Passa ai contenuti principali

Il partigiano Rutar Franz



Ci sono storie che a volte evidenziano l'assurdità della vita, vita dove sogni e speranze, aspirazioni ed ambizioni si perdono nel nulla, nel dramma di un momento, un momento in cui puoi aver conosciuto la voce della libertà, l'abbraccio della libertà o solo pensato di voler condividere questo momento. Franz, portava sempre nel portafoglio la lettera scritta dalla propria figlia, poche righe, che valevano il senso di una lotta contro il regime. E' anche per i propri figli che si è andati in montagna per combattere, per offrire loro un futuro senza discriminazioni razziali, senza odio, senza intolleranze, senza dittatura. Franz, nato nel 1910, ha combattuto con i partigiani sia in Slovenia che in Friuli Venezia Giulia.  Finita la guerra, appresa la notizia, il partigiano Franz si piombò come l'uomo più felice del mondo a casa per riabbracciare moglie e figli. Ma quell'abbraccio rimase impresso nella mente dei figli come un dramma, perché mai si realizzò. Un colpo alle spalle, un nazista, una camicia nera lo uccisero davanti ai suoi figli. Ucciso in quel 1945 che ha segnato, grazie al contributo determinante dei partigiani, sia italiani che sloveni, la caduta del nazifascismo. Ucciso a guerra finita da chi lui ha combattuto per offrire, al prezzo della vita, una società di fratellanza, di solidarietà al presente turbolento ed al futuro sospirato. Dramma che poi si è riflesso nella vita della sua famiglia.
La storia della resistenza è fatta da uomini e donne, ma anche da chi, famigliare, ha atteso il ritorno del proprio padre o della propria madre, dalle montagne, lì ove si lottava per quella libertà, per i diritti, che oggi giorno vengono metodicamente violentati.
Storia tratta dagli appunti della staffetta partigiana Elda Soranzio

Marco Barone

Commenti

Post popolari in questo blog

La nuova strage di migranti nel Mediterraneo era prevedibile e forse anche voluta nel nazismo del terzo millennio

Lo si sapeva. Lo si sapeva che in tarda primavera sarebbero ripresi gli sbarchi dalla Libia. Con i soliti schemi, metodi. Tutto era prevedibile, conoscibile. E qui la chiusura criminale della rotta balcanica non c'entra nulla. Viviamo in una società dove il più grande crimine di guerra mai compiuto e mai punito, quale il lancio delle bombe atomiche sul Giappone, viene quasi giustificato. Senza quelle bombe non sarebbe finita la seconda guerra mondiale, si dice. E per questo non si deve chiedere scusa. Sono certo che se quelle bombe le avesse lanciate la Russia, oggi si racconterebbe una storia diversa. Ma il mondo funziona così. L'Europa, costituita da Paesi ricchi, si chiude per non essere contaminata dalle razze inferiori. Sì, parlo di razze, si parlo di inferiori. Perché? Perché il fantomatico sentimento razzista di paura, trova in realtà il proprio fondamento in quel concetto di superiorità della razza pura del terzo millennio, che non deve essere intaccata dai poveracci …

Togliatti: "tutte le campagne circa le persecuzioni degli italiani in Jugoslavia sono calunnie e menzogne"

Togliatti nella prima pagina dell'Unità del 7 novembre 1946, racconta il suo viaggio a Belgrado e l'incontro con il Maresciallo Tito. "Il Maresciallo Tito mi ha dichiarato di essere disposto a consentire che Trieste appartenga all'Italia, cioè sia sotto la Sovranità della Repubblica italiana qualora l'Italia consenta di lasciare Gorizia alla Jugoslavia, città che anche secondo i dati del nostro ministero degli esteri è in prevalenza slava. La sola condizione che il Maresciallo Tito pone è che Trieste riceva in seno alla Repubblica italiana uno statuto autonomo effettivamente democratico che permetta ai triestini di governare la loro città ed il loro territorio secondo principi democratici". Alla domanda, cosa pensava di questa proposta, Togliatti, rispose: io penso che è ora di smetterla di servirsi della questione triestina per seminare discordia tra due popoli i quali sono entrambi popoli di lavoratori che debbono collaborare nel modo più stretto allo scop…

Il concerto di Trieste per la sofferenza degli innocenti ed il discorso assurdo di Arguello al Family Day

Domenica 25 giugno, alle ore 20.30, piazza Unità d’Italia, ospiterà il concerto “La sofferenza degli innocenti”, organizzato da Diocesi, Comunità Ebraica e il Comune di Trieste. Si legge che "composta da Kiko Argüello, iniziatore del Cammino Neocatecumenale, l'opera sinfonico-catechetica presenta la sofferenza di una madre ebrea, Maria di Nazareth, che vede uccidere suo figlio, una sofferenza inaudita che le attraversa l'anima, una spada, un dolore assimilato a quello di ogni madre davanti alla morte dei propri figli, vittime innocenti in tanti campi di concentramento come Auschwitz, Majdanek, Mauthausen, Treblinka, Trieste." Tutti coloro che parteciperanno a quel concerto dovrebbero avere ben ferme nella mente le parole assurde pronunciate da Argüello nel suo discorso, al Family day del 2015 a Roma,  tra le altre cose applaudito, con uno striscione enorme alle spalle con scritto "stop gender nelle scuole". Una riflessione che nasce sul femminicidio e da un…