Passa ai contenuti principali

Dico no alla giornata della memoria delle donne nella resistenza e sì al solo 25 aprile

E' stata da poco pubblicata, sul sito della Camera, la proposta di legge presentata a novembre 2014 volta ad istituire la Giornata in memoria delle donne nella Resistenza individuando come data, per tale ricorrenza, il 24 aprile. Ora, non voglio cadere nella scontata retorica, più di una volta sono intervenuto, nel mio piccolo, a sostegno del contrasto nei confronti di dati effettivi processi deficitari in merito alla mancanza di una giusta riconoscenza storica nei confronti delle donne partigiane nella resistenza. Ho sostenuto diverse battaglie, una su tutte quella finalizzata ad ottenere a Trieste una via per Ondina Peteani ma potrei riportare altri esempi. Condivido quando si scrive nel testo della proposta di legge che “nella guerra di Liberazione, a differenza delle altre guerre, non siamo in presenza solo di un protagonismo maschile: ci sono gli uomini che combattono e poi, quasi di contorno oppure sullo sfondo, ci sono tutti gli altri. Al contrario, è la Resistenza a indicare le specificità e in particolare quella femminile, che emerge con potenza nell'emergenza bellica. (..)Le cifre ufficiali registrano 35.000 partigiane, oltre 1.000 sono quelle cadute in combattimento e più di 2.000 quelle fucilate e impiccate”. Oppure quando si scrive che “è per tutto questo e per molto altro che riteniamo necessario, oltre che storicamente e socialmente doveroso, ricordare il fondamentale ruolo delle donne nella Resistenza e nel percorso fino alla Liberazione"  ma non con l'istituzione della giornata della memoria nella resistenza.  
Perché, obiezione tanto banale quanto reale, istituire una simile data, poi addirittura il giorno antecedente il 25 aprile, giorno che vuole il riconoscimento universale in Italia della liberazione dal fascismo e nazismo, giorno che unisce tutte e tutti, giorno che va oltre le differenze di genere, di sesso, giorno ove libertà, uguaglianza, solidarietà, fraternità continuano ad invadere, idealmente o meno, ma così è, con il dispiacere di qualcuno, le strade delle città e delle nostre comunità, dividerà, dividerà la memoria storica, dividerà la resistenza, sminuirà il 25 aprile e non a vantaggio certamente della memoria delle donne nella resistenza e potrebbe lasciare indurre che il 25 aprile sia allora il giorno della resistenza "muscolare" della liberazione ma solo per mano maschile.  Che sia invece il 25 aprile il giorno solenne ove ricordare e tramandare e condividere le gesta, gli ideali, i sacrifici, tutti, di uomini e donne, ragazzi e ragazze, compagni e compagne della e nella resistenza e che per tutti gli altri giorni della nostra vita ci si batta, a partire dalla toponomastica, dalla denominazione delle vie per andare oltre, per far conoscere la bellezza anche se difficile della resistenza, quanto amore per la libertà vi era, quanto amore per una società diversa e socialista o comunista con sfumature di anarchia vi era, uomini e donne uniti ed unite per quella fratellanza e sorellanza che il 25 aprile deve saper saldare. Per questi motivi dico no al 24 aprile e sì al solo 25 aprile, non è frammentando che si conferisce il giusto e doveroso riconoscimento alle donne nella resistenza, resistenza che è andata oltre ogni semplicismo e sterile sessismo, non dimentichiamolo. E' stata proprio nella resistenza che si è realizzata l'uguaglianza tra uomini e donne, è stata con la resistenza che la donna ha smesso di essere culto ed oggetto mistico, è stata con la resistenza che si è posta fine all'immagine dell'Italia donna che conduce l'uomo battagliero, muscoloso, alla guerra, che poi i valori della resistenza non siano stati pienamente colti e che oggi solo in poche realtà, penso a Kobane per esempio si sperimentano forme e sostanze di uguaglianza tra generi senza precedenti, con donne che imbracciano le armi per lottare per la democrazia, la libertà, è un problema non imputabile certamente alla resistenza od al fatto che non ci sia il 24 aprile che anticipa il 25 aprile e che comunque più che simbolicamente evidenziare lo stare dietro,come forza,alla resistenza, potrebbe invece evidenziare un restare indietro. Il 25 aprile è il giorno dei giorni e che sia questo ad unire, unire per la giusta memoria, per l'uguaglianza, fratellanza, sorellanza e libertà. 


Commenti

Post popolari in questo blog

Passo dopo passo il Nord è conquistato da chi vuole "l'indipendenza della Padania"

Ciò che non è entrato dalla porta principale, entra, anno dopo anno, passo dopo passo, in modo sistematico, con estrema pazienza ed intelligenza politica, dalle finestre che connotano la casa del Nord. Un Nord che è uscito con le ossa fratturate dalla crisi del 2007, divenuto isola felice per le mafie, per la corruzione, ma che ha continuato ad essere rispetto al Sud sempre il locomotore dell'Italia, Paese che sta all'Europa come il Sud Italia sta al Nord Italia. Ed il Nord non ci sta più. Pensiamo al Friuli Venezia Giulia, dove cortocircuiti storici sono anche visibili. Ovunque piazze dedicate all'Unità d'Italia che qui non poteva essere festeggiata perchè quando questa raggiunta non era mica contemplata l'Italia, ma si era in gran parte in quello che veniva definito come l'Impero felice a cui è stata anche dedicata una piazza e si continuano a dedicare statue o celebrarne i fasti nobiliari. E poi sarà in prima linea su due fronti di guerra catastrofici, la …

Quel grave gesto di farsi fotografare alla tomba di Giulio Regeni. Violato il rispetto

Ci sono tombe diventate luoghi cult come quella di Jim Morrison, Oscar Wilde, che le guide turistiche non possono non indicare perchè è così che va il mondo. Ci sono tombe che sono espressione della grandezza storica di certi e dati eventi, come quelle dei partigiani, tutti luoghi dove farsi fotografare è legittimo. E poi ci sono luoghi dove dovrebbe governare l'assoluto buon senso e senso del rispetto. Siamo oramai entrati nel pieno del terzo anno dalla scomparsa di Giulio, tre anni di atroci e durissime lotte da parte della famiglia prima di tutto, tre anni alla ricerca continua e costante di quella verità per Giulio che è stata negata, compromessa, a colpi di effetti teatrali, menzogne, depistaggi, con l'aggravante di chi ha rappresentato l'Italia di effettivamente chinarsi ed arrendersi al torto di stato del compromesso. Se nel corso di questi anni praticamente non è mai circolata la foto della tomba di Giulio, qualcuno si sarà posto un minimo perchè? Già la famiglia …

Se toccare il seno della statua di Giulietta è di buon auspicio, perchè?

Città che vai, tradizione o superstizione che troverai. In pieno centro a Monaco vi è la statua di Giulietta, donata dalla città di Verona. Una foto con Giulietta è immancabile a Monaco così come toccare il suo seno destro è un gesto molto diffuso. Ed è stato toccato tante di quelle volte che  praticamente è stato consumato dalla "passione" dei passanti tanto che ha assunto una tonalità più chiara rispetto al resto della statua. Ma da dove nasce questa superstizione? Perchè toccare il seno destro di Giulietta sarebbe di buon auspicio? Ognuno avrà una sua risposta, e Giulietta non può fare altro che subire questo rito. Un rito che accomuna diverse città, perchè la statua di Giulietta la si può trovare in diverse località oltre ovviamente che a Verona. A Monaco ve ne sono due, una prima copia donata dalla Cassa di Risparmio di Verona nel 1974, si trova ai piedi della torre dell’antico municipio a Marienplatz. La seconda si trova nel parco di Shakespeare Platz. Monaco e Vero…