Passa ai contenuti principali

Una giornata nazionale contro il crocifisso nelle scuole

Il 30 aprile del 1924 con il Regio decreto n 965( pubblicato il 25 giugno), nel fascismo, si introdurrà la prima norma, di rango superiore rispetto ad una semplice circolare, come simbolo del processo di conciliazione con la Chiesa, volta a definire la presenza del crocifisso nelle aule scolastiche per le scuole medie, ora scuole secondarie di primo grado. Come è noto, ci sono già state diverse iniziative, lotte e battaglie su tale questione, che hanno comportato severi procedimenti disciplinari, sanzionati per aver rimosso un crocifisso da una scuola secondaria di secondo grado, pur non esistendo normativa specifica in materia per il detto ordine di scuole, e per aver rivendicato il giusto incontestabile diritto di operare in un luogo di lavoro privo di simboli religiosi, confessionali o facenti capo ad una presunta civiltà e cultura cristiana, che poi altro non sarebbe che una concezione biblica della vita, dal concetto di creazione, alla redenzione, ai dogmi di Cristo. Dogmi, concetti e precetti che, oggi, nel terzo millennio, pensando per esempio al caso dell'omotransfobia, vedono nel Papa, il massimo rappresentate della Chiesa, ed il massimo difensore in qualità di rappresentate della religione cattolica, dunque della civiltà e cultura cristiana, affermare continue nefandezze nei confronti di chi è omosessuale,trans,lesbica. Nefandezze che non sto qui a riportare, perché note, ma posso assicurare che tanto male hanno fatto e continuano a fare alla dignità delle persone. Nefandezze che legittimano comportamenti, atti denigratori nei confronti di chi vive legittimamente la propria libera differenza, quella che nuoce alla civiltà presunta, alla cultura, presunta, cristiana. Quale sarà il prossimo passo? Giurare su dio, per poter lavorare? Ed allora penso che sia il caso di attuare una forte e simbolica, ma importante, giornata di lotta e protesta, e pensavo al 30 aprile, per i motivi come espressi in premessa. Una giornata nazionale per la libera differenza, per la rimozione del crocifisso dalle aule scolastiche, per la difesa della propria dignità, della civiltà laica. Solo se collettiva, condivisa, la lotta sarà efficace e nello stesso tempo se generalizzata e diffusa contestualmente su tutto il territorio nazionale, sarà possibile difendere compiutamente i propri diritti. Cosa dovrà fare il MIUR sanzionare centinaia di migliaia di docenti, per difendere una scuola assoggetta a simboli religiosi, confessionali e cristiani? 

Commenti

Post popolari in questo blog

Passo dopo passo il Nord è conquistato da chi vuole "l'indipendenza della Padania"

Ciò che non è entrato dalla porta principale, entra, anno dopo anno, passo dopo passo, in modo sistematico, con estrema pazienza ed intelligenza politica, dalle finestre che connotano la casa del Nord. Un Nord che è uscito con le ossa fratturate dalla crisi del 2007, divenuto isola felice per le mafie, per la corruzione, ma che ha continuato ad essere rispetto al Sud sempre il locomotore dell'Italia, Paese che sta all'Europa come il Sud Italia sta al Nord Italia. Ed il Nord non ci sta più. Pensiamo al Friuli Venezia Giulia, dove cortocircuiti storici sono anche visibili. Ovunque piazze dedicate all'Unità d'Italia che qui non poteva essere festeggiata perchè quando questa raggiunta non era mica contemplata l'Italia, ma si era in gran parte in quello che veniva definito come l'Impero felice a cui è stata anche dedicata una piazza e si continuano a dedicare statue o celebrarne i fasti nobiliari. E poi sarà in prima linea su due fronti di guerra catastrofici, la …

Quel grave gesto di farsi fotografare alla tomba di Giulio Regeni. Violato il rispetto

Ci sono tombe diventate luoghi cult come quella di Jim Morrison, Oscar Wilde, che le guide turistiche non possono non indicare perchè è così che va il mondo. Ci sono tombe che sono espressione della grandezza storica di certi e dati eventi, come quelle dei partigiani, tutti luoghi dove farsi fotografare è legittimo. E poi ci sono luoghi dove dovrebbe governare l'assoluto buon senso e senso del rispetto. Siamo oramai entrati nel pieno del terzo anno dalla scomparsa di Giulio, tre anni di atroci e durissime lotte da parte della famiglia prima di tutto, tre anni alla ricerca continua e costante di quella verità per Giulio che è stata negata, compromessa, a colpi di effetti teatrali, menzogne, depistaggi, con l'aggravante di chi ha rappresentato l'Italia di effettivamente chinarsi ed arrendersi al torto di stato del compromesso. Se nel corso di questi anni praticamente non è mai circolata la foto della tomba di Giulio, qualcuno si sarà posto un minimo perchè? Già la famiglia …

Se toccare il seno della statua di Giulietta è di buon auspicio, perchè?

Città che vai, tradizione o superstizione che troverai. In pieno centro a Monaco vi è la statua di Giulietta, donata dalla città di Verona. Una foto con Giulietta è immancabile a Monaco così come toccare il suo seno destro è un gesto molto diffuso. Ed è stato toccato tante di quelle volte che  praticamente è stato consumato dalla "passione" dei passanti tanto che ha assunto una tonalità più chiara rispetto al resto della statua. Ma da dove nasce questa superstizione? Perchè toccare il seno destro di Giulietta sarebbe di buon auspicio? Ognuno avrà una sua risposta, e Giulietta non può fare altro che subire questo rito. Un rito che accomuna diverse città, perchè la statua di Giulietta la si può trovare in diverse località oltre ovviamente che a Verona. A Monaco ve ne sono due, una prima copia donata dalla Cassa di Risparmio di Verona nel 1974, si trova ai piedi della torre dell’antico municipio a Marienplatz. La seconda si trova nel parco di Shakespeare Platz. Monaco e Vero…