Passa ai contenuti principali

Il polo intermodale di Ronchi, ma è veramente utile? Meglio un grande orto comunale

Un progetto faraonico, cemento, parcheggi, stazione di treni, passerelle, milioni di euro, per quello che dovrà diventare il polo intermodale di Ronchi, il cui progetto, per il secondo anno consecutivo, è stato selezionato quale finalista al Global AirRail Awards 2015, nella categoria "Travelport Project of the Year" Ora che l'aeroporto del FVG, di Ronchi, sia in difficoltà è evidente, dopo tre anni consecutivi in cui era stato registrato un utile, l’esercizio 2014 si chiude con un risultato prima delle imposte pari ad Euro 1.073.586 ed una perdita d’esercizio pari ad Euro 1.252.046. La cancellazione di alcuni voli, la proposta di altri voli con orari a dir poco indecenti, rende questo scalo poco appetibile e la recente mostra fotografica ospitata nei locali dell'aeroporto” The Tempelhof Project del fotografo Eugenio Novajra”, in molti ha fatto scattare il pensiero cinico, se sarà quello il destino del nostro scalo, ovvero di essere trasformato in parco cittadino. Non che ciò sia un male, ben venga il verde, ma l'aeroporto è un bene da tutelare e difendere, perché il diritto alla mobilità possa essere garantito a tutti. Andrebbero potenziati i collegamenti con l'Est Europa, ma anche con il sud Italia, ad esempio. Aeroporto che è circondato da un parcheggio che non pare essere mai stato pieno, che è a poca distanza di tre stazioni ferroviarie, due di Ronchi, anche se una non più operativa, e quella di Monfalcone. E cosa si pensa di fare in tutto ciò? Nell'area immensa situata innanzi all'aeroporto, un polo intermodale inutile, salvo a chi investe ed a chi farà profitto. 
Inutile perché, come detto, basterebbe potenziare le stazioni ferroviarie già esistenti con collegamenti agli autobus, basterebbe realizzare un multi-piano lì ove già esiste il parcheggio, basterebbe rendere maggiormente efficace ciò che esiste, a partire dallo scalo medesimo, piuttosto che speculare. In quell'area immensa si potrebbero fare tante cose, utili per la collettività di Ronchi. Penso, per esempio agli orti comunali. A Ronchi esiste una grande tradizione, curare gli orti privatamente, e se dal privatamente si passasse al collettivo? E dal collettivo nascesse anche un mercatino tutto nostrano? E' noto che la commissione europea sostiene progetti come l'agricoltura familiare e, più in generale, la piccola agricoltura sono al centro del quadro politico dell'Unione sulla sicurezza alimentare e nutrizionale. L'unione Europea è la principale fonte di aiuti a favore dell'agricoltura sostenibile e della sicurezza alimentare e nutrizionale, per le quali impegna ogni anno più di 1 miliardo di EUR. Ad esempio per il periodo 2014-2020, più di 45 paesi hanno scelto l'agricoltura sostenibile e la sicurezza alimentare e nutrizionale quale settore prioritario per i programmi di cooperazione bilaterale dell'UE. E la promozione degli orti, ricorda l'Unione Europea, potrebbe probabilmente rientrare negli inviti a presentare proposte pubblicati dalla direzione generale dello Sviluppo e della cooperazione nel campo della sicurezza alimentare e nutrizionale. Insomma quel polo intermodale a chi è funzionale? Non era meglio promuovere e realizzare un grande orto comunale?  Questo è l'ennesimo esempio che ben dimostra come a Ronchi, ma non solo a Ronchi, sia necessaria una sinistra diversa, una sinistra che sappia governare il territorio difendendo l'autonomia, l'esistenza del Comune, la democrazia, opponendosi ad ogni tentativo di speculazione, cementificazione inutile, anche perché, rimanendo in tema, quante sono le case sfitte a Ronchi? Quante quelle invendute? Quanti i complessi residenziali realizzati negli ultimi anni e rimasti vuoti? Il cemento non è certamente la via da seguire per il futuro di Ronchi.

Commenti

Post popolari in questo blog

Giorno del ricordo a Gorizia e agibilità democratica: Revocata sala gestita dalla provincia a resistenza storica

Era stato promosso dal gruppo di Resistenza Storica e sinistra goriziana antifascista, un convegno per il 10 febbraio dal seguente titolo, da svolgersi in Gorizia, presso il palazzo provinciale Attems:11 ANNI DI "GIORNO DEL RICORDO" Tra mistificazioni storiche e rivalutazione del fascismo. Questi gli interventi previsti: Alessandra KERSEVAN: Il ruolo della X Mas al confine orientale; Claudia CERNIGOI: Il "fenomeno" delle foibe e gli scomparsi da Gorizia nel maggio 1945; Sandi VOLK: 10 anni di onorificenze della legge del Ricordo; Piero PURINI: Gli esodi prima e dopo il secondo conflitto mondiale; Marco BARONE: "Volemo tornar". L'irredentismo del terzo millennio; nota di inquadramento storico e coordinamento del dibattito a cura di Marco PUPPINI. Contestualmente a ciò, nella stessa giornata, nella stessa città, ma in luogo diverso, è previsto il convegno organizzato dalla Lega Nazionale di Gorizia, con l'alto patrocinio della Prefettura, Provincia…

Se Babbo Natale ha ridimensionato San Nicolò

Ma è più sentito San Nicolò o Babbo Natale?

Questo è quanto mi domandavo notando tutta la serie di prodotti realizzati, i mercatini diffusi, le fiere e quant'altro si afferma in prossimità della notte tra il 5 e 6 dicembre. Così come mi domando, ma quanti conoscono la sua storia? Quanti sanno che tipo di santo protettore sarebbe?  Scommetto che le mani alzate sarebbero una manciata.  Ed a dirla tutta non interessa, interessa quel giorno solo scambiarsi qualche regalino, girovagare per le fiere, bere e mangiare.
San Nicolò, dicono, è un santo molto venerato in tutto il mondo, addirittura avrebbe carattere universale. Sarà. Ma in Italia ci sono su più di 8 mila Comuni solo una ventina di località, e qualche Comune, ad avere questo nome e sono poche le località dove viene festeggiato, soprattutto in alcune zone del Nord Est ed in Puglia.  Vi è chi dice che Babbo Natale altro non sia che praticamente il San Nicolò in chiave pienamente consumistica, che avrebbe tratto origine da qu…

Gorizia,16 dicembre, manifestazione regionale a sostegno dei migranti "RESTIAMO UMANI-HUMANITY WELCOME"

Il titolo della manifestazione è restiamo umani, humanity welcome. Il 16 dicembre se a Roma ci sarà la manifestazione nazionale dei migranti, a Gorizia si svolgerà una manifestazione regionale che ha lo scopo di denunciare il fallimento dell'accoglienza diffusa in regione, lo stato di degrado umano che si è raggiunto nei confronti dei richiedenti asilo "fuori convenzione", senza dimenticare quanto accade nel CARA di Gradisca, che è oltre ogni limite di capienza, destinato a diventare nuovamente centro di espulsione, senza dimenticare quanto accade lungo le rive dell'Isonzo da Gorizia a Gradisca, a Pordenone, senza dimenticare l'omissione di soccorso sistematica ed impunita. Gorizia non è mai stata realmente una porta verso l'Est, si è sempre chiusa, non è mai stata una porta verso l'Oriente, e la caduta visiva dell'ultimo muro d'Europa, dopo quello di Berlino, è stato solo un gesto illusorio, perchè le divisioni sono sempre state la normalità in q…