Passa ai contenuti principali

Questione 36 mesi nel precariato scuola, intanto pensiamo ad una deroga

Una delle questioni calde nella riforma sulla scuola, che per la prima volta vedrà insieme praticamente tutti i sindacati, per ragioni comunque non sempre convergenti, nelle azioni di contrasto e lotta, è certamente quella dei 36 mesi. Ora, era evidente prima, cosa che avevo anche denunciato esattamente nel 2012, e lo è a maggior ragione ora, che lo Stato certamente non può perseverare in una condizione di illiceità. Effetto collaterale dei ricorsi? Non proprio. Però una riflessione va fatta. Se pretendi diritti, il sistema, che viola la normativa comunitaria, che nello stesso tempo garantiva sì un precariato costante, ma anche un minimo posto di lavoro ecc, ti dice, ora non possiamo più continuare come prima, d'altronde avete voluto eccepire l'illegittimità della situazione in essere? Queste le conseguenze. Nello stesso tempo, si coglie l'occasione per riformare totalmente la scuola, prevedere una nuova figura di docenti e così via discorrendo. Avrebbe potuto e dovuto lo Stato assumere almeno i ricorrenti senza mutare lo stato delle cose? Sì. 
Avrebbe potuto, lo Stato, continuare a perseverare in una condizione di illiceità ? No. O meglio, in un certo senso sì, ma ciò avrebbe comportato l'effetto del pagamento di sanzioni, irrisorie in via di massima, ma sempre significative, e l'intasamento dei Tribunali. Che nella scuola si debba entrare per concorso pubblico, è un concetto che io, personalmente, difendo e difenderò, così come difendo il concetto che chi ha superato i limiti di “tolleranza” in tema di precariato nella scuola, ha diritto alla stabilizzazione. Ora, il fatto che il Governo dica che nella scuola non si possono superare più i 36 mesi è ovvio, una ovvietà che si scontra con quella norma del 2011, entrata in vigore nel 2012 che dice in sostanza che nella scuola i limiti dei 36 mesi non si applicano, non si applicano le sanzioni in caso di superamento, e neanche misure risarcitorie. Inghippo che comporta il panico, comprensibile. Ora, visto che le cose così avanti non possono andare, una soluzione intermedia ci sarebbe. E la si può ritrovare all'interno della stessa norma madre di riferimento, il DLGS 6 settembre 2001, n. 368, che se modificato ed integrato, pro tempore, a dovere, potrebbe consentire, a coloro che hanno superato i 36 mesi, anziché l'automatica espulsione, una proroga, o meglio una deroga. Una proroga, oggi come sussistente chiamata deroga assistita, adattando il dlgs citato, alla situazione scolastica, potrebbe essere prevista per un periodo cospicuo, che consentirebbe da un lato la possibilità di evitare licenziamenti di massa, e dall'altro la possibilità di cercare soluzioni finalizzate a salvaguardare per quanto possibile i diritti dei lavoratori e delle lavoratrici della scuola. 

Commenti

Post popolari in questo blog

E' necessario il (prodotto) made in Friuli Venezia Giulia prima di essere annientati dalla "globalizzazione"

Il made in Italy è diventato uno slogan che non dice più niente. Diventato più funzionale a quella retorica che ha fatto il male dell'Italia che alla tutela dell'Italia. Dall'arte, alla cucina, dall'agricoltura, alla moda e si potrebbe continuare. Nell'Italia di oggi si rimpiange ciò che non è più italiano. Hanno distrutto le campagne, hanno distrutto le coltivazioni storiche, è stato mescolato tutto, per arrivare all'assurdità di cortocircuiti propri di una società totalmente sballata. La globalizzazione nell'economia ha comportato il saccheggio dell'Italia, l'appropriazione indebita di ciò che ha reso unico il nostro Paese nel mondo per perderci nella nullità dell'essere più niente e nessuno.

Siamo bravi a decantare od osannare bellezze e miti e leggende che attraversano la storia di ciò che è arrivato, nel bene o nel male a determinare l'Italia. Un Paese fittiziamente unito, che deve la sua vera forza ai regionalismi, localismi, che non so…

Dopo Macerata si continua a sparare. Guai a ridimensionare o normalizzare

Questa è una storia che non parte da lontano, per dovere di sintesi sarò breve e conciso. Da questa estate in Italia si è iniziato a scoprire il problema del fascismo. Fino a quel momento, soprattutto da chi oggi si professa dall'alto della suo essere grado istituzionale antifascista, era ignorato se non avvallato. Si è denunciato il rischio di fascismo passando dalle vicende ridicole della spiaggia fascista di Chioggia, agli adesivi di Anna Frank, alle bottiglie o calendari con la foto di Mussolini o Hitler. Quando per anni ed anni in questo Paese si è realizzata una vera connivenza con le peggiori istanze, legittimandole, democratizzandole e favorendone la diffusione. Perchè, si è detto, la democrazia vale per tutti, anche per chi sputa veleno sociale.
Il guaio è che è stato pompato all'ennesima potenza un problema che c'era ma non era così forte, impattante. La propaganda che doveva portare a vedere in alcune soggettività una sorta di salvezza messianica in materia di…

Si è entrati nel terzo anno della ricerca della verità per Giulio Regeni, con la politica persa nel silenzio di comodo

"Non è possibile normalizzare i rapporti con uno stato che tortura, uccide e nasconde oltraggiosamente la verità, se non a scapito della credibilità politica del nostro Paese e di chi lo rappresenta". Queste sono le parole della famiglia di Giulio.
Una tempesta sotto forma di parole. Parole dure, ma figlie di quella rabbia comprensibile di chi altro non ha potuto fare che constatare l'effettiva resa dell'Italia all'Egitto criminale, dove si continua a morire, a sparire, ad essere torturati, come è successo a Giulio.  Si dovrebbe dare un vero e proprio ultimatum all'Egitto, pretendendo quelle piccole cose, elementi fondamentali, per chiudere il cerchio. Ma l'Egitto ha preso in giro l'Italia e Giulio e la sua famiglia da sempre, depistaggi, menzogne, calunnie, infamie. La politica italiana si è persa in un silenzio di comodo, quel silenzio che ha caratterizzato, salvo qualche formula di rito, anche le massime Istituzioni. E questo silenzio fa male e …