Passa ai contenuti principali

#Scuola: Quali sono gli insegnanti che non dimentichiamo?



Quali sono gli insegnanti che non abbiamo mai dimenticato? Questa è una domanda che Massimo Recalcati nel suo libro L'ora di Lezione, edito da Einaudi, pone e la risposta che offre è in sostanza la seguente: “sono i maestri che non scordiamo, quelli che hanno lasciato un'impronta indelebile dentro di noi” (…) “la trasmissione dell'amore per il sapere, gli insegnanti che non abbiamo dimenticato e di cui ricordiamo bene i nomi, il timbro della voce, la figura, coi quali abbiamo una relazione di debito e di riconoscenza sono quelli che ci hanno insegnato che non si può sapere senza amore per il sapere”.
Sì, è vero che in parte gli insegnanti, i docenti, le maestre od i maestri, dalla Scuola all'Università, che non dimentichiamo sono coloro che hanno saputo trasportare lo studente nel mondo del sapere, accendere l'amore ma anche la passione per il sapere, la curiosità per il sapere, edificare uno o più ponti per il sapere, infiammare la voglia di sapere per il sapere e nel sapere.
Però, è altrettanto vero che spesso i ricordi che si hanno della scuola non sono sempre quelli positivi. La scuola è incredibilmente impattante per la formazione dell'individuo, è nella scuola che si cresce che si diventa lentamente adulti, è nella scuola che si plasma il pensiero, è nella scuola che nasce il senso di ribellione o di obbedienza, è nella scuola che l'individuo può chiudersi nella sua solitudine o vivere la comunità. Il ruolo, il compito, che non è né missione e né una vocazione religiosa del docente è di una responsabilità sociale determinante. 
Può bastare una sola parola, un solo gesto per condizionare la visione, la prospettiva dello studente verso il mondo e la società, può una sola ora di lezione condurre lo studente nel mondo del sapere o nel mondo del rifiuto del sapere. I ricordi che spesso dominano nella mente delle persone, quando si pone la stessa domanda che ha formulato l'autore del libro L'ora di lezione, corrono sempre nella direzione dell'amore del sapere? 
Si ricorda con più facilità che ti ha fatto odiare la scuola, chi non ti comunicava nulla, chi effettuava la lezione limitandosi alla fredda lettura dei libri di testo, chi era rigido, chi era autoritario, o chi ha saputo trascinarti,guidarti nell'universo infinito ed indeterminato del sapere? Risposta tanto soggettiva quanto oggettiva. Soggettiva perché sono le esperienze personali, individuali, spesso condizionate anche dall'ambiente sociale e familiare di provenienza a condizionare i ricordi ma anche oggettiva perché un docente, in qualsiasi grado d'istruzione operi, sia questo scolastico che universitario, viene identificato come cellula vitale della Scuola e dunque come la Scuola che hai vissuto ma anche perché di norma le cattive esperienze sono quelle che più facilmente finiscono nell'oblio. 
Ognuno di noi ha delle idee diversificate, contrastanti e spesso per nulla concilianti, in merito alla considerazione del buon docente o cattivo docente, ma anche del buon preside e cattivo preside. Certamente esistono dei programmi ministeriali, programmi che esprimono l'indirizzo politico che ogni governo vuole conferire alla scuola, certamente esiste la condizione della prospettiva individuale, ove un singolo autore od un singolo fatto od atto storico possono essere presentati in modo diverso. Il docente deve essere la chiave della porta del mondo del sapere, deve indicarti quali sono le possibili strade da percorrere, deve fornirti gli strumenti oggettivi di lettura del mondo senza essere condizionato da dogmi imposti. Ma se questa chiave si rompe ancora prima della consegna nelle mani dello studente, la scuola rischierà di diventare un mero incubo. Dunque, per concludere, a parer mio si possono ricordare sia i cattivi docenti che i buoni docenti, sia la cattiva scuola che la buona scuola con la stessa intensità perché nel bene o nel male sia un pessimo impatto che un buon impatto nella scuola sarà determinante nel percorso vitale e formativo di qualsiasi persona, con la differenza, sostanziale, che conseguentemente l'ultimo giorno di scuola potrà divenire come momento di liberazione da un mero incubo o come tappa positiva della vita che ti attende oltre l'ultimo suono della campanella. 
Certamente identificare il docente, il ricordo del docente, l'operato del docente con la Scuola nel suo complesso è una enorme responsabilizzazione di questa figura sociale e professionale e di questo ne sono pienamente consapevole.

Marco Barone

Commenti

Post popolari in questo blog

E' necessario il (prodotto) made in Friuli Venezia Giulia prima di essere annientati dalla "globalizzazione"

Il made in Italy è diventato uno slogan che non dice più niente. Diventato più funzionale a quella retorica che ha fatto il male dell'Italia che alla tutela dell'Italia. Dall'arte, alla cucina, dall'agricoltura, alla moda e si potrebbe continuare. Nell'Italia di oggi si rimpiange ciò che non è più italiano. Hanno distrutto le campagne, hanno distrutto le coltivazioni storiche, è stato mescolato tutto, per arrivare all'assurdità di cortocircuiti propri di una società totalmente sballata. La globalizzazione nell'economia ha comportato il saccheggio dell'Italia, l'appropriazione indebita di ciò che ha reso unico il nostro Paese nel mondo per perderci nella nullità dell'essere più niente e nessuno.

Siamo bravi a decantare od osannare bellezze e miti e leggende che attraversano la storia di ciò che è arrivato, nel bene o nel male a determinare l'Italia. Un Paese fittiziamente unito, che deve la sua vera forza ai regionalismi, localismi, che non so…

Dopo Macerata si continua a sparare. Guai a ridimensionare o normalizzare

Questa è una storia che non parte da lontano, per dovere di sintesi sarò breve e conciso. Da questa estate in Italia si è iniziato a scoprire il problema del fascismo. Fino a quel momento, soprattutto da chi oggi si professa dall'alto della suo essere grado istituzionale antifascista, era ignorato se non avvallato. Si è denunciato il rischio di fascismo passando dalle vicende ridicole della spiaggia fascista di Chioggia, agli adesivi di Anna Frank, alle bottiglie o calendari con la foto di Mussolini o Hitler. Quando per anni ed anni in questo Paese si è realizzata una vera connivenza con le peggiori istanze, legittimandole, democratizzandole e favorendone la diffusione. Perchè, si è detto, la democrazia vale per tutti, anche per chi sputa veleno sociale.
Il guaio è che è stato pompato all'ennesima potenza un problema che c'era ma non era così forte, impattante. La propaganda che doveva portare a vedere in alcune soggettività una sorta di salvezza messianica in materia di…

Si è entrati nel terzo anno della ricerca della verità per Giulio Regeni, con la politica persa nel silenzio di comodo

"Non è possibile normalizzare i rapporti con uno stato che tortura, uccide e nasconde oltraggiosamente la verità, se non a scapito della credibilità politica del nostro Paese e di chi lo rappresenta". Queste sono le parole della famiglia di Giulio.
Una tempesta sotto forma di parole. Parole dure, ma figlie di quella rabbia comprensibile di chi altro non ha potuto fare che constatare l'effettiva resa dell'Italia all'Egitto criminale, dove si continua a morire, a sparire, ad essere torturati, come è successo a Giulio.  Si dovrebbe dare un vero e proprio ultimatum all'Egitto, pretendendo quelle piccole cose, elementi fondamentali, per chiudere il cerchio. Ma l'Egitto ha preso in giro l'Italia e Giulio e la sua famiglia da sempre, depistaggi, menzogne, calunnie, infamie. La politica italiana si è persa in un silenzio di comodo, quel silenzio che ha caratterizzato, salvo qualche formula di rito, anche le massime Istituzioni. E questo silenzio fa male e …