Passa ai contenuti principali

Ogni pretesto a Trieste è buono per attaccare gli sloveni, il caso del bando rilevatori Istat

Un bando pubblico di selezione per la formazione di una graduatoria di rilevatori e coordinatori statistici per il periodo 2015 2019, diventa, a Trieste, per i soliti soggetti noti, pretesto per attaccare gli sloveni. Chi parla di privilegi, chi di favoritismi, chi dice che verrebbero sfavoriti i triestini. Premesso che gli sloveni che vivono a Trieste sono a tutti gli effetti triestini, cittadini di Trieste, e questo forse a qualcuno maliziosamente sfugge, il problema di fondo a Trieste rimane che la comunità slovena non è tutelata a dovere, vedi il caso del Tartini, di cui il famigerato ddl sulla scuola ha sancito de facto la morte della sezione autonoma con lingua di insegnamento slovena del conservatorio di musica, sezione in modo incomprensibile mai nata, ad esempio, vedi la non piena applicazione della normativa nazionale in materia di tutela della minoranza slovena, vedi il fatto che in tutte le scuole lo sloveno andrebbe insegnato in via obbligatoria, ma così non è. E dire, o lasciare intendere che nei confronti degli sloveni sussistano dei privilegi è una indecenza, specialmente alla luce della pulizia etnica che hanno subito qui per mano della brava gente nazionalista italiana. Quali sono i requisiti del noto bando? Che tra le altre cose è scaduto il 4 luglio? E le cui critiche arrivano a dieci giorni di distanza dalla chiusura? Avere la cittadinanza italiana; oppure avere la cittadinanza di stati appartenenti all'Unione Europea con adeguata conoscenza della lingua italiana; oppure avere la cittadinanza di paesi terzi e trovarsi in una delle condizioni di cui all’art. 38 del D.lgs. n. 165 del 30.3.2001, come modificato dall’art. 7 della L. 6.8.2013, n. 97 (esempio: permesso di soggiorno CE per soggiornanti di lungo periodo, status di rifugiato, o essere familiare, con diritto di soggiorno, di cittadino UE) con adeguata conoscenza della lingua italiana. Dunque l'adeguata conoscenza della lingua italiana è il primo elemento determinante. Poi vi sono altri elementi di valutazione, come aver maturato esperienze documentabili come rilevatore statistico, addetto alle ricerche di mercato, addetto ricerche socio-economiche, rilevatore o coordinatore di censimento nella tornata censuaria del 2011 ; essere studente/ssa, casalinga/o, disoccupata/o, cassa integrata/o o lavoratrice/ore atipico o con contratto a tempo determinato, part-time per un massimo di 18 ore settimanali; laurea o diploma universitario (solo per i rilevatori) laurea in statistica (per i rilevatori e i coordinatori) titoli post-laurea attinenti all'attività da svolgere; conoscenza ed uso di strumentazioni informatiche conoscenza documentata della lingua slovena scritta e parlata ecc. Si legge anche che i titoli post laurea comportano un punteggio aggiuntivo di 1 punto, la conoscenza documentata della lingua slovena scritta e parlata comporta un punteggio aggiuntivo di 7 punti, che verrà attribuito un punteggio pari a 5 punti per essere studente, casalinga, disoccupato, cassa integrato o lavoratore atipico o con contratto a tempo determinato part-time per un massimo di 18 ore settimanali e che a parità di titolo di studio precederà il candidato con il miglior punteggio di laurea o di diploma universitario e, in caso di ulteriore parità, con la minore età anagrafica. Il Comune altro non ha fatto che recepire indicazioni nazionali, nessun favoritismo. Forse, invece di lagnarsi, alcuni politicanti, farebbero bene ad attivarsi perché lo sloveno possa essere conosciuto dai più, e questo sì che sarebbe un bel gesto di integrazione e di civiltà e di grande valenza culturale.



Commenti

Post popolari in questo blog

I 220 passi della vergogna d'Italia, la galleria Bombi di Gorizia,non verranno dimenticati

Prima di svoltare l'angolo ed addentrarti nella magnifica cornice che è quella di Piazza Vittoria, leggi una targa che riporta una frase in ricordo della visita di Giovanni Paolo II "Gorizia, situata all’incrocio di correnti di pensiero, di attività e di molteplici iniziative, sembra rivestire una singolare missione, quella di essere la porta d’Italia che pone comunicazione il mondo latino con quello slavo: porta aperta sull’Est europeo e sull’Europa centrale”.
Sembra rivestire.  Appunto. Sembra.
Alle tue spalle la Prefettura, e poi segui quelle persone con la felpa ed il cappuccio entrare dentro la galleria Bombi che dovrebbe unire Gorizia, ma non è così. Però prima di entrare dentro quel luogo buio, umido, una seconda targa coglie la tua attenzione.
Si legge che " stelle è un progetto di raccolta di segni, presenze e storie per comprendere e raccontare la condizione della moltitudine di persone in viaggio lungo la Balkan Route". Segni e presenze che nella g…

Quella sera a Ruda... e Giulio ci ha fatto conoscere il dolore degli altri

Una miscela di emozioni, di sentimenti. E' stato definito come il pellegrinaggio per la verità e giustizia per Giulio. Sempre costantemente in movimento Paola e Claudio ed ovunque vengono accolti, abbracciati, incontrano l'affetto dell'Italia vera, quella che non ha accettato e mai potrà accettare l'ignobile compromesso che ha portato al cambio di rotta repentino segnato dalla politica di Roma, mai tanto distante quanto ora dalla via della verità e giustizia per Giulio. La politica ha intrapreso la via della normalizzazione dei rapporti, neanche due anni son trascorsi. E son bastati per ritornare amici come prima se non più di prima. D'altronde, lo scrivono in tutte le lingue, Italia ed Egitto sono in rapporto amichevole da 2000 anni. Come a dire, vuoi che 2000 anni di storia vengano compromessi da Giulio?  Non da Giulio, ma da chi ne ha cagionato la morte, da chi ha determinato depistaggi, sviamenti, distrazioni, da chi ha cercato di auto-assolversi, passando in …

Quattro studentesse dell'Università di Padova in Egitto per una tesi. Era proprio indispensabile?

Circola in rete la notizia che  quattro ragazze Unipd vanno  “alla conquista” dell’Egitto, per lavorare alla loro tesi di laurea e frequentano il corso di Progettazione e gestione del turismo culturale, Dipartimento di Beni Culturali dell'Università di Padova. Si legge  con grande enfasi che  "La loro tesi si è concentrata sulla riprogettazione e sul riallestimento della Sala dei Cimeli nel Sacrario militare italiano. Il Sacrario è un edificio costruito per commemorare i caduti italiani durante le battaglie di El-Alamain, che si sono svolte nel 1942 durante la Seconda Guerra Mondiale."
Ora, non so se vi sono già state altre iniziative del genere da quando è stato assassinato Giulio Regeni, quello che so è che  il rettore dell'Università di Padova, Rosario Rizzuto, ha dedicato la giornata dell'inaugurazione del 794° anno accademico a Giulio Regeni con queste parole "Voglio inoltre ricordare in questa occasione con affetto e dolore Giulio Regeni, il g…