Passa ai contenuti principali

Dopo la proposta di cancellare via D'Annunzio e restituire via Trieste a Ronchi partono le solite reazioni


La proposta di restituire a Ronchi la tradizionale via Trieste, revocando la via D'Annunzio, ha provocato le solite reazioni già viste per la questione dell'eliminazione del suffisso dei legionari di Ronchi ed il mantenimento del solo Ronchi come proposto dopo diversi dibattiti e consultazioni dal gruppo Ronchi dei Partigiani. Vi è chi come Ronchi pro patria, propone raccolta firme per mantenere lo status quo, perché a detta loro D'Annunzio darebbe lustro a Ronchi. Pratica fallimentare già attuata da precedenti comitati per la questione del mantenimento dei legionari. Chi vive a Ronchi ben sa che la via D'Annunzio è ancora chiamata come la via Trieste. E che sia D'Annunzio a dare lustro a Ronchi questa è una valutazione del tutto personale e per nulla condivisibile. D'altronde, come già ricordato nell'articolo come pubblicato da Luca Perrino, sul Piccolo del 21 luglio


mi pare evidente che soprattutto ora che si parla in modo critico e consapevole del centenario del grande massacro che è stata la prima guerra mondiale, che io chiamo la grande macelleria umana, smontando e ripudiando ogni retorica e demagogia populista, militarista, e nazionalista, Ronchi, avrebbe più lustro affermando con coraggio e determinazione una pulizia da tutte quelle tossine che inquinano la nostra storia, e D'Annunzio è una di queste tossine. La vicenda, drammatica, della Brigata Catanzaro docet. Alla quale lui ha in modo indegno dedicato anche una poesia, quando i soldati erano il "comandante" che cercavano per ribellarsi contro le scellerate decisioni di generali masochisti. Lo guardarono in faccia prima di essere fucilati. Chissà quanto odio provarono contro il megafono guerrafondaio italiano nella e per la grande guerra. Dice, invece, la Lega nazionale, che dovrei studiare la storia ed ancora una volta ritornano sul fatto che mi definisco blogger, come se ciò fosse un peccato. Beh, se qualcuno lo ha dimenticato, siamo nel terzo millennio, esistono diverse modalità di utilizzare la rete, diffondere le proprie opinioni, le proprie ricerche, studi, analisi, e la mia esperienza di blogger, anche a livello nazionale, è nota, curo un blog che ha quasi un milione di visite, scrivo da anni per diversi siti qualificati, mi occupo di diverse questioni, ed in particolare di quelle storiche, opponendomi ad ogni revisionismo o concetto di memoria condivisa. Son certo che se fossi stato cultore del revisionismo storico, del nazionalismo, e magari anticomunista, anti-internazionalista, e se non avessi preso posizione a tutela delle “minoranze” slovene in primo luogo, forse, da alcune realtà verrei giudicato in modo diverso. Pazienza. La vita continua. Disintossicare Ronchi in un contesto storico come quello attuale, da elementi nocivi, alcuni antesignani del fascismo, altri, complici del fascismo, è una battaglia che richiede tempo e verrà portata avanti con dedizione e con sodalizi anche nazionali e non. Abbiamo revocato la cittadinanza onoraria a Mussolini, dopo quasi un secolo, gesto che ha avuto effetto domino in Italia. Sarà così anche per la questione di D'Annunzio. Ronchi, in tal senso, farà scuola . Chi ha dato lustro a Ronchi sono certamente i partigiani, la resistenza, il sodalizio tra partigiani italiani e sloveni, i principi di fratellanza, solidarietà e libertà affermatisi proprio a Selz, che porteranno alla nostra Costituzione, e di questo che si deve andare orgogliosi, e non di un personaggio che ha fatto solo del male alla nostra cultura ed alla convivenza civile. Come dimenticare, ad esempio, gli insulti quali "schiaveria barbarica, scimmie e mandrie di porci" conferiti dal grande poeta, vate d'Italia, ai Croati? E' di questo che Ronchi deve essere orgogliosa alla luce della sua storia multiculturale e multietnica, antifascista? Ronchi è un piccolo borgo cosmopolita e D'Annunzio con ciò non c'entra proprio un fico secco. 

MarcoBarone 

qui risposta della Lega Nazionale di Gorizia


qui pagina facebook nata per difendere la via D'Annunzio in Ronchi

Commenti

Post popolari in questo blog

"Qua semo a Trieste e no se parla s'ciavo, qua se parla triestin e italian"

"Qua semo a Trieste e no se parla s'ciavo, qua se parla triestin e italian". Non mi sorprende la denuncia effettuata sul Piccolo di Trieste e pubblicata come lettera del giorno. Solo che questa volta chi ha subito tale aggressione verbale razzista ha avuto il coraggio di prendere carta e penna e scrivere e denunciare pubblicamente quanto accaduto. Diverse volte per i muri di Trieste sono apparse scritte che riportavano quel concetto bestiale e puntualmente e giustamente venivano rimosse. Ma non mi sorprende, perchè ciò in linea con i tempi. Tempi dove se un reato viene compiuto da un migrante viene percepito socialmente come più deprecabile rispetto a quello compiuto da un comune cittadino italiano. Tempi dove l'omofobia è una normalità, dove un Gay pride non può passare per ragioni di opportunità innanzi ad un Duomo, tempi dove qualcuno propone processioni riparatorie per sanare il peccato della marcia dell'amore del Gay pride.  Tempi dove ritornano i pregiudiz…

La nuova strage di migranti nel Mediterraneo era prevedibile e forse anche voluta nel nazismo del terzo millennio

Lo si sapeva. Lo si sapeva che in tarda primavera sarebbero ripresi gli sbarchi dalla Libia. Con i soliti schemi, metodi. Tutto era prevedibile, conoscibile. E qui la chiusura criminale della rotta balcanica non c'entra nulla. Viviamo in una società dove il più grande crimine di guerra mai compiuto e mai punito, quale il lancio delle bombe atomiche sul Giappone, viene quasi giustificato. Senza quelle bombe non sarebbe finita la seconda guerra mondiale, si dice. E per questo non si deve chiedere scusa. Sono certo che se quelle bombe le avesse lanciate la Russia, oggi si racconterebbe una storia diversa. Ma il mondo funziona così. L'Europa, costituita da Paesi ricchi, si chiude per non essere contaminata dalle razze inferiori. Sì, parlo di razze, si parlo di inferiori. Perché? Perché il fantomatico sentimento razzista di paura, trova in realtà il proprio fondamento in quel concetto di superiorità della razza pura del terzo millennio, che non deve essere intaccata dai poveracci …

A Gorizia si vuole chiudere la Commissione Territoriale? Bene. Allora chiudiamo anche Prefettura,Questura e Tribunale

Le Commissioni Territoriali sono gli organi deputati all’esame delle domande di protezione internazionale ed ospitare una simile struttura dovrebbe essere un grande onore vista la delicatezza e l'importanza delle questioni che tende ad affrontare. Ma a Gorizia non è così. E' stata percepita come un fastidio e dunque depotenziata. E' ovvio che se una città ospita una simile struttura vedrà una maggiore concentrazione di richiedenti asilo. Non è che scelgono Gorizia perchè è come Londra, Parigi o Berlino, visto che Gorizia non è neanche l'ombra di queste capitali. Ma per necessità. Una città che non si è mai strutturata per gestire tale situazione dove l'omissione di soccorso nei confronti dei migranti è diventata la normalità, dove si è abusato del sistema del volontariato. La politica dell'accoglienza diffusa è clamorosamente fallita nell'Isontino, anche per deboli ed inconsistenti politiche provinciali in materia ed anche regionali.  Eppure quella dell…