Passa ai contenuti principali

Ma se sono tutti contrari alla buona scuola perché non stoppare i lavori?

Certo che la consultazione pubblica sulla buona scuola, che non era un sondaggio, né una rilevazione demoscopica di tipo campionario,  un referendum, e non aveva neanche “ambizioni di rappresentare scientificamente l’opinione dei cittadini”, alla fine si è rilevata per quello che era. Il nulla, però con lo scopo di legittimare l'operazione della riforma in essere, e di conferire un minimo di apparenza di democrazia per un processo che necessita non di consultazioni in rete di qualche mese o dibattiti già indirizzati, ma di una vera costituente.
Perché la scuola, l'istruzione, il diritto allo studio, sono tutelati dai principi fondamentali della nostra Carta. E qui, con la riforma sull'autonomia, nota come buona scuola, non si tratta di riformare qualche segmento, ma l'intero asse fondamentale della scuola.  Ora, da settimane non si leggono altro che critiche, tanto che vi sarà uno sciopero sulle attività non obbligatorie, per arrivare allo sciopero di tre giorni già proclamato dai Cobas per maggio,che cadrà nelle note giornate delle prove Invalsi, ed ovviamente riguarderà anche la cattiva scuola di cui ora si parla. Ata dimenticati, roba da non credere, eppure è successo e continua a succedere, alcuni hanno anche attuato sciopero della fame per diversi giorni, una parte del precariato finirà di essere precaria e trasformata in docente ultra flessibile, la parte rimanente del precariato, quella più corposa, finirà di essere precaria semplicemente perché rischia di non avere più possibilità di insegnare e lavorare a scuola e ciò d'altronde era già stato previsto.
E forse neanche i dirigenti sono contenti, così come i docenti del vecchio ruolo, gli studenti che vedono incrementare la scuola delle competenze, scuola lavoro,e diminuire la portata di quella che dovrebbe istruire, e formare i cittadini del presente e del futuro. Chi scrive lettere alle più alte cariche dello Stato, chi diffide, chi semplicemente si prepara alla più grande mobilitazione e stato di agitazione nel settore della scuola che verrà. E' nell'aria. Dunque, non sarebbe saggio, da parte del Governo e del Parlamento fermarsi? Visto che la quasi totalità dei diretti interessati sono contrari a questa riforma? Il problema delle assunzioni? Basta attuarle senza distruggere la scuola immettendo il personale in ruolo con le vecchie regole ecc. D'altronde in Italia abbiamo visto come i soldi pubblici vengono sperperati, dalle grandi opere alle piccole opere inutili, milioni di milioni di euro e sicuramente la questione del risparmio non deve incidere più nel settore della scuola. Ma qui signori si gioca con la vita non solo dei lavoratori ma anche con i sogni e le speranze, l'istruzione ed i diritti delle future generazioni. Non dimentichiamolo.


Commenti

Post popolari in questo blog

I 220 passi della vergogna d'Italia, la galleria Bombi di Gorizia,non verranno dimenticati

Prima di svoltare l'angolo ed addentrarti nella magnifica cornice che è quella di Piazza Vittoria, leggi una targa che riporta una frase in ricordo della visita di Giovanni Paolo II "Gorizia, situata all’incrocio di correnti di pensiero, di attività e di molteplici iniziative, sembra rivestire una singolare missione, quella di essere la porta d’Italia che pone comunicazione il mondo latino con quello slavo: porta aperta sull’Est europeo e sull’Europa centrale”.
Sembra rivestire.  Appunto. Sembra.
Alle tue spalle la Prefettura, e poi segui quelle persone con la felpa ed il cappuccio entrare dentro la galleria Bombi che dovrebbe unire Gorizia, ma non è così. Però prima di entrare dentro quel luogo buio, umido, una seconda targa coglie la tua attenzione.
Si legge che " stelle è un progetto di raccolta di segni, presenze e storie per comprendere e raccontare la condizione della moltitudine di persone in viaggio lungo la Balkan Route". Segni e presenze che nella g…

Quella sera a Ruda... e Giulio ci ha fatto conoscere il dolore degli altri

Una miscela di emozioni, di sentimenti. E' stato definito come il pellegrinaggio per la verità e giustizia per Giulio. Sempre costantemente in movimento Paola e Claudio ed ovunque vengono accolti, abbracciati, incontrano l'affetto dell'Italia vera, quella che non ha accettato e mai potrà accettare l'ignobile compromesso che ha portato al cambio di rotta repentino segnato dalla politica di Roma, mai tanto distante quanto ora dalla via della verità e giustizia per Giulio. La politica ha intrapreso la via della normalizzazione dei rapporti, neanche due anni son trascorsi. E son bastati per ritornare amici come prima se non più di prima. D'altronde, lo scrivono in tutte le lingue, Italia ed Egitto sono in rapporto amichevole da 2000 anni. Come a dire, vuoi che 2000 anni di storia vengano compromessi da Giulio?  Non da Giulio, ma da chi ne ha cagionato la morte, da chi ha determinato depistaggi, sviamenti, distrazioni, da chi ha cercato di auto-assolversi, passando in …

Quattro studentesse dell'Università di Padova in Egitto per una tesi. Era proprio indispensabile?

Circola in rete la notizia che  quattro ragazze Unipd vanno  “alla conquista” dell’Egitto, per lavorare alla loro tesi di laurea e frequentano il corso di Progettazione e gestione del turismo culturale, Dipartimento di Beni Culturali dell'Università di Padova. Si legge  con grande enfasi che  "La loro tesi si è concentrata sulla riprogettazione e sul riallestimento della Sala dei Cimeli nel Sacrario militare italiano. Il Sacrario è un edificio costruito per commemorare i caduti italiani durante le battaglie di El-Alamain, che si sono svolte nel 1942 durante la Seconda Guerra Mondiale."
Ora, non so se vi sono già state altre iniziative del genere da quando è stato assassinato Giulio Regeni, quello che so è che  il rettore dell'Università di Padova, Rosario Rizzuto, ha dedicato la giornata dell'inaugurazione del 794° anno accademico a Giulio Regeni con queste parole "Voglio inoltre ricordare in questa occasione con affetto e dolore Giulio Regeni, il g…