Passa ai contenuti principali

Cent'anni fa l'Italia condannò a morte milioni di persone


Oltre 650 mila soldati italiani caduti, circa 650 mila furono quelli dell'esercito austro-ungarico sul fronte italiano, combattendo contro gli italiani, per non parlare dei morti civili in Italia oltre 500 mila per gli effetti della guerra, oltre un milione i feriti e 700 mila invalidi. Una strage che ha annientato in colpo solo secoli di convivenza tra diversi popoli.
Il tuo vicino di casa, ora, era il tuo nemico.
Perché così è stato deciso tra acclamazioni, urla, esaltazioni, nelle stanze della Roma imperiale, seguace di quel risorgimento sanguinario male e cancro di questo Paese, perché da quel momento nulla sarà come prima.

Una strage che venne acclamata consapevolmente, con il grido viva l'Italia, quando nel 20 maggio del 1915 la Camera, conferirà al Re poteri straordinari in caso di guerra, sancendo di fatto l'effettiva entrata in guerra dell'Italia contro i propri alleati , che verrà formalizzata il 23 maggio ed il 24 maggio del 1915 ci sarà il primo colpo esploso contro il nemico, che fino a pochi giorni prima era alleato. Morte, sangue, distruzione. Nessuna esaltazione, celebrazione, può oggi ed in questi giorni trovare luogo,o meglio non dovrebbe, perché così non sarà. Vi è la necessità di sigillare l'orgoglio nazionale, sul sangue e la pelle, sulla morte e lo strazio di milioni di persone condannate a morte per l'atto scellerato dell'Italia che ben avrebbe potuto mantenere lo stato di neutralità ma ciò non accadde. Cadde l'umanità in quella macelleria umana. Lutto e critica, lutto e condanna, lutto e consapevolezza, altro che inni, staffette o parate e manifestazioni in stile da ventennio. Una notte buia ha attraversato il cielo d'Italia in questo centenario. Luci spente, vento e violento silenzio. Piove qui nel lontano nord est, tra Gorizia e Trieste, piove. Città sconosciute ai più quel 1915, partirono per combattere una guerra senza sapere il perché la si combatteva, per cosa. Gorizia e Trieste cosa voi siete? Reticolati, trincea, fango e puzza di morte. Si conviveva con la morte, tanto che non si capiva più la differenza tra l'essere vivi e morti. Una confusione tra vita e morte che ha partorito una bestialità immane, eroi. Ma quali eroi. Strappati dalle loro terre, dalle braccia delle loro madri, mogli, famiglie. Non volevano essere eroi. Non volevano la guerra. Ma combatterono una guerra e divennero eroi senza averlo mai chiesto e voluto. Chi osava la fuga, veniva fucilato, punito, recluso. La terra vi è sempre stata, l'uomo, invece, no. Cent'anni fa l'Italia condanno a morte milioni di persone, italiani che persero la vita per l'Italia, austriaci ed ungheresi che persero la vita per colpa delle armi italiane, crimine contro l'umanità che aprirà le porte ad altri crimini, a quel cancro che ancora oggi non è stato pienamente estirpato, il fascismo.
Marco Barone

Commenti

Post popolari in questo blog

Giorno del ricordo a Gorizia e agibilità democratica: Revocata sala gestita dalla provincia a resistenza storica

Era stato promosso dal gruppo di Resistenza Storica e sinistra goriziana antifascista, un convegno per il 10 febbraio dal seguente titolo, da svolgersi in Gorizia, presso il palazzo provinciale Attems:11 ANNI DI "GIORNO DEL RICORDO" Tra mistificazioni storiche e rivalutazione del fascismo. Questi gli interventi previsti: Alessandra KERSEVAN: Il ruolo della X Mas al confine orientale; Claudia CERNIGOI: Il "fenomeno" delle foibe e gli scomparsi da Gorizia nel maggio 1945; Sandi VOLK: 10 anni di onorificenze della legge del Ricordo; Piero PURINI: Gli esodi prima e dopo il secondo conflitto mondiale; Marco BARONE: "Volemo tornar". L'irredentismo del terzo millennio; nota di inquadramento storico e coordinamento del dibattito a cura di Marco PUPPINI. Contestualmente a ciò, nella stessa giornata, nella stessa città, ma in luogo diverso, è previsto il convegno organizzato dalla Lega Nazionale di Gorizia, con l'alto patrocinio della Prefettura, Provincia…

Se Babbo Natale ha ridimensionato San Nicolò

Ma è più sentito San Nicolò o Babbo Natale?

Questo è quanto mi domandavo notando tutta la serie di prodotti realizzati, i mercatini diffusi, le fiere e quant'altro si afferma in prossimità della notte tra il 5 e 6 dicembre. Così come mi domando, ma quanti conoscono la sua storia? Quanti sanno che tipo di santo protettore sarebbe?  Scommetto che le mani alzate sarebbero una manciata.  Ed a dirla tutta non interessa, interessa quel giorno solo scambiarsi qualche regalino, girovagare per le fiere, bere e mangiare.
San Nicolò, dicono, è un santo molto venerato in tutto il mondo, addirittura avrebbe carattere universale. Sarà. Ma in Italia ci sono su più di 8 mila Comuni solo una ventina di località, e qualche Comune, ad avere questo nome e sono poche le località dove viene festeggiato, soprattutto in alcune zone del Nord Est ed in Puglia.  Vi è chi dice che Babbo Natale altro non sia che praticamente il San Nicolò in chiave pienamente consumistica, che avrebbe tratto origine da qu…

Gorizia,16 dicembre, manifestazione regionale a sostegno dei migranti "RESTIAMO UMANI-HUMANITY WELCOME"

Il titolo della manifestazione è restiamo umani, humanity welcome. Il 16 dicembre se a Roma ci sarà la manifestazione nazionale dei migranti, a Gorizia si svolgerà una manifestazione regionale che ha lo scopo di denunciare il fallimento dell'accoglienza diffusa in regione, lo stato di degrado umano che si è raggiunto nei confronti dei richiedenti asilo "fuori convenzione", senza dimenticare quanto accade nel CARA di Gradisca, che è oltre ogni limite di capienza, destinato a diventare nuovamente centro di espulsione, senza dimenticare quanto accade lungo le rive dell'Isonzo da Gorizia a Gradisca, a Pordenone, senza dimenticare l'omissione di soccorso sistematica ed impunita. Gorizia non è mai stata realmente una porta verso l'Est, si è sempre chiusa, non è mai stata una porta verso l'Oriente, e la caduta visiva dell'ultimo muro d'Europa, dopo quello di Berlino, è stato solo un gesto illusorio, perchè le divisioni sono sempre state la normalità in q…