Passa ai contenuti principali

Dopo la proposta di cancellare via D'Annunzio e restituire via Trieste a Ronchi partono le solite reazioni


La proposta di restituire a Ronchi la tradizionale via Trieste, revocando la via D'Annunzio, ha provocato le solite reazioni già viste per la questione dell'eliminazione del suffisso dei legionari di Ronchi ed il mantenimento del solo Ronchi come proposto dopo diversi dibattiti e consultazioni dal gruppo Ronchi dei Partigiani. Vi è chi come Ronchi pro patria, propone raccolta firme per mantenere lo status quo, perché a detta loro D'Annunzio darebbe lustro a Ronchi. Pratica fallimentare già attuata da precedenti comitati per la questione del mantenimento dei legionari. Chi vive a Ronchi ben sa che la via D'Annunzio è ancora chiamata come la via Trieste. E che sia D'Annunzio a dare lustro a Ronchi questa è una valutazione del tutto personale e per nulla condivisibile. D'altronde, come già ricordato nell'articolo come pubblicato da Luca Perrino, sul Piccolo del 21 luglio


mi pare evidente che soprattutto ora che si parla in modo critico e consapevole del centenario del grande massacro che è stata la prima guerra mondiale, che io chiamo la grande macelleria umana, smontando e ripudiando ogni retorica e demagogia populista, militarista, e nazionalista, Ronchi, avrebbe più lustro affermando con coraggio e determinazione una pulizia da tutte quelle tossine che inquinano la nostra storia, e D'Annunzio è una di queste tossine. La vicenda, drammatica, della Brigata Catanzaro docet. Alla quale lui ha in modo indegno dedicato anche una poesia, quando i soldati erano il "comandante" che cercavano per ribellarsi contro le scellerate decisioni di generali masochisti. Lo guardarono in faccia prima di essere fucilati. Chissà quanto odio provarono contro il megafono guerrafondaio italiano nella e per la grande guerra. Dice, invece, la Lega nazionale, che dovrei studiare la storia ed ancora una volta ritornano sul fatto che mi definisco blogger, come se ciò fosse un peccato. Beh, se qualcuno lo ha dimenticato, siamo nel terzo millennio, esistono diverse modalità di utilizzare la rete, diffondere le proprie opinioni, le proprie ricerche, studi, analisi, e la mia esperienza di blogger, anche a livello nazionale, è nota, curo un blog che ha quasi un milione di visite, scrivo da anni per diversi siti qualificati, mi occupo di diverse questioni, ed in particolare di quelle storiche, opponendomi ad ogni revisionismo o concetto di memoria condivisa. Son certo che se fossi stato cultore del revisionismo storico, del nazionalismo, e magari anticomunista, anti-internazionalista, e se non avessi preso posizione a tutela delle “minoranze” slovene in primo luogo, forse, da alcune realtà verrei giudicato in modo diverso. Pazienza. La vita continua. Disintossicare Ronchi in un contesto storico come quello attuale, da elementi nocivi, alcuni antesignani del fascismo, altri, complici del fascismo, è una battaglia che richiede tempo e verrà portata avanti con dedizione e con sodalizi anche nazionali e non. Abbiamo revocato la cittadinanza onoraria a Mussolini, dopo quasi un secolo, gesto che ha avuto effetto domino in Italia. Sarà così anche per la questione di D'Annunzio. Ronchi, in tal senso, farà scuola . Chi ha dato lustro a Ronchi sono certamente i partigiani, la resistenza, il sodalizio tra partigiani italiani e sloveni, i principi di fratellanza, solidarietà e libertà affermatisi proprio a Selz, che porteranno alla nostra Costituzione, e di questo che si deve andare orgogliosi, e non di un personaggio che ha fatto solo del male alla nostra cultura ed alla convivenza civile. Come dimenticare, ad esempio, gli insulti quali "schiaveria barbarica, scimmie e mandrie di porci" conferiti dal grande poeta, vate d'Italia, ai Croati? E' di questo che Ronchi deve essere orgogliosa alla luce della sua storia multiculturale e multietnica, antifascista? Ronchi è un piccolo borgo cosmopolita e D'Annunzio con ciò non c'entra proprio un fico secco. 

MarcoBarone 

qui risposta della Lega Nazionale di Gorizia


qui pagina facebook nata per difendere la via D'Annunzio in Ronchi

Commenti

Post popolari in questo blog

Passo dopo passo il Nord è conquistato da chi vuole "l'indipendenza della Padania"

Ciò che non è entrato dalla porta principale, entra, anno dopo anno, passo dopo passo, in modo sistematico, con estrema pazienza ed intelligenza politica, dalle finestre che connotano la casa del Nord. Un Nord che è uscito con le ossa fratturate dalla crisi del 2007, divenuto isola felice per le mafie, per la corruzione, ma che ha continuato ad essere rispetto al Sud sempre il locomotore dell'Italia, Paese che sta all'Europa come il Sud Italia sta al Nord Italia. Ed il Nord non ci sta più. Pensiamo al Friuli Venezia Giulia, dove cortocircuiti storici sono anche visibili. Ovunque piazze dedicate all'Unità d'Italia che qui non poteva essere festeggiata perchè quando questa raggiunta non era mica contemplata l'Italia, ma si era in gran parte in quello che veniva definito come l'Impero felice a cui è stata anche dedicata una piazza e si continuano a dedicare statue o celebrarne i fasti nobiliari. E poi sarà in prima linea su due fronti di guerra catastrofici, la …

Salvare le scritte storiche sui muri delle nostre città dei tempi della guerra. Rischiano l'estinzione

Il Friuli Venezia Giulia è una polveriera storica impressionante. Anche se la storia che ovviamente si racconta di più e che ha sancito le sorti di quel presente che viviamo è quella del '900. Terra martoriata da due catastrofi mondiali e che ha rischiato, per la nota causa di Trieste, di scatenare anche la terza. Ci sono diverse testimonianze storiche di quel tempo, soprattutto della seconda guerra mondiale e delle fasi successive alla liberazione dal nazifascismo che caratterizzeranno le sorti di Trieste e dell'Isontino per diversi anni. Ad esempio si possono ancora oggi leggere in alcune località, come Monfalcone, Ronchi, delle scritte che inneggiano alla Jugoslavia, alla settima Repubblica Federativa Jugoslava. In rosso.
Sopravvissute al tempo, alla storia, alla memoria. Anche se a dire il vero ne sono rimaste solo una manciata e difficilmente leggibili. Ma anche per Trieste ci saranno testimonianze del genere come nelle località sicuramente interessate da questa contor…

Scuola tra docenti impotenti senza autorevolezza e autorità in una lotta per la sopravvivenza

I tempi del grembiule, delle bacchettate, delle punizioni dietro la lavagna o di altre amenità sono finiti da un pezzo come la scuola dell'ordine e della disciplina. Forse il grembiule potrebbe ritornare, o anche no, ovviamente non devono trovare alcuna dimensione e spazio violenze psicofisiche all'interno della scuola. Ma nel giro di un paio di generazioni che sono coincise da un lato con l'avvento di internet che ha tolto ogni freno inibitorio e dall'altro della scuola trasformata in luogo dove i docenti hanno perso ogni autorevolezza ed autorità, dove non contano più niente, non hanno più alcun potere, salvo qualche caso raro di abuso di mezzi di correzione e violenza che comunque vengono sanzionati a dovere ed utilizzati per demonizzare una intera categoria presa letteralmente a schiaffi ogni giorno, si è realizzato il disastro pieno. 
La scuola deve solo "vendere" un prodotto, che è il titolo di studio o diventare luogo di ammortizzatore sociale. Insegu…