Passa ai contenuti principali

Ogni pretesto a Trieste è buono per attaccare gli sloveni, il caso del bando rilevatori Istat

Un bando pubblico di selezione per la formazione di una graduatoria di rilevatori e coordinatori statistici per il periodo 2015 2019, diventa, a Trieste, per i soliti soggetti noti, pretesto per attaccare gli sloveni. Chi parla di privilegi, chi di favoritismi, chi dice che verrebbero sfavoriti i triestini. Premesso che gli sloveni che vivono a Trieste sono a tutti gli effetti triestini, cittadini di Trieste, e questo forse a qualcuno maliziosamente sfugge, il problema di fondo a Trieste rimane che la comunità slovena non è tutelata a dovere, vedi il caso del Tartini, di cui il famigerato ddl sulla scuola ha sancito de facto la morte della sezione autonoma con lingua di insegnamento slovena del conservatorio di musica, sezione in modo incomprensibile mai nata, ad esempio, vedi la non piena applicazione della normativa nazionale in materia di tutela della minoranza slovena, vedi il fatto che in tutte le scuole lo sloveno andrebbe insegnato in via obbligatoria, ma così non è. E dire, o lasciare intendere che nei confronti degli sloveni sussistano dei privilegi è una indecenza, specialmente alla luce della pulizia etnica che hanno subito qui per mano della brava gente nazionalista italiana. Quali sono i requisiti del noto bando? Che tra le altre cose è scaduto il 4 luglio? E le cui critiche arrivano a dieci giorni di distanza dalla chiusura? Avere la cittadinanza italiana; oppure avere la cittadinanza di stati appartenenti all'Unione Europea con adeguata conoscenza della lingua italiana; oppure avere la cittadinanza di paesi terzi e trovarsi in una delle condizioni di cui all’art. 38 del D.lgs. n. 165 del 30.3.2001, come modificato dall’art. 7 della L. 6.8.2013, n. 97 (esempio: permesso di soggiorno CE per soggiornanti di lungo periodo, status di rifugiato, o essere familiare, con diritto di soggiorno, di cittadino UE) con adeguata conoscenza della lingua italiana. Dunque l'adeguata conoscenza della lingua italiana è il primo elemento determinante. Poi vi sono altri elementi di valutazione, come aver maturato esperienze documentabili come rilevatore statistico, addetto alle ricerche di mercato, addetto ricerche socio-economiche, rilevatore o coordinatore di censimento nella tornata censuaria del 2011 ; essere studente/ssa, casalinga/o, disoccupata/o, cassa integrata/o o lavoratrice/ore atipico o con contratto a tempo determinato, part-time per un massimo di 18 ore settimanali; laurea o diploma universitario (solo per i rilevatori) laurea in statistica (per i rilevatori e i coordinatori) titoli post-laurea attinenti all'attività da svolgere; conoscenza ed uso di strumentazioni informatiche conoscenza documentata della lingua slovena scritta e parlata ecc. Si legge anche che i titoli post laurea comportano un punteggio aggiuntivo di 1 punto, la conoscenza documentata della lingua slovena scritta e parlata comporta un punteggio aggiuntivo di 7 punti, che verrà attribuito un punteggio pari a 5 punti per essere studente, casalinga, disoccupato, cassa integrato o lavoratore atipico o con contratto a tempo determinato part-time per un massimo di 18 ore settimanali e che a parità di titolo di studio precederà il candidato con il miglior punteggio di laurea o di diploma universitario e, in caso di ulteriore parità, con la minore età anagrafica. Il Comune altro non ha fatto che recepire indicazioni nazionali, nessun favoritismo. Forse, invece di lagnarsi, alcuni politicanti, farebbero bene ad attivarsi perché lo sloveno possa essere conosciuto dai più, e questo sì che sarebbe un bel gesto di integrazione e di civiltà e di grande valenza culturale.



Commenti

Post popolari in questo blog

FuoriRoma ed il caso Monfalcone sul servizio pubblico nazionale,un ceffone alla sinistra

Finalmente il caso Monfalcone è approdato sul servizio pubblico nazionale. Su Rai Tre, nel programma di Concita De Gregorio Fuori Roma . Da quando ha vinto le elezioni il Sindaco della Lega Nord, passata alla storia come il "Sindaco con le palle", diversi programmi si sono occupati del perchè della Caporetto della "sinistra" a Monfalcone, ma mancava il servizio pubblico. 47 minuti di programma, che hanno ben illustrato le motivazioni, hanno ben spiegato la situazione sociale sussistente a Monfalcone, città dei cantieri, nel senso, come è già stato detto più volte, che appartiene ai cantieri navali, alla Fincantieri. Perchè, nel bene o nel male ne ha subito le politiche a partire da quelle immigratorie e della delocalizzazione al contrario sul lavoro attingendo manodopera da certi e noti Paesi perchè le leggi del mercato lo consentono, la normativa europea ed italiana lo consentono ed i riflessi sono stati ingestibili, dove nessuno ne è uscito vincitore ma tutti sco…

Da quando Trump ha iniziato a giocare alla guerra è diventato un "bravo ragazzo" con i media prostituiti alla guerra

Nazista, dittatore, fascista, pazzo, non è l'America. Votato da milioni di Americani, anche se non dalla maggioranza. Doveva impostare una politica in stile isolazionista. Doveva mettere in discussione la Nato, obsoleta. Doveva tante cose. Ma da quando ha iniziato a prendere i primi schiaffi, uno su tutti, il blocco della controriforma sanitaria, qualcosa è mutato. Arrivano finanziamenti pesanti per l'esercito. Ed iniziano a cambiare i rapporti internazionali. La Russia è ora se non un nemico poco ci manca, la Cina, che prima era il nemico numero uno, ora è diventata alleata pro tempore. Ma la cosa che più impressiona è da un lato il silenzio di tutti i grandi democratici da quando ha iniziato a mostrare i muscoli militari, ad attuare azioni che ben avrebbe adottato la Clinton, ed infatti non è un caso il silenzio che ad oggi arriva proprio da quel gruppo politico, almeno qui in Europa. Dalla buffonata della madre di tutte le bombe, che ha ucciso comunque, alla questione cont…

La nuova strage di migranti nel Mediterraneo era prevedibile e forse anche voluta nel nazismo del terzo millennio

Lo si sapeva. Lo si sapeva che in tarda primavera sarebbero ripresi gli sbarchi dalla Libia. Con i soliti schemi, metodi. Tutto era prevedibile, conoscibile. E qui la chiusura criminale della rotta balcanica non c'entra nulla. Viviamo in una società dove il più grande crimine di guerra mai compiuto e mai punito, quale il lancio delle bombe atomiche sul Giappone, viene quasi giustificato. Senza quelle bombe non sarebbe finita la seconda guerra mondiale, si dice. E per questo non si deve chiedere scusa. Sono certo che se quelle bombe le avesse lanciate la Russia, oggi si racconterebbe una storia diversa. Ma il mondo funziona così. L'Europa, costituita da Paesi ricchi, si chiude per non essere contaminata dalle razze inferiori. Sì, parlo di razze, si parlo di inferiori. Perché? Perché il fantomatico sentimento razzista di paura, trova in realtà il proprio fondamento in quel concetto di superiorità della razza pura del terzo millennio, che non deve essere intaccata dai poveracci …