematico, con estrema pazienza ed intelligenza politica, dalle finestre che connotano la casa del Nord. Un Nord che è uscito con le ossa fratturate dalla crisi del 2007, divenuto isola felice per le mafie, per la corruzione, ma che ha continuato ad essere rispetto al Sud sempre il locomotore dell'Italia, Paese che sta all'Europa come il Sud Italia sta al Nord Italia. Ed il Nord non ci sta più. Pensiamo al Friuli Venezia Giulia, dove cortocircuiti storici sono anche visibili. Ovunque piazze dedicate all'Unità d'Italia che qui non poteva essere festeggiata perchè quando questa raggiunta non era mica contemplata l'Italia, ma si era in gran parte in quello che veniva definito come l'Impero felice a cui è stata anche dedicata una piazza e si continuano a dedicare statue o celebrarne i fasti nobiliari. E poi sarà in prima linea su due fronti di guerra catastrofici, la …

Quel grave gesto di farsi fotografare alla tomba di Giulio Regeni. Violato il rispetto

Ci sono tombe diventate luoghi cult come quella di Jim Morrison, Oscar Wilde, che le guide turistiche non possono non indicare perchè è così che va il mondo. Ci sono tombe che sono espressione della grandezza storica di certi e dati eventi, come quelle dei partigiani, tutti luoghi dove farsi fotografare è legittimo. E poi ci sono luoghi dove dovrebbe governare l'assoluto buon senso e senso del rispetto. Siamo oramai entrati nel pieno del terzo anno dalla scomparsa di Giulio, tre anni di atroci e durissime lotte da parte della famiglia prima di tutto, tre anni alla ricerca continua e costante di quella verità per Giulio che è stata negata, compromessa, a colpi di effetti teatrali, menzogne, depistaggi, con l'aggravante di chi ha rappresentato l'Italia di effettivamente chinarsi ed arrendersi al torto di stato del compromesso. Se nel corso di questi anni praticamente non è mai circolata la foto della tomba di Giulio, qualcuno si sarà posto un minimo perchè? Già la famiglia …

Se toccare il seno della statua di Giulietta è di buon auspicio, perchè?

Città che vai, tradizione o superstizione che troverai. In pieno centro a Monaco vi è la statua di Giulietta, donata dalla città di Verona. Una foto con Giulietta è immancabile a Monaco così come toccare il suo seno destro è un gesto molto diffuso. Ed è stato toccato tante di quelle volte che  praticamente è stato consumato dalla "passione" dei passanti tanto che ha assunto una tonalità più chiara rispetto al resto della statua. Ma da dove nasce questa superstizione? Perchè toccare il seno destro di Giulietta sarebbe di buon auspicio? Ognuno avrà una sua risposta, e Giulietta non può fare altro che subire questo rito. Un rito che accomuna diverse città, perchè la statua di Giulietta la si può trovare in diverse località oltre ovviamente che a Verona. A Monaco ve ne sono due, una prima copia donata dalla Cassa di Risparmio di Verona nel 1974, si trova ai piedi della torre dell’antico municipio a Marienplatz. La seconda si trova nel parco di Shakespeare Platz. Monaco e Vero…