Passa ai contenuti principali

Casapound mirerà anche al Comune di Gorizia?

Per usare un linguaggio introdotto dal fascismo o meglio dal suo capo, Mussolini, “la discesa in campo”, di Casapound a Gorizia è avvenuta prima con qualche banchetto, poi con la presentazione del movimento politico Sovranità, che è quello che in sostanza unisce la Lega Nord e Casapound, e poi con la nota manifestazione dal motto “risorgi, combatti e vinci” del 23 maggio. Sorgono alcuni interrogativi, dal punto di vista strettamente politico ed elettorale. Il fatto che l'Assessore Romano abbia partecipato, parlando dal palco di Casapound, e qualificandosi come Assessore del Comune di Gorizia, a quella manifestazione, è una forma di apertura sostanziale in chiave anche elettorale a Casapound? Non è un mistero, d'altronde, che quando è stato presentato il progetto politico Sovranità a Gorizia fossero presenti sia l' assessore comunale Silvana Romano e il vicecapogruppo di Forza Italia in consiglio regionale Rodolfo Ziberna così come non è un mistero che Forza Italia è in fase di scombussolamento evidente. Ora, nel programma politico di Casapound, si legge che “ Noi vogliamo un'Italia libera, forte, fuori tutela, assolutamente padrona di tutte le sue energie e tesa verso il suo avvenire. Un'Italia sociale e nazionale, secondo la visione risorgimentale, mazziniana, corridoniana, futurista, dannunziana, gentiliana, pavoliniana e mussoliniana”. Od ancora che “La dittatura del libero mercato, le politiche miopi e servili dei vari governi sin qui succedutisi, lo smantellamento dello stato sociale creato durante il Fascismo, obbligano gli italiani a subire la disoccupazione, la precarietà, la proletarizzazione e l’immigrazione forzata e incontrollata”. Dunque un richiamo netto alle politiche,o ad alcune politiche del fascismo vi sono anche formalmente. Il 2 giugno si celebra ufficialmente la” festa nazionale civile italiana. In questa data si ricorda il referendum istituzionale indetto a suffragio universale il 2 e il 3 giugno 1946 con il quale gli italiani venivano chiamati alle urne per esprimersi su quale forma di governo, monarchia o repubblica, dare al Paese, in seguito alla caduta del fascismo. Il 2 giugno celebra la nascita della nazione, in maniera simile al 14 luglio francese (anniversario della Presa della Bastiglia) e al 4 luglio statunitense (giorno in cui nel 1776 venne firmata la dichiarazione d'indipendenza)”.Repubblica nata però sulle fondamenta dell'antifascismo ben ricordando che nella nostra Costituzione è ancora vigente la norma che recita “È vietata la riorganizzazione, sotto qualsiasi forma, del disciolto partito fascista”. Una sentenza della Corte Costituzionale, la numero 74 del 1958, ricordava che “ Nel primo comma l'inciso "in qualsiasi forma" sta appunto a significare la preoccupazione del costituente di non irrigidire il precetto entro limiti formali e di mirare al di là degli atti di riorganizzazione strettamente intesi. (...)Posto un tale principio é irrilevante che trattasi di delitto o di contravvenzione, perché, richiedendosi la obbiettività degli atti, può essere legittimamente oggetto di divieto penale ogni atto nel quale, sia pure in diverse proporzioni, quella idoneità si manifesti”. Buona parte di Gorizia ha manifestato una chiara ed evidente contrarietà alla presenza di Casapound in città, che comunque è presente con due sedi ad Udine e Pordenone, fatto da non dimenticare. Così come da non dimenticare che hanno eletto un consigliere comunale a Bolzano, ciò perché a quanto pare la Costituzione è una semplice opinione. Il comitato nazionale ANPI il 13 gennaio 2012 scriveva: "Quanto a coloro - si sottolinea - che hanno creduto, in buona fede, nella favoletta dell’innocenza, delle inclinazioni culturali e sociali di CasaPound, è davvero tempo che aprano gli occhi, si ricredano e prendano atto di una realtà che ora è divenuta addirittura agghiacciante. Per il resto, chiediamo con fermezza che la Costituzione venga fatta rispettare dalle autorità pubbliche e vengano finalmente applicate le leggi che vietano ogni forma di incitamento all’odio e alla violenza, così come ogni tipo di apologia del fascismo e di ciò che esso ha tristemente rappresentato". Certo è ancora presto effettuare valutazioni politiche compiute in chiave elettorale per le prossime amministrative a Gorizia, però quello che mi domando saranno la Romano e Ziberna le sponde future elettorali per Casapound in città? Chissà. Senza dimenticare, ovviamente le regionali.

( foto Gorizia distrutta nel primo conflitto mondiale, il cui primo prodotto reazionario è stato il fascismo) 

Commenti

Post popolari in questo blog

"Qua semo a Trieste e no se parla s'ciavo, qua se parla triestin e italian"

"Qua semo a Trieste e no se parla s'ciavo, qua se parla triestin e italian". Non mi sorprende la denuncia effettuata sul Piccolo di Trieste e pubblicata come lettera del giorno. Solo che questa volta chi ha subito tale aggressione verbale razzista ha avuto il coraggio di prendere carta e penna e scrivere e denunciare pubblicamente quanto accaduto. Diverse volte per i muri di Trieste sono apparse scritte che riportavano quel concetto bestiale e puntualmente e giustamente venivano rimosse. Ma non mi sorprende, perchè ciò in linea con i tempi. Tempi dove se un reato viene compiuto da un migrante viene percepito socialmente come più deprecabile rispetto a quello compiuto da un comune cittadino italiano. Tempi dove l'omofobia è una normalità, dove un Gay pride non può passare per ragioni di opportunità innanzi ad un Duomo, tempi dove qualcuno propone processioni riparatorie per sanare il peccato della marcia dell'amore del Gay pride.  Tempi dove ritornano i pregiudiz…

Monfalcone e razzismo contro un cingalese: "Che cojoni 'sti bacoli di merda i se anca qua!"

I casi di razzismo sono in aumento, ma in aumento sono anche le segnalazioni, le denunce, il muro non tanto dell'indifferenza, che ahimè esiste, ma quello del timore o della fatica di prendere carta e penna od una tastiera per denunciare crolla. Un segnale in tal senso è emerso con forza con la nota lettera pubblicata sul Piccolo di Trieste che ho ripreso sia sul blog che su facebook. La tematica del razzismo è importante, e colpisce quando accade in una città che si considera aperta come Trieste e quando viene colpito lo sloveno, che nel corso della storia ha subito da queste parti una mera operazione di "bonifica etnica". Non si tratta di casi isolati, come alcuni commenti hanno sottolineato, " e comunque ne ho sentite altre di questo genere, non è il solo caso" e vi è chi ha ricordato anche il  proprio passato "Mi ricordo e mi rattristo ancora ...ho avuto una simile (peggiore) esperienza quando ero alle superiori. Due ragazze e tutto l'autobus …

La nuova strage di migranti nel Mediterraneo era prevedibile e forse anche voluta nel nazismo del terzo millennio

Lo si sapeva. Lo si sapeva che in tarda primavera sarebbero ripresi gli sbarchi dalla Libia. Con i soliti schemi, metodi. Tutto era prevedibile, conoscibile. E qui la chiusura criminale della rotta balcanica non c'entra nulla. Viviamo in una società dove il più grande crimine di guerra mai compiuto e mai punito, quale il lancio delle bombe atomiche sul Giappone, viene quasi giustificato. Senza quelle bombe non sarebbe finita la seconda guerra mondiale, si dice. E per questo non si deve chiedere scusa. Sono certo che se quelle bombe le avesse lanciate la Russia, oggi si racconterebbe una storia diversa. Ma il mondo funziona così. L'Europa, costituita da Paesi ricchi, si chiude per non essere contaminata dalle razze inferiori. Sì, parlo di razze, si parlo di inferiori. Perché? Perché il fantomatico sentimento razzista di paura, trova in realtà il proprio fondamento in quel concetto di superiorità della razza pura del terzo millennio, che non deve essere intaccata dai poveracci …