Passa ai contenuti principali

Caso richiedenti asilo politico:Gorizia come un quartiere di Kabul?

La prima cosa che uno si domanda è: ma i richiedenti asilo erano a conoscenza dell'esistenza dell'ordinanza anti accampamento e dormitorio vigente per il noto parco della Rimembranza? In che modalità è stata a questi portata a conoscenza? In che lingua? L'intervento della questura, sul caso dei circa 40 richiedenti asilo politico, è chiaramente più che giuridico, politico, per dare un segnale alla città ma anche evidenziare che quello che potevano fare è stato fatto, ovvero una denuncia inutile che non produrrà alcun tipo di effetto, salvo forse qualche senso di timore, anche perché certamente non si può sbattere in galera una persona che si accampa in un parco, forse accadeva nel fascismo, ma questo regime sarebbe caduto da un pezzo, o sbaglio? Gorizia come un quartiere di Kabul, dice il Sindaco. Magari lo fosse, verrebbe da pensare per alcuni aspetti, perché Kabul è una metropoli cosmopolita, una metropoli che ha una infinità di bellezze, dai tipici bazar, ai musei internazionali, dal faro dell'indipendenza al palazzo reale e così via discorrendo. Ma certamente non era questo il pensiero del Sindaco attuale di Gorizia, anche perché Gorizia ha nella sua storia passata il suo essere centro multiculturale, e lo si può notare anche dalla significativa architettura diffusa per la città. Il problema è sempre lo stesso. Il regolamento di Dublino.Una volta che l’Italia ti ha preso in ‘carico’ si potrà finire nel Cara dove, teoricamente, l’accoglienza è disposta per il tempo necessario all’esame della domanda di asilo politico. Il lasso di tempo di permanenza nel Cara non dovrebbe superare i 35 giorni, ma può accadere che i tempi per avere una risposta si allunghino a dismisura, anche oltre i sei mesi,se dopo sei mesi dalla presentazione della domanda di protezione internazionale non è ancora stata presa una decisione sul caso, il richiedente avrà diritto a ricevere un permesso di soggiorno che avrà validità di ulteriori sei mesi e che gli consentirà di lavorare regolarmente fino a che la decisione non verrà presa. Ma, nell’attesa di ricevere questa risposta definitiva, il richiedente asilo politico non potrà lasciare l’Italia, perché se si spostasse in un altro Paese europeo rischierebbe di soggiornare irregolarmente, nonostante abbia avviato la procedura di asilo. Si tratta di persone imprigionate, che fuggono da situazioni determinate anche se non soprattutto da noi occidentali, e che hanno nella quasi totalità dei casi come unica prospettiva quella di andare oltre l'Italia. L'unica soluzione sarebbe quella di non identificarli, appena giunti nell'Italia intollerante, lasciare che possano attraversare il Paese per andare lì ove vogliono andare. Non è con la repressione, che si risolve tale questione. L'Italia si vanta di essere una potenza mondiale e come tale ha l'obbligo ed il dovere morale di attivarsi per aiutare queste persone, senza scaricare tutte le responsabilità solo sull'Europa che certamente ha delle colpe, ma l'Italia essendo la prima frontiera ha delle responsabilità morali, etiche e politiche più gravose. Il Sindaco si preoccupasse piuttosto del fatto che a Gorizia vi è una moria generale della città significativa, si preoccupasse del fatto che già dal tardo pomeriggio vede le sue strade essere sottoposte ad una sorta di coprifuoco, si preoccupasse su cosa si deve fare affinché Gorizia possa divenire città viva e non moribonda nel terzo millennio. La questione richiedenti asilo rischia di essere solo una sorta di deterrente, o distrazione, per non affrontare i reali problemi della città o forse per nascondere il proprio fallimento politico. 
E' innegabile che la questione richiedenti asilo debba essere  affrontata serenamente, e non con accanimento, ma è altrettanto innegabile che da mesi si parla solo di questo e non dei problemi reali e seri che affossano questa città che nel sistema di riforma degli Enti Locali, il suo peso politico in primis, rischia semplicemente di essere spazzato via.

Commenti

  1. Scusa ma qua il regolamento Dublino c'entra assai poco.
    Intanto non tutti i richiedenti in arrivo a Gorizia sono Dublinanti (questa è propaganda diffusa da Sap e Prefettura, attualmente gli arrivi riguardano tutte persone che giungono in Europa per la prima volta, e che se proprio hanno lasciato le impronte da qualche parte lo hanno fatto perchè costrette, in Bulgaria e Ungheria), e in ogni caso questo non fa automaticamente di loro dei senza tetto. Finisce in strada chi trova già piene le strutture di accoglienza esistenti. I più "fortunati" trovano accoglienza notturna presso il dormitorio cittadino gestito da Caritas (che devono abbandonare comunque la mattina presto, e che non fornisce pasti), gli altri si devono arrangiare, supportati solo dal gruppetto di volontari cittadini che da mesi tira avanti a fatica.
    Il fatto che si trovino a dormire al parco dipende dall'inerzia della Prefettura, che da mesi continua a elaborare solo soluzioni tampone ad un fenomeno assolutamente contenuto e piuttosto prevedibile (è arrivata l'estate, aumentano gli arrivi, sorpresa?!). Sono due mesi che dovrebbe partire se non altro l'accoglienza nei CAS (Centri di Accoglienza Straordinaria) nell'isontino, come da bando indetto dalla stessa Prefettura, eppure tutto si muove lentamente (anche grazie a quei SIndaci contrari alla presenza di migranti sul proprio territorio), e l'unica "soluzione" è quella di trasformare il CIE in un CARA. Peraltro, in nessun CARA d'Italia i tempi di permanenza sono 35 giorni, è una prassi ampiamente ignorata.
    Qua il problema non è che si parla solo di questo da mesi (che poi...davvero?), ma che se ne parla quasi esclusivamente con scarsa cognizione di causa.

    RispondiElimina

Posta un commento

Post popolari in questo blog

E' necessario il (prodotto) made in Friuli Venezia Giulia prima di essere annientati dalla "globalizzazione"

Il made in Italy è diventato uno slogan che non dice più niente. Diventato più funzionale a quella retorica che ha fatto il male dell'Italia che alla tutela dell'Italia. Dall'arte, alla cucina, dall'agricoltura, alla moda e si potrebbe continuare. Nell'Italia di oggi si rimpiange ciò che non è più italiano. Hanno distrutto le campagne, hanno distrutto le coltivazioni storiche, è stato mescolato tutto, per arrivare all'assurdità di cortocircuiti propri di una società totalmente sballata. La globalizzazione nell'economia ha comportato il saccheggio dell'Italia, l'appropriazione indebita di ciò che ha reso unico il nostro Paese nel mondo per perderci nella nullità dell'essere più niente e nessuno.

Siamo bravi a decantare od osannare bellezze e miti e leggende che attraversano la storia di ciò che è arrivato, nel bene o nel male a determinare l'Italia. Un Paese fittiziamente unito, che deve la sua vera forza ai regionalismi, localismi, che non so…

Dopo Macerata si continua a sparare. Guai a ridimensionare o normalizzare

Questa è una storia che non parte da lontano, per dovere di sintesi sarò breve e conciso. Da questa estate in Italia si è iniziato a scoprire il problema del fascismo. Fino a quel momento, soprattutto da chi oggi si professa dall'alto della suo essere grado istituzionale antifascista, era ignorato se non avvallato. Si è denunciato il rischio di fascismo passando dalle vicende ridicole della spiaggia fascista di Chioggia, agli adesivi di Anna Frank, alle bottiglie o calendari con la foto di Mussolini o Hitler. Quando per anni ed anni in questo Paese si è realizzata una vera connivenza con le peggiori istanze, legittimandole, democratizzandole e favorendone la diffusione. Perchè, si è detto, la democrazia vale per tutti, anche per chi sputa veleno sociale.
Il guaio è che è stato pompato all'ennesima potenza un problema che c'era ma non era così forte, impattante. La propaganda che doveva portare a vedere in alcune soggettività una sorta di salvezza messianica in materia di…

Si è entrati nel terzo anno della ricerca della verità per Giulio Regeni, con la politica persa nel silenzio di comodo

"Non è possibile normalizzare i rapporti con uno stato che tortura, uccide e nasconde oltraggiosamente la verità, se non a scapito della credibilità politica del nostro Paese e di chi lo rappresenta". Queste sono le parole della famiglia di Giulio.
Una tempesta sotto forma di parole. Parole dure, ma figlie di quella rabbia comprensibile di chi altro non ha potuto fare che constatare l'effettiva resa dell'Italia all'Egitto criminale, dove si continua a morire, a sparire, ad essere torturati, come è successo a Giulio.  Si dovrebbe dare un vero e proprio ultimatum all'Egitto, pretendendo quelle piccole cose, elementi fondamentali, per chiudere il cerchio. Ma l'Egitto ha preso in giro l'Italia e Giulio e la sua famiglia da sempre, depistaggi, menzogne, calunnie, infamie. La politica italiana si è persa in un silenzio di comodo, quel silenzio che ha caratterizzato, salvo qualche formula di rito, anche le massime Istituzioni. E questo silenzio fa male e …