Passa ai contenuti principali

Scuola: svolgere le prove Invalsi oltre i giorni programmati è inutile ed illegittimo

Circolano con insistenza diverse voci che vogliono il posticipo delle prove Invalsi, oltre la giornata come calendarizzata e comunicata da tale Ente il 27 aprile. Questo perché, come è noto, anche il sei maggio ci sarà sciopero, e lo sciopero cade nella giornata delle prove Invalsi. Ora, pare evidente che uno spostamento arbitrario, unilaterale disposto dalla Dirigenza Scolastica, oltre che ad essere passibile di valutazione di comportamento antisindacale, è semplicemente inutile ed anche illegittimo. L'Invalsi ha già comunicato che le scuole possono al massimo, per quanto riguarda le giornate coinvolte dalle prove, avere autonomia solo sulla base dell'orario, poiché “gli orari indicati hanno valore orientativo e sono pensati per consentire un sereno svolgimento delle prove. Il Dirigente scolastico potrà quindi decidere di anticipare l’inizio delle prove, prestando comunque particolare attenzione alla necessità che siano previsti tempi adeguati per la realizzazione di tutte le operazioni”. Dunque non è possibile spostare le prove dell'Invalsi ad altra data, salvo nell'unico caso previsto e normato, seppur attraverso notine, ovvero una comunicazione preventiva che doveva avvenire entro dicembre per ragioni meramente organizzative.  Le prove vanno svolte entro le date previste, anche perché, come ricorda in via generica lo stesso Invalsi “il mancato raggiungimento di questo fondamentale obiettivo comporterebbe la rilevazione di dati privi di significato o addirittura fuorvianti e costituirebbe uno spreco di tempo e di denaro per le scuole stesse e per l’INVALSI. È cruciale che la rilevazione 2014‐2015 si svolga in modo corretto come è sostanzialmente avvenuto nelle edizioni degli anni passati in cui le analisi statistiche per rilevare dati anomali e comportamenti “opportunistici” (il cosiddetto cheating), che saranno utilizzate anche quest’anno, non hanno fatto emergere situazioni di particolare preoccupazione”. 
Dunque si tratterebbe di prove, se svolte oltre i giorni previsti, semplicemente inutilizzabili per i fini statistici e di rilevazione. Uno spostamento del genere comporterebbe anche l'ennesima interruzione dell'attività didattica ordinaria, visto che le prove dell'Invalsi non sono attività didattica, comporterebbe una violazione sistematica delle prerogative degli Organi Collegiali, del POF, della programmazione annuale. Certo, probabilmente l'utilità di questo spostamento risponde forse ad un capriccio di alcuni dirigenti scolastici, che vogliono dimostrare la loro assoluta fedeltà a questo sistema, però qui stiamo andando oltre ogni buon senso.

Commenti

Post popolari in questo blog

Giorno del ricordo a Gorizia e agibilità democratica: Revocata sala gestita dalla provincia a resistenza storica

Era stato promosso dal gruppo di Resistenza Storica e sinistra goriziana antifascista, un convegno per il 10 febbraio dal seguente titolo, da svolgersi in Gorizia, presso il palazzo provinciale Attems:11 ANNI DI "GIORNO DEL RICORDO" Tra mistificazioni storiche e rivalutazione del fascismo. Questi gli interventi previsti: Alessandra KERSEVAN: Il ruolo della X Mas al confine orientale; Claudia CERNIGOI: Il "fenomeno" delle foibe e gli scomparsi da Gorizia nel maggio 1945; Sandi VOLK: 10 anni di onorificenze della legge del Ricordo; Piero PURINI: Gli esodi prima e dopo il secondo conflitto mondiale; Marco BARONE: "Volemo tornar". L'irredentismo del terzo millennio; nota di inquadramento storico e coordinamento del dibattito a cura di Marco PUPPINI. Contestualmente a ciò, nella stessa giornata, nella stessa città, ma in luogo diverso, è previsto il convegno organizzato dalla Lega Nazionale di Gorizia, con l'alto patrocinio della Prefettura, Provincia…

Se Babbo Natale ha ridimensionato San Nicolò

Ma è più sentito San Nicolò o Babbo Natale?

Questo è quanto mi domandavo notando tutta la serie di prodotti realizzati, i mercatini diffusi, le fiere e quant'altro si afferma in prossimità della notte tra il 5 e 6 dicembre. Così come mi domando, ma quanti conoscono la sua storia? Quanti sanno che tipo di santo protettore sarebbe?  Scommetto che le mani alzate sarebbero una manciata.  Ed a dirla tutta non interessa, interessa quel giorno solo scambiarsi qualche regalino, girovagare per le fiere, bere e mangiare.
San Nicolò, dicono, è un santo molto venerato in tutto il mondo, addirittura avrebbe carattere universale. Sarà. Ma in Italia ci sono su più di 8 mila Comuni solo una ventina di località, e qualche Comune, ad avere questo nome e sono poche le località dove viene festeggiato, soprattutto in alcune zone del Nord Est ed in Puglia.  Vi è chi dice che Babbo Natale altro non sia che praticamente il San Nicolò in chiave pienamente consumistica, che avrebbe tratto origine da qu…

Se toccare il seno della statua di Giulietta è di buon auspicio, perchè?

Città che vai, tradizione o superstizione che troverai. In pieno centro a Monaco vi è la statua di Giulietta, donata dalla città di Verona. Una foto con Giulietta è immancabile a Monaco così come toccare il suo seno destro è un gesto molto diffuso. Ed è stato toccato tante di quelle volte che  praticamente è stato consumato dalla "passione" dei passanti tanto che ha assunto una tonalità più chiara rispetto al resto della statua. Ma da dove nasce questa superstizione? Perchè toccare il seno destro di Giulietta sarebbe di buon auspicio? Ognuno avrà una sua risposta, e Giulietta non può fare altro che subire questo rito. Un rito che accomuna diverse città, perchè la statua di Giulietta la si può trovare in diverse località oltre ovviamente che a Verona. A Monaco ve ne sono due, una prima copia donata dalla Cassa di Risparmio di Verona nel 1974, si trova ai piedi della torre dell’antico municipio a Marienplatz. La seconda si trova nel parco di Shakespeare Platz. Monaco e Vero…