Passa ai contenuti principali

Ecco come la scuola azienda, dell'imprenditorialità, inizia a farsi “campo”


Uno dei tanti, così detti, emendamenti "migliorativi" introdotti alla Camera, approvato poi al Senato, sul noto ddl scuola, riguardava l'introduzione dell'educazione all'autoimprenditorialità nella scuola pubblica italiana, ovvero ex scuola pubblica, ora scuola azienda e delle competenze. Sul sito del Miur è visibile una comunicazione che evidenza quanto ora segue “Dal 29 giugno al 10 luglio, nella cornice di H-FARM, si tiene il primo H-SCHOOL ACCELERATION CAMP. Un progetto di formazione che vede protagonisti gli studenti vincitori di H-ACK SCHOOL, il primo hackathon completamente dedicato al mondo della scuola che si è tenuto a Milano il 17 e 18 marzo scorsi, nel contesto di GEC2015, il Congresso mondiale dell’imprenditorialità”. Ed ancora: “Il CAMP rappresenta una formula veloce, ma allo stesso tempo concreta, per favorire un primo passo nella direzione indicata nel Piano #LaBuonaScuola: far dialogare il mondo delle imprese – non solo digitali – con quello della scuola”. Il CAMP ha tra i suoi scopi quelli di “costruire materiali didattici sull’imprenditorialità che, a partire dal prossimo anno scolastico, potranno essere messi a disposizione delle scuole italiane. I ragazzi ogni giorno sviluppano competenze specifiche e strutturate nei seguenti ambiti: imprenditoria, per comprendere gli ingredienti necessari a trasformare un’idea in un progetto, storytelling, per capire come la narrazione può aiutare a mettere a fuoco un’idea, digital marketing e social media, per trasformare i social network in uno strumento potente per diffondere i propri progetti e presentation design per imparare le principali regole di composizione grafica per trasmettere il proprio messaggio nel modo più efficace”. Insomma la scuola azienda, la scuola dell'imprenditorialità, dell'autoimprenditorialità, delle competenze ha iniziato a riscaldare i motori. D'altronde una delle principali contestazioni al ddl scuola ha riguardato proprio il suo assetto aziendalista, le preoccupazioni non riguardano solo la questione del dirigente con i poteri incrementati, non solo la questione della chiamata diretta, non solo la questione del precariato, o del classismo, ma soprattutto ciò che a scuola si deve insegnare, che studenti si vogliono istruire, educare, formare. Dalla scuola azienda non usciranno studenti consapevoli e critici verso il sistema, non usciranno cittadini, ma lavoratori con competenze come inculcate da chi investe ed investirà nel settore scolastico. Tutto il contrario della scuola della Costituzione.

Commenti

Post popolari in questo blog

Giorno del ricordo a Gorizia e agibilità democratica: Revocata sala gestita dalla provincia a resistenza storica

Era stato promosso dal gruppo di Resistenza Storica e sinistra goriziana antifascista, un convegno per il 10 febbraio dal seguente titolo, da svolgersi in Gorizia, presso il palazzo provinciale Attems:11 ANNI DI "GIORNO DEL RICORDO" Tra mistificazioni storiche e rivalutazione del fascismo. Questi gli interventi previsti: Alessandra KERSEVAN: Il ruolo della X Mas al confine orientale; Claudia CERNIGOI: Il "fenomeno" delle foibe e gli scomparsi da Gorizia nel maggio 1945; Sandi VOLK: 10 anni di onorificenze della legge del Ricordo; Piero PURINI: Gli esodi prima e dopo il secondo conflitto mondiale; Marco BARONE: "Volemo tornar". L'irredentismo del terzo millennio; nota di inquadramento storico e coordinamento del dibattito a cura di Marco PUPPINI. Contestualmente a ciò, nella stessa giornata, nella stessa città, ma in luogo diverso, è previsto il convegno organizzato dalla Lega Nazionale di Gorizia, con l'alto patrocinio della Prefettura, Provincia…

Se Babbo Natale ha ridimensionato San Nicolò

Ma è più sentito San Nicolò o Babbo Natale?

Questo è quanto mi domandavo notando tutta la serie di prodotti realizzati, i mercatini diffusi, le fiere e quant'altro si afferma in prossimità della notte tra il 5 e 6 dicembre. Così come mi domando, ma quanti conoscono la sua storia? Quanti sanno che tipo di santo protettore sarebbe?  Scommetto che le mani alzate sarebbero una manciata.  Ed a dirla tutta non interessa, interessa quel giorno solo scambiarsi qualche regalino, girovagare per le fiere, bere e mangiare.
San Nicolò, dicono, è un santo molto venerato in tutto il mondo, addirittura avrebbe carattere universale. Sarà. Ma in Italia ci sono su più di 8 mila Comuni solo una ventina di località, e qualche Comune, ad avere questo nome e sono poche le località dove viene festeggiato, soprattutto in alcune zone del Nord Est ed in Puglia.  Vi è chi dice che Babbo Natale altro non sia che praticamente il San Nicolò in chiave pienamente consumistica, che avrebbe tratto origine da qu…

Se toccare il seno della statua di Giulietta è di buon auspicio, perchè?

Città che vai, tradizione o superstizione che troverai. In pieno centro a Monaco vi è la statua di Giulietta, donata dalla città di Verona. Una foto con Giulietta è immancabile a Monaco così come toccare il suo seno destro è un gesto molto diffuso. Ed è stato toccato tante di quelle volte che  praticamente è stato consumato dalla "passione" dei passanti tanto che ha assunto una tonalità più chiara rispetto al resto della statua. Ma da dove nasce questa superstizione? Perchè toccare il seno destro di Giulietta sarebbe di buon auspicio? Ognuno avrà una sua risposta, e Giulietta non può fare altro che subire questo rito. Un rito che accomuna diverse città, perchè la statua di Giulietta la si può trovare in diverse località oltre ovviamente che a Verona. A Monaco ve ne sono due, una prima copia donata dalla Cassa di Risparmio di Verona nel 1974, si trova ai piedi della torre dell’antico municipio a Marienplatz. La seconda si trova nel parco di Shakespeare Platz. Monaco e Vero…