Passa ai contenuti principali

#LaBuonaScuola antirazzismo,antiomotransfobia, laicità, alcune occasioni mancate

La consultazione on line, ma anche reale, sulla proposta politica della così detta Buona Scuola è in itinere, dodici punti fondamentali su cui in sostanza esprimere le proprie opinioni. Però, la Buona scuola, quando tratta aspetti riguardanti questioni strettamente didattiche, come la musica, lo sport, la storia dell'arte, il benessere psicofisico dello studente avrebbe ben potuto quanto meno proporre un dibattito consultivo su questioni sociali e diritti civili a dir poco fondamentali per un Paese civile e democratico. Si parla tanto di modernità, di innovazione ma nella scuola italiana si insegna ancora la religione cattolica. Certo, esiste, pur con le mille peripezie immaginabili, la materia alternativa con le sue varianti, che seppur obbligatoria viene percepita come opzionale rispetto all'ora di religione. Ma questo governo, così come tutti i pregressi, non ha osato mettere in discussione questo tipo di insegnamento e neanche valutare una delle opzioni possibili come lo studio delle religioni, specialmente nella società di oggi giorno multietnica e multiculturale. Personalmente sarei a favore della eliminazione di qualsiasi studio sulle religioni a scuola, sicuramente sarebbe stato un passo in avanti introdurre la possibilità di abrogare l'insegnamento della religione cattolica a scuola e proporre lo studio di tutte le religioni.  Sì, è vero che un tale processo comporterebbe la revisione di accordi anacronistici con il Vaticano però la proposta politica la buona scuola ha omesso tale possibilità incentrandosi quasi esclusivamente sul concetto del saper fare, della produttività.
Occasione mancata per motivi politici ben comprensibili anche se non giustificabili. Stesso discorso per la questione antirazzismo,antiomotransfobia ad esempio ma anche sulle pari opportunità e discriminazioni.  Certo, esiste lo studio della materia Cittadinanza e costituzione, collegata a diversi progetti, ultimamente si parla anche di bullismo con le sue diverse varianti, ma è una materia che tratta diversi aspetti, educazione ambientale, stradale, sanitaria,costituzione italiana,spesso con genericità ed astrattezza assoluta. E' chiaro che le scuole non sono delle Università ma la questione del razzismo ed in particolar modo dell'omotransfobia è una continua emergenza diventata alla fine ordinaria. Anche il non aver proposto l'inserimento di una materia di studio complementare o specifica in materia di antirazzismo ed antiomotransfobia, pari opportunità e contro le discriminazioni nelle scuole, nell'Italia del nuovo millennio è una immensa occasione mancata. Sì, è vero esistono diversi progetti che con fatica lentamente trovano diffusione però è innegabile che si tratta sempre di progetti che non riescono a coinvolgere la totalità delle scuole italiane, cosa diversa sarebbe e sarebbe stata introdurre una materia di studio specifica in tal senso ed avviare conseguentemente una consultazione che sicuramente avrebbe offerto la possibilità di approfondire l'argomento con  dibattiti sulle questioni citate e mettere in discussione in maniera più organica e complessiva dogmi sistemici che non hanno più ragione di esistere. Purtroppo ci troviamo ancora una volta a doverci confrontare con l'ennesimo caso di cattiva scuola.


Commenti

Post popolari in questo blog

E' necessario produrre una filmografia sulla resistenza e realizzare musei sulla sua storia

I tempi son mutati ed è di fondamentale importanza, per non rischiare di essere sommersi dall'ignoranza, dal revisionismo storico, dall'indifferenza,  trasmettere i valori della resistenza anche attraverso strumenti e mezzi che ad oggi per ragioni a dire il vero incomprensibili sono stati poco utilizzati. Libertà, uguaglianza, fratellanza, pace, riscatto morale ed etico del nostro Paese, internazionalismo, diritti dei lavoratori, diritti delle donne, diritti civili, ovvero antinazifascismo. Concetti che quotidianamente vengono sistematicamente e metodicamente messi in discussione. E' vitale, per la memoria umana storica attivarsi in ogni ovunque per promuovere una filmografia sulla nostra resistenza, necessità che viene espressa non solo da storici, ma anche da scrittori, registi, e cittadini, nonché promuovere spazi museali affinché si possano raggiungere con maggiore facilità e coinvolgimento, anche emotivo e fisico, le nuove generazioni. Esistono musei di ogni tipo in …

La nuova strage di migranti nel Mediterraneo era prevedibile e forse anche voluta nel nazismo del terzo millennio

Lo si sapeva. Lo si sapeva che in tarda primavera sarebbero ripresi gli sbarchi dalla Libia. Con i soliti schemi, metodi. Tutto era prevedibile, conoscibile. E qui la chiusura criminale della rotta balcanica non c'entra nulla. Viviamo in una società dove il più grande crimine di guerra mai compiuto e mai punito, quale il lancio delle bombe atomiche sul Giappone, viene quasi giustificato. Senza quelle bombe non sarebbe finita la seconda guerra mondiale, si dice. E per questo non si deve chiedere scusa. Sono certo che se quelle bombe le avesse lanciate la Russia, oggi si racconterebbe una storia diversa. Ma il mondo funziona così. L'Europa, costituita da Paesi ricchi, si chiude per non essere contaminata dalle razze inferiori. Sì, parlo di razze, si parlo di inferiori. Perché? Perché il fantomatico sentimento razzista di paura, trova in realtà il proprio fondamento in quel concetto di superiorità della razza pura del terzo millennio, che non deve essere intaccata dai poveracci …

L'Italia entro il 2065 rischia di perdere quasi 20 milioni di abitanti, con anche spopolamento enorme nel Sud

Siamo un piccolo Paese, che ha raggiunto la soglia di 60 milioni di abitanti e che probabilmente non solo non supererà mai più ma che rischia di vedere con il binocolo per i prossimi decenni. Certamente viviamo in una società di 7 e passa miliardi di persone, siamo troppi, ma chi pagherà più di altri lo spopolamento saranno i Paesi poveri e tra questi vi è ovviamente anche l'Italia. Se il Sud rischia di vivere uno spopolamento pazzesco, nell'Europa, l'Italia è come il suo sud, vivrà uno spopolamento importante. Cosa comunica l'ISTAT? 
"La popolazione residente attesa per l'Italia è stimata pari, secondo lo scenario mediano, a 58,6 milioni nel 2045 e a 53,7 milioni nel 2065. La perdita rispetto al 2016 (60,7 milioni) sarebbe di 2,1 milioni di residenti nel 2045 e di 7 milioni nel 2065. Tenendo conto della variabilità associata agli eventi demografici, la stima della popolazione al 2065 oscilla da un minimo di 46,1 milioni a un massimo di 61,5. La probabilità d…