Passa ai contenuti principali

Scuola: svolgere le prove Invalsi oltre i giorni programmati è inutile ed illegittimo

Circolano con insistenza diverse voci che vogliono il posticipo delle prove Invalsi, oltre la giornata come calendarizzata e comunicata da tale Ente il 27 aprile. Questo perché, come è noto, anche il sei maggio ci sarà sciopero, e lo sciopero cade nella giornata delle prove Invalsi. Ora, pare evidente che uno spostamento arbitrario, unilaterale disposto dalla Dirigenza Scolastica, oltre che ad essere passibile di valutazione di comportamento antisindacale, è semplicemente inutile ed anche illegittimo. L'Invalsi ha già comunicato che le scuole possono al massimo, per quanto riguarda le giornate coinvolte dalle prove, avere autonomia solo sulla base dell'orario, poiché “gli orari indicati hanno valore orientativo e sono pensati per consentire un sereno svolgimento delle prove. Il Dirigente scolastico potrà quindi decidere di anticipare l’inizio delle prove, prestando comunque particolare attenzione alla necessità che siano previsti tempi adeguati per la realizzazione di tutte le operazioni”. Dunque non è possibile spostare le prove dell'Invalsi ad altra data, salvo nell'unico caso previsto e normato, seppur attraverso notine, ovvero una comunicazione preventiva che doveva avvenire entro dicembre per ragioni meramente organizzative.  Le prove vanno svolte entro le date previste, anche perché, come ricorda in via generica lo stesso Invalsi “il mancato raggiungimento di questo fondamentale obiettivo comporterebbe la rilevazione di dati privi di significato o addirittura fuorvianti e costituirebbe uno spreco di tempo e di denaro per le scuole stesse e per l’INVALSI. È cruciale che la rilevazione 2014‐2015 si svolga in modo corretto come è sostanzialmente avvenuto nelle edizioni degli anni passati in cui le analisi statistiche per rilevare dati anomali e comportamenti “opportunistici” (il cosiddetto cheating), che saranno utilizzate anche quest’anno, non hanno fatto emergere situazioni di particolare preoccupazione”. 
Dunque si tratterebbe di prove, se svolte oltre i giorni previsti, semplicemente inutilizzabili per i fini statistici e di rilevazione. Uno spostamento del genere comporterebbe anche l'ennesima interruzione dell'attività didattica ordinaria, visto che le prove dell'Invalsi non sono attività didattica, comporterebbe una violazione sistematica delle prerogative degli Organi Collegiali, del POF, della programmazione annuale. Certo, probabilmente l'utilità di questo spostamento risponde forse ad un capriccio di alcuni dirigenti scolastici, che vogliono dimostrare la loro assoluta fedeltà a questo sistema, però qui stiamo andando oltre ogni buon senso.

Commenti

Post popolari in questo blog

Passo dopo passo il Nord è conquistato da chi vuole "l'indipendenza della Padania"

Ciò che non è entrato dalla porta principale, entra, anno dopo anno, passo dopo passo, in modo sistematico, con estrema pazienza ed intelligenza politica, dalle finestre che connotano la casa del Nord. Un Nord che è uscito con le ossa fratturate dalla crisi del 2007, divenuto isola felice per le mafie, per la corruzione, ma che ha continuato ad essere rispetto al Sud sempre il locomotore dell'Italia, Paese che sta all'Europa come il Sud Italia sta al Nord Italia. Ed il Nord non ci sta più. Pensiamo al Friuli Venezia Giulia, dove cortocircuiti storici sono anche visibili. Ovunque piazze dedicate all'Unità d'Italia che qui non poteva essere festeggiata perchè quando questa raggiunta non era mica contemplata l'Italia, ma si era in gran parte in quello che veniva definito come l'Impero felice a cui è stata anche dedicata una piazza e si continuano a dedicare statue o celebrarne i fasti nobiliari. E poi sarà in prima linea su due fronti di guerra catastrofici, la …

Quel grave gesto di farsi fotografare alla tomba di Giulio Regeni. Violato il rispetto

Ci sono tombe diventate luoghi cult come quella di Jim Morrison, Oscar Wilde, che le guide turistiche non possono non indicare perchè è così che va il mondo. Ci sono tombe che sono espressione della grandezza storica di certi e dati eventi, come quelle dei partigiani, tutti luoghi dove farsi fotografare è legittimo. E poi ci sono luoghi dove dovrebbe governare l'assoluto buon senso e senso del rispetto. Siamo oramai entrati nel pieno del terzo anno dalla scomparsa di Giulio, tre anni di atroci e durissime lotte da parte della famiglia prima di tutto, tre anni alla ricerca continua e costante di quella verità per Giulio che è stata negata, compromessa, a colpi di effetti teatrali, menzogne, depistaggi, con l'aggravante di chi ha rappresentato l'Italia di effettivamente chinarsi ed arrendersi al torto di stato del compromesso. Se nel corso di questi anni praticamente non è mai circolata la foto della tomba di Giulio, qualcuno si sarà posto un minimo perchè? Già la famiglia …

Se toccare il seno della statua di Giulietta è di buon auspicio, perchè?

Città che vai, tradizione o superstizione che troverai. In pieno centro a Monaco vi è la statua di Giulietta, donata dalla città di Verona. Una foto con Giulietta è immancabile a Monaco così come toccare il suo seno destro è un gesto molto diffuso. Ed è stato toccato tante di quelle volte che  praticamente è stato consumato dalla "passione" dei passanti tanto che ha assunto una tonalità più chiara rispetto al resto della statua. Ma da dove nasce questa superstizione? Perchè toccare il seno destro di Giulietta sarebbe di buon auspicio? Ognuno avrà una sua risposta, e Giulietta non può fare altro che subire questo rito. Un rito che accomuna diverse città, perchè la statua di Giulietta la si può trovare in diverse località oltre ovviamente che a Verona. A Monaco ve ne sono due, una prima copia donata dalla Cassa di Risparmio di Verona nel 1974, si trova ai piedi della torre dell’antico municipio a Marienplatz. La seconda si trova nel parco di Shakespeare Platz. Monaco e Vero…