Passa ai contenuti principali

Trentatré petali di rosa



Le rose, della rosa, alla rosa, la rosa, o rosa, con la rosa . Ho conosciuto nello studio la rosa nella sua declinazione, in quel latino madre imposta della cultura che per storia e tradizione appartiene a queste terre. Ho conosciuto il suo profumo tra le campagne siciliane ed i promontori calabresi sino al confine d'Oriente pur vivendo in Occidente. Rosa che sorge spesso lì ove tramonta il sole dell'umanità, tra terre aride, terre violente, terre di rosa, terre di odio, terre di conquista, terre della contesa disumana. Ma esiste anche la rosa dell'occulto che tramite il codice del triangolo della rosa ti conduce nel culto del mistero. Dovrai manifestare gratitudine, esprimere compiacimento, vivere con il dubbio dopo aver sfiorato uno dei trentatré petali misteriosi e silenziosi della addivenire venerabile rosa. Dovrai  essere presente nelle canzoni, nei libri, nella musica e nel silenzio, sarai presente nei riti, nella religione e nella tradizione, sarai presente nell'arte e nei venti dei venti, ma sempre di parte, una parte che reciti con la maschera dell'umana onnipotenza seduta sul trono dell'apparenza e vuota penitenza.

Rosa bianca come la conoscenza ed il dogma dell'architetto superiore temuto dal debole,voluto dal forte,
nera come quel destino che giostra con la sapienza,
blu come la fedeltà,
rosa come l'unione tra eterno e mortale,
rossa come il sangue della fratellanza,
gialla come quello zolfo razionale che trascende verso il sé per il sé
Trentatré petali di rosa, perché tu possa essere nel non essere, trentatré petali di rosa perché tu possa nel rito secolare osannare
tra spada ed altare
tra il Libro e colonne portanti
quella fatica che ha inizio e non fine
se non il fine della veggenza
disegnato dal compasso senza tempo
e protetto dal grado della squadra
che arde ogni volere
a cui ora appartieni sino al sospiro ultimo per divenire il primo.
Simbolo del falso amore mortale,
simbolo del potere infinito apicale
potrai sempre ed in ogni sempre
accecare la gemma, occhio della rosa,
per l'amen del triangolo nel pugno della rosa.
Ed urlerai con la voce dell'eco della ribellione
né rose, né della rosa, né alla rosa, né la rosa, né con la rosa
perché la vita osa, osa la libertà nella consapevole sapienza
stringendo nel pugno la forbice della verità.


Commenti

Post popolari in questo blog

Un maledetto 17 agosto a Barcellona

Ci sono cose nella vita che non dimenticherai mai e quanto accaduto in un caldo ed apparentemente tranquillo agosto a Barcellona è una di quelle cose che non metabolizzerai per lungo tempo. Hai la fortuna di poterlo in parte raccontare, anche se non sai bene cosa raccontare. Sei a pochi metri dalla interminabile e costante folla della Rambla. Vedi decine e decine di persone a passo spedito venire contro la tua direzione. In un primo momento pensi che vai sempre controcorrente. Poi arriva la polizia, di corsa, chiude la via nella quale ti trovi, una laterale della Rambla. Una delle tante. Non riesci al momento a collegare. Anche se sai che nel mondo la situazione è tesa. Ma sei a Barcellona, pensi. Un luogo sicuro.
Poi l’inevitabile ti si presenta come un cazzotto devastante nello stomaco. Attentato. Terrorismo. Panico totale. Cerchi le persone a te più care, fino a quando non le trovi e non le rintracci non sei "tranquillo".
Cerchi di capire come comportarti. Cosa fare. Cosa…

La nuova strage di migranti nel Mediterraneo era prevedibile e forse anche voluta nel nazismo del terzo millennio

Lo si sapeva. Lo si sapeva che in tarda primavera sarebbero ripresi gli sbarchi dalla Libia. Con i soliti schemi, metodi. Tutto era prevedibile, conoscibile. E qui la chiusura criminale della rotta balcanica non c'entra nulla. Viviamo in una società dove il più grande crimine di guerra mai compiuto e mai punito, quale il lancio delle bombe atomiche sul Giappone, viene quasi giustificato. Senza quelle bombe non sarebbe finita la seconda guerra mondiale, si dice. E per questo non si deve chiedere scusa. Sono certo che se quelle bombe le avesse lanciate la Russia, oggi si racconterebbe una storia diversa. Ma il mondo funziona così. L'Europa, costituita da Paesi ricchi, si chiude per non essere contaminata dalle razze inferiori. Sì, parlo di razze, si parlo di inferiori. Perché? Perché il fantomatico sentimento razzista di paura, trova in realtà il proprio fondamento in quel concetto di superiorità della razza pura del terzo millennio, che non deve essere intaccata dai poveracci …

Barcellona, il giorno dopo il 17 agosto