Passa ai contenuti principali

Referendum per abrogare la cattiva scuola, si è partiti con il piede sbagliato



Ero stato uno dei primi, in rete, quando ancora si parlava di “buona scuola” nel mese di maggio 2015, a lanciare la possibilità di un referendum abrogativo per la nota riforma della cattiva scuola, o nuova scuola, o scuola azienda, ma non certamente buona scuola. Il Referendum abrogativo è uno strumento delicato, impegnativo, ma anche, a volte, che fomenta immense illusioni. 
Penso alla vicenda dell'acqua pubblica, vicenda che insegna molto che tipo di democrazia ci sia in Italia, praticamente l'esito del referendum è stato raggirato o nulla è mutato, nonostante il 54% degli elettori abbia votato contro la privatizzazione dell'acqua pubblica. Neanche il tempo di vedere approvata la riforma, che già alcuni quesiti referendari erano praticamente pronti. Quale percorso unitario? Inesistente. Poi, altre realtà si mobilitano per proporre diversi quesiti referendari, tra chi vuole l'abrogazione di tutta la legge come approvata a luglio 2015 e chi solo alcune voci. Ora, a parte il fatto che pare evidente che tutta la legge non può essere abrogata, poiché vi sono delle voci che interessano direttamente il Bilancio dello Stato, è altrettanto evidente che vi sono alcune voci che non devono essere abrogate, come quelle che hanno introdotto, in via obbligatoria, nei POF, il contrasto, nelle nostre scuole pubbliche, all'omofobia, con azioni obbligatorie per tutte le scuole e tutti gli studenti di prevenzione ed educazione in tal senso. No, non ci siamo proprio. Anche perché, una volta che si decide di procedere con uno strumento così impegnativo e complesso, che riguarda un settore articolato come quello della scuola, i quesiti andrebbero estesi anche ad altri pregressi provvedimenti legislativi, come quelli che hanno ammazzato la contrattazione integrativa nelle scuole, come quelli che hanno ampliato il potere dei dirigenti scolastici in materia di provvedimenti disciplinari, giusto per fare alcuni esempi, ma dovrebbe essere l'occasione anche per collegare la questione scuola a quella più generale del mondo del lavoro, penso alla riforma, o meglio distruzione dell'articolo 18 dello Statuto dei lavoratori, che nel bene o nel male riguarda non solo i lavoratori privati ma anche quelli pubblici, stante la privatizzazione del rapporto di lavoro del pubblico impiego. Solo un processo unitario, coltivato con pazienza, e senza fretta alcuna, potrà avere successo, pur ben tenendo in mente quanto accaduto per la questione dell'acqua pubblica. Però in Italia, ognuno deve ritagliarsi un proprio spazio, per cercare visibilità politica, solo che questa visibilità politica rischia di accecare, per sempre, uno strumento democratico fondamentale, se continua ad essere gestito così come ora accade. Insomma fermatevi, non abbiate fretta, perché la scuola non è di nessun partito politico, e non deve essere terreno di consenso politico,  ma un bene comune costituzionale da difendere, e qui siamo in una situazione emergenziale che va gestita sì in via emergenziale ma in modo assolutamente unitario, con sapienza e senza fretta alcuna. 

nota: pubblicato per Tecnica della Scuola 



Commenti

Post popolari in questo blog

Per la prima volta nella storia di Ronchi arriva l'antimafia

No, nessun effetto  cinematografico. Niente sirene spiegate, palette fuori dall'auto in corsa. Niente poliziotti con il passamontagna. Ma in una regione come il Friuli Venezia Giulia non più isola felice, ma presa di mira dalla camorra e dalla 'ndrangheta in particolar modo ,quando si realizzano cantieri ed opere di una certa rilevanza bisogna metterlo in conto. Cosa? L'accesso del gruppo interforze che ha la scopo di intervenire per prevenire infiltrazioni mafiose nei pubblici appalti. 
Il prefetto dispone accessi ed accertamenti nei cantieri delle imprese interessate all'esecuzione di lavori pubblici, avvalendosi, a tal fine, dei gruppi interforze  ed al termine degli accessi ed accertamenti disposti dal prefetto, il gruppo interforze redige, entro trenta giorni, la relazione contenente i dati e le informazioni acquisite nello svolgimento dell'attività ispettiva, trasmettendola al prefetto che ha disposto l'accesso. Il prefetto,  una volta acquisita la relaz…

La nuova strage di migranti nel Mediterraneo era prevedibile e forse anche voluta nel nazismo del terzo millennio

Lo si sapeva. Lo si sapeva che in tarda primavera sarebbero ripresi gli sbarchi dalla Libia. Con i soliti schemi, metodi. Tutto era prevedibile, conoscibile. E qui la chiusura criminale della rotta balcanica non c'entra nulla. Viviamo in una società dove il più grande crimine di guerra mai compiuto e mai punito, quale il lancio delle bombe atomiche sul Giappone, viene quasi giustificato. Senza quelle bombe non sarebbe finita la seconda guerra mondiale, si dice. E per questo non si deve chiedere scusa. Sono certo che se quelle bombe le avesse lanciate la Russia, oggi si racconterebbe una storia diversa. Ma il mondo funziona così. L'Europa, costituita da Paesi ricchi, si chiude per non essere contaminata dalle razze inferiori. Sì, parlo di razze, si parlo di inferiori. Perché? Perché il fantomatico sentimento razzista di paura, trova in realtà il proprio fondamento in quel concetto di superiorità della razza pura del terzo millennio, che non deve essere intaccata dai poveracci …

Koper o Capodistria?Fiume o Rijeka?Merna o Miren?Londra o London? Trieste e Trst?

Esistono diversi processi di italianizzazione, i più noti sono quelli figli dell'abitudine, figli di quel modo di fare che hanno trasformato London in Londra, Berlin in Berlino, Barcelona in Barcellona, Marseille in Marsiglia ecc. Si dirà che è semplice traduzione. Fattore tipico di tutte le lingue. Poi vi sono luoghi che sono stati soggetti all'italianizzazione forzata tramite la nota opera nazionalfascista e di esempi ve ne sono a bizzeffe, se ne perde il conto, sia in Italia che in Slovenia che in Croazia che ovunque l'Italia abbia operato in tal modo.
Ad esempio Redipuglia  ha storpiato lo sloveno Sredipolje. In altri casi si utilizza l'italianizzazione per rispetto anche della comunità italiana che vi abita, non chiamare quei luoghi con il loro nome italiano significherebbe negare l'esistenza della comunità italiana, almeno per gli italiani autoctoni del luogo è così, pensiamo Capodistria il cui nome in sloveno è Koper, o Rijeka diventata Fiume. Italianizzazi…