Passa ai contenuti principali

FVG: partita la consultazione pubblica per il VAS Italia- Croazia 2014/2020



Dal 7 agosto 2015, per circa 60 giorni, si ha tempo per proporre osservazioni, in merito all'articolato programma che riguarda la Valutazione Ambientale Strategica (VAS) che promuove lo sviluppo sostenibile attraverso la valutazione al fine di garantire che le questioni ambientali siano incluse in anticipo nei piani o nei programmi. Le osservazioni potranno essere effettuate sulla sintesi non tecnica del Rapporto Ambientale (RA) del Programma di cooperazione transfrontaliera Italia-Croazia 2014-2020, in conformità alla Direttiva 42/2001/CE ('Direttiva VAS'). Tale sintesi è stata progettata per presentare i risultati VAS in un formato chiaro e semplice che può essere sottoposto e compreso dal pubblico più vasto possibile. In realtà, per quanto chiaro, se non si hanno delle conoscenze minime e tecniche è difficile esprimere delle valutazioni od osservazioni degne di nota. Il Programma operativo Italia-Croazia (in seguito PO) è un programma di cooperazione transfrontaliera tra Italia e Croazia, co-finanziato dal Fondo Europeo di Sviluppo Regionale (FESR). Il programma contribuisce alla politica di coesione europea, che persegue lo sviluppo armonico in tutta l'Unione Europea rafforzando la coesione economica, sociale e territoriale, al fine di stimolare la crescita. complessivamente il bilancio del PO ammonta a EUR 236.890.847. Questo comprende sia risorse del Fondo Europeo di Sviluppo Regionale (FESR) (EUR 201.357.220) che contributi nazionali (EUR 35.533.626). 
Dunque si tratta di cifre a dir poco significative.
I principali settori di intervento riguardano l'innovazione nell’economia Blu dove si propone di favorire l'innovazione aumentando la cooperazione tra ricerca e attori economici nei settori dell'economia blu. La sicurezza e resilienza ove si promuove l’adattamento al cambiamento climatico, includendo approcci basati sugli ecosistemi, il patrimonio ambientale e culturale che si propone di rendere il patrimonio naturale e culturale una leva per lo sviluppo economico e territoriale. Le azioni previste comprendono il sostegno alla conoscenza e allo sviluppo di strategie comuni per promuovere l'uso sostenibile delle risorse nel settore economico, in particolare sul turismo. Emergono anche alcune criticità, per esempio si afferma che le azioni a sostegno del turismo potrebbero invece avere un effetto controverso. Infatti, anche se l’obiettivo dell'azione finalizzata ad intervenire a tutela del patrimonio ambientale e culturale si incentra sul patrimonio naturale e culturale, un incremento turistico potrebbe produrre effetti negativi sulle risorse ambientali. Prudentemente, sono stati indicati effetti non significativi negativi sull'utilizzo dell'acqua, sulle emissioni di CO2 e sulla produzione di rifiuti. Vi è anche l' asse prioritario che riguarda il trasporto marittimo ove si vuole migliorare la qualità, la sicurezza e la sostenibilità ambientale dei servizi di trasporto marino e marittimo nella zona. Le azioni sono focalizzate sul miglioramento della multimodalità, attraverso la promozione di connettività tra porti, aeroporti regionali e zone turistiche. Lo sforzo di ottimizzazione della mobilità migliorerebbe la sostenibilità del settore, con effetti positivi sulla qualità dell'acqua e degli ecosistemi marini. In conformità con la priorità di investimento (7c), le azioni previste promuoveranno una mobilità sostenibile, che promuove un migliore utilizzo dell'energia, con effetto positivo non-significativo (indiretto, non probabile), sull'efficienza energetica e sulle emissioni di gas serra.
Sul sito della Regione FVG si rende noto che per leggere la documentazione questo è il link http://www.regione.veneto.it/web/vas-via-vinca-nuvv/pubblicazioni; e "dal 7 agosto, per 60 giorni chiunque può prendere visione della proposta di Programma, del Rapporto Ambientale e della relativa Sintesi Non Tecnica, come linkata in precedenza, e presentare proprie osservazioni in forma scritta, anche fornendo nuovi o ulteriori elementi conoscitivi e valutativi, utilizzando l’apposito modello scaricabile dalla stessa pagina dedicata alla VAS del sito internet della Regione del Veneto http://www.regione.veneto.it/web/vas-via-vinca-nuvv/pubblicazioni. Le suddette osservazioni vanno trasmesse all’Autorità procedente tramite posta elettronica certificata (PEC) al seguente indirizzo dip.cooperazioneinternazionale@pec.regione.veneto.it oppure tramite posta elettronica ordinaria al seguente indirizzo: italia.croazia@regione.veneto.it e contestualmente all’indirizzo dell’a utorità VAS della Regione Friuli Venezia Giulia (PEC):ambiente@certregione.fvg.it oppure valutazioneambiente@regione.fvg.it".

Commenti

Post popolari in questo blog

Dopo Macerata si continua a sparare. Guai a ridimensionare o normalizzare

Questa è una storia che non parte da lontano, per dovere di sintesi sarò breve e conciso. Da questa estate in Italia si è iniziato a scoprire il problema del fascismo. Fino a quel momento, soprattutto da chi oggi si professa dall'alto della suo essere grado istituzionale antifascista, era ignorato se non avvallato. Si è denunciato il rischio di fascismo passando dalle vicende ridicole della spiaggia fascista di Chioggia, agli adesivi di Anna Frank, alle bottiglie o calendari con la foto di Mussolini o Hitler. Quando per anni ed anni in questo Paese si è realizzata una vera connivenza con le peggiori istanze, legittimandole, democratizzandole e favorendone la diffusione. Perchè, si è detto, la democrazia vale per tutti, anche per chi sputa veleno sociale.
Il guaio è che è stato pompato all'ennesima potenza un problema che c'era ma non era così forte, impattante. La propaganda che doveva portare a vedere in alcune soggettività una sorta di salvezza messianica in materia di…

E' necessario il (prodotto) made in Friuli Venezia Giulia prima di essere annientati dalla "globalizzazione"

Il made in Italy è diventato uno slogan che non dice più niente. Diventato più funzionale a quella retorica che ha fatto il male dell'Italia che alla tutela dell'Italia. Dall'arte, alla cucina, dall'agricoltura, alla moda e si potrebbe continuare. Nell'Italia di oggi si rimpiange ciò che non è più italiano. Hanno distrutto le campagne, hanno distrutto le coltivazioni storiche, è stato mescolato tutto, per arrivare all'assurdità di cortocircuiti propri di una società totalmente sballata. La globalizzazione nell'economia ha comportato il saccheggio dell'Italia, l'appropriazione indebita di ciò che ha reso unico il nostro Paese nel mondo per perderci nella nullità dell'essere più niente e nessuno.

Siamo bravi a decantare od osannare bellezze e miti e leggende che attraversano la storia di ciò che è arrivato, nel bene o nel male a determinare l'Italia. Un Paese fittiziamente unito, che deve la sua vera forza ai regionalismi, localismi, che non so…

Si è entrati nel terzo anno della ricerca della verità per Giulio Regeni, con la politica persa nel silenzio di comodo

"Non è possibile normalizzare i rapporti con uno stato che tortura, uccide e nasconde oltraggiosamente la verità, se non a scapito della credibilità politica del nostro Paese e di chi lo rappresenta". Queste sono le parole della famiglia di Giulio.
Una tempesta sotto forma di parole. Parole dure, ma figlie di quella rabbia comprensibile di chi altro non ha potuto fare che constatare l'effettiva resa dell'Italia all'Egitto criminale, dove si continua a morire, a sparire, ad essere torturati, come è successo a Giulio.  Si dovrebbe dare un vero e proprio ultimatum all'Egitto, pretendendo quelle piccole cose, elementi fondamentali, per chiudere il cerchio. Ma l'Egitto ha preso in giro l'Italia e Giulio e la sua famiglia da sempre, depistaggi, menzogne, calunnie, infamie. La politica italiana si è persa in un silenzio di comodo, quel silenzio che ha caratterizzato, salvo qualche formula di rito, anche le massime Istituzioni. E questo silenzio fa male e …