Passa ai contenuti principali

Ronchi e Grande Guerra: quella lapide “nell'attesa della resurrezione” per i caduti austriaci

Il 2015 segna l'inizio del centenario dell'entrata in guerra da parte del Regno d'Italia e sarà interessante analizzare, capire, studiare il come ciò verrà ricordato, celebrato in quelle terre che italiane non erano mai state ma che dall'Italia vennero conquistate a colpi di morte. Il collettivo Wu Ming chiama...

E provo a rispondere, per ora, con questo breve post. Che Ronchi abbia conosciuto la sua ricchezza, sia essa sociale che culturale sotto l'Impero è fatto innegabile e non a caso presto avrà una piazza intitolata all'Imperatore Francesco Giuseppe I d’Asburgo – Lorena, intitolazione nei confronti della quale ho già manifestato ed espresso diverse perplessità (rinvio a questo link ). Verso la fine del 2014 nel locale cimitero, innanzi al quale sorge l'orribile monumento ai legionari di D'Annunzio in ricordo dell'occupazione di Fiume, avvenuta il 12 settembre 1919,  è stata inaugurata, come “atto di riappacificazione” una lapide collocata sulla facciata della cappella. Opera, come ha evidenziato il Piccolo, voluta dall'amministrazione comunale e dalla parrocchia di San Lorenzo”. Che Ronchi abbia il dovere di ricordare il suo passato è doveroso. Sono tante le abitazioni private ove ancora si conservano i ritratti dell'imperatore, così come sono tante le famiglie che hanno visto il loro cognome austriaco, essere italianizzato, così come accaduto per sloveni, croati ecc ed ovviamente sotto il fascismo. Un decreto pubblicato sulla gazzetta ufficiale del Regno, che richiamava il provvedimento adottato dalla Prefettura di Trieste, perché Ronchi fino al '47 faceva parte della provincia di Trieste, che ha ucciso l'identità plurisecolare di intere generazioni con la formula della restituzione italiana. Follia burocratica diventata tristemente nota tetra e reale.

Però l'interrogativo che sorge è il seguente, perché l'unica targa o meglio lapide che ricorda i caduti di Ronchi che hanno combattuto per la propria patria imperiale, che hanno difeso i territori dall'invasore italiano che ha frantumato l'alleanza e lo stato di neutralità ad un prezzo enorme, pagato da chi oggi è ricordato come milite ignoto, come numero, come nome senza età, quando va bene, deve essere religiosa? Perché scrivere in attesa di resurrezione? La laicità nei monumenti così detti storici deve essere un dogma assoluto da rispettare, specialmente quando questi piccoli frammenti di storia vengono edificati nell'epoca ove le Costituzioni dei Paesi interessati sono fondate sul principio della laicità. E poi siamo certi che tutti i cinquecento morti di Ronchi per l'Impero uccisi durante la prima guerra mondiale fossero cattolici? E poi, perché scrivere nelle "file dell'esercito Austro Ungarico"? Una frase che potrebbe indurre ad una faziosa lettura,perché Ronchi apparteneva all'Impero da secoli ed era normale che chi decideva, perché costretto o per scelta, ad impugnare le armi per difendere l'Impero e la propria terra lo facesse per la propria patria e non per le "file nemiche" quali quelle italiane, almeno in quel tempo storico. Una frase che lascia intendere, indirettamente, che erano soldati ma pur sempre italiani, che parlavano l'italiano, italiani che hanno combattuto per l'esercito sbagliato.Stesso discorso per la retorica, che continua a perseverare, dei "caduti".Perché caduto riconduce alla mente, dopo i "bombardamenti mediatici" subiti nel corso delle epoche, che hanno imposto l'omologazione del soldato eroe, bello e sorridente, tenace ed audace, appunto all'immagine plastificata del soldato cavaliere ed eroe, un cavaliere non errante ed eroe che non teme la morte che può sempre rialzarsi, anche dopo la brutale morte. No, avrebbero potuto scrivere, per esempio, semplicemente ai soldati di Ronchi morti per l'Impero Austro Ungarico nella Prima Guerra Mondiale. 
Ma così non è stato.

Commenti

Post popolari in questo blog

Giorno del ricordo a Gorizia e agibilità democratica: Revocata sala gestita dalla provincia a resistenza storica

Era stato promosso dal gruppo di Resistenza Storica e sinistra goriziana antifascista, un convegno per il 10 febbraio dal seguente titolo, da svolgersi in Gorizia, presso il palazzo provinciale Attems:11 ANNI DI "GIORNO DEL RICORDO" Tra mistificazioni storiche e rivalutazione del fascismo. Questi gli interventi previsti: Alessandra KERSEVAN: Il ruolo della X Mas al confine orientale; Claudia CERNIGOI: Il "fenomeno" delle foibe e gli scomparsi da Gorizia nel maggio 1945; Sandi VOLK: 10 anni di onorificenze della legge del Ricordo; Piero PURINI: Gli esodi prima e dopo il secondo conflitto mondiale; Marco BARONE: "Volemo tornar". L'irredentismo del terzo millennio; nota di inquadramento storico e coordinamento del dibattito a cura di Marco PUPPINI. Contestualmente a ciò, nella stessa giornata, nella stessa città, ma in luogo diverso, è previsto il convegno organizzato dalla Lega Nazionale di Gorizia, con l'alto patrocinio della Prefettura, Provincia…

Se Babbo Natale ha ridimensionato San Nicolò

Ma è più sentito San Nicolò o Babbo Natale?

Questo è quanto mi domandavo notando tutta la serie di prodotti realizzati, i mercatini diffusi, le fiere e quant'altro si afferma in prossimità della notte tra il 5 e 6 dicembre. Così come mi domando, ma quanti conoscono la sua storia? Quanti sanno che tipo di santo protettore sarebbe?  Scommetto che le mani alzate sarebbero una manciata.  Ed a dirla tutta non interessa, interessa quel giorno solo scambiarsi qualche regalino, girovagare per le fiere, bere e mangiare.
San Nicolò, dicono, è un santo molto venerato in tutto il mondo, addirittura avrebbe carattere universale. Sarà. Ma in Italia ci sono su più di 8 mila Comuni solo una ventina di località, e qualche Comune, ad avere questo nome e sono poche le località dove viene festeggiato, soprattutto in alcune zone del Nord Est ed in Puglia.  Vi è chi dice che Babbo Natale altro non sia che praticamente il San Nicolò in chiave pienamente consumistica, che avrebbe tratto origine da qu…

Gorizia,16 dicembre, manifestazione regionale a sostegno dei migranti "RESTIAMO UMANI-HUMANITY WELCOME"

Il titolo della manifestazione è restiamo umani, humanity welcome. Il 16 dicembre se a Roma ci sarà la manifestazione nazionale dei migranti, a Gorizia si svolgerà una manifestazione regionale che ha lo scopo di denunciare il fallimento dell'accoglienza diffusa in regione, lo stato di degrado umano che si è raggiunto nei confronti dei richiedenti asilo "fuori convenzione", senza dimenticare quanto accade nel CARA di Gradisca, che è oltre ogni limite di capienza, destinato a diventare nuovamente centro di espulsione, senza dimenticare quanto accade lungo le rive dell'Isonzo da Gorizia a Gradisca, a Pordenone, senza dimenticare l'omissione di soccorso sistematica ed impunita. Gorizia non è mai stata realmente una porta verso l'Est, si è sempre chiusa, non è mai stata una porta verso l'Oriente, e la caduta visiva dell'ultimo muro d'Europa, dopo quello di Berlino, è stato solo un gesto illusorio, perchè le divisioni sono sempre state la normalità in q…