Passa ai contenuti principali

Gorizia una tendopoli in città per profughi, tra indifferenza e solidarietà

Dovrebbe essere un caso nazionale, se non oltre, invece è relegato alle semplici cronache locali, al massimo regionale. Quello che è accaduto prima sulle rive dell'Isonzo ed ora a Gorizia città è un qualcosa di semplicemente incredibile. Le prime segnalazioni sono pervenute ai primi di agosto 2014. Diverse persone fuggite dalla guerra, dalle persecuzioni, prevalentemente dall'Afghanistan ma anche dal Pakistan, sono state costrette ad accamparsi sulle rive dell'Isonzo perché non esistevano, o meglio non si è voluto provvedere a trovare soluzioni dignitose per l'accoglienza. Passano le settimane, e quando il caso diventa insostenibile, per ovvie ragioni di sicurezza e di autotutela, vista la pericolosità della situazione, una parte delle Istituzioni, la Provincia di Gorizia, andando contro tutti, contro ogni indifferenza, si mobilita. Non si poteva più continuare a non vedere, nonostante quella situazione fosse sotto gli occhi di tutti per settimane. In pochi giorni, nella città di Gorizia, si realizza una piccola tendopoli. Ed ovviamente le critiche e le infamate non sono mancate. Da chi criticava i profughi richiedenti asilo e non, per il solo fatto che fossero in possesso di un telefono cellulare, e dunque, per tale motivo, ritenuti come benestanti e non meritevoli di aiuto, o peggio ancora perché con il telefono possono chiamare una sorta di esercito di profughi da tutto il pianeta per invadere Gorizia, a chi ha fomentato il caso tubercolosi invocando la quarantena. Sì, è vero, vi è stato un caso, ma, dopo i dovuti controlli e le dovute verifiche, è emerso che è rimasto isolato. Quasi un centinaio di persone, che fuggono dalla guerra, quella guerra che il Papa, in via complessiva, ha definito come una follia, nella sua recente visita a Redipuglia, e comunque non si capisce quale altra definizione si potesse dare della guerra, e dove un migliaio di persone hanno affrontato anche la pioggia per ascoltare questo messaggio. Eppure la follia della guerra, ancora una volta, nel Confine Orientale, è a portata di mano. Persone fuggite dalla guerra, giunte in un Paese che non ha saputo dare accoglienza minima, roba da quinto mondo, altro che Paese civile. Ma a queste provocazioni ed alle risposte reazionarie, si è mobilitata positivamente la Provincia ma soprattutto la gente comune. E' nato un gruppo facebook che ha chiamato quel campo  A me Importa Campo Francesco, per rispondere, provocatoriamente o meno, alle parole del Papa ed all'indifferenza della gente e di buona parte delle Istituzioni. Vi è che propone la creazione di un corso di italiano,chi mette a disposizione la propria professionalità di infermiera per medicazioni, consigli ecc, chi invita ad organizzare attività di volontariato a turni, chi porta cibo, chi indica quali beni sono necessari, fette biscottate- biscotti- the (bustine) - latte , tutto il cibo, tranne maiale ed alimenti con presenza di gelatina, non alcolici, dentifrici,asciugamani, carta igienica, secchi per lavare vestiti, detersivi per lavare vestiti,e soprattutto mutande. Roba da non credere, eppure sta accadendo a pochi passi dal centro di Gorizia. Si dice che questo non è il momento delle polemiche, in parte è vero, ma una cosa del genere non può e non deve rimanere come semplice notizia di cronaca locale. Possibile che non si riesce a dare un tetto a queste persone fuggite dalla guerra? Dalle persecuzioni? Possibile che nel 2014 in Italia ci si trova ancora a dover commentare situazioni del genere? Quante sono, ad esempio, le strutture alberghiere, vuote in questo periodo? Perché non si è registrata la stessa apertura la stessa solidarietà,come accaduto per esempio in Emilia ed in Romagna, per i recenti fatti di terremoto? Forse perché sono non italiani? Forse perché sono poveri e puzzolenti e barbari stranieri fuggiti da una guerra determinata anche dalle politiche occidentali?  Forse perché ci si scandalizza di più per le vicende che possono riguardare un qualsiasi animale che per quella di una persona? Il Governo, la politica nazionale, i media nazionali, perché ignorano ciò che accade a Gorizia? 


fonte foto: A me Importa Campo Francesco

Commenti

Post popolari in questo blog

Minoranza linguistica slovena, in Italia si guarda al modello danese?

Se c'è una cosa che andrà ricordata quasi come si ricordava l'Ave Maria è che se il FVG può vantare la sua specialità, il suo essere Regione a Statuto speciale è prevalentemente se non esclusivamente per il suo plurilinguismo. Oramai, è ahimè una constatazione di fatto, la lingua tedesca è parlata in pochissimi casi e realtà, si è fatto poco o nulla per difenderla ed incentivarla, resistono invece lo sloveno ed il friulano, nonostante siano tante le mancanze a partire dal bilinguismo visivo soprattutto violato nei confronti degli sloveni. Su 216 Comuni  in FVG la minoranza linguistica friulana è presente in 175 comuni, quella slovena in 32 e quella germanica in 5, cioè la quasi totalità dei Comuni ha una "minoranza linguistica". E visto che la minoranza germanica è a rischio di estinzione, l'attenzione deve essere alta.

E' un dato di fatto che in Italia vi è un deficit di democrazia importante, basta guardare le elezioni di marzo 2018, pochi mesi di campagna…

Altro che la storiella degli "immigrati"che portano via il lavoro, chiude Eaton a Monfalcone

L'Isontino e la Bisiacaria sono un territorio politicamente debole, economicamente depresso. Vi è un tasso di disoccupazione impressionante, il numero di chi non cerca più lavoro è in costante crescita rispetto ad una popolazione che continua a diminuire. Perdere un posto di lavoro nell'Isontino è un gran guaio, perderne un centinaio, ancora, è un disastro sociale enorme, immane, perchè il lavoro qui non c'è, nonostante qualcuno racconti storielle diverse e presenti tanti segni più che in Italia ed in FVG non rappresentano la realtà delle cose. La realtà ci dice che il lavoro è una emergenza e che quando un territorio è politicamente inconsistente i grandi colossi avranno autostrade spianate per procedere con le delocalizzazioni e chiusure dei propri siti. Si legge che Eaton avrebbe complessivamente nel mondo un fatturato, nel 2013, di ben 22 miliardi di dollari, e sul loro sito evidenziano che è stata nominata come una delle aziende più etiche del mondo dalla rivistaE…

Clara Petacci è stata violentata ?

Chi è Clara Petacci? Chi sono i Partigiani? Domande legittime, anzi doverose perchè le nuove generazioni non conoscono la storia, e quando leggi che per molti studenti tedeschi Hitler altro non era che un democratico, allora comprendi che quando si parla di tematiche calde e delicate che hanno segnato la storia del secolo scorso, non si deve mai dare nulla per scontato. Nella serata del 6 luglio 2012 Rai tre,conosciuto come canale di sinistra, oggi io direi sinistra sinistrata, ha trasmesso un programma storico interessante che riguardava la Marcia su Roma, la morte ed i misteri di Mussolini. Il programma era la Grande Storia. Ha voluto conferire una diversa visione della verità storica ufficiale conferendo grande credito a teorie sostenute specialmente dai nostalgici del fascismo. Certo la storia o meglio la verità storica per essere tale non dovrebbe essere politicizzata, ma ciò è a dir poco impossibile visto il funzionamento della società. Ieri sera mi son voluto mettere nei panni di un …