Passa ai contenuti principali

La morte di Diego de Henriquez dopo l' udienza del processo della strage di Peteano

Facendo una ricerca nel motore di ricerca online dell'archivio della Camera dei Deputati, alla voce Diego de Henriquez, noto professore triestino e collezionista di cimeli soprattutto bellici, emergono tre voci, una del 1964 e due del 1989, e tutte riguardano interrogazioni parlamentari sollevate da deputati appartenenti al MSI che in sostanza chiedevano interventi da parte del Governo contro il Comune di Trieste, sollecitando una risoluzione positiva per il museo storico militare di de Henriquez. Dunque vi è stata una certa attenzione e sollecitazione da parte del MSI sia locale che nazionale per la creazione del museo del professore triestino. Di Diego de Henriquez si parla molto della sua stravaganza, delle sue strane amicizie, del suo museo, poco della sua morte a dir poco misteriosa. 
Diverse inchieste vi sono state ma non hanno portato da nessuna parte. La notte del 2 maggio 1974 morirà in un incendio che interesserà il luogo ove viveva, si passerà presto dall'ipotesi accidentale a quella dolosa ed i motivi saranno vari, si andrà dal fatto che in quel luogo vi era l' interesse di realizzare interventi edilizi all'ipotesi dell'incendio doloso dovuto alla sue conoscenze o perché, in relazione alla strategia della tensione in essere, era venuto a conoscenza di informazioni pericolose. Il giorno prima della sua morte, il primo maggio a Padova, si verificava un attentato per mano fascista contro l'abitazione del procuratore dottor Aldo Fais. Come è noto, Fais, il 16 maggio del 1973 ordinava la perquisizione della libreria "Ezzelino" di Franco(Giorgio) Freda e il sequestro di tutte le schede con i nominativi dei clienti, e fu il procuratore della Repubblica, Aldo Fais, ad incriminare nel 1973 il responsabile dell’ufficio politico della Questura di Padova, per aver mantenuto segrete le intercettazioni telefoniche sull’utenza di Franco Freda che provavano l’acquisto da parte di quest’ultimo dei timer utilizzati per gli attentati fascisti. 
I neofascisti dopo l'attentato a Peteano, il 6 ottobre 1972, tentarono il famigerato assalto a Ronchi per dirottare un aereo con l'intenzione di chiedere duecento milioni di lire e la liberazione di Franco Freda, neofascista in quel periodo galera per la bomba di piazza Fontana. Tra gli assalitori vi erano Vincenzo Vinciguerra e Carlo Cicuttini, di Ordine nuovo ed esecutori materiali della strage di Peteano. Nel sito la nuova alabarda, la studiosa e giornalista Claudia Cernigoi, riporta questa testimonianza in merito a de Henriquez: “Quando avvenne l’attentato di Peteano, così avrebbe detto il prof. de Henriquez: “credo di conoscere gli elementi ultimi coinvolti in questa strage (…) io li ho sempre aiutati a fin di bene e mai a fin di male". Il 2 maggio 1974 si svolgeva una importante udienza sulla strage di Peteano. S. Tuntar un giovane goriziano amico dell'imputato Resen aveva più volte affermato con veemenza, in base alle ricostruzioni della stampa dell'epoca, di aver visto quest'ultimo, Resen la sera del 26 maggio 1972, affaccendarsi nelle sue mansioni di cuoco presso il Motel Aci di Gorizia. L'accusa però sosteneva che l'interessato non si trovava quella sera nel locale ma stava passando le consegne per l' esecuzione dell'attentato di Peteano. Il testimone, che tra le altre cose veniva anche indicato come amico di Resen ritrattò questa versione davanti al giudice istruttore. Nell'udienza del 2 maggio affermava che la ritrattazione venne costretta dalle minacce degli inquirenti i quali dopo essersi riferiti alle precarie condizioni di salute di suo padre, gli avrebbero preannunciato l'arresto del vecchio genitore. Tuntar venne condannato, quel giorno, dopo la sua “testimonianza” e ritrattazione a 4 mesi con la condizionale per falsa testimonianza. L'Imputato Resen successivamente verrà ritenuto estraneo alla strage di Peteano. E' da sottolineare che, nel processo della Strage di Peteano, erano esponenti di primo piano del MSI goriziano gli avvocati che difesero per esempio uno degli indiziati della strage, ed esponente missino di primo piano del goriziano, così riportava la stampa dell'epoca, era anche l'avvocato che si costituì parte civile contro gli imputati a difesa dei familiari dei tre carabinieri uccisi. Ritornando alla nuova alabarda, è il caso di sottolineare che si legge, sempre in relazione alla morte di Diego de Henriquez, quanto ora segue : “ la scoperta di un foro di pistola in un quadro del pittore settecentesco veneziano Antonio Zucchi, quadro che era stato affidato all’avvocato Nino Fazzini-Giorgi per la stima: dopo un sopralluogo, l’avvocato aveva rilevato nel muro, nel punto dove il quadro era stato appeso, la traccia di un proiettile che aveva colpito di rimbalzo il dipinto; di questo fatto aveva notiziato gli inquirenti. Su questo particolare il successivo numero del “Meridiano” (48/74) specificherà che i proiettili sarebbero esplosi per il calore dell’incendio, però a parte una pistola che de Henriquez teneva presso di sé (cosa strana, leggiamo, “per chi conosceva il professionista”, quindi probabilmente indice del fatto che egli temeva per la propria vita), armi e munizioni erano conservate in una cassaforte che non era stata intaccata dall’incendio. Se si tratti o no della stessa cassaforte di cui abbiamo letto sopra, però, non è chiaro”. 

Viste queste coincidenze temporali e fattuali, esiste qualche collegamento tra la morte di de Henriquez ed il processo del 2 maggio 1974 ed ovviamente con la strage di Peteano?


MarcoBarone

La Strage di Peteano audio originale telefonata ai carabinieri: https://www.youtube.com/watch?v=kveDfO25sSQ


Commenti

Post popolari in questo blog

Per la prima volta nella storia di Ronchi arriva l'antimafia

No, nessun effetto  cinematografico. Niente sirene spiegate, palette fuori dall'auto in corsa. Niente poliziotti con il passamontagna. Ma in una regione come il Friuli Venezia Giulia non più isola felice, ma presa di mira dalla camorra e dalla 'ndrangheta in particolar modo ,quando si realizzano cantieri ed opere di una certa rilevanza bisogna metterlo in conto. Cosa? L'accesso del gruppo interforze che ha la scopo di intervenire per prevenire infiltrazioni mafiose nei pubblici appalti. 
Il prefetto dispone accessi ed accertamenti nei cantieri delle imprese interessate all'esecuzione di lavori pubblici, avvalendosi, a tal fine, dei gruppi interforze  ed al termine degli accessi ed accertamenti disposti dal prefetto, il gruppo interforze redige, entro trenta giorni, la relazione contenente i dati e le informazioni acquisite nello svolgimento dell'attività ispettiva, trasmettendola al prefetto che ha disposto l'accesso. Il prefetto,  una volta acquisita la relaz…

La nuova strage di migranti nel Mediterraneo era prevedibile e forse anche voluta nel nazismo del terzo millennio

Lo si sapeva. Lo si sapeva che in tarda primavera sarebbero ripresi gli sbarchi dalla Libia. Con i soliti schemi, metodi. Tutto era prevedibile, conoscibile. E qui la chiusura criminale della rotta balcanica non c'entra nulla. Viviamo in una società dove il più grande crimine di guerra mai compiuto e mai punito, quale il lancio delle bombe atomiche sul Giappone, viene quasi giustificato. Senza quelle bombe non sarebbe finita la seconda guerra mondiale, si dice. E per questo non si deve chiedere scusa. Sono certo che se quelle bombe le avesse lanciate la Russia, oggi si racconterebbe una storia diversa. Ma il mondo funziona così. L'Europa, costituita da Paesi ricchi, si chiude per non essere contaminata dalle razze inferiori. Sì, parlo di razze, si parlo di inferiori. Perché? Perché il fantomatico sentimento razzista di paura, trova in realtà il proprio fondamento in quel concetto di superiorità della razza pura del terzo millennio, che non deve essere intaccata dai poveracci …

D'Annunzio e gli slavi: "il flutto della barbarie schiava giungerebbe su Trieste"

19 ottobre 1919 una lettera che ha come destinatari principali i fiumani dal titolo Italia e Vita. Una lettera dove emergono concetti ed aspetti che connoteranno quell'imperialismo italiano che porterà all'invasione del Balcani con tutte le conseguenze nefaste che la storia ci ha ben insegnato. Una lettera, con un linguaggio semplicemente incomprensibile  in molti passaggi, e con uno stile assurdo, dove si eleva bene quel senso di disprezzo verso gli slavi che verrà rimarcata dal poeta amante della guerra in diverse occasioni.  Un D'Annunzio che esalta lo spirito degli italiani che hanno difeso l'italianità di Fiume, del Carnaro, dove " voi spiegaste nel vento del Carnaro il tricolore italiano, in faccia ai Croati che dal governatore ungaro avevano ricevuto il potere civico per inizio di quella frode più tardi proseguita sopra le navi imperiali in Pola nostra."
Uno spirito dell'italianità che sarebbe stato presente in diverse località, "per le coste…