Passa ai contenuti principali

Il comune di Ronchi patrocina iniziativa su d'annunzio, ma da chi è organizzata?Da Casapound e company?

Su segnalazione di Luigi Bon, eletto consigliere comunale nelle liste di Federazione della Sinistra Rifondazione Comunisti Italiani, in Ronchi, abbiamo appreso che il 29 OTTOBRE 2014 con atto N. 174 la Giunta Comunale di Ronchi all'unanimità di voti espressi in forma palese ha concesso patrocinio e utilizzo dell’Auditorium Comunale all'Associazione sportivo dilettantistica “Ghibli” con sede a Pordenone - Via Selvatico, 44 – per la realizzazione di una conferenza storico culturale, dal titolo “Ronchi e l’impresa Fiumana” sugli eventi storici che coinvolsero la cittadina di Ronchi dei Legionari e che la videro iniziatrice dell’impresa che portò alla presa di Fiume da parte di Gabriele d’Annunzio. 
La conferenza è prevista in data 26 novembre 2014 alle ore 20.30 presso l’Auditorium comunale. Da alcune verifiche che abbiamo effettuato, con l'importante ausilio dell'Osservatorio Regionale Antifascista del FVG, nel sito del Comune di Pordenone e non solo, su tale associazione, ad oggi, non si riescono ad avere informazioni. Ma vi è di più. L'Osservatorio ha reso noto che in Via Selvatico 44 a Pordenone risulta che a breve aprirà la sede di Casapound i così detti “fascisti del terzo millennio”. E coincidenza vuole che tra i relatori del convegno, come patrocinato dal Comune di Ronchi, che ricordiamo essere Medaglia d'Argento al valor militare per l'attività partigiana svolta dai suoi cittadini, con l'attuale Sindaco eletto con l'appoggio delle liste politiche di Insieme per Ronchi, Sinistra Ecologia e Libertà con Vendola e Partito Democratico, vi sarà Sonia di Filippo, che in una iniziativa del luglio 2014 ad Udine,dal titolo la depressione di d'annunzio, veniva presentata, nella locandina ivi realizzata, come collegata a Casapound di Udine.




Interessante notare, come emerge nel programma, che vi sarà anche il presidente della Fondazione Ugo Spirito. Ugo Spirito che è stato firmatario del manifesto degli intellettuali fascisti e tra i teorici del corporativismo nonché presidente della Fondazione Giovanni Gentile. Sottoposto al procedimento di epurazione per apologia e collaborazione con il fascismo venne poi riammesso in servizio.Ed è da segnalare anche la presenza del giornalista Paliaga, che ha scritto anche per Libero Quotidiano,noto il suo articolo proprio contro l'iniziativa intrapresa da Ronchi dei Partigiani, ma ha pubblicato anche per la casa editrice di destra 'Settimo sigillo' o per quella del noto Franco Freda 'Ar' con prefazione di Claudio Bonvecchio che in rete risulta essere Oratore del Grande Oriente d'Italia, la principale organizzazione massonica del nostro Paese.
Questi i nomi dei relatori: Dott. Giuseppe Parlato professore ordinario di Storia Contemporanea presso la Luspio, presidente della Fondazione Ugo Spirito ha insegnato alla Luiss di Roma Dott. Diego Redivo assegnista presso la cattedra di Storia Contemporanea dell’Università di Udine segretario del Comitato di Trieste e Gorizia dell’Istituto per la Storia del Risorgimento Italiano Dott. Simone Paliaga giornalista e docente di lettere e filosofia Dott.ssa Sonia Di Filippo storica.

Quello che ci domandiamo è: esiste qualche legame, vista la coincidenza della via e del numero civico e non solo, tra l'associazione sportiva dilettantistica e ribadiamo sportiva e dilettantistica, che organizza un convegno storico su Fiume e d'annunzio e Casapound? Quali verifiche ha effettuato il Comune di Ronchi in tal senso? Sulla base di quale valutazione ha deciso di concedere il patrocinio?Patrocinio, che di norma rappresenta una forma simbolica di adesione e una manifestazione di apprezzamento del Comune considerato ad iniziative ritenute meritevoli? Certo, possiamo capire che concedere patrocini ad iniziative che probabilmente parleranno bene dell'impresa di occupazione di Fiume e di d'annunzio, possono forse determinare un certo entusiasmo da una certa parte istituzionale, però dei chiarimenti sono dovuti, specialmente quando sussistono forti sospetti in merito al coinvolgimento di realtà come Casapound. Se le nostre indiscrezioni verranno confermate e sino a prova contraria e se non verrà, dunque, smentito il possibile collegamento tra la detta associazione e Casapound, il Comune di Ronchi deve revocare l'autorizzazione per l'utilizzo dell'auditorium comunale ed il patrocinio e se ciò non accadrà si assumerà tutte le conseguenze politiche del caso.Ovviamente, in caso di mancato diniego, stante le condizioni di cui sopra, facciamo presente sin da ora, che una risposta antifascista a tutto ciò non mancherà. Ed infine, questo convegno dimostra, per l'ennesima volta, chi difende il nome di d'annunzio e l'impresa di occupazione di Fiume ed il colore politico  principale di riferimento. Siamo consapevoli che esiste la volontà politica ed anche istituzionale di sostenere la così detta memoria condivisa, operazione semplicemente revisionista della storia, ma iniziative come quelle che ora si criticano e denunciano di norma vengono organizzate o sostenute da realtà politiche di destra...

Per Ronchi dei Partigiani



Commenti

Post popolari in questo blog

Dopo Macerata si continua a sparare. Guai a ridimensionare o normalizzare

Questa è una storia che non parte da lontano, per dovere di sintesi sarò breve e conciso. Da questa estate in Italia si è iniziato a scoprire il problema del fascismo. Fino a quel momento, soprattutto da chi oggi si professa dall'alto della suo essere grado istituzionale antifascista, era ignorato se non avvallato. Si è denunciato il rischio di fascismo passando dalle vicende ridicole della spiaggia fascista di Chioggia, agli adesivi di Anna Frank, alle bottiglie o calendari con la foto di Mussolini o Hitler. Quando per anni ed anni in questo Paese si è realizzata una vera connivenza con le peggiori istanze, legittimandole, democratizzandole e favorendone la diffusione. Perchè, si è detto, la democrazia vale per tutti, anche per chi sputa veleno sociale.
Il guaio è che è stato pompato all'ennesima potenza un problema che c'era ma non era così forte, impattante. La propaganda che doveva portare a vedere in alcune soggettività una sorta di salvezza messianica in materia di…

E' necessario il (prodotto) made in Friuli Venezia Giulia prima di essere annientati dalla "globalizzazione"

Il made in Italy è diventato uno slogan che non dice più niente. Diventato più funzionale a quella retorica che ha fatto il male dell'Italia che alla tutela dell'Italia. Dall'arte, alla cucina, dall'agricoltura, alla moda e si potrebbe continuare. Nell'Italia di oggi si rimpiange ciò che non è più italiano. Hanno distrutto le campagne, hanno distrutto le coltivazioni storiche, è stato mescolato tutto, per arrivare all'assurdità di cortocircuiti propri di una società totalmente sballata. La globalizzazione nell'economia ha comportato il saccheggio dell'Italia, l'appropriazione indebita di ciò che ha reso unico il nostro Paese nel mondo per perderci nella nullità dell'essere più niente e nessuno.

Siamo bravi a decantare od osannare bellezze e miti e leggende che attraversano la storia di ciò che è arrivato, nel bene o nel male a determinare l'Italia. Un Paese fittiziamente unito, che deve la sua vera forza ai regionalismi, localismi, che non so…

Si è entrati nel terzo anno della ricerca della verità per Giulio Regeni, con la politica persa nel silenzio di comodo

"Non è possibile normalizzare i rapporti con uno stato che tortura, uccide e nasconde oltraggiosamente la verità, se non a scapito della credibilità politica del nostro Paese e di chi lo rappresenta". Queste sono le parole della famiglia di Giulio.
Una tempesta sotto forma di parole. Parole dure, ma figlie di quella rabbia comprensibile di chi altro non ha potuto fare che constatare l'effettiva resa dell'Italia all'Egitto criminale, dove si continua a morire, a sparire, ad essere torturati, come è successo a Giulio.  Si dovrebbe dare un vero e proprio ultimatum all'Egitto, pretendendo quelle piccole cose, elementi fondamentali, per chiudere il cerchio. Ma l'Egitto ha preso in giro l'Italia e Giulio e la sua famiglia da sempre, depistaggi, menzogne, calunnie, infamie. La politica italiana si è persa in un silenzio di comodo, quel silenzio che ha caratterizzato, salvo qualche formula di rito, anche le massime Istituzioni. E questo silenzio fa male e …