Passa ai contenuti principali

Gorizia vista dalla Russia

Il principale sito di promozione turistica dell'Italia in Russia,curato dell'ambasciata d'Italia a Mosca, dedica grande spazio al nostro Friuli Venezia Giulia. Tra le dieci ragioni per visitare il FVG al 9° posto vi è anche Gorizia. Come viene presentata Gorizia? “A Gorizia, chiamata "Nizza dell'Adriatico" dalla borghesia asburgica, si respira l'atmosfera sospesa tipica di una città di confine: nella piazza Transalpina, fino al 2004 fisicamente divisa da un muro, si passeggia con un piede in Italia e uno in Slovenia. Il castello medievale con il suo incantevole borgo è un vero gioiello: da qui la vista spazia sui colli e sull'intera città, dove convivono in modo armonioso architetture medievali, barocche e ottocentesche. Potrete ammirare i parchi incantevoli, come il Parco Piuma sul fiume Isonzo, il Parco del Palazzo Coronini Cronberg (con alberi di tutto il mondo) o il Parco Viatori (Giardino delle Azalee), dei particolari e curiosi musei e molti palazzi storici. Assaggiate i piatti tipici: dolci speciali, come le favette, il presnitz, la putizza, le delizie come gli gnocchi di susine, il prosciutto dolce di Cormòns, affumicato al fuoco di legno di ciliegio e alloro o il radicchio rosso "Rosa di Gorizia". E assolutamente da non perdere la più grande manifestazione enogastronomica del Nordest che si svolge ogni anno a settembre, “Gusti di frontiera”: un’esplosione di sapori, profumi, colori che anima il centro storico di Gorizia e unisce a tavola decine di nazioni, che portano i loro migliori prodotti e tradizioni enogastronomiche”. 

Gorizia è una città certamente da visitare, conoscere e soprattutto merita un grande approfondimento la sua storia, ivi inclusa la resistenza. Uno dei punti che attira maggiormente la curiosità e l'attenzione è certamente la piazza Transalpina, che oggi, purtroppo, è al minimo regime rispetto alle sue enormi potenzialità turistiche. E' diventata un grande parcheggio, eppure meriterebbe di divenire altro, essere la principale fonte di attrazione turistica della città, perché, quanti sono i posti, nel mondo, ove puoi con un piede stare in una città, con un piede in una seconda città, che appartengono a due Stati diversi? Vedere la tua ombra in Italia ed il tuo corpo in Slovenia o viceversa? Sul sito del Comune di Gorizia si legge che “ Nei locali della stazione ferroviaria di Nova Gorica è possibile visitare la mostra permanente "Il confine di stato nel Goriziano 1945-2004" - "Državna meja na Goriškem 1945-2004", che presenta la vita sul territorio goriziano tra gli anni 1945 e 2004. Attualmente la Transalpina è una linea secondaria a binario unico non elettrificata che congiunge la Valle dell’Isonzo e le Alpi Giulie a Sežana e Jesenice, da cui si prosegue verso l’Austria. Da alcuni anni è stato predisposto un programma di uscite con treni storici a vapore per portare i turisti da Gorizia al lago di Bled”.

Ma merita di essere conosciuto anche il territorio circostante Gorizia, come la Bisiacaria e le sue private, senza dimenticare che Gorizia si trova tra il Collio e l'Isonzo e tra le altre cose da oltre un secolo nel suo territorio si produce con una varietà di artemisia (l’artemisia absinthium) un digestivo, quale il Pelinkovec. Gorizia potrebbe, non dico vivere solo di turismo, ma fare del turismo la sua principale risorsa, stante la sua storia, la sua bellezza, la sua collocazione, le sue prelibatezze
Incrementare i rapporti con la Russia e soprattutto con l'Est Europa è fondamentale, e visto che a Ronchi esiste l'unico aeroporto del FVG, è veramente una ingiustificabile miopia non voler investire in tal senso ed attirare un turismo dall'Est e dalla Russia.

Commenti

Post popolari in questo blog

Se la tutela del decoro diventa questione di sicurezza urbana e rischia di criminalizzare il disagio sociale. Breve analisi del testo normativo

E' in fase di conversione in legge il decreto-legge 20 febbraio 2017, n. 14,  recante disposizioni urgenti in materia di sicurezza delle città. Un testo che ha introdotto il famigerato " DASPO Urbano" un testo che tende a ricondurre il concetto di decoro, che non è tipizzato e di cui non esiste una mera definizione giuridica e sostanziale omogenea e consolidata, sotto la voce di sicurezza urbana nel momento in cui si afferma che  " ai fini del presente decreto, si intende per sicurezza urbana il bene pubblico che afferisce alla vivibilità e al decoro delle città". Dunque il decoro della città diviene una questione legalitaria di sicurezza urbana, ergo di ordine pubblico. Ma contro chi si scaglierà questo dettato normativo? Mi soffermerò ora su alcuni elementi di questo decreto in fase di conversione. L'articolo 9 afferma che "Fatto salvo quanto previsto dalla vigente normativa a tutela delle aree interne delle infrastrutture, fisse e mobili, ferroviar…

Quali sono i comportamenti vietati a Trieste?

Quali sono i comportamenti vietati a Trieste?  Scopriamolo con il nuovo regolamento  urbano" che entrerà in vigore in città a partire dal 2 aprile 2017.  
Testo scritto rigorosamente ed esclusivamente in italiano, perchè il bilinguismo a Trieste è un non diritto. Disposizioni che dovranno conoscere anche coloro che si troveranno a Trieste di passaggio, per evitare che magari possano incorrere in qualche spiacevole sanzione. Buona lettura, magari con un sano bicchierino di amaro digestivo alle erbe.
***A salvaguardia e tutela degli spazi ed aree pubbliche ricadenti nel territorio del Comune è vietato: nelle fontane introdursi ed introdurre sostanze liquide imbrattanti, abbeverare ed introdurre animali, utilizzare o prelevare l’acqua, bagnarsi, estrarre o comunque raccogliere le monete o altri oggetti di valore gettati dai proprietari, in omaggio a tradizioni e consuetudini locali, in quanto tali oggetti devono intendersi acquisiti dal Comune con effetto immediato per essere dest…

Se a Venezia si può fare l'elemosina e dormire sulle panchine, a Trieste nel nome del decoro no se pol

Trieste e Venezia, concorrenti forse da sempre, due amanti che si corteggiano, ma si respingono a vicenda, quando nella società odierna l'unica soluzione possibile sarebbe collaborazione. Venezia non necessita di presentazione alcuna, è una cartolina meravigliosa, invasa da milioni di turisti. A Venezia ci sono regole rigide da rispettare per preservare l'intero ambiente e continue battaglie per salvare la laguna contro ogni tipo di inquinamento. Ma una cosa che colpisce è che per i tanti vicoli del centro è facilissimo incontrare diversi mendicanti, e per il centro, su qualche panchina, vedere qualche vagabondo, riposare, dormire e vivere i suoi sogni in santa pace.  


Nulla di strano, perchè vagabondi e mendicanti son sempre esistiti, son sempre sopravvissuti e sempre esisteranno e sempre sopravviveranno. Ed i turisti non sembrano proprio per niente essere infastiditi. Anzi, forse neanche ci fanno caso. Perchè la bellezza di Venezia cala un sipario che rende queste persone a…