Passa ai contenuti principali

Friuli Venezia Giulia e Calabria una sinergia possibile




La Calabria è una terra difficile, ma bella. A volte il senso della bellezza ti distrae e rende tutto ciò che ti circonda superfluo, ma superfluo non è e non lo potrà mai essere. Vi sono posti che mantengono ancora intatta la loro essenza, si respirano i profumi dell'antichità, quella che ha reso magnifico il Sud. Tanti furono i calabresi costretti a partire per cercare fortuna. Due i periodi di riferimento, che sono successivi comunque alla nascita del Regno d'Italia, quale quello 1871/1951 con 773 mila calabresi emigrati nelle Americhe, e 1951/1971 con 741 mila calabresi emigrati tra il nord Europa ed il Nord Italia (fonte Fondazione Migrantes - Servizio Migranti). Dunque 1 milione e 514 mila persone che hanno abbandonato la propria terra di origine, fenomeno che ancora oggi, pur in ovvia misura ridotta, continua. Le ragioni sono state variegate, principalmente collegate ad un sistema quale quello italiano che non è stato in grado di risolvere la questione meridionale,che la stessa Italia ha se non cagionato certamente aggravato in modo decisivo, inesistenza di lavoro, criminalità organizzata sempre più diffusa e condizioni di vita difficili se non impossibili. Ma le meraviglie di questo territorio oltre a dover rimanere intatte, devono essere conosciute e rivalutate e soprattutto si deve porre fine alla cattiva gestione della cosa pubblica ed al continuo degrado. In questo periodo ho avuto la possibilità di vedere il sole tramontare sullo Stromboli, ammirare l'Etna, nel mentre la Calabria e la Sicilia si osservavano senza amarsi e neanche odiarsi. Ed il tutto dalla nota Costa degli Dei in provincia di Vibo Valentia, terra in cui sono nato. In Friuli Venezia Giulia, ove vivo e regione che amo vi sono tanti calabresi. La crisi ha demolito il sistema Italia, si è detto che in questo 2015 gli italiani son rimasti in Italia. Penso che tra il Friuli Venezia Giulia e la Calabria sia importante favorire una sinergia, una collaborazione, una condizione di reciprocità a livello turistico. Scambi culturali, culinari, unire due terre così lontane ma anche vicine, perché, non lo si deve mai dimenticare, migliaia furono i calabresi costretti a partire per combattere una guerra che non volevano e persero la vita sul Carso, per Trieste e Gorizia. Terre che per alcuni aspetti hanno diversi elementi di somiglianza, per altri, sono all'opposto. Il  modello del Friuli Venezia Giulia potrebbe essere quello giusto per aiutare la Calabria a risollevarsi, e porre le basi solide per l'inizio della fine della secolare questione meridionale ed il turismo deve essere la porta del cambiamento, anche per una questione di reale solidarietà conformemente ai principi della nostra Carta costituzionale.

Commenti

Post popolari in questo blog

Celebrazione di D'Annunzio e Fiume, risponde l'Ambasciata croata: Basta celebrazioni ci attiveremo

Il cinque settembre, come è noto, avevo scritto una lettera all'Ambasciata della Repubblica di Croazia con sede in Roma in merito a quanto puntualmente ogni anno avviene in Monfalcone. Si celebra l'occupazione militare di Fiume ed un poeta razzista nei confronti dei croati quale D'Annunzio. Mi ero sempre chiesto ma perchè la Repubblica di Croazia tace? Probabilmente perchè non era a conoscenza di quanto accade in Italia? Per tagliare la testa al toro ho scritto la lettera di cui in premessa e mi ha risposto gentilmente ed in tempi anche rapidi il Ministro Plenipotenziario dell'Ambasciata della Repubblica di Croazia Mladenka Šarac-Rončević.


Questo il testo della sua risposta, come si potrà vedere chiaro, conciso:


"Ringraziamo della Sua mail del 5 settembre 2017. Condividiamo la Sua opinione che simili anniversari danneggiano l'atmosfera dei rapporti amichevoli tra i nostri due paesi e che celebrarli incita sentimenti nazionalistici. L'Ambasciata della …

Quel razzismo verso gli slavi mai sparito, saranno le nuove generazioni a demolirlo

Agli italiani piace andare in Croazia a farsi le vacanze. E non è difficile sentir dire questo una volta era "nostro" pensando magari a Lussino, a Pola, a Fiume. O attraversando la costa slovena. Era nostro. Un nostro che si è rivelato un mostro, un mostro che ha partorito e determinato violenze inaudite, impunite. Crimini come quelli compiuti dai nazisti che hanno avuto in diversi casi giusti processi, in Italia mai considerati come crimini, ma presunti, e mai processati. Anzi, sono stati riabilitati i "presunti criminali". In Italia si è verificata l'epurazione al contrario. Sono stati i partigiani ad essere stati espulsi ad esempio dalle forze di polizia, ad essere processati ed incarcerati non i fascisti, almeno quelli che contavano che hanno continuato ad occupare posti chiave nell'Italia repubblicana il cui unisco scopo era colpire il comunismo e per colpire il comunismo il passato divenne un frullato indigesto gettato nel cesso dell'ingiustizia.…

La nuova strage di migranti nel Mediterraneo era prevedibile e forse anche voluta nel nazismo del terzo millennio

Lo si sapeva. Lo si sapeva che in tarda primavera sarebbero ripresi gli sbarchi dalla Libia. Con i soliti schemi, metodi. Tutto era prevedibile, conoscibile. E qui la chiusura criminale della rotta balcanica non c'entra nulla. Viviamo in una società dove il più grande crimine di guerra mai compiuto e mai punito, quale il lancio delle bombe atomiche sul Giappone, viene quasi giustificato. Senza quelle bombe non sarebbe finita la seconda guerra mondiale, si dice. E per questo non si deve chiedere scusa. Sono certo che se quelle bombe le avesse lanciate la Russia, oggi si racconterebbe una storia diversa. Ma il mondo funziona così. L'Europa, costituita da Paesi ricchi, si chiude per non essere contaminata dalle razze inferiori. Sì, parlo di razze, si parlo di inferiori. Perché? Perché il fantomatico sentimento razzista di paura, trova in realtà il proprio fondamento in quel concetto di superiorità della razza pura del terzo millennio, che non deve essere intaccata dai poveracci …