Passa ai contenuti principali

Il polo intermodale di Ronchi, ma è veramente utile? Meglio un grande orto comunale

Un progetto faraonico, cemento, parcheggi, stazione di treni, passerelle, milioni di euro, per quello che dovrà diventare il polo intermodale di Ronchi, il cui progetto, per il secondo anno consecutivo, è stato selezionato quale finalista al Global AirRail Awards 2015, nella categoria "Travelport Project of the Year" Ora che l'aeroporto del FVG, di Ronchi, sia in difficoltà è evidente, dopo tre anni consecutivi in cui era stato registrato un utile, l’esercizio 2014 si chiude con un risultato prima delle imposte pari ad Euro 1.073.586 ed una perdita d’esercizio pari ad Euro 1.252.046. La cancellazione di alcuni voli, la proposta di altri voli con orari a dir poco indecenti, rende questo scalo poco appetibile e la recente mostra fotografica ospitata nei locali dell'aeroporto” The Tempelhof Project del fotografo Eugenio Novajra”, in molti ha fatto scattare il pensiero cinico, se sarà quello il destino del nostro scalo, ovvero di essere trasformato in parco cittadino. Non che ciò sia un male, ben venga il verde, ma l'aeroporto è un bene da tutelare e difendere, perché il diritto alla mobilità possa essere garantito a tutti. Andrebbero potenziati i collegamenti con l'Est Europa, ma anche con il sud Italia, ad esempio. Aeroporto che è circondato da un parcheggio che non pare essere mai stato pieno, che è a poca distanza di tre stazioni ferroviarie, due di Ronchi, anche se una non più operativa, e quella di Monfalcone. E cosa si pensa di fare in tutto ciò? Nell'area immensa situata innanzi all'aeroporto, un polo intermodale inutile, salvo a chi investe ed a chi farà profitto. 
Inutile perché, come detto, basterebbe potenziare le stazioni ferroviarie già esistenti con collegamenti agli autobus, basterebbe realizzare un multi-piano lì ove già esiste il parcheggio, basterebbe rendere maggiormente efficace ciò che esiste, a partire dallo scalo medesimo, piuttosto che speculare. In quell'area immensa si potrebbero fare tante cose, utili per la collettività di Ronchi. Penso, per esempio agli orti comunali. A Ronchi esiste una grande tradizione, curare gli orti privatamente, e se dal privatamente si passasse al collettivo? E dal collettivo nascesse anche un mercatino tutto nostrano? E' noto che la commissione europea sostiene progetti come l'agricoltura familiare e, più in generale, la piccola agricoltura sono al centro del quadro politico dell'Unione sulla sicurezza alimentare e nutrizionale. L'unione Europea è la principale fonte di aiuti a favore dell'agricoltura sostenibile e della sicurezza alimentare e nutrizionale, per le quali impegna ogni anno più di 1 miliardo di EUR. Ad esempio per il periodo 2014-2020, più di 45 paesi hanno scelto l'agricoltura sostenibile e la sicurezza alimentare e nutrizionale quale settore prioritario per i programmi di cooperazione bilaterale dell'UE. E la promozione degli orti, ricorda l'Unione Europea, potrebbe probabilmente rientrare negli inviti a presentare proposte pubblicati dalla direzione generale dello Sviluppo e della cooperazione nel campo della sicurezza alimentare e nutrizionale. Insomma quel polo intermodale a chi è funzionale? Non era meglio promuovere e realizzare un grande orto comunale?  Questo è l'ennesimo esempio che ben dimostra come a Ronchi, ma non solo a Ronchi, sia necessaria una sinistra diversa, una sinistra che sappia governare il territorio difendendo l'autonomia, l'esistenza del Comune, la democrazia, opponendosi ad ogni tentativo di speculazione, cementificazione inutile, anche perché, rimanendo in tema, quante sono le case sfitte a Ronchi? Quante quelle invendute? Quanti i complessi residenziali realizzati negli ultimi anni e rimasti vuoti? Il cemento non è certamente la via da seguire per il futuro di Ronchi.

Commenti

Post popolari in questo blog

Passo dopo passo il Nord è conquistato da chi vuole "l'indipendenza della Padania"

Ciò che non è entrato dalla porta principale, entra, anno dopo anno, passo dopo passo, in modo sistematico, con estrema pazienza ed intelligenza politica, dalle finestre che connotano la casa del Nord. Un Nord che è uscito con le ossa fratturate dalla crisi del 2007, divenuto isola felice per le mafie, per la corruzione, ma che ha continuato ad essere rispetto al Sud sempre il locomotore dell'Italia, Paese che sta all'Europa come il Sud Italia sta al Nord Italia. Ed il Nord non ci sta più. Pensiamo al Friuli Venezia Giulia, dove cortocircuiti storici sono anche visibili. Ovunque piazze dedicate all'Unità d'Italia che qui non poteva essere festeggiata perchè quando questa raggiunta non era mica contemplata l'Italia, ma si era in gran parte in quello che veniva definito come l'Impero felice a cui è stata anche dedicata una piazza e si continuano a dedicare statue o celebrarne i fasti nobiliari. E poi sarà in prima linea su due fronti di guerra catastrofici, la …

Salvare le scritte storiche sui muri delle nostre città dei tempi della guerra. Rischiano l'estinzione

Il Friuli Venezia Giulia è una polveriera storica impressionante. Anche se la storia che ovviamente si racconta di più e che ha sancito le sorti di quel presente che viviamo è quella del '900. Terra martoriata da due catastrofi mondiali e che ha rischiato, per la nota causa di Trieste, di scatenare anche la terza. Ci sono diverse testimonianze storiche di quel tempo, soprattutto della seconda guerra mondiale e delle fasi successive alla liberazione dal nazifascismo che caratterizzeranno le sorti di Trieste e dell'Isontino per diversi anni. Ad esempio si possono ancora oggi leggere in alcune località, come Monfalcone, Ronchi, delle scritte che inneggiano alla Jugoslavia, alla settima Repubblica Federativa Jugoslava. In rosso.
Sopravvissute al tempo, alla storia, alla memoria. Anche se a dire il vero ne sono rimaste solo una manciata e difficilmente leggibili. Ma anche per Trieste ci saranno testimonianze del genere come nelle località sicuramente interessate da questa contor…

Scuola tra docenti impotenti senza autorevolezza e autorità in una lotta per la sopravvivenza

I tempi del grembiule, delle bacchettate, delle punizioni dietro la lavagna o di altre amenità sono finiti da un pezzo come la scuola dell'ordine e della disciplina. Forse il grembiule potrebbe ritornare, o anche no, ovviamente non devono trovare alcuna dimensione e spazio violenze psicofisiche all'interno della scuola. Ma nel giro di un paio di generazioni che sono coincise da un lato con l'avvento di internet che ha tolto ogni freno inibitorio e dall'altro della scuola trasformata in luogo dove i docenti hanno perso ogni autorevolezza ed autorità, dove non contano più niente, non hanno più alcun potere, salvo qualche caso raro di abuso di mezzi di correzione e violenza che comunque vengono sanzionati a dovere ed utilizzati per demonizzare una intera categoria presa letteralmente a schiaffi ogni giorno, si è realizzato il disastro pieno. 
La scuola deve solo "vendere" un prodotto, che è il titolo di studio o diventare luogo di ammortizzatore sociale. Insegu…