Passa ai contenuti principali

Dopo la proposta di cancellare via D'Annunzio e restituire via Trieste a Ronchi partono le solite reazioni


La proposta di restituire a Ronchi la tradizionale via Trieste, revocando la via D'Annunzio, ha provocato le solite reazioni già viste per la questione dell'eliminazione del suffisso dei legionari di Ronchi ed il mantenimento del solo Ronchi come proposto dopo diversi dibattiti e consultazioni dal gruppo Ronchi dei Partigiani. Vi è chi come Ronchi pro patria, propone raccolta firme per mantenere lo status quo, perché a detta loro D'Annunzio darebbe lustro a Ronchi. Pratica fallimentare già attuata da precedenti comitati per la questione del mantenimento dei legionari. Chi vive a Ronchi ben sa che la via D'Annunzio è ancora chiamata come la via Trieste. E che sia D'Annunzio a dare lustro a Ronchi questa è una valutazione del tutto personale e per nulla condivisibile. D'altronde, come già ricordato nell'articolo come pubblicato da Luca Perrino, sul Piccolo del 21 luglio


mi pare evidente che soprattutto ora che si parla in modo critico e consapevole del centenario del grande massacro che è stata la prima guerra mondiale, che io chiamo la grande macelleria umana, smontando e ripudiando ogni retorica e demagogia populista, militarista, e nazionalista, Ronchi, avrebbe più lustro affermando con coraggio e determinazione una pulizia da tutte quelle tossine che inquinano la nostra storia, e D'Annunzio è una di queste tossine. La vicenda, drammatica, della Brigata Catanzaro docet. Alla quale lui ha in modo indegno dedicato anche una poesia, quando i soldati erano il "comandante" che cercavano per ribellarsi contro le scellerate decisioni di generali masochisti. Lo guardarono in faccia prima di essere fucilati. Chissà quanto odio provarono contro il megafono guerrafondaio italiano nella e per la grande guerra. Dice, invece, la Lega nazionale, che dovrei studiare la storia ed ancora una volta ritornano sul fatto che mi definisco blogger, come se ciò fosse un peccato. Beh, se qualcuno lo ha dimenticato, siamo nel terzo millennio, esistono diverse modalità di utilizzare la rete, diffondere le proprie opinioni, le proprie ricerche, studi, analisi, e la mia esperienza di blogger, anche a livello nazionale, è nota, curo un blog che ha quasi un milione di visite, scrivo da anni per diversi siti qualificati, mi occupo di diverse questioni, ed in particolare di quelle storiche, opponendomi ad ogni revisionismo o concetto di memoria condivisa. Son certo che se fossi stato cultore del revisionismo storico, del nazionalismo, e magari anticomunista, anti-internazionalista, e se non avessi preso posizione a tutela delle “minoranze” slovene in primo luogo, forse, da alcune realtà verrei giudicato in modo diverso. Pazienza. La vita continua. Disintossicare Ronchi in un contesto storico come quello attuale, da elementi nocivi, alcuni antesignani del fascismo, altri, complici del fascismo, è una battaglia che richiede tempo e verrà portata avanti con dedizione e con sodalizi anche nazionali e non. Abbiamo revocato la cittadinanza onoraria a Mussolini, dopo quasi un secolo, gesto che ha avuto effetto domino in Italia. Sarà così anche per la questione di D'Annunzio. Ronchi, in tal senso, farà scuola . Chi ha dato lustro a Ronchi sono certamente i partigiani, la resistenza, il sodalizio tra partigiani italiani e sloveni, i principi di fratellanza, solidarietà e libertà affermatisi proprio a Selz, che porteranno alla nostra Costituzione, e di questo che si deve andare orgogliosi, e non di un personaggio che ha fatto solo del male alla nostra cultura ed alla convivenza civile. Come dimenticare, ad esempio, gli insulti quali "schiaveria barbarica, scimmie e mandrie di porci" conferiti dal grande poeta, vate d'Italia, ai Croati? E' di questo che Ronchi deve essere orgogliosa alla luce della sua storia multiculturale e multietnica, antifascista? Ronchi è un piccolo borgo cosmopolita e D'Annunzio con ciò non c'entra proprio un fico secco. 

MarcoBarone 

qui risposta della Lega Nazionale di Gorizia


qui pagina facebook nata per difendere la via D'Annunzio in Ronchi

Commenti

Post popolari in questo blog

E' necessario il (prodotto) made in Friuli Venezia Giulia prima di essere annientati dalla "globalizzazione"

Il made in Italy è diventato uno slogan che non dice più niente. Diventato più funzionale a quella retorica che ha fatto il male dell'Italia che alla tutela dell'Italia. Dall'arte, alla cucina, dall'agricoltura, alla moda e si potrebbe continuare. Nell'Italia di oggi si rimpiange ciò che non è più italiano. Hanno distrutto le campagne, hanno distrutto le coltivazioni storiche, è stato mescolato tutto, per arrivare all'assurdità di cortocircuiti propri di una società totalmente sballata. La globalizzazione nell'economia ha comportato il saccheggio dell'Italia, l'appropriazione indebita di ciò che ha reso unico il nostro Paese nel mondo per perderci nella nullità dell'essere più niente e nessuno.

Siamo bravi a decantare od osannare bellezze e miti e leggende che attraversano la storia di ciò che è arrivato, nel bene o nel male a determinare l'Italia. Un Paese fittiziamente unito, che deve la sua vera forza ai regionalismi, localismi, che non so…

Dopo Macerata si continua a sparare. Guai a ridimensionare o normalizzare

Questa è una storia che non parte da lontano, per dovere di sintesi sarò breve e conciso. Da questa estate in Italia si è iniziato a scoprire il problema del fascismo. Fino a quel momento, soprattutto da chi oggi si professa dall'alto della suo essere grado istituzionale antifascista, era ignorato se non avvallato. Si è denunciato il rischio di fascismo passando dalle vicende ridicole della spiaggia fascista di Chioggia, agli adesivi di Anna Frank, alle bottiglie o calendari con la foto di Mussolini o Hitler. Quando per anni ed anni in questo Paese si è realizzata una vera connivenza con le peggiori istanze, legittimandole, democratizzandole e favorendone la diffusione. Perchè, si è detto, la democrazia vale per tutti, anche per chi sputa veleno sociale.
Il guaio è che è stato pompato all'ennesima potenza un problema che c'era ma non era così forte, impattante. La propaganda che doveva portare a vedere in alcune soggettività una sorta di salvezza messianica in materia di…

Si è entrati nel terzo anno della ricerca della verità per Giulio Regeni, con la politica persa nel silenzio di comodo

"Non è possibile normalizzare i rapporti con uno stato che tortura, uccide e nasconde oltraggiosamente la verità, se non a scapito della credibilità politica del nostro Paese e di chi lo rappresenta". Queste sono le parole della famiglia di Giulio.
Una tempesta sotto forma di parole. Parole dure, ma figlie di quella rabbia comprensibile di chi altro non ha potuto fare che constatare l'effettiva resa dell'Italia all'Egitto criminale, dove si continua a morire, a sparire, ad essere torturati, come è successo a Giulio.  Si dovrebbe dare un vero e proprio ultimatum all'Egitto, pretendendo quelle piccole cose, elementi fondamentali, per chiudere il cerchio. Ma l'Egitto ha preso in giro l'Italia e Giulio e la sua famiglia da sempre, depistaggi, menzogne, calunnie, infamie. La politica italiana si è persa in un silenzio di comodo, quel silenzio che ha caratterizzato, salvo qualche formula di rito, anche le massime Istituzioni. E questo silenzio fa male e …