Passa ai contenuti principali

Ronchi e Grande Guerra: quella lapide “nell'attesa della resurrezione” per i caduti austriaci

Il 2015 segna l'inizio del centenario dell'entrata in guerra da parte del Regno d'Italia e sarà interessante analizzare, capire, studiare il come ciò verrà ricordato, celebrato in quelle terre che italiane non erano mai state ma che dall'Italia vennero conquistate a colpi di morte. Il collettivo Wu Ming chiama...

E provo a rispondere, per ora, con questo breve post. Che Ronchi abbia conosciuto la sua ricchezza, sia essa sociale che culturale sotto l'Impero è fatto innegabile e non a caso presto avrà una piazza intitolata all'Imperatore Francesco Giuseppe I d’Asburgo – Lorena, intitolazione nei confronti della quale ho già manifestato ed espresso diverse perplessità (rinvio a questo link ). Verso la fine del 2014 nel locale cimitero, innanzi al quale sorge l'orribile monumento ai legionari di D'Annunzio in ricordo dell'occupazione di Fiume, avvenuta il 12 settembre 1919,  è stata inaugurata, come “atto di riappacificazione” una lapide collocata sulla facciata della cappella. Opera, come ha evidenziato il Piccolo, voluta dall'amministrazione comunale e dalla parrocchia di San Lorenzo”. Che Ronchi abbia il dovere di ricordare il suo passato è doveroso. Sono tante le abitazioni private ove ancora si conservano i ritratti dell'imperatore, così come sono tante le famiglie che hanno visto il loro cognome austriaco, essere italianizzato, così come accaduto per sloveni, croati ecc ed ovviamente sotto il fascismo. Un decreto pubblicato sulla gazzetta ufficiale del Regno, che richiamava il provvedimento adottato dalla Prefettura di Trieste, perché Ronchi fino al '47 faceva parte della provincia di Trieste, che ha ucciso l'identità plurisecolare di intere generazioni con la formula della restituzione italiana. Follia burocratica diventata tristemente nota tetra e reale.

Però l'interrogativo che sorge è il seguente, perché l'unica targa o meglio lapide che ricorda i caduti di Ronchi che hanno combattuto per la propria patria imperiale, che hanno difeso i territori dall'invasore italiano che ha frantumato l'alleanza e lo stato di neutralità ad un prezzo enorme, pagato da chi oggi è ricordato come milite ignoto, come numero, come nome senza età, quando va bene, deve essere religiosa? Perché scrivere in attesa di resurrezione? La laicità nei monumenti così detti storici deve essere un dogma assoluto da rispettare, specialmente quando questi piccoli frammenti di storia vengono edificati nell'epoca ove le Costituzioni dei Paesi interessati sono fondate sul principio della laicità. E poi siamo certi che tutti i cinquecento morti di Ronchi per l'Impero uccisi durante la prima guerra mondiale fossero cattolici? E poi, perché scrivere nelle "file dell'esercito Austro Ungarico"? Una frase che potrebbe indurre ad una faziosa lettura,perché Ronchi apparteneva all'Impero da secoli ed era normale che chi decideva, perché costretto o per scelta, ad impugnare le armi per difendere l'Impero e la propria terra lo facesse per la propria patria e non per le "file nemiche" quali quelle italiane, almeno in quel tempo storico. Una frase che lascia intendere, indirettamente, che erano soldati ma pur sempre italiani, che parlavano l'italiano, italiani che hanno combattuto per l'esercito sbagliato.Stesso discorso per la retorica, che continua a perseverare, dei "caduti".Perché caduto riconduce alla mente, dopo i "bombardamenti mediatici" subiti nel corso delle epoche, che hanno imposto l'omologazione del soldato eroe, bello e sorridente, tenace ed audace, appunto all'immagine plastificata del soldato cavaliere ed eroe, un cavaliere non errante ed eroe che non teme la morte che può sempre rialzarsi, anche dopo la brutale morte. No, avrebbero potuto scrivere, per esempio, semplicemente ai soldati di Ronchi morti per l'Impero Austro Ungarico nella Prima Guerra Mondiale. 
Ma così non è stato.

Commenti

Post popolari in questo blog

"Qua semo a Trieste e no se parla s'ciavo, qua se parla triestin e italian"

"Qua semo a Trieste e no se parla s'ciavo, qua se parla triestin e italian". Non mi sorprende la denuncia effettuata sul Piccolo di Trieste e pubblicata come lettera del giorno. Solo che questa volta chi ha subito tale aggressione verbale razzista ha avuto il coraggio di prendere carta e penna e scrivere e denunciare pubblicamente quanto accaduto. Diverse volte per i muri di Trieste sono apparse scritte che riportavano quel concetto bestiale e puntualmente e giustamente venivano rimosse. Ma non mi sorprende, perchè ciò in linea con i tempi. Tempi dove se un reato viene compiuto da un migrante viene percepito socialmente come più deprecabile rispetto a quello compiuto da un comune cittadino italiano. Tempi dove l'omofobia è una normalità, dove un Gay pride non può passare per ragioni di opportunità innanzi ad un Duomo, tempi dove qualcuno propone processioni riparatorie per sanare il peccato della marcia dell'amore del Gay pride.  Tempi dove ritornano i pregiudiz…

La nuova strage di migranti nel Mediterraneo era prevedibile e forse anche voluta nel nazismo del terzo millennio

Lo si sapeva. Lo si sapeva che in tarda primavera sarebbero ripresi gli sbarchi dalla Libia. Con i soliti schemi, metodi. Tutto era prevedibile, conoscibile. E qui la chiusura criminale della rotta balcanica non c'entra nulla. Viviamo in una società dove il più grande crimine di guerra mai compiuto e mai punito, quale il lancio delle bombe atomiche sul Giappone, viene quasi giustificato. Senza quelle bombe non sarebbe finita la seconda guerra mondiale, si dice. E per questo non si deve chiedere scusa. Sono certo che se quelle bombe le avesse lanciate la Russia, oggi si racconterebbe una storia diversa. Ma il mondo funziona così. L'Europa, costituita da Paesi ricchi, si chiude per non essere contaminata dalle razze inferiori. Sì, parlo di razze, si parlo di inferiori. Perché? Perché il fantomatico sentimento razzista di paura, trova in realtà il proprio fondamento in quel concetto di superiorità della razza pura del terzo millennio, che non deve essere intaccata dai poveracci …

FVG pride se la marcia evita il duomo di Udine

Si svolgerà ad Udine il FVG Pride e la notizia del 15 maggio, quando è stato reso noto il percorso è che la marcia eviterà il duomo. Il comitato organizzatore, come è emerso al TG3 del FVG, ha deciso di evitare il duomo e di mantenere le vie "storiche" dove vi è stata maggiore accoglienza e soprattutto in sostanza per evitare polemiche ecc ecc. Che dire? Che passare davanti al duomo non sarebbe stata una provocazione, anche perchè quante persone che parteciperanno al Gay pride sono credenti o cattoliche? Ma in Italia siamo ancora a questi livelli, quasi da medioevo, e se posso capire le preoccupazioni di chi fino all'altro giorno non poteva neanche uscire di casa perchè omosessuale, perchè in questo Paese vi è un tasso di omofobia inquietante, allora da laico quello che auspico è che le processioni o manifestazioni religiose evitino da questo preciso momento luoghi simbolici importanti, come le scuole od i Municipi, per non turbare le coscienze di chi non è credente.
M…