Passa ai contenuti principali

Gorizia vista dalla Russia

Il principale sito di promozione turistica dell'Italia in Russia,curato dell'ambasciata d'Italia a Mosca, dedica grande spazio al nostro Friuli Venezia Giulia. Tra le dieci ragioni per visitare il FVG al 9° posto vi è anche Gorizia. Come viene presentata Gorizia? “A Gorizia, chiamata "Nizza dell'Adriatico" dalla borghesia asburgica, si respira l'atmosfera sospesa tipica di una città di confine: nella piazza Transalpina, fino al 2004 fisicamente divisa da un muro, si passeggia con un piede in Italia e uno in Slovenia. Il castello medievale con il suo incantevole borgo è un vero gioiello: da qui la vista spazia sui colli e sull'intera città, dove convivono in modo armonioso architetture medievali, barocche e ottocentesche. Potrete ammirare i parchi incantevoli, come il Parco Piuma sul fiume Isonzo, il Parco del Palazzo Coronini Cronberg (con alberi di tutto il mondo) o il Parco Viatori (Giardino delle Azalee), dei particolari e curiosi musei e molti palazzi storici. Assaggiate i piatti tipici: dolci speciali, come le favette, il presnitz, la putizza, le delizie come gli gnocchi di susine, il prosciutto dolce di Cormòns, affumicato al fuoco di legno di ciliegio e alloro o il radicchio rosso "Rosa di Gorizia". E assolutamente da non perdere la più grande manifestazione enogastronomica del Nordest che si svolge ogni anno a settembre, “Gusti di frontiera”: un’esplosione di sapori, profumi, colori che anima il centro storico di Gorizia e unisce a tavola decine di nazioni, che portano i loro migliori prodotti e tradizioni enogastronomiche”. 

Gorizia è una città certamente da visitare, conoscere e soprattutto merita un grande approfondimento la sua storia, ivi inclusa la resistenza. Uno dei punti che attira maggiormente la curiosità e l'attenzione è certamente la piazza Transalpina, che oggi, purtroppo, è al minimo regime rispetto alle sue enormi potenzialità turistiche. E' diventata un grande parcheggio, eppure meriterebbe di divenire altro, essere la principale fonte di attrazione turistica della città, perché, quanti sono i posti, nel mondo, ove puoi con un piede stare in una città, con un piede in una seconda città, che appartengono a due Stati diversi? Vedere la tua ombra in Italia ed il tuo corpo in Slovenia o viceversa? Sul sito del Comune di Gorizia si legge che “ Nei locali della stazione ferroviaria di Nova Gorica è possibile visitare la mostra permanente "Il confine di stato nel Goriziano 1945-2004" - "Državna meja na Goriškem 1945-2004", che presenta la vita sul territorio goriziano tra gli anni 1945 e 2004. Attualmente la Transalpina è una linea secondaria a binario unico non elettrificata che congiunge la Valle dell’Isonzo e le Alpi Giulie a Sežana e Jesenice, da cui si prosegue verso l’Austria. Da alcuni anni è stato predisposto un programma di uscite con treni storici a vapore per portare i turisti da Gorizia al lago di Bled”.

Ma merita di essere conosciuto anche il territorio circostante Gorizia, come la Bisiacaria e le sue private, senza dimenticare che Gorizia si trova tra il Collio e l'Isonzo e tra le altre cose da oltre un secolo nel suo territorio si produce con una varietà di artemisia (l’artemisia absinthium) un digestivo, quale il Pelinkovec. Gorizia potrebbe, non dico vivere solo di turismo, ma fare del turismo la sua principale risorsa, stante la sua storia, la sua bellezza, la sua collocazione, le sue prelibatezze
Incrementare i rapporti con la Russia e soprattutto con l'Est Europa è fondamentale, e visto che a Ronchi esiste l'unico aeroporto del FVG, è veramente una ingiustificabile miopia non voler investire in tal senso ed attirare un turismo dall'Est e dalla Russia.

Commenti

Post popolari in questo blog

La nuova strage di migranti nel Mediterraneo era prevedibile e forse anche voluta nel nazismo del terzo millennio

Lo si sapeva. Lo si sapeva che in tarda primavera sarebbero ripresi gli sbarchi dalla Libia. Con i soliti schemi, metodi. Tutto era prevedibile, conoscibile. E qui la chiusura criminale della rotta balcanica non c'entra nulla. Viviamo in una società dove il più grande crimine di guerra mai compiuto e mai punito, quale il lancio delle bombe atomiche sul Giappone, viene quasi giustificato. Senza quelle bombe non sarebbe finita la seconda guerra mondiale, si dice. E per questo non si deve chiedere scusa. Sono certo che se quelle bombe le avesse lanciate la Russia, oggi si racconterebbe una storia diversa. Ma il mondo funziona così. L'Europa, costituita da Paesi ricchi, si chiude per non essere contaminata dalle razze inferiori. Sì, parlo di razze, si parlo di inferiori. Perché? Perché il fantomatico sentimento razzista di paura, trova in realtà il proprio fondamento in quel concetto di superiorità della razza pura del terzo millennio, che non deve essere intaccata dai poveracci …

Togliatti: "tutte le campagne circa le persecuzioni degli italiani in Jugoslavia sono calunnie e menzogne"

Togliatti nella prima pagina dell'Unità del 7 novembre 1946, racconta il suo viaggio a Belgrado e l'incontro con il Maresciallo Tito. "Il Maresciallo Tito mi ha dichiarato di essere disposto a consentire che Trieste appartenga all'Italia, cioè sia sotto la Sovranità della Repubblica italiana qualora l'Italia consenta di lasciare Gorizia alla Jugoslavia, città che anche secondo i dati del nostro ministero degli esteri è in prevalenza slava. La sola condizione che il Maresciallo Tito pone è che Trieste riceva in seno alla Repubblica italiana uno statuto autonomo effettivamente democratico che permetta ai triestini di governare la loro città ed il loro territorio secondo principi democratici". Alla domanda, cosa pensava di questa proposta, Togliatti, rispose: io penso che è ora di smetterla di servirsi della questione triestina per seminare discordia tra due popoli i quali sono entrambi popoli di lavoratori che debbono collaborare nel modo più stretto allo scop…

Il concerto di Trieste per la sofferenza degli innocenti ed il discorso assurdo di Arguello al Family Day

Domenica 25 giugno, alle ore 20.30, piazza Unità d’Italia, ospiterà il concerto “La sofferenza degli innocenti”, organizzato da Diocesi, Comunità Ebraica e il Comune di Trieste. Si legge che "composta da Kiko Argüello, iniziatore del Cammino Neocatecumenale, l'opera sinfonico-catechetica presenta la sofferenza di una madre ebrea, Maria di Nazareth, che vede uccidere suo figlio, una sofferenza inaudita che le attraversa l'anima, una spada, un dolore assimilato a quello di ogni madre davanti alla morte dei propri figli, vittime innocenti in tanti campi di concentramento come Auschwitz, Majdanek, Mauthausen, Treblinka, Trieste." Tutti coloro che parteciperanno a quel concerto dovrebbero avere ben ferme nella mente le parole assurde pronunciate da Argüello nel suo discorso, al Family day del 2015 a Roma,  tra le altre cose applaudito, con uno striscione enorme alle spalle con scritto "stop gender nelle scuole". Una riflessione che nasce sul femminicidio e da un…