Passa ai contenuti principali

Friuli Venezia Giulia e Calabria una sinergia possibile




La Calabria è una terra difficile, ma bella. A volte il senso della bellezza ti distrae e rende tutto ciò che ti circonda superfluo, ma superfluo non è e non lo potrà mai essere. Vi sono posti che mantengono ancora intatta la loro essenza, si respirano i profumi dell'antichità, quella che ha reso magnifico il Sud. Tanti furono i calabresi costretti a partire per cercare fortuna. Due i periodi di riferimento, che sono successivi comunque alla nascita del Regno d'Italia, quale quello 1871/1951 con 773 mila calabresi emigrati nelle Americhe, e 1951/1971 con 741 mila calabresi emigrati tra il nord Europa ed il Nord Italia (fonte Fondazione Migrantes - Servizio Migranti). Dunque 1 milione e 514 mila persone che hanno abbandonato la propria terra di origine, fenomeno che ancora oggi, pur in ovvia misura ridotta, continua. Le ragioni sono state variegate, principalmente collegate ad un sistema quale quello italiano che non è stato in grado di risolvere la questione meridionale,che la stessa Italia ha se non cagionato certamente aggravato in modo decisivo, inesistenza di lavoro, criminalità organizzata sempre più diffusa e condizioni di vita difficili se non impossibili. Ma le meraviglie di questo territorio oltre a dover rimanere intatte, devono essere conosciute e rivalutate e soprattutto si deve porre fine alla cattiva gestione della cosa pubblica ed al continuo degrado. In questo periodo ho avuto la possibilità di vedere il sole tramontare sullo Stromboli, ammirare l'Etna, nel mentre la Calabria e la Sicilia si osservavano senza amarsi e neanche odiarsi. Ed il tutto dalla nota Costa degli Dei in provincia di Vibo Valentia, terra in cui sono nato. In Friuli Venezia Giulia, ove vivo e regione che amo vi sono tanti calabresi. La crisi ha demolito il sistema Italia, si è detto che in questo 2015 gli italiani son rimasti in Italia. Penso che tra il Friuli Venezia Giulia e la Calabria sia importante favorire una sinergia, una collaborazione, una condizione di reciprocità a livello turistico. Scambi culturali, culinari, unire due terre così lontane ma anche vicine, perché, non lo si deve mai dimenticare, migliaia furono i calabresi costretti a partire per combattere una guerra che non volevano e persero la vita sul Carso, per Trieste e Gorizia. Terre che per alcuni aspetti hanno diversi elementi di somiglianza, per altri, sono all'opposto. Il  modello del Friuli Venezia Giulia potrebbe essere quello giusto per aiutare la Calabria a risollevarsi, e porre le basi solide per l'inizio della fine della secolare questione meridionale ed il turismo deve essere la porta del cambiamento, anche per una questione di reale solidarietà conformemente ai principi della nostra Carta costituzionale.

Commenti

Post popolari in questo blog

Dal "daspo urbano per chi offende il giorno del ricordo"al concetto di slavo che offende la Trieste italiana. Ma Saranno gli "slavi" a salvare Gorizia e Trieste

E' un mondo difficile diceva una nota canzoncina che per diverso tempo veniva trasmessa dalle nostre radio. Un mondo difficile, che è letteralmente virato verso forme di chiusura e rigidità a causa di una globalizzazione letteralmente selvaggia.

Diversi media hanno avuto un ruolo nefasto in tutto ciò, dal momento in cui per anni hanno favorito, sotto il nome di una fantomatica democrazia, l'affermazione di concetti indegni, di quel veleno sociale, di quelle narrazioni nocive per la convivenza civile e pacifica, che hanno riabilitato le peggiori istanze e rinforzato a dismisura quei "quattro provoloni"di neofascisti, mentre "quattro provoloni" non sono più indistintamente i razzisti. Tra i fatti di Macerata, come poi ripetutesi vicino ad Enna, e quanto accaduto nel Confine Orientale in soli 25 anni di occupazione italiana subito dopo la fine della prima guerra mondiale vi è stato un solo filo di continuità. Qui il fascismo si è realizzato prima che altrove,…

Altro che "buonascuola" in Italia siamo degli analfabeti rispetto all'Europa, il rapporto ISTAT sullo stato dell'istruzione in Italia

L'ISTAT ha pubblicato un corposo rapporto incentrato sulla questione della conoscenza.  Ed emerge una fotografia del Paese devastante. Da un lato hai la propaganda di chi racconta un Paese che esiste solo nella sua mente che mente, a partire da chi difende la peggior legge mai scritta in Italia in materia di legislazione scolastica quale la "buonascuola" bocciata da quasi l'intera comunità scolastica con uno sciopero epocale nel maggio 2015. Dall'altro hai la realtà che ti narra un Paese in estrema difficoltà e povertà e diffusa ignoranza. L'Istat rileva chiaramente che "in Italia la recessione, anche per i vincoli di finanza pubblica dovuti al debito, è stata più profonda rispetto a tutte le altre economie europee, riportando il potere d’acquisto delle famiglie nel 2012 indietro fino ai livelli degli anni Novanta."
E ciò sotto gli occhi di tutti.  A livello di conoscenza afferma che "L’Italia è un’economia industriale ad alto reddito ma ano…

Scuola e nuove Indicazioni Nazionali,sì alla storia del '900 ma si parla di "ricordo della liberazione" e "momento di concordia nazionale"

Come si è sempre detto nelle nostre scuole si sa tutto della storia dell'uomo primitivo, della donna primitiva, tutto della storia romana, qualcosa sull'Italia risorgimentale, meno che niente di tutta la storia del '900, in un Paese che ha un forte ritardo d'istruzione rispetto ai Paesi più sviluppati e che corre nella direzione della scuola delle competenze in chiave europea abbandonando quello spirito critico ed umanistico che ne ha sempre segnato la forza e la differenza. Vanno in questa direzione, per diversi aspetti, le nuove indicazioni Nazionali per il curricolo della scuola dell’infanzia e del primo ciclo di istruzione, formalizzate con D.M. n. 254 del 13 novembre 2012. Se da un lato si riconosce valenza alla lingua italiana e valorizzazione agli atri idiomi diffusi in Italia, si persevera in modo pesante sulla via delle competenze in chiave europea per la realizzazione di quel modello di certificazione nazionale delle competenze che ha favorito processi che v…