Passa ai contenuti principali

Trieste: la traduzione simultanea in sloveno? Atto dovuto così come l'insegnamento della lingua slovena e non solo

L'articolo 9 della Legge 38 del 2001 è chiaro quando afferma che: “negli organi collegiali e nelle assemblee elettive aventi sede nei territori di cui alla presente legge e' riconosciuto il diritto all'uso della lingua slovena negli interventi orali e scritti, nonche' nella presentazione di proposte, mozioni, interrogazioni ed interpellanze, compresa l'eventuale attivita' di verbalizzazione. Le relative modalita' di attuazione sono stabilite dagli statuti e dai regolamenti degli organi elettivi”.
Il comma due afferma che:”A cura dell'amministrazione competente si provvede alla traduzione contestuale in lingua italiana sia degli interventi orali sia di quelli scritti”, mentre il comma tre che: “i componenti degli organi e delle assemblee elettive possono svolgere le pubbliche funzioni di cui sono eventualmente incaricati anche in lingua slovena, a richiesta degli interessati”.
Si parla espressamente del riconoscimento del diritto all'uso della lingua slovena, non dunque di una opzione. Chiaramente il riconoscimento per essere tale necessita di un recepimento, cosa che il Comune di Trieste, ad oggi, non ha ancora provveduto ad effettuare e che grazie all'iniziativa del presidente del consiglio Itztok Furlani› (Prc) e del consigliere Igor Švab (Pd) è stata giustamente posta all'attenzione dell'opinione pubblica, la quale forse in larga parte dava come per assodato il compimento di questo diritto. 
Anzi, visto che si parla di giusti ed incontestabili diritti, colgo l'occasione, per rilanciare una proposta che da qualche tempo ha trovato larga condivisione anche tra gli studenti, quale quella di provvedere ad inserire l'insegnamento obbligatorio della lingua slovena in tutte le scuole della nostra regione. 
Ma anche, visto che a breve ci sarà la ricorrenza dell'inizio della restituzione di Trieste all'Italia, che sarebbe il caso di provvedere a ricordare quelle oltre 500 giornate di violenza che dal 12 giugno del 1945 al 26 ottobre del 1954 si sono realizzate per l'italianità di Trieste. Si parte con il 12 giugno 1945, quando elementi di destra e collaborazionisti infiltrati nel corteo dei manifestanti inneggianti all'Italia, provocano numerosi incidenti e scontri nel primo giorno dell'amministrazione anglo-americana a Trieste.Nei pressi di piazza della Borsa le truppe Jugoslave, che il primo maggio avevano de facto liberato la città dall'occupazione nazifascista, vengono salutate con braccio teso, simbolo del fascismo, da gruppi di dimostranti mentre scandiscono slogan ed intonano canti del regime fascista, per arrivare al 26 ottobre giorno del passaggio dall'amministrazione alleata a quella italiana con iniziative di squadre di estrema destra che provocano la popolazione slovena di Opicina, all'attentato neofascista ai danni del circolo comunista di Gretta. Ma queste violenze, che si pongono in continuità con il nazionalismo italiano della prima guerra mondiale e poi con il fascismo, hanno continuato a trovare affermazione sino alla fine degli anni '70. Lo scopo di tutto ciò era deslavizzare la Venezia Giulia e Trieste ed il Friuli, decomunistizzare la regione, in nome e per conto di quella italianità che doveva dominare e regnare sovrana nella Trieste d'Italia. Questo 26 ottobre ci sarà l'ennesima ricorrenza del “ritorno di Trieste all'Italia, tra iniziative istituzionali e politiche, sono da segnalare anche cortei nazionalistici nonché un concerto di "camerati" organizzato per l'occasione da alcune realtà. 500 giorni di violenza fascista dalla caduta formale del fascismo, 500 giorni di attentati, sparatorie, lancio di bombe, aggressioni, ove non sono mancate né vittime né feriti, 500 giorni di nazionalismo estremo tutelato dal governo centrale di Roma ed anche alleato e non è un caso che il germe nefasto di Gladio e quello delle strutture parallele paramilitari eversive che avranno un ruolo importante nel periodo così detto della strategia della tensione nascerà proprio a Trieste in alcuni suoi rioni. Hanno attaccato, attraverso azioni terroristiche, per imporre, strumentalizzando il concetto della difesa, il nazionalismo estremo italiano, anticamera del fascismo e l'anticomunismo seminando nel tempo condizioni e sentimenti ed odi finalizzati anche a conseguire la restituzione delle così dette terre contese, partita ancora oggi aperta.





Commenti

Post popolari in questo blog

Quattro studentesse dell'Università di Padova in Egitto per una tesi. Era proprio indispensabile?

Circola in rete la notizia che  quattro ragazze Unipd vanno  “alla conquista” dell’Egitto, per lavorare alla loro tesi di laurea e frequentano il corso di Progettazione e gestione del turismo culturale, Dipartimento di Beni Culturali dell'Università di Padova. Si legge  con grande enfasi che  "La loro tesi si è concentrata sulla riprogettazione e sul riallestimento della Sala dei Cimeli nel Sacrario militare italiano. Il Sacrario è un edificio costruito per commemorare i caduti italiani durante le battaglie di El-Alamain, che si sono svolte nel 1942 durante la Seconda Guerra Mondiale."
Ora, non so se vi sono già state altre iniziative del genere da quando è stato assassinato Giulio Regeni, quello che so è che  il rettore dell'Università di Padova, Rosario Rizzuto, ha dedicato la giornata dell'inaugurazione del 794° anno accademico a Giulio Regeni con queste parole "Voglio inoltre ricordare in questa occasione con affetto e dolore Giulio Regeni, il g…

Quella sera a Ruda... e Giulio ci ha fatto conoscere il dolore degli altri

Una miscela di emozioni, di sentimenti. E' stato definito come il pellegrinaggio per la verità e giustizia per Giulio. Sempre costantemente in movimento Paola e Claudio ed ovunque vengono accolti, abbracciati, incontrano l'affetto dell'Italia vera, quella che non ha accettato e mai potrà accettare l'ignobile compromesso che ha portato al cambio di rotta repentino segnato dalla politica di Roma, mai tanto distante quanto ora dalla via della verità e giustizia per Giulio. La politica ha intrapreso la via della normalizzazione dei rapporti, neanche due anni son trascorsi. E son bastati per ritornare amici come prima se non più di prima. D'altronde, lo scrivono in tutte le lingue, Italia ed Egitto sono in rapporto amichevole da 2000 anni. Come a dire, vuoi che 2000 anni di storia vengano compromessi da Giulio?  Non da Giulio, ma da chi ne ha cagionato la morte, da chi ha determinato depistaggi, sviamenti, distrazioni, da chi ha cercato di auto-assolversi, passando in …

Quando venne soppressa la provincia di Gorizia perchè troppo slava e l'italianizzazione dei cognomi a Ronchi

Il libro il " fascismo di Confine" di Degrassi, pubblicato in collaborazione con il Comune di Ronchi, offre dei dati storici interessanti. Principalmente incentrato sulle vicende complessive del Confine Orientale e della Venezia Giulia, si addentra anche su come il fascismo ha condizionato e stravolto la vita soprattutto a Ronchi passata dalla provincia di Gorizia a quella di Trieste, a cui vi rimarrà fino al '47, per poi ritornare a quella di Gorizia successivamente fino all'attualità che la vede nell'UTI Carso Isonzo Adriatico.

Le elezioni del 1921 segnarono l'inizio della fine della provincia di Gorizia come determinatesi dopo la fine della grande guerra. In quel collegio vi erano 117 mila abitanti di lingua italiana, 193 mila di lingua slovena, pari al 60%, circa 4 mila di lingua tedesca e circa 5 mila di altre lingue . Dunque era una provincia a forte connotazione slovena. La batosta che verrà subita a livello elettorale dal primo blocco fascista, dove no…