Passa ai contenuti principali

"Celebrazioni" grande guerra, tra Casapound a Gorizia e staffetta militare a Trieste


Nel ventennio vi era credere, obbedire e combattere. Ora vi è ‘Risorgi combatti e vinci’. Queste le parole d'ordine per la manifestazione nazionale che Casapound vorrebbe effettuare a Gorizia il 23 maggio 2015 per la ricorrenza della grande macelleria “umana”, quale la prima guerra mondiale. Ora, tutti sono a conoscenza del credo di Casapound, di cosa è Casapound, di come si definiscono, e così via discorrendo in questa valle neraccia. Pare ovvio ed evidente che, soprattutto a Gorizia e nella nostra difficile regione, che ha conosciuto la veste più brutale del fascismo, a partire dalle violenze patite da sloveni in primo luogo, qualsiasi iniziativa, manifestazione organizzata e promossa da gruppi, che in base alla Costituzione italiana, non dovrebbero proprio esistere, ma che esistono, sono semplicemente da bandire. D'altronde a Ronchi, recentemente, dopo la denuncia da parte del gruppo Ronchi dei Partigiani, dell'ANPI, del PRC e dell'osservatorio regionale Antifascista del FVG. il Comune ha revocato patrocinio ed utilizzo aula a promotori di una iniziativa su D'Annunzio, direttamente collegati a Casapound, evidenziando che "i promotori dell’Associazione e della conferenza risultano legati ad organizzazioni di matrice politica che si collocano al di fuori dell’arco costituzionale".
Tale motivazione dovrebbe servire da esempio, la nostra democrazia è fondata sull'antifascismo e negare spazi a realtà fasciste, si chiama antifascismo.
Ragionamento logico e semplice. L'Osservatorio Regionale Antifascista del FVG ha fatto, intanto, notare, che nello sfondo del manifesto come usato da Casapound per promuovere la loro iniziativa ed esaltare insomma l'entrata in guerra da parte italiana, anziché soldati italiani, sembrano esserci soldati inglesi...
Intorno alle quattro di mattina del 24 maggio 1915 partirà il primo colpo. E poi avanti tutta, diritti al massacro per le terre contese e far contento il capitalismo nostrano.  Milioni di morti, oltre 600 mila solo da parte italiana. E poi invalidi,e poi distruzione, e poi quella guerra non la dimenticherai per tutta la vita. E quella follia, pose le basi per l'altra grande sventura reazionaria di questo nostro Paese, il fascismo. Eppure le celebrazioni, le esaltazioni, non mancheranno. Addirittura il 24 maggio 2015 ‎a Trieste terminerà la staffetta “dell'esercito marciava” per la grande guerra dove pare che il ministro alla Difesa, percorrerà un breve tratto, correndo, con una fiaccola o bandiera tricolore in mano, sino a Piazza dell'Unità. Roba da non credere. Fino al centenario di quel maledetto, per diversi aspetti, 1918, 'ndemo 'vanti cusì? Ogni anno una celebrazione nazionalistica? e poi mi si deve spiegare il legame tra il maggio del 1915 e l'entrata della staffetta a Trieste? Se a Trieste l'esercito italiano entrerà nel 1918 e non il 24 maggio del 1915? Giorno che non dovrebbe conoscere celebrazioni, ma solo ed esclusivamente incazzature per quella maledetta, tremenda carneficina nazionalistica, imperialistica ,capitalistica che darà il via, poi, come detto, al fascismo? L'Italia dovrebbe seguire altre vie, ed il centenario potrebbe essere l'occasione giusta, ma così non sarà. Per esempio che si iniziasse con il chiedere scusa per aver combattuto una guerra folle e che poteva e doveva essere evitata; che si provvedesse quanto prima a disporre la revoca delle intitolazioni di vie, ecc dedicate ai generali, ufficiali individuati come responsabili di atrocità immani; che gli irredentisti, nazionalisti, così detti patrioti, a partire dagli intellettuali, come D'Annunzio, responsabili della propaganda pro-guerra vengano ripudiati dalla nostra Repubblica; che i sacrari fascisti vengano chiusi ed alle vittime, dai civili, ai disertori, ai soldati che non avevano colpa, per quella follia, ridata dignità con degna sepoltura e lontani dai propri generali. E soprattutto che per il 23 e 24 maggio 2015, le bandiere italiane vengano issate a mezz'asta e listate a lutto, perché è il giusto modo, questo, per ricordare la grande guerra e la memoria di chi è stato mandato a morire dalla propria madre patria, una madre che ha tradito i propri figli spedendoli direttamente sulla barca di Caronte senza che questi potessero godersi la loro vita, la gioventù, una gioventù bruciata dalla guerra. Altro che celebrazioni od esaltazioni  nostalgiche e pericolose o staffette celebrative.
D'altronde questi sono gli effetti collaterali di alcuni centenari. E giusto per concludere, pare che anche ad Udine ci sarà una iniziativa destra e di nostalgici, un convegno sulla grande guerra, previsto per il 23 maggio del 2015, che vedrà come relatori il segretario del movimento sociale fiamma nazionale, quello del movimento sociale europeo, e di forza nuova. Ovviamente e che ciò sia ben chiaro, l'antinazifascismo in FVG non starà certamente a guardare.

Commenti

Post popolari in questo blog

Passo dopo passo il Nord è conquistato da chi vuole "l'indipendenza della Padania"

Ciò che non è entrato dalla porta principale, entra, anno dopo anno, passo dopo passo, in modo sistematico, con estrema pazienza ed intelligenza politica, dalle finestre che connotano la casa del Nord. Un Nord che è uscito con le ossa fratturate dalla crisi del 2007, divenuto isola felice per le mafie, per la corruzione, ma che ha continuato ad essere rispetto al Sud sempre il locomotore dell'Italia, Paese che sta all'Europa come il Sud Italia sta al Nord Italia. Ed il Nord non ci sta più. Pensiamo al Friuli Venezia Giulia, dove cortocircuiti storici sono anche visibili. Ovunque piazze dedicate all'Unità d'Italia che qui non poteva essere festeggiata perchè quando questa raggiunta non era mica contemplata l'Italia, ma si era in gran parte in quello che veniva definito come l'Impero felice a cui è stata anche dedicata una piazza e si continuano a dedicare statue o celebrarne i fasti nobiliari. E poi sarà in prima linea su due fronti di guerra catastrofici, la …

Salvare le scritte storiche sui muri delle nostre città dei tempi della guerra. Rischiano l'estinzione

Il Friuli Venezia Giulia è una polveriera storica impressionante. Anche se la storia che ovviamente si racconta di più e che ha sancito le sorti di quel presente che viviamo è quella del '900. Terra martoriata da due catastrofi mondiali e che ha rischiato, per la nota causa di Trieste, di scatenare anche la terza. Ci sono diverse testimonianze storiche di quel tempo, soprattutto della seconda guerra mondiale e delle fasi successive alla liberazione dal nazifascismo che caratterizzeranno le sorti di Trieste e dell'Isontino per diversi anni. Ad esempio si possono ancora oggi leggere in alcune località, come Monfalcone, Ronchi, delle scritte che inneggiano alla Jugoslavia, alla settima Repubblica Federativa Jugoslava. In rosso.
Sopravvissute al tempo, alla storia, alla memoria. Anche se a dire il vero ne sono rimaste solo una manciata e difficilmente leggibili. Ma anche per Trieste ci saranno testimonianze del genere come nelle località sicuramente interessate da questa contor…

Scuola tra docenti impotenti senza autorevolezza e autorità in una lotta per la sopravvivenza

I tempi del grembiule, delle bacchettate, delle punizioni dietro la lavagna o di altre amenità sono finiti da un pezzo come la scuola dell'ordine e della disciplina. Forse il grembiule potrebbe ritornare, o anche no, ovviamente non devono trovare alcuna dimensione e spazio violenze psicofisiche all'interno della scuola. Ma nel giro di un paio di generazioni che sono coincise da un lato con l'avvento di internet che ha tolto ogni freno inibitorio e dall'altro della scuola trasformata in luogo dove i docenti hanno perso ogni autorevolezza ed autorità, dove non contano più niente, non hanno più alcun potere, salvo qualche caso raro di abuso di mezzi di correzione e violenza che comunque vengono sanzionati a dovere ed utilizzati per demonizzare una intera categoria presa letteralmente a schiaffi ogni giorno, si è realizzato il disastro pieno. 
La scuola deve solo "vendere" un prodotto, che è il titolo di studio o diventare luogo di ammortizzatore sociale. Insegu…