Passa ai contenuti principali

Difendere il 25 aprile contro i fascismi di ieri e di oggi



Nonostante il 70° anno del nostro 25 aprile, ancora oggi vi è chi definisce questo fondamentale giorno come una follia tutta nostrana, una follia democratica, una follia che vuole il 25 aprile come il giorno più ridicolo ed insensato e stupido che addirittura sia mai esistito. Ed a scrivere ciò non sono persone insignificanti nel panorama e nel circuito del potere nostrano, ma persone che hanno avuto e forse continuano ad avere ruoli di un certo rilievo. Da un certo punto di vista è innegabile che il 25 aprile viene presentato, da tanti, e diverse forze politiche, come roba vecchia, antiquata, soggetti che ripetono in continuazione, ad esempio, che fascismo o comunismo ( come se poi fossero la stessa cosa) sono cose superate, da libri di storia, che si deve andare avanti. Certo, andare avanti senza conoscere il passato, maturare la consapevolezza di ciò che vi è stato, è roba da mettere i brividi. Perché la condivisione di valori ed idee che hanno contrastato, anche se dopo tanti anni di violenze e regime, la dittatura, è fondamentale per non solo ripetere i disastri del passato, ma per l'affermazione di concetti, principi e diritti che pongono l'umanità al centro del nostro piccolo universo quotidiano. Dopo settant'anni il 25 aprile è la festa delle feste, festa che ha grande e vitale ragione di esistere, per opporre e contrastare processi come quelli appena citati, ad esempio, perché i valori dell'antifascismo sono i valori che devono guidare l'umanità del presente e del futuro, non solo a parole ma anche con i fatti. Nessuna guerra civile vi è stata in Italia, ma resistenza, tramite la presa di consapevolezza che il nemico andava combattuto anche con le armi ed il nemico era il fascismo ed il nazismo, il nemico era il regime, e le ribellioni ed i processi di resistenza contro i regimi non sono guerre civili, ma lotte per la liberazione. Ed i partigiani italiani seguirono l'esempio dei partigiani jugoslavi, con i quali vi sarà anche un forte processo di solidarietà, e non a caso la prima brigata di resistenza armata che nascerà in questo Paese sarà a Selz di Ronchi e si chiamerà proletaria che vide l'unione di uomini e donne, operai italiani e sloveni. E' con il 25 aprile che è nata la vera Italia, almeno idealmente e non è stato il 25 aprile né il 1° né il secondo e neanche il 3° risorgimento, ma il giorno simbolo della liberazione dalla tossicità che ha infestato ogni città italiana con il bastone della reazione e con la voce dell'odio ed intolleranza violenta, specialmente nel martoriato Confine Orientale, che ha conosciuto la veste più brutale del regime. Tra irredentismi reazionari, nazionalismi reazionari, che condurranno alla grande guerra e come poi abbracciati dal fascismo, prodotto, anche questo, della grande guerra, sarà solo il 25 aprile, con la resistenza legittimamente e dolorosamente violenta e con il sogno e non banale utopia di una società socialista, che si consoliderà la voglia di ribaltamento di valori meschini propri della restaurazione. Fino a quando esisterà il 25 aprile in questo Paese fino a quando sarà possibile coltivare il fiore del partigiano e difendere la libertà per cui è morto, sarà possibile difendere con viva consapevolezza la nostra libertà contro i fascismi di ieri e di oggi.

nota :in alto foto monumento resistenza di Ronchi, intervento pubblicato sul Piccolo edizione di Gorizia del 23 aprile, come "intervento del giorno".

Commenti

Post popolari in questo blog

La nuova strage di migranti nel Mediterraneo era prevedibile e forse anche voluta nel nazismo del terzo millennio

Lo si sapeva. Lo si sapeva che in tarda primavera sarebbero ripresi gli sbarchi dalla Libia. Con i soliti schemi, metodi. Tutto era prevedibile, conoscibile. E qui la chiusura criminale della rotta balcanica non c'entra nulla. Viviamo in una società dove il più grande crimine di guerra mai compiuto e mai punito, quale il lancio delle bombe atomiche sul Giappone, viene quasi giustificato. Senza quelle bombe non sarebbe finita la seconda guerra mondiale, si dice. E per questo non si deve chiedere scusa. Sono certo che se quelle bombe le avesse lanciate la Russia, oggi si racconterebbe una storia diversa. Ma il mondo funziona così. L'Europa, costituita da Paesi ricchi, si chiude per non essere contaminata dalle razze inferiori. Sì, parlo di razze, si parlo di inferiori. Perché? Perché il fantomatico sentimento razzista di paura, trova in realtà il proprio fondamento in quel concetto di superiorità della razza pura del terzo millennio, che non deve essere intaccata dai poveracci …

Il Confine una fiction da no comment e quella mescolanza tra Udine e Trieste e Gorizia

Fiction significa finzione, nella cinematografia e in televisione, come evidenzia la Treccani, è il genere di film a soggetto, che si contrappone per es. a quello dei documentarî e, negli sceneggiati televisivi, quello che si basa su intrecci romanzati.

Eppure la fiction il Confine che avrebbe avuto una media di poco superiore a 3 milioni di spettatori ambientata soprattutto in FVG sembrava, per i colori, per la regia, per i dialoghi, le musiche e l'ambientazione complessiva una fiction pseudo documentaria alla Piero o Alberto Angela che altro.

Ma non era questo l'intento. Una storia profondamente banale, dal finale scontato e altrettanto banale, che non è riuscita a trasmettere la complessità della guerra, l'atrocità della stessa,  la sensazione che si è avuta è che l'approccio sia stato più da soap opera spagnola, ma che per una parte del pubblico pare essere stata apprezzata. Forse è meglio un no comment. D'altronde la qualità della nostra televisione non par…

Cent'anni d'Italia in FVG non fanno rima con bellezza

E sono cento. Ancora un niente rispetto all'esperienza asburgica e via scivolando in quel passato che ha connotato questa fetta d'Europa. Cent'anni d'Italia son bastati per stravolgere la fisionomia di questo territorio, stravolgere le identità culturali, linguistiche. Con l'avvento dell'Italia qui si ricorda più ciò che è stato distrutto, compromesso che ciò che è stato costruito, edificato, in segno propositivo. Andando a guardare le questione delle opere, la bellezza dei luoghi che vogliono Trieste come la piccola Vienna d'Italia, Gorizia come la Nizza d'Austria e Udine in armonia con l'eleganza di un tempo che non esiste più, in quella nostalgia diventata poesia ma anche pericolosa illusione è dovuta esclusivamente a quel passato che con l'avvento del Regno d'Italia è stato effettivamente annientato. Se pensi all'Italia a quali opere pensi? Al faro della Vittoria? Alla scalinata di cemento che ha conquistato il Carso di Redipuglia, …