Passa ai contenuti principali

Gorizia vista dalla Russia

Il principale sito di promozione turistica dell'Italia in Russia,curato dell'ambasciata d'Italia a Mosca, dedica grande spazio al nostro Friuli Venezia Giulia. Tra le dieci ragioni per visitare il FVG al 9° posto vi è anche Gorizia. Come viene presentata Gorizia? “A Gorizia, chiamata "Nizza dell'Adriatico" dalla borghesia asburgica, si respira l'atmosfera sospesa tipica di una città di confine: nella piazza Transalpina, fino al 2004 fisicamente divisa da un muro, si passeggia con un piede in Italia e uno in Slovenia. Il castello medievale con il suo incantevole borgo è un vero gioiello: da qui la vista spazia sui colli e sull'intera città, dove convivono in modo armonioso architetture medievali, barocche e ottocentesche. Potrete ammirare i parchi incantevoli, come il Parco Piuma sul fiume Isonzo, il Parco del Palazzo Coronini Cronberg (con alberi di tutto il mondo) o il Parco Viatori (Giardino delle Azalee), dei particolari e curiosi musei e molti palazzi storici. Assaggiate i piatti tipici: dolci speciali, come le favette, il presnitz, la putizza, le delizie come gli gnocchi di susine, il prosciutto dolce di Cormòns, affumicato al fuoco di legno di ciliegio e alloro o il radicchio rosso "Rosa di Gorizia". E assolutamente da non perdere la più grande manifestazione enogastronomica del Nordest che si svolge ogni anno a settembre, “Gusti di frontiera”: un’esplosione di sapori, profumi, colori che anima il centro storico di Gorizia e unisce a tavola decine di nazioni, che portano i loro migliori prodotti e tradizioni enogastronomiche”. 

Gorizia è una città certamente da visitare, conoscere e soprattutto merita un grande approfondimento la sua storia, ivi inclusa la resistenza. Uno dei punti che attira maggiormente la curiosità e l'attenzione è certamente la piazza Transalpina, che oggi, purtroppo, è al minimo regime rispetto alle sue enormi potenzialità turistiche. E' diventata un grande parcheggio, eppure meriterebbe di divenire altro, essere la principale fonte di attrazione turistica della città, perché, quanti sono i posti, nel mondo, ove puoi con un piede stare in una città, con un piede in una seconda città, che appartengono a due Stati diversi? Vedere la tua ombra in Italia ed il tuo corpo in Slovenia o viceversa? Sul sito del Comune di Gorizia si legge che “ Nei locali della stazione ferroviaria di Nova Gorica è possibile visitare la mostra permanente "Il confine di stato nel Goriziano 1945-2004" - "Državna meja na Goriškem 1945-2004", che presenta la vita sul territorio goriziano tra gli anni 1945 e 2004. Attualmente la Transalpina è una linea secondaria a binario unico non elettrificata che congiunge la Valle dell’Isonzo e le Alpi Giulie a Sežana e Jesenice, da cui si prosegue verso l’Austria. Da alcuni anni è stato predisposto un programma di uscite con treni storici a vapore per portare i turisti da Gorizia al lago di Bled”.

Ma merita di essere conosciuto anche il territorio circostante Gorizia, come la Bisiacaria e le sue private, senza dimenticare che Gorizia si trova tra il Collio e l'Isonzo e tra le altre cose da oltre un secolo nel suo territorio si produce con una varietà di artemisia (l’artemisia absinthium) un digestivo, quale il Pelinkovec. Gorizia potrebbe, non dico vivere solo di turismo, ma fare del turismo la sua principale risorsa, stante la sua storia, la sua bellezza, la sua collocazione, le sue prelibatezze
Incrementare i rapporti con la Russia e soprattutto con l'Est Europa è fondamentale, e visto che a Ronchi esiste l'unico aeroporto del FVG, è veramente una ingiustificabile miopia non voler investire in tal senso ed attirare un turismo dall'Est e dalla Russia.

Commenti

Post popolari in questo blog

Giorno del ricordo a Gorizia e agibilità democratica: Revocata sala gestita dalla provincia a resistenza storica

Era stato promosso dal gruppo di Resistenza Storica e sinistra goriziana antifascista, un convegno per il 10 febbraio dal seguente titolo, da svolgersi in Gorizia, presso il palazzo provinciale Attems:11 ANNI DI "GIORNO DEL RICORDO" Tra mistificazioni storiche e rivalutazione del fascismo. Questi gli interventi previsti: Alessandra KERSEVAN: Il ruolo della X Mas al confine orientale; Claudia CERNIGOI: Il "fenomeno" delle foibe e gli scomparsi da Gorizia nel maggio 1945; Sandi VOLK: 10 anni di onorificenze della legge del Ricordo; Piero PURINI: Gli esodi prima e dopo il secondo conflitto mondiale; Marco BARONE: "Volemo tornar". L'irredentismo del terzo millennio; nota di inquadramento storico e coordinamento del dibattito a cura di Marco PUPPINI. Contestualmente a ciò, nella stessa giornata, nella stessa città, ma in luogo diverso, è previsto il convegno organizzato dalla Lega Nazionale di Gorizia, con l'alto patrocinio della Prefettura, Provincia…

Le conclusioni della Commissione d'inchiesta sul caso Moro

Nelle considerazioni conclusive della Commissione d'inchiesta sul Caso Moro emergono spunti di riflessione importante ed anche inquietanti che dovrebbero far tremare i pilastri della nostra Repubblica. Un lavoro durato alcuni anni, con diverse audizioni, accessi a documenti, verifiche, ispezioni, un lavoro enorme e giunto a termine.    La legge istitutiva della Commissione (Legge 30 maggio 2014, n. 82) ha assegnato come mandato all'inchiesta parlamentare quello di «accertare eventuali nuovi elementi che possono integrare le conoscenze acquisite dalle precedenti Commissioni parlamentari di inchiesta sulla strage di Via Fani, sul sequestro e sull'assassinio di Aldo Moro; eventuali responsabilità sui fatti di cui alla lettera a) riconducibili ad apparati, strutture e organizzazioni comunque denominati ovvero a persone a essi appartenenti o appartenute». E' stato sottolineato che è "dalla rilettura sistematica dei cinque processi e dell'attività delle precedenti…

Il pranzo sociale dell’ANPI di Ronchi ( foto) sotto il segno dell’antifascismo e dei ricordi

Riuscito e partecipato il pranzo sociale organizzato dall’ANPI di Ronchi presso l'accogliente agriturismo Mazzuchin di Vermegliano a pochi passi dalla suggestiva chiesetta di Santo Stefano e durato per buona parte del pomeriggio del 16 dicembre. Quasi un centinaio i partecipanti, dove sotto il segno della musica, partigiana e popolare, balli e ricordi, senza dimenticare l'immancabile lotteria curata con una passione unica dalla solita ed immancabile ed unica Angela, si è consumato un momento conviviale oramai tradizionale. Non sono mancati i momenti di confronto e di riflessione, con i messaggi e gli spunti offerti sia dal Presidente provinciale dell’ANPI di Gorizia, Pironi che dalla Presidente dell’ANPI di Ronchi, Cuzzi.

Il segretario Martinuzzi ha ricordato tutta l’attività svolta dall’ANPI di Ronchi, dai pellegrinaggi laici organizzati nei luoghi della resistenza in Slovenia, ai gemellaggi storici, agli incontri con le scuole, agli appuntamenti del 25 aprile e 2 giugno, a…