Passa ai contenuti principali

Giù le mani dalla biblioteca di Ronchi

Ogni volta sempre la stessa storia, prima il patto di stabilità ora la legge anti democratica di riforma degli enti locali, poi chissà cosa, ma sulla biblioteca di Ronchi, che è una delle più frequentate della nostra regione, che ha un sito internet con una media di 10 mila visite mensili e più di un milione, ad oggi, di pagine viste, che ha anche una importante e vitale sezione slovena, che vanta circa 5000 volumi ed è punto di riferimento per gli alunni delle scuole con lingua d’insegnamento slovena, incombe il rischio della riduzione oraria, ergo rischio elevatissimo della chiusura di due giorni su cinque di operatività. Nel mentre di tutto ciò si viene a conoscenza che si spenderanno un milione di euro per una rotatoria, l'ennesima, e che il Comune di Ronchi ha dato luogo ad una convenzione attuativa per lo svolgimento del servizio di polizia locale in forma associata nell'ambito dell''associazione intercomunale ''''Città Mandamento - Mesto Okrozje'''' tra i Comuni di Ronchi, Fogliano Redipuglia, San Pier d''Isonzo e Turriaco a costo zero. 
La precedente convenzione stipulata con il Comune di Monfalcone salta, ed il risparmio di spesa dovrebbe essere di circa 150 mila euro con le conseguenze del caso, aumento di lavoro per i vigili di Ronchi ma non a beneficio del rapporto medio che non viene rispettato tra il numero di vigili operativi sul territorio ed il numero di abitanti. Mi domando, corrisponde al vero che sono stati pagati 150 mila euro, dei cittadini di Ronchi, al Comune di Monfalcone per un servizio a quanto pare non più reputato necessario? Come deve essere intesa quella spesa? Come una buona o non buona gestione della cosa pubblica? 
A ciò se si aggiunge il degrado in cui si trova Ronchi con la sua piazza centrale situata innanzi al Comune continuamente sporca, con uno dei fari che illumina il monumento alla resistenza da diversi mesi fulminato, con diverse strade interne dissestate, per non parlare del fatto che continuano a chiudere attività commerciali ed il lavoro è sempre più un miraggio, è evidente che qualcosa non funziona. Poi se a ciò si aggiunge anche la beffa che da tempo immemore, a quanto pare è il Comune di Ronchi a pagare l'illuminazione del monumento da sempre contestato, a D'Annunzio e dei legionari, che i cittadini di Ronchi non hanno voluto sul proprio territorio, visto che mi pare di non aver visto o letta nessuna smentita ad una pregressa interrogazione come sollevata dal consigliere di opposizione Bon, la rabbia incrementa. Certo, si dirà, in merito agli esempi ora riportati, che trattasi di altri capitoli o voci di bilancio, certo, ma i soldi pubblici sono sempre soldi pubblici e nulla osta che possano essere gestiti diversamente. 
Ritornando sulla questione biblioteca, dopo questa breve premessa, colpire la biblioteca di Ronchi significa colpire il centro vitale di questa città, significa colpire la cultura, significa colpire la democrazia e la libertà, significa colpire anche la comunità slovena, significa dare un colpo mortale alla vita ordinaria di Ronchi. E' necessario investire nella biblioteca, incrementare il personale che tra le altre cose oltre ad essere sovraccarico di mansioni deve anche curare le visite al sito della Villa Romana, ad esempio, ed evitare qualsiasi riduzione oraria minima di questo servizio pubblico vitale per la comunità di Ronchi. Il come? 
Che siano gli amministratori a pensare come gestire al meglio le poche risorse pubbliche disponibili e quali debbano essere le priorità e se ciò non accadrà, se la biblioteca andrà verso una chiusura di alcuni giorni, come paventata sulla stampa, se tale rischio non verrà scongiurato, e che potrebbe essere l'inizio di un percorso catastrofico, la cittadinanza deve mobilitarsi sin da subito, anche scendendo in piazza, per salvare quello che è il patrimonio culturale vivente più importante di Ronchi. Giù le mani dalla biblioteca di Ronchi.

Marco Barone
aggiornamento...

Commenti

Post popolari in questo blog

Koper o Capodistria?Fiume o Rijeka?Merna o Miren?Londra o London? Trieste e Trst?

Esistono diversi processi di italianizzazione, i più noti sono quelli figli dell'abitudine, figli di quel modo di fare che hanno trasformato London in Londra, Berlin in Berlino, Barcelona in Barcellona, Marseille in Marsiglia ecc. Si dirà che è semplice traduzione. Fattore tipico di tutte le lingue. Poi vi sono luoghi che sono stati soggetti all'italianizzazione forzata tramite la nota opera nazionalfascista e di esempi ve ne sono a bizzeffe, se ne perde il conto, sia in Italia che in Slovenia che in Croazia che ovunque l'Italia abbia operato in tal modo.
Ad esempio Redipuglia  ha storpiato lo sloveno Sredipolje. In altri casi si utilizza l'italianizzazione per rispetto anche della comunità italiana che vi abita, non chiamare quei luoghi con il loro nome italiano significherebbe negare l'esistenza della comunità italiana, almeno per gli italiani autoctoni del luogo è così, pensiamo Capodistria il cui nome in sloveno è Koper, o Rijeka diventata Fiume. Italianizzazi…

La nuova strage di migranti nel Mediterraneo era prevedibile e forse anche voluta nel nazismo del terzo millennio

Lo si sapeva. Lo si sapeva che in tarda primavera sarebbero ripresi gli sbarchi dalla Libia. Con i soliti schemi, metodi. Tutto era prevedibile, conoscibile. E qui la chiusura criminale della rotta balcanica non c'entra nulla. Viviamo in una società dove il più grande crimine di guerra mai compiuto e mai punito, quale il lancio delle bombe atomiche sul Giappone, viene quasi giustificato. Senza quelle bombe non sarebbe finita la seconda guerra mondiale, si dice. E per questo non si deve chiedere scusa. Sono certo che se quelle bombe le avesse lanciate la Russia, oggi si racconterebbe una storia diversa. Ma il mondo funziona così. L'Europa, costituita da Paesi ricchi, si chiude per non essere contaminata dalle razze inferiori. Sì, parlo di razze, si parlo di inferiori. Perché? Perché il fantomatico sentimento razzista di paura, trova in realtà il proprio fondamento in quel concetto di superiorità della razza pura del terzo millennio, che non deve essere intaccata dai poveracci …

Nella Gradoaustronostalgia i commercianti dicono no ai richiedenti asilo a rischio l'immagine. Pazzesco

L'immagine è tutto. Niente immagine, niente business. La partita a ping pong si gioca tra Grado e le sue frazioni, con la Prefettura che svolge il ruolo di osservatore, ma prima o poi dovrà fischiare la fine di questa partita ed una decisione andrà presa. Se a Fossalon si è assistito a di tutto e di più, dalla deprimente marcia dei trattori, fumosissima visto che non ci sarà, a pensieri figli di una visione distorta del mondo, come se chi voleva ospitare 18 richiedenti asilo si apprestasse a dare accoglienza a 18 criminali incalliti, a Grado si assiste alla reazione di chi ha voce e peso economico importante. Il mondo del commercio. Sul Piccolo del 15 ottobre si apprende che  «Ormai da qualche settimana - ha spiegato il responsabile locale di Confcommercio, Fumolo - si parla dell'ipotesi di ospitalità ad un gruppo di migranti anche da parte del Comune di Grado e la nostra associazione di categoria esprime preoccupazione per le ripercussioni negative che questa azione potr…