Passa ai contenuti principali

Cent'anni fa l'Italia condannò a morte milioni di persone


Oltre 650 mila soldati italiani caduti, circa 650 mila furono quelli dell'esercito austro-ungarico sul fronte italiano, combattendo contro gli italiani, per non parlare dei morti civili in Italia oltre 500 mila per gli effetti della guerra, oltre un milione i feriti e 700 mila invalidi. Una strage che ha annientato in colpo solo secoli di convivenza tra diversi popoli.
Il tuo vicino di casa, ora, era il tuo nemico.
Perché così è stato deciso tra acclamazioni, urla, esaltazioni, nelle stanze della Roma imperiale, seguace di quel risorgimento sanguinario male e cancro di questo Paese, perché da quel momento nulla sarà come prima.

Una strage che venne acclamata consapevolmente, con il grido viva l'Italia, quando nel 20 maggio del 1915 la Camera, conferirà al Re poteri straordinari in caso di guerra, sancendo di fatto l'effettiva entrata in guerra dell'Italia contro i propri alleati , che verrà formalizzata il 23 maggio ed il 24 maggio del 1915 ci sarà il primo colpo esploso contro il nemico, che fino a pochi giorni prima era alleato. Morte, sangue, distruzione. Nessuna esaltazione, celebrazione, può oggi ed in questi giorni trovare luogo,o meglio non dovrebbe, perché così non sarà. Vi è la necessità di sigillare l'orgoglio nazionale, sul sangue e la pelle, sulla morte e lo strazio di milioni di persone condannate a morte per l'atto scellerato dell'Italia che ben avrebbe potuto mantenere lo stato di neutralità ma ciò non accadde. Cadde l'umanità in quella macelleria umana. Lutto e critica, lutto e condanna, lutto e consapevolezza, altro che inni, staffette o parate e manifestazioni in stile da ventennio. Una notte buia ha attraversato il cielo d'Italia in questo centenario. Luci spente, vento e violento silenzio. Piove qui nel lontano nord est, tra Gorizia e Trieste, piove. Città sconosciute ai più quel 1915, partirono per combattere una guerra senza sapere il perché la si combatteva, per cosa. Gorizia e Trieste cosa voi siete? Reticolati, trincea, fango e puzza di morte. Si conviveva con la morte, tanto che non si capiva più la differenza tra l'essere vivi e morti. Una confusione tra vita e morte che ha partorito una bestialità immane, eroi. Ma quali eroi. Strappati dalle loro terre, dalle braccia delle loro madri, mogli, famiglie. Non volevano essere eroi. Non volevano la guerra. Ma combatterono una guerra e divennero eroi senza averlo mai chiesto e voluto. Chi osava la fuga, veniva fucilato, punito, recluso. La terra vi è sempre stata, l'uomo, invece, no. Cent'anni fa l'Italia condanno a morte milioni di persone, italiani che persero la vita per l'Italia, austriaci ed ungheresi che persero la vita per colpa delle armi italiane, crimine contro l'umanità che aprirà le porte ad altri crimini, a quel cancro che ancora oggi non è stato pienamente estirpato, il fascismo.
Marco Barone

Commenti

Post popolari in questo blog

Un maledetto 17 agosto a Barcellona

Ci sono cose nella vita che non dimenticherai mai e quanto accaduto in un caldo ed apparentemente tranquillo agosto a Barcellona è una di quelle cose che non metabolizzerai per lungo tempo. Hai la fortuna di poterlo in parte raccontare, anche se non sai bene cosa raccontare. Sei a pochi metri dalla interminabile e costante folla della Rambla. Vedi decine e decine di persone a passo spedito venire contro la tua direzione. In un primo momento pensi che vai sempre controcorrente. Poi arriva la polizia, di corsa, chiude la via nella quale ti trovi, una laterale della Rambla. Una delle tante. Non riesci al momento a collegare. Anche se sai che nel mondo la situazione è tesa. Ma sei a Barcellona, pensi. Un luogo sicuro.
Poi l’inevitabile ti si presenta come un cazzotto devastante nello stomaco. Attentato. Terrorismo. Panico totale. Cerchi le persone a te più care, fino a quando non le trovi e non le rintracci non sei "tranquillo".
Cerchi di capire come comportarti. Cosa fare. Cosa…

La nuova strage di migranti nel Mediterraneo era prevedibile e forse anche voluta nel nazismo del terzo millennio

Lo si sapeva. Lo si sapeva che in tarda primavera sarebbero ripresi gli sbarchi dalla Libia. Con i soliti schemi, metodi. Tutto era prevedibile, conoscibile. E qui la chiusura criminale della rotta balcanica non c'entra nulla. Viviamo in una società dove il più grande crimine di guerra mai compiuto e mai punito, quale il lancio delle bombe atomiche sul Giappone, viene quasi giustificato. Senza quelle bombe non sarebbe finita la seconda guerra mondiale, si dice. E per questo non si deve chiedere scusa. Sono certo che se quelle bombe le avesse lanciate la Russia, oggi si racconterebbe una storia diversa. Ma il mondo funziona così. L'Europa, costituita da Paesi ricchi, si chiude per non essere contaminata dalle razze inferiori. Sì, parlo di razze, si parlo di inferiori. Perché? Perché il fantomatico sentimento razzista di paura, trova in realtà il proprio fondamento in quel concetto di superiorità della razza pura del terzo millennio, che non deve essere intaccata dai poveracci …

Barcellona, il giorno dopo il 17 agosto