Passa ai contenuti principali

Oggi l'Istria per gli italiani in genere è solo un luogo dove viversi le vacanze

Neanche trent'anni è durata l'occupazione italiana in Istria, e trent'anni son bastati perché il fascismo attuasse tutte le sue politiche di italianizzazione forzata, di violenze contro gli sloveni, i comunisti, gli antifascisti, contro chi si rifiutava di chinarsi a quel partito ed al suo regime, in tanti preferivano morire di fame piuttosto che per dover mangiare avere la tessera del partito fascista. E non è un caso se la resistenza contro il fascismo nascerà prima in Slovenia che in Italia. Trent'anni son bastati per seminare odio, intolleranza e distruggere quell'armonizzazione che sussisteva tra italofoni e sloveni, all'interno delle salde mura edificate dall'Impero Austro Ungarico. Si sa i nazionalismi sono sempre stati un male per l'integrazione, per il multiculturalismo. Eppure qualcuno continua a dire e scrivere che l'Istria sarebbe italiana da secoli se non millenni, calunnia e falsità storica assoluta. 
Venendo  all'oggi, di questo nuovo secolo e millennio, ove per andare in Slovenia non è più necessario fermarsi al “confine”, è stata inaugurato sulla superstrada Capodistria-Isola il traforo San Marco ma il mancato bilinguismo a tutela della minoranza italiana ha fomentato ondate di polemiche e critiche. 
L'Unione Italiana ha giustamente rilevato che a livello statale la lingua italiana è riconosciuta quale lingua ufficiale accanto allo sloveno dall’art. 11 della Costituzione della Repubblica di Slovenia. L’uso ufficiale delle lingue minoritarie è regolato inoltre dallaLegge sul pubblico utilizzo della lingua slovena del 2004 la quale prevede, all’art. 3, che nei Comuni d’insediamento storico delle Comunità Nazionali Italiana e Ungherese l’utilizzo pubblico della lingua italiana, rispettivamente ungherese, venga garantito allo stesso modo nel quale viene assicurato l’utilizzo della lingua slovena, conformemente a quanto previsto dalle specifiche leggi in materia. Le leggi per il rispetto delle minoranza devono essere garantite, contrariamente da quello che accade a Trieste, giusto per citare un caso. 
Ma quello che deve indurre alla riflessione è quanto scritto da Stefano Lusa nel sito di radiocapodistria: 
“La presenza della minoranza italiana oggi sul territorio è effimera ed è confinata praticamente soltanto alla sua dimensione istituzionale. L’innegabile alto grado di tutela e la sua rappresentanza garantita sono servite principalmente come ottimo biglietto da visita per presentarsi in Europa e meno a fornire strumenti per chiedere che i diritti vengano rispettati. Sicuramente la tabella, con la mancata dicitura in italiano, non sarà una preoccupazione per il premier Miro Cerar, che domani taglierà il nastro e non lo è nemmeno per la Società autostrade che per ora ha pensato bene di non rispondere alla minoranza. A rispondere c’hanno pensato però i cittadini in rete e lo hanno fatto alla loro maniera. E’ bastata una lettera di protesta alla DARS per far emergere che per questa parte di Slovenia gli italiani sono un terribile scocciatura. Alla prova dei fatti il peso politico, culturale e sociale degli italiani in questo territorio è diventato quasi insignificante. Nessuno può negare che oggi più di ieri, nella nostra regione, la multiculturalità è più viva che mai, ma inutile illuderci, lo “spazio culturale italiano unitario” di cui Capodistria, Isola e Pirano indubbiamente facevano parte è quasi del tutto dissolto. Oggi, nei tre paesini della costa slovena le interazioni arrivano da Croazia, Bosnia, Serbia e dal resto dei Balcani”. 
Ed è vero, così come è innegabile che per gli italiani oggi l'Istria è un luogo dove andarsi a fare delle meravigliose vacanze, salvo per qualche nostalgico dell'italiano “brava gente” che confida, tramite organizzazione politiche irredentistiche che andrebbero bandite, nel “ritorno” dell'Istria all'Italia, ma se lo possono ben scordare, perché il futuro si chiama Europa, senza più nazionalismi e senza più confini. Certo, delle provocazioni ancora sussistono, tra il confine, senza più confine, tra Italia e Slovenia, e non devono essere sottovalutate, ma si tratta di sfoghi di persone che non avendo nulla di meglio da fare nella propria ordinaria giornata, si dilettano a trascorrere il loro tempo fomentando tensioni. Ma questi focolai non hanno più alcuna vita, periscono sul nascere, perché le nuove generazioni vogliono una società cosmopolita .

Marco Barone

Commenti

Post popolari in questo blog

"Qua semo a Trieste e no se parla s'ciavo, qua se parla triestin e italian"

"Qua semo a Trieste e no se parla s'ciavo, qua se parla triestin e italian". Non mi sorprende la denuncia effettuata sul Piccolo di Trieste e pubblicata come lettera del giorno. Solo che questa volta chi ha subito tale aggressione verbale razzista ha avuto il coraggio di prendere carta e penna e scrivere e denunciare pubblicamente quanto accaduto. Diverse volte per i muri di Trieste sono apparse scritte che riportavano quel concetto bestiale e puntualmente e giustamente venivano rimosse. Ma non mi sorprende, perchè ciò in linea con i tempi. Tempi dove se un reato viene compiuto da un migrante viene percepito socialmente come più deprecabile rispetto a quello compiuto da un comune cittadino italiano. Tempi dove l'omofobia è una normalità, dove un Gay pride non può passare per ragioni di opportunità innanzi ad un Duomo, tempi dove qualcuno propone processioni riparatorie per sanare il peccato della marcia dell'amore del Gay pride.  Tempi dove ritornano i pregiudiz…

La nuova strage di migranti nel Mediterraneo era prevedibile e forse anche voluta nel nazismo del terzo millennio

Lo si sapeva. Lo si sapeva che in tarda primavera sarebbero ripresi gli sbarchi dalla Libia. Con i soliti schemi, metodi. Tutto era prevedibile, conoscibile. E qui la chiusura criminale della rotta balcanica non c'entra nulla. Viviamo in una società dove il più grande crimine di guerra mai compiuto e mai punito, quale il lancio delle bombe atomiche sul Giappone, viene quasi giustificato. Senza quelle bombe non sarebbe finita la seconda guerra mondiale, si dice. E per questo non si deve chiedere scusa. Sono certo che se quelle bombe le avesse lanciate la Russia, oggi si racconterebbe una storia diversa. Ma il mondo funziona così. L'Europa, costituita da Paesi ricchi, si chiude per non essere contaminata dalle razze inferiori. Sì, parlo di razze, si parlo di inferiori. Perché? Perché il fantomatico sentimento razzista di paura, trova in realtà il proprio fondamento in quel concetto di superiorità della razza pura del terzo millennio, che non deve essere intaccata dai poveracci …

FVG pride se la marcia evita il duomo di Udine

Si svolgerà ad Udine il FVG Pride e la notizia del 15 maggio, quando è stato reso noto il percorso è che la marcia eviterà il duomo. Il comitato organizzatore, come è emerso al TG3 del FVG, ha deciso di evitare il duomo e di mantenere le vie "storiche" dove vi è stata maggiore accoglienza e soprattutto in sostanza per evitare polemiche ecc ecc. Che dire? Che passare davanti al duomo non sarebbe stata una provocazione, anche perchè quante persone che parteciperanno al Gay pride sono credenti o cattoliche? Ma in Italia siamo ancora a questi livelli, quasi da medioevo, e se posso capire le preoccupazioni di chi fino all'altro giorno non poteva neanche uscire di casa perchè omosessuale, perchè in questo Paese vi è un tasso di omofobia inquietante, allora da laico quello che auspico è che le processioni o manifestazioni religiose evitino da questo preciso momento luoghi simbolici importanti, come le scuole od i Municipi, per non turbare le coscienze di chi non è credente.
M…