Passa ai contenuti principali

Referendum per abrogare la cattiva scuola, si è partiti con il piede sbagliato



Ero stato uno dei primi, in rete, quando ancora si parlava di “buona scuola” nel mese di maggio 2015, a lanciare la possibilità di un referendum abrogativo per la nota riforma della cattiva scuola, o nuova scuola, o scuola azienda, ma non certamente buona scuola. Il Referendum abrogativo è uno strumento delicato, impegnativo, ma anche, a volte, che fomenta immense illusioni. 
Penso alla vicenda dell'acqua pubblica, vicenda che insegna molto che tipo di democrazia ci sia in Italia, praticamente l'esito del referendum è stato raggirato o nulla è mutato, nonostante il 54% degli elettori abbia votato contro la privatizzazione dell'acqua pubblica. Neanche il tempo di vedere approvata la riforma, che già alcuni quesiti referendari erano praticamente pronti. Quale percorso unitario? Inesistente. Poi, altre realtà si mobilitano per proporre diversi quesiti referendari, tra chi vuole l'abrogazione di tutta la legge come approvata a luglio 2015 e chi solo alcune voci. Ora, a parte il fatto che pare evidente che tutta la legge non può essere abrogata, poiché vi sono delle voci che interessano direttamente il Bilancio dello Stato, è altrettanto evidente che vi sono alcune voci che non devono essere abrogate, come quelle che hanno introdotto, in via obbligatoria, nei POF, il contrasto, nelle nostre scuole pubbliche, all'omofobia, con azioni obbligatorie per tutte le scuole e tutti gli studenti di prevenzione ed educazione in tal senso. No, non ci siamo proprio. Anche perché, una volta che si decide di procedere con uno strumento così impegnativo e complesso, che riguarda un settore articolato come quello della scuola, i quesiti andrebbero estesi anche ad altri pregressi provvedimenti legislativi, come quelli che hanno ammazzato la contrattazione integrativa nelle scuole, come quelli che hanno ampliato il potere dei dirigenti scolastici in materia di provvedimenti disciplinari, giusto per fare alcuni esempi, ma dovrebbe essere l'occasione anche per collegare la questione scuola a quella più generale del mondo del lavoro, penso alla riforma, o meglio distruzione dell'articolo 18 dello Statuto dei lavoratori, che nel bene o nel male riguarda non solo i lavoratori privati ma anche quelli pubblici, stante la privatizzazione del rapporto di lavoro del pubblico impiego. Solo un processo unitario, coltivato con pazienza, e senza fretta alcuna, potrà avere successo, pur ben tenendo in mente quanto accaduto per la questione dell'acqua pubblica. Però in Italia, ognuno deve ritagliarsi un proprio spazio, per cercare visibilità politica, solo che questa visibilità politica rischia di accecare, per sempre, uno strumento democratico fondamentale, se continua ad essere gestito così come ora accade. Insomma fermatevi, non abbiate fretta, perché la scuola non è di nessun partito politico, e non deve essere terreno di consenso politico,  ma un bene comune costituzionale da difendere, e qui siamo in una situazione emergenziale che va gestita sì in via emergenziale ma in modo assolutamente unitario, con sapienza e senza fretta alcuna. 

nota: pubblicato per Tecnica della Scuola 



Commenti

Post popolari in questo blog

Giorno del ricordo a Gorizia e agibilità democratica: Revocata sala gestita dalla provincia a resistenza storica

Era stato promosso dal gruppo di Resistenza Storica e sinistra goriziana antifascista, un convegno per il 10 febbraio dal seguente titolo, da svolgersi in Gorizia, presso il palazzo provinciale Attems:11 ANNI DI "GIORNO DEL RICORDO" Tra mistificazioni storiche e rivalutazione del fascismo. Questi gli interventi previsti: Alessandra KERSEVAN: Il ruolo della X Mas al confine orientale; Claudia CERNIGOI: Il "fenomeno" delle foibe e gli scomparsi da Gorizia nel maggio 1945; Sandi VOLK: 10 anni di onorificenze della legge del Ricordo; Piero PURINI: Gli esodi prima e dopo il secondo conflitto mondiale; Marco BARONE: "Volemo tornar". L'irredentismo del terzo millennio; nota di inquadramento storico e coordinamento del dibattito a cura di Marco PUPPINI. Contestualmente a ciò, nella stessa giornata, nella stessa città, ma in luogo diverso, è previsto il convegno organizzato dalla Lega Nazionale di Gorizia, con l'alto patrocinio della Prefettura, Provincia…

Se Babbo Natale ha ridimensionato San Nicolò

Ma è più sentito San Nicolò o Babbo Natale?

Questo è quanto mi domandavo notando tutta la serie di prodotti realizzati, i mercatini diffusi, le fiere e quant'altro si afferma in prossimità della notte tra il 5 e 6 dicembre. Così come mi domando, ma quanti conoscono la sua storia? Quanti sanno che tipo di santo protettore sarebbe?  Scommetto che le mani alzate sarebbero una manciata.  Ed a dirla tutta non interessa, interessa quel giorno solo scambiarsi qualche regalino, girovagare per le fiere, bere e mangiare.
San Nicolò, dicono, è un santo molto venerato in tutto il mondo, addirittura avrebbe carattere universale. Sarà. Ma in Italia ci sono su più di 8 mila Comuni solo una ventina di località, e qualche Comune, ad avere questo nome e sono poche le località dove viene festeggiato, soprattutto in alcune zone del Nord Est ed in Puglia.  Vi è chi dice che Babbo Natale altro non sia che praticamente il San Nicolò in chiave pienamente consumistica, che avrebbe tratto origine da qu…

Gorizia,16 dicembre, manifestazione regionale a sostegno dei migranti "RESTIAMO UMANI-HUMANITY WELCOME"

Il titolo della manifestazione è restiamo umani, humanity welcome. Il 16 dicembre se a Roma ci sarà la manifestazione nazionale dei migranti, a Gorizia si svolgerà una manifestazione regionale che ha lo scopo di denunciare il fallimento dell'accoglienza diffusa in regione, lo stato di degrado umano che si è raggiunto nei confronti dei richiedenti asilo "fuori convenzione", senza dimenticare quanto accade nel CARA di Gradisca, che è oltre ogni limite di capienza, destinato a diventare nuovamente centro di espulsione, senza dimenticare quanto accade lungo le rive dell'Isonzo da Gorizia a Gradisca, a Pordenone, senza dimenticare l'omissione di soccorso sistematica ed impunita. Gorizia non è mai stata realmente una porta verso l'Est, si è sempre chiusa, non è mai stata una porta verso l'Oriente, e la caduta visiva dell'ultimo muro d'Europa, dopo quello di Berlino, è stato solo un gesto illusorio, perchè le divisioni sono sempre state la normalità in q…