Passa ai contenuti principali

L'arroganza dell'Invalsi con un Miur indifferente

Uno degli aspetti più incredibili della nota del 27 aprile, e ribadisco nota, con la quale l'Invalsi ha comunicato il posticipo delle prove del cinque maggio, è l'aver inviato questa semplicemente per conoscenza al Miur. Ora, che l'intento sia stato quello di neutralizzare gli effetti dello sciopero è pacifico, ma voglio soffermarmi su quanto dichiarato dalla Presidente dell'Invalsi al Fatto Quotidiano: "Di fronte alle proteste del sindacato la presidente d’Invalsi fa una riflessione: “Facciamo una distinzione: i Cobas hanno sempre protestato contro le prove ma rispetto ai Confederali mi sono fatta carico delle loro motivazioni. Il loro sciopero, che non è contro l’Invalsi, è il 5: abbiamo tenuto conto della loro manifestazione”. Una scelta a detta della Ajello fatta in piena autonomia: “Ho scritto una mail al ministro solo ieri. Mi sono consultata solo con i miei dirigenti. So bene che non posso coinvolgere il Miur perché in quel caso si tratterebbe di attività antisindacale”.
Cosa si desume da tutto ciò? In primo luogo una scelta faziosa, parziale ed intenzionale, che lede non solo l'immagine di un sindacato, ma colpisce, gli iscritti di quel sindacato, i lavoratori e lavoratrici che avrebbero scioperato contro le prove dell'Invalsi, visto che la proclamazione dello sciopero riguardava il contrasto delle citate prove, che non sono servizio minimo essenziale. Mancanza di rispetto, sintomo di arroganza evidente e non nascosta. 
Un precedente, se non fermato con immediatezza, che ben un giorno potrà interessare altre realtà. Ma non solo, una interferenza nella gestione delle dinamiche sindacali incredibile, che in Italia, nella scuola, non si era mai vista. 
Altra considerazione è il fatto che se da un lato si riconosce l'antisindacabilità della condotta posta in essere, dall'altro emerge la mera impotenza del Miur. Cosa nota, cosa sussistente, poiché la normativa in essere conferisce in sostanza carta bianca all'Invalsi, su come organizzare quelle giornate, le date da scegliere, ma ciò deve avvenire nel rispetto della scuola pubblica, dell'autonomia che dovrebbe caratterizzare la scuola pubblica dall'ente ricerca quale l'Invalsi che in sostanza in quelle giornate, conferisce ordini, disposizioni, ovvero diventa più che un surrogato del Miur, l'effettivo datore di lavoro. Il Miur dovrebbe, per legge, esercitare la vigilanza, cosa che pare non essere emersa. Un Miur che riceve una comunicazione volta a stravolgere l'organizzazione delle scuole, che il 7 maggio avevano già predisposto altre attività, che comporterà una nuova interruzione dell'ordinaria attività didattica, solo per conoscenza, come dire, tu non conti nulla sono io qui che comando. Sicuramente l'arroganza dell'Invalsi ha posto in essere ciò che a molti era noto da diverso tempo, ma che solo ora è emerso con chiarezza inequivocabile. Nelle giornate delle prove Invalsi è l'Invalsi che  governa la Scuola. E ciò quanto è normale? Quanto è accettabile?

Marco Barone

Commenti

Post popolari in questo blog

Dal "daspo urbano per chi offende il giorno del ricordo"al concetto di slavo che offende la Trieste italiana. Ma Saranno gli "slavi" a salvare Gorizia e Trieste

E' un mondo difficile diceva una nota canzoncina che per diverso tempo veniva trasmessa dalle nostre radio. Un mondo difficile, che è letteralmente virato verso forme di chiusura e rigidità a causa di una globalizzazione letteralmente selvaggia.

Diversi media hanno avuto un ruolo nefasto in tutto ciò, dal momento in cui per anni hanno favorito, sotto il nome di una fantomatica democrazia, l'affermazione di concetti indegni, di quel veleno sociale, di quelle narrazioni nocive per la convivenza civile e pacifica, che hanno riabilitato le peggiori istanze e rinforzato a dismisura quei "quattro provoloni"di neofascisti, mentre "quattro provoloni" non sono più indistintamente i razzisti. Tra i fatti di Macerata, come poi ripetutesi vicino ad Enna, e quanto accaduto nel Confine Orientale in soli 25 anni di occupazione italiana subito dopo la fine della prima guerra mondiale vi è stato un solo filo di continuità. Qui il fascismo si è realizzato prima che altrove,…

Altro che "buonascuola" in Italia siamo degli analfabeti rispetto all'Europa, il rapporto ISTAT sullo stato dell'istruzione in Italia

L'ISTAT ha pubblicato un corposo rapporto incentrato sulla questione della conoscenza.  Ed emerge una fotografia del Paese devastante. Da un lato hai la propaganda di chi racconta un Paese che esiste solo nella sua mente che mente, a partire da chi difende la peggior legge mai scritta in Italia in materia di legislazione scolastica quale la "buonascuola" bocciata da quasi l'intera comunità scolastica con uno sciopero epocale nel maggio 2015. Dall'altro hai la realtà che ti narra un Paese in estrema difficoltà e povertà e diffusa ignoranza. L'Istat rileva chiaramente che "in Italia la recessione, anche per i vincoli di finanza pubblica dovuti al debito, è stata più profonda rispetto a tutte le altre economie europee, riportando il potere d’acquisto delle famiglie nel 2012 indietro fino ai livelli degli anni Novanta."
E ciò sotto gli occhi di tutti.  A livello di conoscenza afferma che "L’Italia è un’economia industriale ad alto reddito ma ano…

Iera una volta...il mercato di Ronchi

Iera una volta il mercato di Ronchi. Questa è oramai una constatazione di fatto che vivi nei mercoledì ronchesi, giorno per eccellenza del mercato. I mercati sono sopravvissuti ai secoli, alle guerre, al progresso, all'avvento dei grandi centri commerciali che hanno risucchiato nel buco nero della depressione economica i piccoli commercianti, con città sempre più svuotate con il paradosso che vedrai le città finte, create ad hoc per il commercio, essere strapiene.

I mercati resistono, ma faticano a sopravvivere soprattutto quando arriva l'ultimo mercoledì del mese, quando i soldi son già finiti e per le strade del mercato vedrai sempre meno gente.

Un mercato che ha una sua storia importante, noto soprattutto per la sua energia, vitalità, socialità, che paga probabilmente il prezzo di diverse problematicità, da quelle logistiche alla crisi sociale ed economica che si è scagliata su questo Territorio che pur avendo potenzialità enormi per alzare la testa, in questo momento sto…