Passa ai contenuti principali

L'arroganza dell'Invalsi con un Miur indifferente

Uno degli aspetti più incredibili della nota del 27 aprile, e ribadisco nota, con la quale l'Invalsi ha comunicato il posticipo delle prove del cinque maggio, è l'aver inviato questa semplicemente per conoscenza al Miur. Ora, che l'intento sia stato quello di neutralizzare gli effetti dello sciopero è pacifico, ma voglio soffermarmi su quanto dichiarato dalla Presidente dell'Invalsi al Fatto Quotidiano: "Di fronte alle proteste del sindacato la presidente d’Invalsi fa una riflessione: “Facciamo una distinzione: i Cobas hanno sempre protestato contro le prove ma rispetto ai Confederali mi sono fatta carico delle loro motivazioni. Il loro sciopero, che non è contro l’Invalsi, è il 5: abbiamo tenuto conto della loro manifestazione”. Una scelta a detta della Ajello fatta in piena autonomia: “Ho scritto una mail al ministro solo ieri. Mi sono consultata solo con i miei dirigenti. So bene che non posso coinvolgere il Miur perché in quel caso si tratterebbe di attività antisindacale”.
Cosa si desume da tutto ciò? In primo luogo una scelta faziosa, parziale ed intenzionale, che lede non solo l'immagine di un sindacato, ma colpisce, gli iscritti di quel sindacato, i lavoratori e lavoratrici che avrebbero scioperato contro le prove dell'Invalsi, visto che la proclamazione dello sciopero riguardava il contrasto delle citate prove, che non sono servizio minimo essenziale. Mancanza di rispetto, sintomo di arroganza evidente e non nascosta. 
Un precedente, se non fermato con immediatezza, che ben un giorno potrà interessare altre realtà. Ma non solo, una interferenza nella gestione delle dinamiche sindacali incredibile, che in Italia, nella scuola, non si era mai vista. 
Altra considerazione è il fatto che se da un lato si riconosce l'antisindacabilità della condotta posta in essere, dall'altro emerge la mera impotenza del Miur. Cosa nota, cosa sussistente, poiché la normativa in essere conferisce in sostanza carta bianca all'Invalsi, su come organizzare quelle giornate, le date da scegliere, ma ciò deve avvenire nel rispetto della scuola pubblica, dell'autonomia che dovrebbe caratterizzare la scuola pubblica dall'ente ricerca quale l'Invalsi che in sostanza in quelle giornate, conferisce ordini, disposizioni, ovvero diventa più che un surrogato del Miur, l'effettivo datore di lavoro. Il Miur dovrebbe, per legge, esercitare la vigilanza, cosa che pare non essere emersa. Un Miur che riceve una comunicazione volta a stravolgere l'organizzazione delle scuole, che il 7 maggio avevano già predisposto altre attività, che comporterà una nuova interruzione dell'ordinaria attività didattica, solo per conoscenza, come dire, tu non conti nulla sono io qui che comando. Sicuramente l'arroganza dell'Invalsi ha posto in essere ciò che a molti era noto da diverso tempo, ma che solo ora è emerso con chiarezza inequivocabile. Nelle giornate delle prove Invalsi è l'Invalsi che  governa la Scuola. E ciò quanto è normale? Quanto è accettabile?

Marco Barone

Commenti

Post popolari in questo blog

La nuova strage di migranti nel Mediterraneo era prevedibile e forse anche voluta nel nazismo del terzo millennio

Lo si sapeva. Lo si sapeva che in tarda primavera sarebbero ripresi gli sbarchi dalla Libia. Con i soliti schemi, metodi. Tutto era prevedibile, conoscibile. E qui la chiusura criminale della rotta balcanica non c'entra nulla. Viviamo in una società dove il più grande crimine di guerra mai compiuto e mai punito, quale il lancio delle bombe atomiche sul Giappone, viene quasi giustificato. Senza quelle bombe non sarebbe finita la seconda guerra mondiale, si dice. E per questo non si deve chiedere scusa. Sono certo che se quelle bombe le avesse lanciate la Russia, oggi si racconterebbe una storia diversa. Ma il mondo funziona così. L'Europa, costituita da Paesi ricchi, si chiude per non essere contaminata dalle razze inferiori. Sì, parlo di razze, si parlo di inferiori. Perché? Perché il fantomatico sentimento razzista di paura, trova in realtà il proprio fondamento in quel concetto di superiorità della razza pura del terzo millennio, che non deve essere intaccata dai poveracci …

Togliatti: "tutte le campagne circa le persecuzioni degli italiani in Jugoslavia sono calunnie e menzogne"

Togliatti nella prima pagina dell'Unità del 7 novembre 1946, racconta il suo viaggio a Belgrado e l'incontro con il Maresciallo Tito. "Il Maresciallo Tito mi ha dichiarato di essere disposto a consentire che Trieste appartenga all'Italia, cioè sia sotto la Sovranità della Repubblica italiana qualora l'Italia consenta di lasciare Gorizia alla Jugoslavia, città che anche secondo i dati del nostro ministero degli esteri è in prevalenza slava. La sola condizione che il Maresciallo Tito pone è che Trieste riceva in seno alla Repubblica italiana uno statuto autonomo effettivamente democratico che permetta ai triestini di governare la loro città ed il loro territorio secondo principi democratici". Alla domanda, cosa pensava di questa proposta, Togliatti, rispose: io penso che è ora di smetterla di servirsi della questione triestina per seminare discordia tra due popoli i quali sono entrambi popoli di lavoratori che debbono collaborare nel modo più stretto allo scop…

Il concerto di Trieste per la sofferenza degli innocenti ed il discorso assurdo di Arguello al Family Day

Domenica 25 giugno, alle ore 20.30, piazza Unità d’Italia, ospiterà il concerto “La sofferenza degli innocenti”, organizzato da Diocesi, Comunità Ebraica e il Comune di Trieste. Si legge che "composta da Kiko Argüello, iniziatore del Cammino Neocatecumenale, l'opera sinfonico-catechetica presenta la sofferenza di una madre ebrea, Maria di Nazareth, che vede uccidere suo figlio, una sofferenza inaudita che le attraversa l'anima, una spada, un dolore assimilato a quello di ogni madre davanti alla morte dei propri figli, vittime innocenti in tanti campi di concentramento come Auschwitz, Majdanek, Mauthausen, Treblinka, Trieste." Tutti coloro che parteciperanno a quel concerto dovrebbero avere ben ferme nella mente le parole assurde pronunciate da Argüello nel suo discorso, al Family day del 2015 a Roma,  tra le altre cose applaudito, con uno striscione enorme alle spalle con scritto "stop gender nelle scuole". Una riflessione che nasce sul femminicidio e da un…