Passa ai contenuti principali

L'ombra aldilà ed aldiquà del confine nel cimitero di Merna/Miren


Confini tracciati con il gesso, con la vernice bianca, poi pali e rete metallica e filo spinato. La mano “francese” che ha governato gli accordi del 1947 ha manifestato tutta la sua schizofrenia, con l'operato angloamericano, nella realtà brutale che ha partorito tante sofferenze nel goriziano. Terra storicamente multietnica, multi-comunitaria e poi frammentata in mille e più pezzettini. Frammenti che a volte hanno dato la possibilità di salvaguardare la propria permanenza nel territorio italiano, come accaduto per una Contessa e per la sua villa, grazie ad alte conoscenze, ma frammenti che a volte non hanno dato pace neanche ai morti,che hanno superato ogni confine lì ove il confine non doveva arrivare e dove è anche arrivato, con la sua rete fredda e metallica, nel cimitero di Merna. Si è già scritto molto sulle vicende di questo cimitero, su quello che è accaduto, da chi aveva metà corpo sepolto in Italia e metà in Jugoslavia, a chi si recava in quel posto per scambiare beni di prima necessità e così via discorrendo, anche se la nota enciclopedia libera, quale wikipedia, la più consultata in rete, ignora tale vicenda.



Poi nel 1975, con il Trattato di Osimo , come ratificato nel 1977, il confine verrà spostato in modo più razionale, per quanto possa essere razionale un confine, nessuna diagonale ma una linea tendente ad essere retta, una linea che ha dato pace ai morti lì sepolti riposando nella Jugoslavia prima e Slovenia poi. 



Oggi la diagonale della follia è ricordata da una linea con inciso la data del 1947, quando verrà il cimitero diviso dalla linea di confine come definita sulla carta nel trattato di Pace e quella del 1974, ultimo anno di tale divisione all'interno del cimitero, e la linea di confine verrà poi definita in modo più equilibrato, almeno all'interno del cimitero. Vedi la tua ombra oltrepassare la linea, aldilà del confine, ed il tuo corpo essere aldiquà del confine. Fisicità ed immaterialità che vibrano nel silenzio turbato dalla follia umana. All'interno di quel piccolo cimitero esiste anche una sala adibita a museo. Tra le varie cose non potrai non notare una scritta, che ricorda l'esodo rimosso e censurato in Italia, ma non in Slovenia, nel giro di un nano secondo la storia rimossa e la storia incisa nella memoria si scontrano.
100 mila sloveni fuggiti in Jugoslavia a causa del nazionalismo, irredentismo e fascismo italiano. Prima di uscire dal cimitero guarderai oltre il muro, ed oltre il muro vi è l'Italia, ma tu ora sei in Slovenia.
oltre il muro del cimitero di Merna è Italia

all'interno del cimitero di Merna è ora Slovenia
Sì, lo so bene, sto scrivendo ora una cosa banale, ma per quanto banale, per quanto scontata, personalmente continuo a viverla con turbamento e silenzio irrequieto. La tua ombra è in Italia, ma il tuo corpo è in Slovenia. Basta svoltare l'angolo e puoi recarti in Italia e ritornare nuovamente in Slovenia. Ma fino a qualche anno addietro tutto ciò era semplicemente impensabile poterlo vivere con tale facilità e velocità e normalità.

Marco Barone

Commenti

Post popolari in questo blog

Minoranza linguistica slovena, in Italia si guarda al modello danese?

Se c'è una cosa che andrà ricordata quasi come si ricordava l'Ave Maria è che se il FVG può vantare la sua specialità, il suo essere Regione a Statuto speciale è prevalentemente se non esclusivamente per il suo plurilinguismo. Oramai, è ahimè una constatazione di fatto, la lingua tedesca è parlata in pochissimi casi e realtà, si è fatto poco o nulla per difenderla ed incentivarla, resistono invece lo sloveno ed il friulano, nonostante siano tante le mancanze a partire dal bilinguismo visivo soprattutto violato nei confronti degli sloveni. Su 216 Comuni  in FVG la minoranza linguistica friulana è presente in 175 comuni, quella slovena in 32 e quella germanica in 5, cioè la quasi totalità dei Comuni ha una "minoranza linguistica". E visto che la minoranza germanica è a rischio di estinzione, l'attenzione deve essere alta.

E' un dato di fatto che in Italia vi è un deficit di democrazia importante, basta guardare le elezioni di marzo 2018, pochi mesi di campagna…

Altro che la storiella degli "immigrati"che portano via il lavoro, chiude Eaton a Monfalcone

L'Isontino e la Bisiacaria sono un territorio politicamente debole, economicamente depresso. Vi è un tasso di disoccupazione impressionante, il numero di chi non cerca più lavoro è in costante crescita rispetto ad una popolazione che continua a diminuire. Perdere un posto di lavoro nell'Isontino è un gran guaio, perderne un centinaio, ancora, è un disastro sociale enorme, immane, perchè il lavoro qui non c'è, nonostante qualcuno racconti storielle diverse e presenti tanti segni più che in Italia ed in FVG non rappresentano la realtà delle cose. La realtà ci dice che il lavoro è una emergenza e che quando un territorio è politicamente inconsistente i grandi colossi avranno autostrade spianate per procedere con le delocalizzazioni e chiusure dei propri siti. Si legge che Eaton avrebbe complessivamente nel mondo un fatturato, nel 2013, di ben 22 miliardi di dollari, e sul loro sito evidenziano che è stata nominata come una delle aziende più etiche del mondo dalla rivistaE…

Clara Petacci è stata violentata ?

Chi è Clara Petacci? Chi sono i Partigiani? Domande legittime, anzi doverose perchè le nuove generazioni non conoscono la storia, e quando leggi che per molti studenti tedeschi Hitler altro non era che un democratico, allora comprendi che quando si parla di tematiche calde e delicate che hanno segnato la storia del secolo scorso, non si deve mai dare nulla per scontato. Nella serata del 6 luglio 2012 Rai tre,conosciuto come canale di sinistra, oggi io direi sinistra sinistrata, ha trasmesso un programma storico interessante che riguardava la Marcia su Roma, la morte ed i misteri di Mussolini. Il programma era la Grande Storia. Ha voluto conferire una diversa visione della verità storica ufficiale conferendo grande credito a teorie sostenute specialmente dai nostalgici del fascismo. Certo la storia o meglio la verità storica per essere tale non dovrebbe essere politicizzata, ma ciò è a dir poco impossibile visto il funzionamento della società. Ieri sera mi son voluto mettere nei panni di un …