Passa ai contenuti principali

Friuli Venezia Giulia e Calabria una sinergia possibile




La Calabria è una terra difficile, ma bella. A volte il senso della bellezza ti distrae e rende tutto ciò che ti circonda superfluo, ma superfluo non è e non lo potrà mai essere. Vi sono posti che mantengono ancora intatta la loro essenza, si respirano i profumi dell'antichità, quella che ha reso magnifico il Sud. Tanti furono i calabresi costretti a partire per cercare fortuna. Due i periodi di riferimento, che sono successivi comunque alla nascita del Regno d'Italia, quale quello 1871/1951 con 773 mila calabresi emigrati nelle Americhe, e 1951/1971 con 741 mila calabresi emigrati tra il nord Europa ed il Nord Italia (fonte Fondazione Migrantes - Servizio Migranti). Dunque 1 milione e 514 mila persone che hanno abbandonato la propria terra di origine, fenomeno che ancora oggi, pur in ovvia misura ridotta, continua. Le ragioni sono state variegate, principalmente collegate ad un sistema quale quello italiano che non è stato in grado di risolvere la questione meridionale,che la stessa Italia ha se non cagionato certamente aggravato in modo decisivo, inesistenza di lavoro, criminalità organizzata sempre più diffusa e condizioni di vita difficili se non impossibili. Ma le meraviglie di questo territorio oltre a dover rimanere intatte, devono essere conosciute e rivalutate e soprattutto si deve porre fine alla cattiva gestione della cosa pubblica ed al continuo degrado. In questo periodo ho avuto la possibilità di vedere il sole tramontare sullo Stromboli, ammirare l'Etna, nel mentre la Calabria e la Sicilia si osservavano senza amarsi e neanche odiarsi. Ed il tutto dalla nota Costa degli Dei in provincia di Vibo Valentia, terra in cui sono nato. In Friuli Venezia Giulia, ove vivo e regione che amo vi sono tanti calabresi. La crisi ha demolito il sistema Italia, si è detto che in questo 2015 gli italiani son rimasti in Italia. Penso che tra il Friuli Venezia Giulia e la Calabria sia importante favorire una sinergia, una collaborazione, una condizione di reciprocità a livello turistico. Scambi culturali, culinari, unire due terre così lontane ma anche vicine, perché, non lo si deve mai dimenticare, migliaia furono i calabresi costretti a partire per combattere una guerra che non volevano e persero la vita sul Carso, per Trieste e Gorizia. Terre che per alcuni aspetti hanno diversi elementi di somiglianza, per altri, sono all'opposto. Il  modello del Friuli Venezia Giulia potrebbe essere quello giusto per aiutare la Calabria a risollevarsi, e porre le basi solide per l'inizio della fine della secolare questione meridionale ed il turismo deve essere la porta del cambiamento, anche per una questione di reale solidarietà conformemente ai principi della nostra Carta costituzionale.

Commenti

Post popolari in questo blog

Ma se in Friuli Venezia Giulia si votasse per diventare Stato indipendente,cosa vincerebbe?

Se c'è una regione dove l'Italia ed il sentirsi italiano ha veramente preso poco, questa è certamente il Friuli Venezia Giulia. Non è l'unica in Italia, basta pensare alla Sardegna, al Trentino-Alto Adige, alla Sicilia, al Veneto, ma se si facesse qualche analisi più approfondita forse la maggior parte delle regioni italiane si sentono poco italiane. Il Friuli Venezia Giulia ha conseguito il suo stato di autonomia grazie al plurilinguismo, dal friulano, allo sloveno, al tedesco, e poi vi sono diversi dialetti, dal bisiaco, al triestino ecc. Una terra che nel corso della sua storia ha conosciuto diversi domini, diverse appartenenze, alcune profonde come quella con la Repubblica Veneta, o l'Impero Austroungarico, altre di passaggio e da un secolo oramai vi è l'Italia. Che si è presentata nei peggiori dei modi fin dall'origine, perchè il nome dell'Italia è coinciso con la fascistizzazione di questa area, con tutte le brutalità che ne sono conseguite, e sarà s…

Attraversando Pordenone (foto)

E' necessario produrre una filmografia sulla resistenza e realizzare musei sulla sua storia

I tempi son mutati ed è di fondamentale importanza, per non rischiare di essere sommersi dall'ignoranza, dal revisionismo storico, dall'indifferenza,  trasmettere i valori della resistenza anche attraverso strumenti e mezzi che ad oggi per ragioni a dire il vero incomprensibili sono stati poco utilizzati. Libertà, uguaglianza, fratellanza, pace, riscatto morale ed etico del nostro Paese, internazionalismo, diritti dei lavoratori, diritti delle donne, diritti civili, ovvero antinazifascismo. Concetti che quotidianamente vengono sistematicamente e metodicamente messi in discussione. E' vitale, per la memoria umana storica attivarsi in ogni ovunque per promuovere una filmografia sulla nostra resistenza, necessità che viene espressa non solo da storici, ma anche da scrittori, registi, e cittadini, nonché promuovere spazi museali affinché si possano raggiungere con maggiore facilità e coinvolgimento, anche emotivo e fisico, le nuove generazioni. Esistono musei di ogni tipo in …