Passa ai contenuti principali

"Celebrazioni" grande guerra, tra Casapound a Gorizia e staffetta militare a Trieste


Nel ventennio vi era credere, obbedire e combattere. Ora vi è ‘Risorgi combatti e vinci’. Queste le parole d'ordine per la manifestazione nazionale che Casapound vorrebbe effettuare a Gorizia il 23 maggio 2015 per la ricorrenza della grande macelleria “umana”, quale la prima guerra mondiale. Ora, tutti sono a conoscenza del credo di Casapound, di cosa è Casapound, di come si definiscono, e così via discorrendo in questa valle neraccia. Pare ovvio ed evidente che, soprattutto a Gorizia e nella nostra difficile regione, che ha conosciuto la veste più brutale del fascismo, a partire dalle violenze patite da sloveni in primo luogo, qualsiasi iniziativa, manifestazione organizzata e promossa da gruppi, che in base alla Costituzione italiana, non dovrebbero proprio esistere, ma che esistono, sono semplicemente da bandire. D'altronde a Ronchi, recentemente, dopo la denuncia da parte del gruppo Ronchi dei Partigiani, dell'ANPI, del PRC e dell'osservatorio regionale Antifascista del FVG. il Comune ha revocato patrocinio ed utilizzo aula a promotori di una iniziativa su D'Annunzio, direttamente collegati a Casapound, evidenziando che "i promotori dell’Associazione e della conferenza risultano legati ad organizzazioni di matrice politica che si collocano al di fuori dell’arco costituzionale".
Tale motivazione dovrebbe servire da esempio, la nostra democrazia è fondata sull'antifascismo e negare spazi a realtà fasciste, si chiama antifascismo.
Ragionamento logico e semplice. L'Osservatorio Regionale Antifascista del FVG ha fatto, intanto, notare, che nello sfondo del manifesto come usato da Casapound per promuovere la loro iniziativa ed esaltare insomma l'entrata in guerra da parte italiana, anziché soldati italiani, sembrano esserci soldati inglesi...
Intorno alle quattro di mattina del 24 maggio 1915 partirà il primo colpo. E poi avanti tutta, diritti al massacro per le terre contese e far contento il capitalismo nostrano.  Milioni di morti, oltre 600 mila solo da parte italiana. E poi invalidi,e poi distruzione, e poi quella guerra non la dimenticherai per tutta la vita. E quella follia, pose le basi per l'altra grande sventura reazionaria di questo nostro Paese, il fascismo. Eppure le celebrazioni, le esaltazioni, non mancheranno. Addirittura il 24 maggio 2015 ‎a Trieste terminerà la staffetta “dell'esercito marciava” per la grande guerra dove pare che il ministro alla Difesa, percorrerà un breve tratto, correndo, con una fiaccola o bandiera tricolore in mano, sino a Piazza dell'Unità. Roba da non credere. Fino al centenario di quel maledetto, per diversi aspetti, 1918, 'ndemo 'vanti cusì? Ogni anno una celebrazione nazionalistica? e poi mi si deve spiegare il legame tra il maggio del 1915 e l'entrata della staffetta a Trieste? Se a Trieste l'esercito italiano entrerà nel 1918 e non il 24 maggio del 1915? Giorno che non dovrebbe conoscere celebrazioni, ma solo ed esclusivamente incazzature per quella maledetta, tremenda carneficina nazionalistica, imperialistica ,capitalistica che darà il via, poi, come detto, al fascismo? L'Italia dovrebbe seguire altre vie, ed il centenario potrebbe essere l'occasione giusta, ma così non sarà. Per esempio che si iniziasse con il chiedere scusa per aver combattuto una guerra folle e che poteva e doveva essere evitata; che si provvedesse quanto prima a disporre la revoca delle intitolazioni di vie, ecc dedicate ai generali, ufficiali individuati come responsabili di atrocità immani; che gli irredentisti, nazionalisti, così detti patrioti, a partire dagli intellettuali, come D'Annunzio, responsabili della propaganda pro-guerra vengano ripudiati dalla nostra Repubblica; che i sacrari fascisti vengano chiusi ed alle vittime, dai civili, ai disertori, ai soldati che non avevano colpa, per quella follia, ridata dignità con degna sepoltura e lontani dai propri generali. E soprattutto che per il 23 e 24 maggio 2015, le bandiere italiane vengano issate a mezz'asta e listate a lutto, perché è il giusto modo, questo, per ricordare la grande guerra e la memoria di chi è stato mandato a morire dalla propria madre patria, una madre che ha tradito i propri figli spedendoli direttamente sulla barca di Caronte senza che questi potessero godersi la loro vita, la gioventù, una gioventù bruciata dalla guerra. Altro che celebrazioni od esaltazioni  nostalgiche e pericolose o staffette celebrative.
D'altronde questi sono gli effetti collaterali di alcuni centenari. E giusto per concludere, pare che anche ad Udine ci sarà una iniziativa destra e di nostalgici, un convegno sulla grande guerra, previsto per il 23 maggio del 2015, che vedrà come relatori il segretario del movimento sociale fiamma nazionale, quello del movimento sociale europeo, e di forza nuova. Ovviamente e che ciò sia ben chiaro, l'antinazifascismo in FVG non starà certamente a guardare.

Commenti

Post popolari in questo blog

E' necessario il (prodotto) made in Friuli Venezia Giulia prima di essere annientati dalla "globalizzazione"

Il made in Italy è diventato uno slogan che non dice più niente. Diventato più funzionale a quella retorica che ha fatto il male dell'Italia che alla tutela dell'Italia. Dall'arte, alla cucina, dall'agricoltura, alla moda e si potrebbe continuare. Nell'Italia di oggi si rimpiange ciò che non è più italiano. Hanno distrutto le campagne, hanno distrutto le coltivazioni storiche, è stato mescolato tutto, per arrivare all'assurdità di cortocircuiti propri di una società totalmente sballata. La globalizzazione nell'economia ha comportato il saccheggio dell'Italia, l'appropriazione indebita di ciò che ha reso unico il nostro Paese nel mondo per perderci nella nullità dell'essere più niente e nessuno.

Siamo bravi a decantare od osannare bellezze e miti e leggende che attraversano la storia di ciò che è arrivato, nel bene o nel male a determinare l'Italia. Un Paese fittiziamente unito, che deve la sua vera forza ai regionalismi, localismi, che non so…

Dopo Macerata si continua a sparare. Guai a ridimensionare o normalizzare

Questa è una storia che non parte da lontano, per dovere di sintesi sarò breve e conciso. Da questa estate in Italia si è iniziato a scoprire il problema del fascismo. Fino a quel momento, soprattutto da chi oggi si professa dall'alto della suo essere grado istituzionale antifascista, era ignorato se non avvallato. Si è denunciato il rischio di fascismo passando dalle vicende ridicole della spiaggia fascista di Chioggia, agli adesivi di Anna Frank, alle bottiglie o calendari con la foto di Mussolini o Hitler. Quando per anni ed anni in questo Paese si è realizzata una vera connivenza con le peggiori istanze, legittimandole, democratizzandole e favorendone la diffusione. Perchè, si è detto, la democrazia vale per tutti, anche per chi sputa veleno sociale.
Il guaio è che è stato pompato all'ennesima potenza un problema che c'era ma non era così forte, impattante. La propaganda che doveva portare a vedere in alcune soggettività una sorta di salvezza messianica in materia di…

Si è entrati nel terzo anno della ricerca della verità per Giulio Regeni, con la politica persa nel silenzio di comodo

"Non è possibile normalizzare i rapporti con uno stato che tortura, uccide e nasconde oltraggiosamente la verità, se non a scapito della credibilità politica del nostro Paese e di chi lo rappresenta". Queste sono le parole della famiglia di Giulio.
Una tempesta sotto forma di parole. Parole dure, ma figlie di quella rabbia comprensibile di chi altro non ha potuto fare che constatare l'effettiva resa dell'Italia all'Egitto criminale, dove si continua a morire, a sparire, ad essere torturati, come è successo a Giulio.  Si dovrebbe dare un vero e proprio ultimatum all'Egitto, pretendendo quelle piccole cose, elementi fondamentali, per chiudere il cerchio. Ma l'Egitto ha preso in giro l'Italia e Giulio e la sua famiglia da sempre, depistaggi, menzogne, calunnie, infamie. La politica italiana si è persa in un silenzio di comodo, quel silenzio che ha caratterizzato, salvo qualche formula di rito, anche le massime Istituzioni. E questo silenzio fa male e …