Passa ai contenuti principali

Ecco come la scuola azienda, dell'imprenditorialità, inizia a farsi “campo”


Uno dei tanti, così detti, emendamenti "migliorativi" introdotti alla Camera, approvato poi al Senato, sul noto ddl scuola, riguardava l'introduzione dell'educazione all'autoimprenditorialità nella scuola pubblica italiana, ovvero ex scuola pubblica, ora scuola azienda e delle competenze. Sul sito del Miur è visibile una comunicazione che evidenza quanto ora segue “Dal 29 giugno al 10 luglio, nella cornice di H-FARM, si tiene il primo H-SCHOOL ACCELERATION CAMP. Un progetto di formazione che vede protagonisti gli studenti vincitori di H-ACK SCHOOL, il primo hackathon completamente dedicato al mondo della scuola che si è tenuto a Milano il 17 e 18 marzo scorsi, nel contesto di GEC2015, il Congresso mondiale dell’imprenditorialità”. Ed ancora: “Il CAMP rappresenta una formula veloce, ma allo stesso tempo concreta, per favorire un primo passo nella direzione indicata nel Piano #LaBuonaScuola: far dialogare il mondo delle imprese – non solo digitali – con quello della scuola”. Il CAMP ha tra i suoi scopi quelli di “costruire materiali didattici sull’imprenditorialità che, a partire dal prossimo anno scolastico, potranno essere messi a disposizione delle scuole italiane. I ragazzi ogni giorno sviluppano competenze specifiche e strutturate nei seguenti ambiti: imprenditoria, per comprendere gli ingredienti necessari a trasformare un’idea in un progetto, storytelling, per capire come la narrazione può aiutare a mettere a fuoco un’idea, digital marketing e social media, per trasformare i social network in uno strumento potente per diffondere i propri progetti e presentation design per imparare le principali regole di composizione grafica per trasmettere il proprio messaggio nel modo più efficace”. Insomma la scuola azienda, la scuola dell'imprenditorialità, dell'autoimprenditorialità, delle competenze ha iniziato a riscaldare i motori. D'altronde una delle principali contestazioni al ddl scuola ha riguardato proprio il suo assetto aziendalista, le preoccupazioni non riguardano solo la questione del dirigente con i poteri incrementati, non solo la questione della chiamata diretta, non solo la questione del precariato, o del classismo, ma soprattutto ciò che a scuola si deve insegnare, che studenti si vogliono istruire, educare, formare. Dalla scuola azienda non usciranno studenti consapevoli e critici verso il sistema, non usciranno cittadini, ma lavoratori con competenze come inculcate da chi investe ed investirà nel settore scolastico. Tutto il contrario della scuola della Costituzione.

Commenti

Post popolari in questo blog

Dopo Macerata si continua a sparare. Guai a ridimensionare o normalizzare

Questa è una storia che non parte da lontano, per dovere di sintesi sarò breve e conciso. Da questa estate in Italia si è iniziato a scoprire il problema del fascismo. Fino a quel momento, soprattutto da chi oggi si professa dall'alto della suo essere grado istituzionale antifascista, era ignorato se non avvallato. Si è denunciato il rischio di fascismo passando dalle vicende ridicole della spiaggia fascista di Chioggia, agli adesivi di Anna Frank, alle bottiglie o calendari con la foto di Mussolini o Hitler. Quando per anni ed anni in questo Paese si è realizzata una vera connivenza con le peggiori istanze, legittimandole, democratizzandole e favorendone la diffusione. Perchè, si è detto, la democrazia vale per tutti, anche per chi sputa veleno sociale.
Il guaio è che è stato pompato all'ennesima potenza un problema che c'era ma non era così forte, impattante. La propaganda che doveva portare a vedere in alcune soggettività una sorta di salvezza messianica in materia di…

E' necessario il (prodotto) made in Friuli Venezia Giulia prima di essere annientati dalla "globalizzazione"

Il made in Italy è diventato uno slogan che non dice più niente. Diventato più funzionale a quella retorica che ha fatto il male dell'Italia che alla tutela dell'Italia. Dall'arte, alla cucina, dall'agricoltura, alla moda e si potrebbe continuare. Nell'Italia di oggi si rimpiange ciò che non è più italiano. Hanno distrutto le campagne, hanno distrutto le coltivazioni storiche, è stato mescolato tutto, per arrivare all'assurdità di cortocircuiti propri di una società totalmente sballata. La globalizzazione nell'economia ha comportato il saccheggio dell'Italia, l'appropriazione indebita di ciò che ha reso unico il nostro Paese nel mondo per perderci nella nullità dell'essere più niente e nessuno.

Siamo bravi a decantare od osannare bellezze e miti e leggende che attraversano la storia di ciò che è arrivato, nel bene o nel male a determinare l'Italia. Un Paese fittiziamente unito, che deve la sua vera forza ai regionalismi, localismi, che non so…

Si è entrati nel terzo anno della ricerca della verità per Giulio Regeni, con la politica persa nel silenzio di comodo

"Non è possibile normalizzare i rapporti con uno stato che tortura, uccide e nasconde oltraggiosamente la verità, se non a scapito della credibilità politica del nostro Paese e di chi lo rappresenta". Queste sono le parole della famiglia di Giulio.
Una tempesta sotto forma di parole. Parole dure, ma figlie di quella rabbia comprensibile di chi altro non ha potuto fare che constatare l'effettiva resa dell'Italia all'Egitto criminale, dove si continua a morire, a sparire, ad essere torturati, come è successo a Giulio.  Si dovrebbe dare un vero e proprio ultimatum all'Egitto, pretendendo quelle piccole cose, elementi fondamentali, per chiudere il cerchio. Ma l'Egitto ha preso in giro l'Italia e Giulio e la sua famiglia da sempre, depistaggi, menzogne, calunnie, infamie. La politica italiana si è persa in un silenzio di comodo, quel silenzio che ha caratterizzato, salvo qualche formula di rito, anche le massime Istituzioni. E questo silenzio fa male e …