Passa ai contenuti principali

A Gorizia continua l'indecenza contro i profughi

Portate vie coperte, zaini ed a quanto pare anche alcuni documenti ai richiedenti asilo che, in condizioni assolutamente precarie, indegne, dormono al parco della Rimembranza di Gorizia. Chiamata nuova operazione pulizia. A molti pare evidente lo scopo di tutto ciò. Fare capire ai richiedenti asilo, profughi, persone disperate,  e non clandestini, che Gorizia è inospitale, che a Gorizia l'ospitalità è diventata clandestina, che qui non vi è posto per i profughi, nonostante diverse potrebbero essere le soluzioni provvisorie e dignitose da adottare. L'accoglienza è anche un dovere giuridico non solo etico o morale. E questo in città molti dovrebbero ricordarselo. Ma si preferisce conferire l'esempio. Dalle denunce pregresse per chi violava l'ordinanza comunale, che sicuramente i richiedenti asilo conoscevano no?, alla operazione pulizia del parco con sottrazione di coperte ecc. Ora, pare evidente che la pulizia nel parco deve essere garantita, così come pare evidente che l'igiene pubblica debba essere garantita, ma non è certamente colpa e responsabilità dei profughi se sussiste quella situazione. Anzi, è proprio il contrario. Dove devono stare? Non avendo né una casa, non potendo neanche lavorare, non avendo un luogo ove pernottare? Perché sono semplicemente stati volutamente abbandonati a se stessi?  Ma quello che conta è conferire l'esempio, anche perché così poi si crea il passa parola. E l'effetto passa parola si è creato. Ma non quello sperato dai soliti noti. Sono tanti i cittadini di Gorizia e non che si sono attivati per la solidarietà. E' stato lanciato l'appello dall'organizzazione no profit Insieme con Voi, e la raccolta, almeno delle coperte, è partita. 



Nel mentre di tutto ciò vi è chi propone alla Commissione Europea una interrogazione scritta, neanche a dirlo una leghista iscritta al gruppo di estrema destra Europa delle Nazioni e della Libertà che parla solo ed espressamente di immigrati regolari, immigrati clandestini, mai di profughi. Termine, a quanto pare, a loro sconosciuto. Son certo che la Commissione Europea ricorderà a questi soggetti alcuni principi, che forse anche il Comune di Gorizia dovrebbe tenere ben a mente, come quelli normati nella carta europea fondamentale per i diritti umani, come l'articolo 1: “La dignità umana è inviolabile. Essa deve essere rispettata e tutelata.”, l'articolo 18: “Il diritto di asilo è garantito nel rispetto delle norme stabilite dalla convenzione di Ginevra del 28 luglio 1951 e dal protocollo del 31 gennaio 1967, relativi allo status dei rifugiati, e a norma del trattato che istituisce la Comunità europea”, come l'articolo 34 comma 3 “ Al fine di lottare contro l’esclusione sociale e la povertà, l’Unione riconosce e rispetta il diritto all’assistenza sociale e all’assistenza abitativa volte a garantire un’esistenza dignitosa a tutti coloro che non dispongano di risorse sufficienti, secondo le modalità stabilite dal diritto comunitario e le legislazioni e prassi nazionali.”. Ma in regione vi è anche chi chiede l'intervento dell'esercito per pattugliare i confini, e la Regione, il 20 luglio, comunica che sarebbe stato emanato un decreto, che non risulta ancora essere pubblicato, dunque non efficace, con il quale si proclama stato di emergenza per immigrazione con lo scopo primario di "attuare controlli sanitari e l'identificazione dei richiedenti asilo privi di collocazione". Ma il titolo, del comunicato stampa, parla di prima accoglienza. Ma in FVG  risulta l'emergenza immigrazione? O si tratta di espediente per sanare le mancanze come volute da alcuni Comuni? Insomma Gorizia, a livello di immagine, ne esce in modo pessimo, ma vi è una bella parte della città che si attiva per la solidarietà, contrariamente da chi, invece, propone presidi di 24 ore al parco della Rimembranza, che mi auguro la Questura e la Prefettura semplicemente possano vietare tempestivamente, le ronde vanno bandite e contrastate sul nascere, specialmente quando si tratta di situazioni che coinvolgono migranti, profughi, richiedenti asilo. 

Commenti

Post popolari in questo blog

Nova Gorica interrompa i rapporti con Gorizia

Non è la prima volta e non sarà forse neanche l'ultima volta che Gorizia e l'Italia dovranno vivere un sabato nero. Ricevere certi nostalgici è un qualcosa di veramente incomprensibile che continua a trovare spazio e legittimazione in una zona di confine come questa che ha conosciuto più che altrove le barbarie compiute soprattutto contro gli sloveni. Non è un caso che anche Gorizia ha avuto il suo Narodni dom. Il 4 novembre del 1926, sei anni dopo l'incendio del Narodni dom,un manipolo di fascisti, festeggiando la Celebrazione della vittoria, entrarono violentemente nelle sale del Trgovski Dom, gettando in cortile libri, mobili, oggetti, tutto quello che si poteva gettare venne gettato via fino a costituire un mucchio da bruciare. E bruciarono libri, documenti, mobili,oggetti, simboli, bruciarono l'identità slovena, il riscatto sloveno, tra una folla di cittadini che osservava anche applaudendo ed inneggiando Viva l'Italia. E' inaccettabile che nella Repubbli…

Clara Petacci è stata violentata ?

Chi è Clara Petacci? Chi sono i Partigiani? Domande legittime, anzi doverose perchè le nuove generazioni non conoscono la storia, e quando leggi che per molti studenti tedeschi Hitler altro non era che un democratico, allora comprendi che quando si parla di tematiche calde e delicate che hanno segnato la storia del secolo scorso, non si deve mai dare nulla per scontato. Nella serata del 6 luglio 2012 Rai tre,conosciuto come canale di sinistra, oggi io direi sinistra sinistrata, ha trasmesso un programma storico interessante che riguardava la Marcia su Roma, la morte ed i misteri di Mussolini. Il programma era la Grande Storia. Ha voluto conferire una diversa visione della verità storica ufficiale conferendo grande credito a teorie sostenute specialmente dai nostalgici del fascismo. Certo la storia o meglio la verità storica per essere tale non dovrebbe essere politicizzata, ma ciò è a dir poco impossibile visto il funzionamento della società. Ieri sera mi son voluto mettere nei panni di un …

Minoranza linguistica slovena, in Italia si guarda al modello danese?

Se c'è una cosa che andrà ricordata quasi come si ricordava l'Ave Maria è che se il FVG può vantare la sua specialità, il suo essere Regione a Statuto speciale è prevalentemente se non esclusivamente per il suo plurilinguismo. Oramai, è ahimè una constatazione di fatto, la lingua tedesca è parlata in pochissimi casi e realtà, si è fatto poco o nulla per difenderla ed incentivarla, resistono invece lo sloveno ed il friulano, nonostante siano tante le mancanze a partire dal bilinguismo visivo soprattutto violato nei confronti degli sloveni. Su 216 Comuni  in FVG la minoranza linguistica friulana è presente in 175 comuni, quella slovena in 32 e quella germanica in 5, cioè la quasi totalità dei Comuni ha una "minoranza linguistica". E visto che la minoranza germanica è a rischio di estinzione, l'attenzione deve essere alta.

E' un dato di fatto che in Italia vi è un deficit di democrazia importante, basta guardare le elezioni di marzo 2018, pochi mesi di campagna…