Passa ai contenuti principali

Casapound mirerà anche al Comune di Gorizia?

Per usare un linguaggio introdotto dal fascismo o meglio dal suo capo, Mussolini, “la discesa in campo”, di Casapound a Gorizia è avvenuta prima con qualche banchetto, poi con la presentazione del movimento politico Sovranità, che è quello che in sostanza unisce la Lega Nord e Casapound, e poi con la nota manifestazione dal motto “risorgi, combatti e vinci” del 23 maggio. Sorgono alcuni interrogativi, dal punto di vista strettamente politico ed elettorale. Il fatto che l'Assessore Romano abbia partecipato, parlando dal palco di Casapound, e qualificandosi come Assessore del Comune di Gorizia, a quella manifestazione, è una forma di apertura sostanziale in chiave anche elettorale a Casapound? Non è un mistero, d'altronde, che quando è stato presentato il progetto politico Sovranità a Gorizia fossero presenti sia l' assessore comunale Silvana Romano e il vicecapogruppo di Forza Italia in consiglio regionale Rodolfo Ziberna così come non è un mistero che Forza Italia è in fase di scombussolamento evidente. Ora, nel programma politico di Casapound, si legge che “ Noi vogliamo un'Italia libera, forte, fuori tutela, assolutamente padrona di tutte le sue energie e tesa verso il suo avvenire. Un'Italia sociale e nazionale, secondo la visione risorgimentale, mazziniana, corridoniana, futurista, dannunziana, gentiliana, pavoliniana e mussoliniana”. Od ancora che “La dittatura del libero mercato, le politiche miopi e servili dei vari governi sin qui succedutisi, lo smantellamento dello stato sociale creato durante il Fascismo, obbligano gli italiani a subire la disoccupazione, la precarietà, la proletarizzazione e l’immigrazione forzata e incontrollata”. Dunque un richiamo netto alle politiche,o ad alcune politiche del fascismo vi sono anche formalmente. Il 2 giugno si celebra ufficialmente la” festa nazionale civile italiana. In questa data si ricorda il referendum istituzionale indetto a suffragio universale il 2 e il 3 giugno 1946 con il quale gli italiani venivano chiamati alle urne per esprimersi su quale forma di governo, monarchia o repubblica, dare al Paese, in seguito alla caduta del fascismo. Il 2 giugno celebra la nascita della nazione, in maniera simile al 14 luglio francese (anniversario della Presa della Bastiglia) e al 4 luglio statunitense (giorno in cui nel 1776 venne firmata la dichiarazione d'indipendenza)”.Repubblica nata però sulle fondamenta dell'antifascismo ben ricordando che nella nostra Costituzione è ancora vigente la norma che recita “È vietata la riorganizzazione, sotto qualsiasi forma, del disciolto partito fascista”. Una sentenza della Corte Costituzionale, la numero 74 del 1958, ricordava che “ Nel primo comma l'inciso "in qualsiasi forma" sta appunto a significare la preoccupazione del costituente di non irrigidire il precetto entro limiti formali e di mirare al di là degli atti di riorganizzazione strettamente intesi. (...)Posto un tale principio é irrilevante che trattasi di delitto o di contravvenzione, perché, richiedendosi la obbiettività degli atti, può essere legittimamente oggetto di divieto penale ogni atto nel quale, sia pure in diverse proporzioni, quella idoneità si manifesti”. Buona parte di Gorizia ha manifestato una chiara ed evidente contrarietà alla presenza di Casapound in città, che comunque è presente con due sedi ad Udine e Pordenone, fatto da non dimenticare. Così come da non dimenticare che hanno eletto un consigliere comunale a Bolzano, ciò perché a quanto pare la Costituzione è una semplice opinione. Il comitato nazionale ANPI il 13 gennaio 2012 scriveva: "Quanto a coloro - si sottolinea - che hanno creduto, in buona fede, nella favoletta dell’innocenza, delle inclinazioni culturali e sociali di CasaPound, è davvero tempo che aprano gli occhi, si ricredano e prendano atto di una realtà che ora è divenuta addirittura agghiacciante. Per il resto, chiediamo con fermezza che la Costituzione venga fatta rispettare dalle autorità pubbliche e vengano finalmente applicate le leggi che vietano ogni forma di incitamento all’odio e alla violenza, così come ogni tipo di apologia del fascismo e di ciò che esso ha tristemente rappresentato". Certo è ancora presto effettuare valutazioni politiche compiute in chiave elettorale per le prossime amministrative a Gorizia, però quello che mi domando saranno la Romano e Ziberna le sponde future elettorali per Casapound in città? Chissà. Senza dimenticare, ovviamente le regionali.

( foto Gorizia distrutta nel primo conflitto mondiale, il cui primo prodotto reazionario è stato il fascismo) 

Commenti

Post popolari in questo blog

Dopo Macerata si continua a sparare. Guai a ridimensionare o normalizzare

Questa è una storia che non parte da lontano, per dovere di sintesi sarò breve e conciso. Da questa estate in Italia si è iniziato a scoprire il problema del fascismo. Fino a quel momento, soprattutto da chi oggi si professa dall'alto della suo essere grado istituzionale antifascista, era ignorato se non avvallato. Si è denunciato il rischio di fascismo passando dalle vicende ridicole della spiaggia fascista di Chioggia, agli adesivi di Anna Frank, alle bottiglie o calendari con la foto di Mussolini o Hitler. Quando per anni ed anni in questo Paese si è realizzata una vera connivenza con le peggiori istanze, legittimandole, democratizzandole e favorendone la diffusione. Perchè, si è detto, la democrazia vale per tutti, anche per chi sputa veleno sociale.
Il guaio è che è stato pompato all'ennesima potenza un problema che c'era ma non era così forte, impattante. La propaganda che doveva portare a vedere in alcune soggettività una sorta di salvezza messianica in materia di…

E' necessario il (prodotto) made in Friuli Venezia Giulia prima di essere annientati dalla "globalizzazione"

Il made in Italy è diventato uno slogan che non dice più niente. Diventato più funzionale a quella retorica che ha fatto il male dell'Italia che alla tutela dell'Italia. Dall'arte, alla cucina, dall'agricoltura, alla moda e si potrebbe continuare. Nell'Italia di oggi si rimpiange ciò che non è più italiano. Hanno distrutto le campagne, hanno distrutto le coltivazioni storiche, è stato mescolato tutto, per arrivare all'assurdità di cortocircuiti propri di una società totalmente sballata. La globalizzazione nell'economia ha comportato il saccheggio dell'Italia, l'appropriazione indebita di ciò che ha reso unico il nostro Paese nel mondo per perderci nella nullità dell'essere più niente e nessuno.

Siamo bravi a decantare od osannare bellezze e miti e leggende che attraversano la storia di ciò che è arrivato, nel bene o nel male a determinare l'Italia. Un Paese fittiziamente unito, che deve la sua vera forza ai regionalismi, localismi, che non so…

Si è entrati nel terzo anno della ricerca della verità per Giulio Regeni, con la politica persa nel silenzio di comodo

"Non è possibile normalizzare i rapporti con uno stato che tortura, uccide e nasconde oltraggiosamente la verità, se non a scapito della credibilità politica del nostro Paese e di chi lo rappresenta". Queste sono le parole della famiglia di Giulio.
Una tempesta sotto forma di parole. Parole dure, ma figlie di quella rabbia comprensibile di chi altro non ha potuto fare che constatare l'effettiva resa dell'Italia all'Egitto criminale, dove si continua a morire, a sparire, ad essere torturati, come è successo a Giulio.  Si dovrebbe dare un vero e proprio ultimatum all'Egitto, pretendendo quelle piccole cose, elementi fondamentali, per chiudere il cerchio. Ma l'Egitto ha preso in giro l'Italia e Giulio e la sua famiglia da sempre, depistaggi, menzogne, calunnie, infamie. La politica italiana si è persa in un silenzio di comodo, quel silenzio che ha caratterizzato, salvo qualche formula di rito, anche le massime Istituzioni. E questo silenzio fa male e …