Passa ai contenuti principali

Scuola: svolgere le prove Invalsi oltre i giorni programmati è inutile ed illegittimo

Circolano con insistenza diverse voci che vogliono il posticipo delle prove Invalsi, oltre la giornata come calendarizzata e comunicata da tale Ente il 27 aprile. Questo perché, come è noto, anche il sei maggio ci sarà sciopero, e lo sciopero cade nella giornata delle prove Invalsi. Ora, pare evidente che uno spostamento arbitrario, unilaterale disposto dalla Dirigenza Scolastica, oltre che ad essere passibile di valutazione di comportamento antisindacale, è semplicemente inutile ed anche illegittimo. L'Invalsi ha già comunicato che le scuole possono al massimo, per quanto riguarda le giornate coinvolte dalle prove, avere autonomia solo sulla base dell'orario, poiché “gli orari indicati hanno valore orientativo e sono pensati per consentire un sereno svolgimento delle prove. Il Dirigente scolastico potrà quindi decidere di anticipare l’inizio delle prove, prestando comunque particolare attenzione alla necessità che siano previsti tempi adeguati per la realizzazione di tutte le operazioni”. Dunque non è possibile spostare le prove dell'Invalsi ad altra data, salvo nell'unico caso previsto e normato, seppur attraverso notine, ovvero una comunicazione preventiva che doveva avvenire entro dicembre per ragioni meramente organizzative.  Le prove vanno svolte entro le date previste, anche perché, come ricorda in via generica lo stesso Invalsi “il mancato raggiungimento di questo fondamentale obiettivo comporterebbe la rilevazione di dati privi di significato o addirittura fuorvianti e costituirebbe uno spreco di tempo e di denaro per le scuole stesse e per l’INVALSI. È cruciale che la rilevazione 2014‐2015 si svolga in modo corretto come è sostanzialmente avvenuto nelle edizioni degli anni passati in cui le analisi statistiche per rilevare dati anomali e comportamenti “opportunistici” (il cosiddetto cheating), che saranno utilizzate anche quest’anno, non hanno fatto emergere situazioni di particolare preoccupazione”. 
Dunque si tratterebbe di prove, se svolte oltre i giorni previsti, semplicemente inutilizzabili per i fini statistici e di rilevazione. Uno spostamento del genere comporterebbe anche l'ennesima interruzione dell'attività didattica ordinaria, visto che le prove dell'Invalsi non sono attività didattica, comporterebbe una violazione sistematica delle prerogative degli Organi Collegiali, del POF, della programmazione annuale. Certo, probabilmente l'utilità di questo spostamento risponde forse ad un capriccio di alcuni dirigenti scolastici, che vogliono dimostrare la loro assoluta fedeltà a questo sistema, però qui stiamo andando oltre ogni buon senso.

Commenti

Post popolari in questo blog

Dopo Macerata si continua a sparare. Guai a ridimensionare o normalizzare

Questa è una storia che non parte da lontano, per dovere di sintesi sarò breve e conciso. Da questa estate in Italia si è iniziato a scoprire il problema del fascismo. Fino a quel momento, soprattutto da chi oggi si professa dall'alto della suo essere grado istituzionale antifascista, era ignorato se non avvallato. Si è denunciato il rischio di fascismo passando dalle vicende ridicole della spiaggia fascista di Chioggia, agli adesivi di Anna Frank, alle bottiglie o calendari con la foto di Mussolini o Hitler. Quando per anni ed anni in questo Paese si è realizzata una vera connivenza con le peggiori istanze, legittimandole, democratizzandole e favorendone la diffusione. Perchè, si è detto, la democrazia vale per tutti, anche per chi sputa veleno sociale.
Il guaio è che è stato pompato all'ennesima potenza un problema che c'era ma non era così forte, impattante. La propaganda che doveva portare a vedere in alcune soggettività una sorta di salvezza messianica in materia di…

E' necessario il (prodotto) made in Friuli Venezia Giulia prima di essere annientati dalla "globalizzazione"

Il made in Italy è diventato uno slogan che non dice più niente. Diventato più funzionale a quella retorica che ha fatto il male dell'Italia che alla tutela dell'Italia. Dall'arte, alla cucina, dall'agricoltura, alla moda e si potrebbe continuare. Nell'Italia di oggi si rimpiange ciò che non è più italiano. Hanno distrutto le campagne, hanno distrutto le coltivazioni storiche, è stato mescolato tutto, per arrivare all'assurdità di cortocircuiti propri di una società totalmente sballata. La globalizzazione nell'economia ha comportato il saccheggio dell'Italia, l'appropriazione indebita di ciò che ha reso unico il nostro Paese nel mondo per perderci nella nullità dell'essere più niente e nessuno.

Siamo bravi a decantare od osannare bellezze e miti e leggende che attraversano la storia di ciò che è arrivato, nel bene o nel male a determinare l'Italia. Un Paese fittiziamente unito, che deve la sua vera forza ai regionalismi, localismi, che non so…

Si è entrati nel terzo anno della ricerca della verità per Giulio Regeni, con la politica persa nel silenzio di comodo

"Non è possibile normalizzare i rapporti con uno stato che tortura, uccide e nasconde oltraggiosamente la verità, se non a scapito della credibilità politica del nostro Paese e di chi lo rappresenta". Queste sono le parole della famiglia di Giulio.
Una tempesta sotto forma di parole. Parole dure, ma figlie di quella rabbia comprensibile di chi altro non ha potuto fare che constatare l'effettiva resa dell'Italia all'Egitto criminale, dove si continua a morire, a sparire, ad essere torturati, come è successo a Giulio.  Si dovrebbe dare un vero e proprio ultimatum all'Egitto, pretendendo quelle piccole cose, elementi fondamentali, per chiudere il cerchio. Ma l'Egitto ha preso in giro l'Italia e Giulio e la sua famiglia da sempre, depistaggi, menzogne, calunnie, infamie. La politica italiana si è persa in un silenzio di comodo, quel silenzio che ha caratterizzato, salvo qualche formula di rito, anche le massime Istituzioni. E questo silenzio fa male e …