Passa ai contenuti principali

#Scuola: Quali sono gli insegnanti che non dimentichiamo?



Quali sono gli insegnanti che non abbiamo mai dimenticato? Questa è una domanda che Massimo Recalcati nel suo libro L'ora di Lezione, edito da Einaudi, pone e la risposta che offre è in sostanza la seguente: “sono i maestri che non scordiamo, quelli che hanno lasciato un'impronta indelebile dentro di noi” (…) “la trasmissione dell'amore per il sapere, gli insegnanti che non abbiamo dimenticato e di cui ricordiamo bene i nomi, il timbro della voce, la figura, coi quali abbiamo una relazione di debito e di riconoscenza sono quelli che ci hanno insegnato che non si può sapere senza amore per il sapere”.
Sì, è vero che in parte gli insegnanti, i docenti, le maestre od i maestri, dalla Scuola all'Università, che non dimentichiamo sono coloro che hanno saputo trasportare lo studente nel mondo del sapere, accendere l'amore ma anche la passione per il sapere, la curiosità per il sapere, edificare uno o più ponti per il sapere, infiammare la voglia di sapere per il sapere e nel sapere.
Però, è altrettanto vero che spesso i ricordi che si hanno della scuola non sono sempre quelli positivi. La scuola è incredibilmente impattante per la formazione dell'individuo, è nella scuola che si cresce che si diventa lentamente adulti, è nella scuola che si plasma il pensiero, è nella scuola che nasce il senso di ribellione o di obbedienza, è nella scuola che l'individuo può chiudersi nella sua solitudine o vivere la comunità. Il ruolo, il compito, che non è né missione e né una vocazione religiosa del docente è di una responsabilità sociale determinante. 
Può bastare una sola parola, un solo gesto per condizionare la visione, la prospettiva dello studente verso il mondo e la società, può una sola ora di lezione condurre lo studente nel mondo del sapere o nel mondo del rifiuto del sapere. I ricordi che spesso dominano nella mente delle persone, quando si pone la stessa domanda che ha formulato l'autore del libro L'ora di lezione, corrono sempre nella direzione dell'amore del sapere? 
Si ricorda con più facilità che ti ha fatto odiare la scuola, chi non ti comunicava nulla, chi effettuava la lezione limitandosi alla fredda lettura dei libri di testo, chi era rigido, chi era autoritario, o chi ha saputo trascinarti,guidarti nell'universo infinito ed indeterminato del sapere? Risposta tanto soggettiva quanto oggettiva. Soggettiva perché sono le esperienze personali, individuali, spesso condizionate anche dall'ambiente sociale e familiare di provenienza a condizionare i ricordi ma anche oggettiva perché un docente, in qualsiasi grado d'istruzione operi, sia questo scolastico che universitario, viene identificato come cellula vitale della Scuola e dunque come la Scuola che hai vissuto ma anche perché di norma le cattive esperienze sono quelle che più facilmente finiscono nell'oblio. 
Ognuno di noi ha delle idee diversificate, contrastanti e spesso per nulla concilianti, in merito alla considerazione del buon docente o cattivo docente, ma anche del buon preside e cattivo preside. Certamente esistono dei programmi ministeriali, programmi che esprimono l'indirizzo politico che ogni governo vuole conferire alla scuola, certamente esiste la condizione della prospettiva individuale, ove un singolo autore od un singolo fatto od atto storico possono essere presentati in modo diverso. Il docente deve essere la chiave della porta del mondo del sapere, deve indicarti quali sono le possibili strade da percorrere, deve fornirti gli strumenti oggettivi di lettura del mondo senza essere condizionato da dogmi imposti. Ma se questa chiave si rompe ancora prima della consegna nelle mani dello studente, la scuola rischierà di diventare un mero incubo. Dunque, per concludere, a parer mio si possono ricordare sia i cattivi docenti che i buoni docenti, sia la cattiva scuola che la buona scuola con la stessa intensità perché nel bene o nel male sia un pessimo impatto che un buon impatto nella scuola sarà determinante nel percorso vitale e formativo di qualsiasi persona, con la differenza, sostanziale, che conseguentemente l'ultimo giorno di scuola potrà divenire come momento di liberazione da un mero incubo o come tappa positiva della vita che ti attende oltre l'ultimo suono della campanella. 
Certamente identificare il docente, il ricordo del docente, l'operato del docente con la Scuola nel suo complesso è una enorme responsabilizzazione di questa figura sociale e professionale e di questo ne sono pienamente consapevole.

Marco Barone

Commenti

Post popolari in questo blog

Un maledetto 17 agosto a Barcellona

Ci sono cose nella vita che non dimenticherai mai e quanto accaduto in un caldo ed apparentemente tranquillo agosto a Barcellona è una di quelle cose che non metabolizzerai per lungo tempo. Hai la fortuna di poterlo in parte raccontare, anche se non sai bene cosa raccontare. Sei a pochi metri dalla interminabile e costante folla della Rambla. Vedi decine e decine di persone a passo spedito venire contro la tua direzione. In un primo momento pensi che vai sempre controcorrente. Poi arriva la polizia, di corsa, chiude la via nella quale ti trovi, una laterale della Rambla. Una delle tante. Non riesci al momento a collegare. Anche se sai che nel mondo la situazione è tesa. Ma sei a Barcellona, pensi. Un luogo sicuro.
Poi l’inevitabile ti si presenta come un cazzotto devastante nello stomaco. Attentato. Terrorismo. Panico totale. Cerchi le persone a te più care, fino a quando non le trovi e non le rintracci non sei "tranquillo".
Cerchi di capire come comportarti. Cosa fare. Cosa…

La nuova strage di migranti nel Mediterraneo era prevedibile e forse anche voluta nel nazismo del terzo millennio

Lo si sapeva. Lo si sapeva che in tarda primavera sarebbero ripresi gli sbarchi dalla Libia. Con i soliti schemi, metodi. Tutto era prevedibile, conoscibile. E qui la chiusura criminale della rotta balcanica non c'entra nulla. Viviamo in una società dove il più grande crimine di guerra mai compiuto e mai punito, quale il lancio delle bombe atomiche sul Giappone, viene quasi giustificato. Senza quelle bombe non sarebbe finita la seconda guerra mondiale, si dice. E per questo non si deve chiedere scusa. Sono certo che se quelle bombe le avesse lanciate la Russia, oggi si racconterebbe una storia diversa. Ma il mondo funziona così. L'Europa, costituita da Paesi ricchi, si chiude per non essere contaminata dalle razze inferiori. Sì, parlo di razze, si parlo di inferiori. Perché? Perché il fantomatico sentimento razzista di paura, trova in realtà il proprio fondamento in quel concetto di superiorità della razza pura del terzo millennio, che non deve essere intaccata dai poveracci …

Barcellona, il giorno dopo il 17 agosto