Passa ai contenuti principali

Ripristiniamo la storica via Trieste di Ronchi cancellando via D'Annunzio


Via Trieste, un vialone che indirizza verso Trieste, attraversando ovviamente la vicina Monfalcone, superando il non voluto monumento ai legionari ed a D'Annunzio, dal Comune di Ronchi, semplicemente perché ritenuto, giustamente, come esaltazione di una marcia fascista. Così ancora oggi è ricordata l'attuale via D'Annunzio, denominazione avvenuta per omaggiare quell'uomo, perché in una di quelle case D'Annunzio venne ospitato per poi marciare verso Fiume, occupare la città che verrà consegnata, chiavi in mano, al fascismo nel 1924 sancendo, sin dalla sua prima occupazione italiana, il  declino fiumano.  
Nell'attesa di rimuovere il suffisso dei legionari, per le principali ragioni come notoriamente esposte in questo post e nel libro Ronchi dei Partigiani in uscita a fine agosto 2015, è il caso di riproporre a Ronchi la sua vecchia e storica via, eliminando quella via D'Annunzio, che stona con la storia e l'identità di Ronchi, senza dimenticare che Ronchi fino al '47 rientrava sotto la provincia di Trieste ed il legame tra Ronchi e Trieste è sempre stato vivace ed intenso. E poi, nel corso di questo centenario della grande macelleria umana, sarebbe un bel gesto, un gesto finalizzato anche a deprecare e condannare tramite la forma il principale megafono della grande guerra, colui che ha esaltato la grande guerra, colui che ha invocato, evocato la grande guerra, colui che definirà  «Imboscati d’oltralpe», «sventurati e svergognati» che hanno «peccato contro la patria» i soldati italiani prigionieri. Ovvero, D'Annunzio.  Colui che avrà anche il coraggio di scrivere “Ci fu una volta un re che non decimava i suoi secondo il costume romano ma faceva uccidere tutti quelli che nella statura non arrivassero all’elsa della sua grande spada. Di mezza statura voi siete, uomini di aratro, uomini di falce. Ma che importa? Tutti non dobbiamo oggi arrivare con l’animo all’elsa della spada d’Italia? Il Dio d’Italia vi riarma, e vi guarda” mentre i soldati della Brigata Catanzaro, composta prevalentemente da Calabresi, Siciliani, Campani, lo guardavano in faccia prima di essere fucilati per essersi rifiutati di ritornare al fronte e morire. Si ribellarono cercando di attaccare il luogo ove soggiornava D'Annunzio, ritenuto il simbolo della grande guerra, il simbolo delle loro sventure, dei loro drammi. Non lo trovarono. Trovarono invece la morte per fucilazione, con la beffa di dover guardare in faccia, e chissà cosa pensavano in quel momento, quell'uomo che in Italia dovrebbe essere solo criticato, condannato, e non osannato. Eppure D'Annunzio, con il potere e l'influenza che aveva, avrebbe potuto anche salvarli dalla fucilazione. Ma non le fece. Dedicò loro dei versi, come succintamente in precedenza indicati, ennesimo insulto verso la Brigata Catanzaro. Senza poi dimenticare i rapporti tra D'Annunzio e Ronchi. Infatti, a Ronchi ci fu la fila, la corsa, per collocare la targa a ricordo del luogo ove il “Comandante”, così amava farsi chiamare il guerrafondaio D'Annunzio, dimorò per qualche ora prima di partire per occupare Fiume. Già. Nessun cittadino di Ronchi, anche in questo caso, si rese disponibile, ma fu il fascistissimo Giunta, rappresentante di D'Annunzio a Trieste, ad adoperarsi personalmente per quella collocazione. Per non parlare della questione del monumento a D'Annunzio, ripudiato da Ronchi, o del fatto che nessun cittadino di Ronchi partì volontario per l'occupazione della città di Fiume.

Marco Barone
aggiornamento:
sul Piccolo del 21 luglio 2015


Commenti

Post popolari in questo blog

FuoriRoma ed il caso Monfalcone sul servizio pubblico nazionale,un ceffone alla sinistra

Finalmente il caso Monfalcone è approdato sul servizio pubblico nazionale. Su Rai Tre, nel programma di Concita De Gregorio Fuori Roma . Da quando ha vinto le elezioni il Sindaco della Lega Nord, passata alla storia come il "Sindaco con le palle", diversi programmi si sono occupati del perchè della Caporetto della "sinistra" a Monfalcone, ma mancava il servizio pubblico. 47 minuti di programma, che hanno ben illustrato le motivazioni, hanno ben spiegato la situazione sociale sussistente a Monfalcone, città dei cantieri, nel senso, come è già stato detto più volte, che appartiene ai cantieri navali, alla Fincantieri. Perchè, nel bene o nel male ne ha subito le politiche a partire da quelle immigratorie e della delocalizzazione al contrario sul lavoro attingendo manodopera da certi e noti Paesi perchè le leggi del mercato lo consentono, la normativa europea ed italiana lo consentono ed i riflessi sono stati ingestibili, dove nessuno ne è uscito vincitore ma tutti sco…

Da quando Trump ha iniziato a giocare alla guerra è diventato un "bravo ragazzo" con i media prostituiti alla guerra

Nazista, dittatore, fascista, pazzo, non è l'America. Votato da milioni di Americani, anche se non dalla maggioranza. Doveva impostare una politica in stile isolazionista. Doveva mettere in discussione la Nato, obsoleta. Doveva tante cose. Ma da quando ha iniziato a prendere i primi schiaffi, uno su tutti, il blocco della controriforma sanitaria, qualcosa è mutato. Arrivano finanziamenti pesanti per l'esercito. Ed iniziano a cambiare i rapporti internazionali. La Russia è ora se non un nemico poco ci manca, la Cina, che prima era il nemico numero uno, ora è diventata alleata pro tempore. Ma la cosa che più impressiona è da un lato il silenzio di tutti i grandi democratici da quando ha iniziato a mostrare i muscoli militari, ad attuare azioni che ben avrebbe adottato la Clinton, ed infatti non è un caso il silenzio che ad oggi arriva proprio da quel gruppo politico, almeno qui in Europa. Dalla buffonata della madre di tutte le bombe, che ha ucciso comunque, alla questione cont…

La nuova strage di migranti nel Mediterraneo era prevedibile e forse anche voluta nel nazismo del terzo millennio

Lo si sapeva. Lo si sapeva che in tarda primavera sarebbero ripresi gli sbarchi dalla Libia. Con i soliti schemi, metodi. Tutto era prevedibile, conoscibile. E qui la chiusura criminale della rotta balcanica non c'entra nulla. Viviamo in una società dove il più grande crimine di guerra mai compiuto e mai punito, quale il lancio delle bombe atomiche sul Giappone, viene quasi giustificato. Senza quelle bombe non sarebbe finita la seconda guerra mondiale, si dice. E per questo non si deve chiedere scusa. Sono certo che se quelle bombe le avesse lanciate la Russia, oggi si racconterebbe una storia diversa. Ma il mondo funziona così. L'Europa, costituita da Paesi ricchi, si chiude per non essere contaminata dalle razze inferiori. Sì, parlo di razze, si parlo di inferiori. Perché? Perché il fantomatico sentimento razzista di paura, trova in realtà il proprio fondamento in quel concetto di superiorità della razza pura del terzo millennio, che non deve essere intaccata dai poveracci …