Passa ai contenuti principali

"Celebrazioni" grande guerra, tra Casapound a Gorizia e staffetta militare a Trieste


Nel ventennio vi era credere, obbedire e combattere. Ora vi è ‘Risorgi combatti e vinci’. Queste le parole d'ordine per la manifestazione nazionale che Casapound vorrebbe effettuare a Gorizia il 23 maggio 2015 per la ricorrenza della grande macelleria “umana”, quale la prima guerra mondiale. Ora, tutti sono a conoscenza del credo di Casapound, di cosa è Casapound, di come si definiscono, e così via discorrendo in questa valle neraccia. Pare ovvio ed evidente che, soprattutto a Gorizia e nella nostra difficile regione, che ha conosciuto la veste più brutale del fascismo, a partire dalle violenze patite da sloveni in primo luogo, qualsiasi iniziativa, manifestazione organizzata e promossa da gruppi, che in base alla Costituzione italiana, non dovrebbero proprio esistere, ma che esistono, sono semplicemente da bandire. D'altronde a Ronchi, recentemente, dopo la denuncia da parte del gruppo Ronchi dei Partigiani, dell'ANPI, del PRC e dell'osservatorio regionale Antifascista del FVG. il Comune ha revocato patrocinio ed utilizzo aula a promotori di una iniziativa su D'Annunzio, direttamente collegati a Casapound, evidenziando che "i promotori dell’Associazione e della conferenza risultano legati ad organizzazioni di matrice politica che si collocano al di fuori dell’arco costituzionale".
Tale motivazione dovrebbe servire da esempio, la nostra democrazia è fondata sull'antifascismo e negare spazi a realtà fasciste, si chiama antifascismo.
Ragionamento logico e semplice. L'Osservatorio Regionale Antifascista del FVG ha fatto, intanto, notare, che nello sfondo del manifesto come usato da Casapound per promuovere la loro iniziativa ed esaltare insomma l'entrata in guerra da parte italiana, anziché soldati italiani, sembrano esserci soldati inglesi...
Intorno alle quattro di mattina del 24 maggio 1915 partirà il primo colpo. E poi avanti tutta, diritti al massacro per le terre contese e far contento il capitalismo nostrano.  Milioni di morti, oltre 600 mila solo da parte italiana. E poi invalidi,e poi distruzione, e poi quella guerra non la dimenticherai per tutta la vita. E quella follia, pose le basi per l'altra grande sventura reazionaria di questo nostro Paese, il fascismo. Eppure le celebrazioni, le esaltazioni, non mancheranno. Addirittura il 24 maggio 2015 ‎a Trieste terminerà la staffetta “dell'esercito marciava” per la grande guerra dove pare che il ministro alla Difesa, percorrerà un breve tratto, correndo, con una fiaccola o bandiera tricolore in mano, sino a Piazza dell'Unità. Roba da non credere. Fino al centenario di quel maledetto, per diversi aspetti, 1918, 'ndemo 'vanti cusì? Ogni anno una celebrazione nazionalistica? e poi mi si deve spiegare il legame tra il maggio del 1915 e l'entrata della staffetta a Trieste? Se a Trieste l'esercito italiano entrerà nel 1918 e non il 24 maggio del 1915? Giorno che non dovrebbe conoscere celebrazioni, ma solo ed esclusivamente incazzature per quella maledetta, tremenda carneficina nazionalistica, imperialistica ,capitalistica che darà il via, poi, come detto, al fascismo? L'Italia dovrebbe seguire altre vie, ed il centenario potrebbe essere l'occasione giusta, ma così non sarà. Per esempio che si iniziasse con il chiedere scusa per aver combattuto una guerra folle e che poteva e doveva essere evitata; che si provvedesse quanto prima a disporre la revoca delle intitolazioni di vie, ecc dedicate ai generali, ufficiali individuati come responsabili di atrocità immani; che gli irredentisti, nazionalisti, così detti patrioti, a partire dagli intellettuali, come D'Annunzio, responsabili della propaganda pro-guerra vengano ripudiati dalla nostra Repubblica; che i sacrari fascisti vengano chiusi ed alle vittime, dai civili, ai disertori, ai soldati che non avevano colpa, per quella follia, ridata dignità con degna sepoltura e lontani dai propri generali. E soprattutto che per il 23 e 24 maggio 2015, le bandiere italiane vengano issate a mezz'asta e listate a lutto, perché è il giusto modo, questo, per ricordare la grande guerra e la memoria di chi è stato mandato a morire dalla propria madre patria, una madre che ha tradito i propri figli spedendoli direttamente sulla barca di Caronte senza che questi potessero godersi la loro vita, la gioventù, una gioventù bruciata dalla guerra. Altro che celebrazioni od esaltazioni  nostalgiche e pericolose o staffette celebrative.
D'altronde questi sono gli effetti collaterali di alcuni centenari. E giusto per concludere, pare che anche ad Udine ci sarà una iniziativa destra e di nostalgici, un convegno sulla grande guerra, previsto per il 23 maggio del 2015, che vedrà come relatori il segretario del movimento sociale fiamma nazionale, quello del movimento sociale europeo, e di forza nuova. Ovviamente e che ciò sia ben chiaro, l'antinazifascismo in FVG non starà certamente a guardare.

Commenti

Post popolari in questo blog

La nuova strage di migranti nel Mediterraneo era prevedibile e forse anche voluta nel nazismo del terzo millennio

Lo si sapeva. Lo si sapeva che in tarda primavera sarebbero ripresi gli sbarchi dalla Libia. Con i soliti schemi, metodi. Tutto era prevedibile, conoscibile. E qui la chiusura criminale della rotta balcanica non c'entra nulla. Viviamo in una società dove il più grande crimine di guerra mai compiuto e mai punito, quale il lancio delle bombe atomiche sul Giappone, viene quasi giustificato. Senza quelle bombe non sarebbe finita la seconda guerra mondiale, si dice. E per questo non si deve chiedere scusa. Sono certo che se quelle bombe le avesse lanciate la Russia, oggi si racconterebbe una storia diversa. Ma il mondo funziona così. L'Europa, costituita da Paesi ricchi, si chiude per non essere contaminata dalle razze inferiori. Sì, parlo di razze, si parlo di inferiori. Perché? Perché il fantomatico sentimento razzista di paura, trova in realtà il proprio fondamento in quel concetto di superiorità della razza pura del terzo millennio, che non deve essere intaccata dai poveracci …

Togliatti: "tutte le campagne circa le persecuzioni degli italiani in Jugoslavia sono calunnie e menzogne"

Togliatti nella prima pagina dell'Unità del 7 novembre 1946, racconta il suo viaggio a Belgrado e l'incontro con il Maresciallo Tito. "Il Maresciallo Tito mi ha dichiarato di essere disposto a consentire che Trieste appartenga all'Italia, cioè sia sotto la Sovranità della Repubblica italiana qualora l'Italia consenta di lasciare Gorizia alla Jugoslavia, città che anche secondo i dati del nostro ministero degli esteri è in prevalenza slava. La sola condizione che il Maresciallo Tito pone è che Trieste riceva in seno alla Repubblica italiana uno statuto autonomo effettivamente democratico che permetta ai triestini di governare la loro città ed il loro territorio secondo principi democratici". Alla domanda, cosa pensava di questa proposta, Togliatti, rispose: io penso che è ora di smetterla di servirsi della questione triestina per seminare discordia tra due popoli i quali sono entrambi popoli di lavoratori che debbono collaborare nel modo più stretto allo scop…

Il concerto di Trieste per la sofferenza degli innocenti ed il discorso assurdo di Arguello al Family Day

Domenica 25 giugno, alle ore 20.30, piazza Unità d’Italia, ospiterà il concerto “La sofferenza degli innocenti”, organizzato da Diocesi, Comunità Ebraica e il Comune di Trieste. Si legge che "composta da Kiko Argüello, iniziatore del Cammino Neocatecumenale, l'opera sinfonico-catechetica presenta la sofferenza di una madre ebrea, Maria di Nazareth, che vede uccidere suo figlio, una sofferenza inaudita che le attraversa l'anima, una spada, un dolore assimilato a quello di ogni madre davanti alla morte dei propri figli, vittime innocenti in tanti campi di concentramento come Auschwitz, Majdanek, Mauthausen, Treblinka, Trieste." Tutti coloro che parteciperanno a quel concerto dovrebbero avere ben ferme nella mente le parole assurde pronunciate da Argüello nel suo discorso, al Family day del 2015 a Roma,  tra le altre cose applaudito, con uno striscione enorme alle spalle con scritto "stop gender nelle scuole". Una riflessione che nasce sul femminicidio e da un…