Passa ai contenuti principali

Gorizia una tendopoli in città per profughi, tra indifferenza e solidarietà

Dovrebbe essere un caso nazionale, se non oltre, invece è relegato alle semplici cronache locali, al massimo regionale. Quello che è accaduto prima sulle rive dell'Isonzo ed ora a Gorizia città è un qualcosa di semplicemente incredibile. Le prime segnalazioni sono pervenute ai primi di agosto 2014. Diverse persone fuggite dalla guerra, dalle persecuzioni, prevalentemente dall'Afghanistan ma anche dal Pakistan, sono state costrette ad accamparsi sulle rive dell'Isonzo perché non esistevano, o meglio non si è voluto provvedere a trovare soluzioni dignitose per l'accoglienza. Passano le settimane, e quando il caso diventa insostenibile, per ovvie ragioni di sicurezza e di autotutela, vista la pericolosità della situazione, una parte delle Istituzioni, la Provincia di Gorizia, andando contro tutti, contro ogni indifferenza, si mobilita. Non si poteva più continuare a non vedere, nonostante quella situazione fosse sotto gli occhi di tutti per settimane. In pochi giorni, nella città di Gorizia, si realizza una piccola tendopoli. Ed ovviamente le critiche e le infamate non sono mancate. Da chi criticava i profughi richiedenti asilo e non, per il solo fatto che fossero in possesso di un telefono cellulare, e dunque, per tale motivo, ritenuti come benestanti e non meritevoli di aiuto, o peggio ancora perché con il telefono possono chiamare una sorta di esercito di profughi da tutto il pianeta per invadere Gorizia, a chi ha fomentato il caso tubercolosi invocando la quarantena. Sì, è vero, vi è stato un caso, ma, dopo i dovuti controlli e le dovute verifiche, è emerso che è rimasto isolato. Quasi un centinaio di persone, che fuggono dalla guerra, quella guerra che il Papa, in via complessiva, ha definito come una follia, nella sua recente visita a Redipuglia, e comunque non si capisce quale altra definizione si potesse dare della guerra, e dove un migliaio di persone hanno affrontato anche la pioggia per ascoltare questo messaggio. Eppure la follia della guerra, ancora una volta, nel Confine Orientale, è a portata di mano. Persone fuggite dalla guerra, giunte in un Paese che non ha saputo dare accoglienza minima, roba da quinto mondo, altro che Paese civile. Ma a queste provocazioni ed alle risposte reazionarie, si è mobilitata positivamente la Provincia ma soprattutto la gente comune. E' nato un gruppo facebook che ha chiamato quel campo  A me Importa Campo Francesco, per rispondere, provocatoriamente o meno, alle parole del Papa ed all'indifferenza della gente e di buona parte delle Istituzioni. Vi è che propone la creazione di un corso di italiano,chi mette a disposizione la propria professionalità di infermiera per medicazioni, consigli ecc, chi invita ad organizzare attività di volontariato a turni, chi porta cibo, chi indica quali beni sono necessari, fette biscottate- biscotti- the (bustine) - latte , tutto il cibo, tranne maiale ed alimenti con presenza di gelatina, non alcolici, dentifrici,asciugamani, carta igienica, secchi per lavare vestiti, detersivi per lavare vestiti,e soprattutto mutande. Roba da non credere, eppure sta accadendo a pochi passi dal centro di Gorizia. Si dice che questo non è il momento delle polemiche, in parte è vero, ma una cosa del genere non può e non deve rimanere come semplice notizia di cronaca locale. Possibile che non si riesce a dare un tetto a queste persone fuggite dalla guerra? Dalle persecuzioni? Possibile che nel 2014 in Italia ci si trova ancora a dover commentare situazioni del genere? Quante sono, ad esempio, le strutture alberghiere, vuote in questo periodo? Perché non si è registrata la stessa apertura la stessa solidarietà,come accaduto per esempio in Emilia ed in Romagna, per i recenti fatti di terremoto? Forse perché sono non italiani? Forse perché sono poveri e puzzolenti e barbari stranieri fuggiti da una guerra determinata anche dalle politiche occidentali?  Forse perché ci si scandalizza di più per le vicende che possono riguardare un qualsiasi animale che per quella di una persona? Il Governo, la politica nazionale, i media nazionali, perché ignorano ciò che accade a Gorizia? 


fonte foto: A me Importa Campo Francesco

Commenti

Post popolari in questo blog

Con i confini della giusta sconfitta di Caporetto l'Italia oggi si fermerebbe a Treviso

Dal dannunzianesimo in poi, passando per retoriche risorgimentali estremizzate, irredentismi radicali, simulati patriottismi, l'Italia decise di aggredire l'Impero Austro Ungarico, occupando terre non italiane, anche se forse si poteva pur parlare l'italiano, anche se prevalentemente si parlavano dialetti locali oltre ovviamente allo sloveno, il tedesco, il friulano. Dove vi potevano essere radici latine, risalenti anche all'Impero Romano, ma non è che ovunque l'Impero Romano mise piede era da considerarsi Italia, perchè allora dovrebbero rivendicare anche l'Azerbaigian, senza dimenticare che l'Italia si formerà come Stato unitario poi solo nel 1861. Audacia, tenacia, scippati dalla terra contadini, ragazzi, famiglie senza più i loro figli, mandati a morire nel nome del niente. Arroganza, gestione criminale del conflitto, per conquistare fazzoletti di terra che ancora oggi si sentono poco italiani, perchè l'Italia è giovane, l'Italia unita si è fat…

La nuova strage di migranti nel Mediterraneo era prevedibile e forse anche voluta nel nazismo del terzo millennio

Lo si sapeva. Lo si sapeva che in tarda primavera sarebbero ripresi gli sbarchi dalla Libia. Con i soliti schemi, metodi. Tutto era prevedibile, conoscibile. E qui la chiusura criminale della rotta balcanica non c'entra nulla. Viviamo in una società dove il più grande crimine di guerra mai compiuto e mai punito, quale il lancio delle bombe atomiche sul Giappone, viene quasi giustificato. Senza quelle bombe non sarebbe finita la seconda guerra mondiale, si dice. E per questo non si deve chiedere scusa. Sono certo che se quelle bombe le avesse lanciate la Russia, oggi si racconterebbe una storia diversa. Ma il mondo funziona così. L'Europa, costituita da Paesi ricchi, si chiude per non essere contaminata dalle razze inferiori. Sì, parlo di razze, si parlo di inferiori. Perché? Perché il fantomatico sentimento razzista di paura, trova in realtà il proprio fondamento in quel concetto di superiorità della razza pura del terzo millennio, che non deve essere intaccata dai poveracci …

A Trieste chiude la libreria indipendente IN DER TAT, Davide questa volta ha perso contro Golia

"IN DER TAT“, prendendo in prestito un concetto che il filosofo Hegel riferiva alla cultura, significa in atto, in evoluzione. E’ per questo motivo che l’abbiamo scelto come nome per la nostra libreria, proprio perché pensiamo alla cultura come qualcosa in continuo mutamento(...)". Questo è quello che leggi nel sito di questa libreria, situata nella zona Cavana di Trieste, non più un bordello ottocentesco, ma un rione oramai destinato ad essere fashion, riqualificato, perfetto, una vetrina nella vetrina di Trieste, che ha snaturato la sua storia, che forse viene ricordata dalla statua di Svevo, niente di più. Una libreria che ha segnato per anni ed anni la storia di questo rione, un punto di riferimento culturale, sociale per triestini e non, appuntamenti di gran rilievo, dibattiti e confronti su più materie, i libri prendevano forma, vita attraverso anche gli incontri, le relazioni. Una libreria relazionale. Con il vecchio libraio o vecchia libraia, non per questione ana…