Passa ai contenuti principali

Quando a Trieste veniva represso anche l'uso del dialetto



Trieste è una città multiculturale, che conosce tante e più lingue. Lingue che, in base ai regimi del tempo, hanno subito sempre repressioni, pensiamo alle violenze subite dalle comunità slavofone, alle ammonizioni esercitate sotto l'Impero austro ungarico da parte del Commissario austriaco, verso alcuni italiani che incitavano la diffusione della lingua italiana, forse perché sospettati di irredentismo, ma poca importa, quello che qui interessa è l'uso della lingua, ,anche se poi la lingua italiana divenne, in quel tempo, quella ufficialmente utilizzata nell'amministrazione e nella giurisdizione ed ovviamente non si devono dimenticare le intimidazioni e le censure per l'utilizzo del dialetto sotto il nefasto regime Fascista. Ancora oggi, in molti uffici pubblici, nei bar, nei luoghi di Trieste, il dialetto è vivo. Il dialetto, il triestin, è la lingua del popolo, che unisce la borghesia al proletariato, è la lingua della città, è la lingua che esprime i veri sentimenti degli animi triestini. Vi è stato un periodo, molto lungo, ove Trieste ha conosciuto una enorme ed imponente diffusione del dialetto in opere prevalentemente poetiche, letterarie e satiriche. I Trovatori di Trieste, pensiamo a uomini come Edoardo Borghi,Borsatti,Piazza o Carlo de Dolcetti, quel de Dolcetti che fondò il Marameo, che scriveva con il pseudonimo di Amulio e a volte Car-do, quel giornale che subì una sospensione durante la prima guerra mondiale, riprese subito dopo, che subì l'intimidazione del Regime Fascista e che venne soppresso nei primi anni del 1940.

Il giornale politico satirico "pupazzettato" ricevette da parte dell'Ufficio Stampa del Capo del Governo fascista, nel 1933, una nota che ben evidenziava il controllo assiduo e persistente del regime su cosa e come si scriveva: “ Il direttore del Marameo con l'incoraggiamento dato alla letteratura dialettale è in contrasto con le Direttive del Regime, dovendosi ritenere i dialetti italiani un vieto residuo dei tempi di divisione e servitù”. ( fonte  L'allegra Trieste dei nostri nonni-Edoardo Borghi: il suo tempo, le sue canzoni, di Laura Borghi Mestroni ed. Luglio editore).
Il dialetto consentiva di sfuggire alla controllo del regime, il dialetto era la via di fuga con cui saggiare la propria libertà di pensiero, di critica. Il dialetto era l'espressione della passione critica dei triestini, una critica, che anche attraverso la satira e la poesia, e le canzoni popolari, non era tollerabile e per questo andava domata e per quanto possibile repressa. Oggi, quando si ascolta, per le vie di Trieste, parlare il ed in triestino, è il caso di ricordarsi di tutto ciò, ovvero che vi è stato un tempo ove anche l'uso del dialetto, in questa Italia, veniva represso.


Commenti

Post popolari in questo blog

Per la prima volta nella storia di Ronchi arriva l'antimafia

No, nessun effetto  cinematografico. Niente sirene spiegate, palette fuori dall'auto in corsa. Niente poliziotti con il passamontagna. Ma in una regione come il Friuli Venezia Giulia non più isola felice, ma presa di mira dalla camorra e dalla 'ndrangheta in particolar modo ,quando si realizzano cantieri ed opere di una certa rilevanza bisogna metterlo in conto. Cosa? L'accesso del gruppo interforze che ha la scopo di intervenire per prevenire infiltrazioni mafiose nei pubblici appalti. 
Il prefetto dispone accessi ed accertamenti nei cantieri delle imprese interessate all'esecuzione di lavori pubblici, avvalendosi, a tal fine, dei gruppi interforze  ed al termine degli accessi ed accertamenti disposti dal prefetto, il gruppo interforze redige, entro trenta giorni, la relazione contenente i dati e le informazioni acquisite nello svolgimento dell'attività ispettiva, trasmettendola al prefetto che ha disposto l'accesso. Il prefetto,  una volta acquisita la relaz…

La nuova strage di migranti nel Mediterraneo era prevedibile e forse anche voluta nel nazismo del terzo millennio

Lo si sapeva. Lo si sapeva che in tarda primavera sarebbero ripresi gli sbarchi dalla Libia. Con i soliti schemi, metodi. Tutto era prevedibile, conoscibile. E qui la chiusura criminale della rotta balcanica non c'entra nulla. Viviamo in una società dove il più grande crimine di guerra mai compiuto e mai punito, quale il lancio delle bombe atomiche sul Giappone, viene quasi giustificato. Senza quelle bombe non sarebbe finita la seconda guerra mondiale, si dice. E per questo non si deve chiedere scusa. Sono certo che se quelle bombe le avesse lanciate la Russia, oggi si racconterebbe una storia diversa. Ma il mondo funziona così. L'Europa, costituita da Paesi ricchi, si chiude per non essere contaminata dalle razze inferiori. Sì, parlo di razze, si parlo di inferiori. Perché? Perché il fantomatico sentimento razzista di paura, trova in realtà il proprio fondamento in quel concetto di superiorità della razza pura del terzo millennio, che non deve essere intaccata dai poveracci …

Koper o Capodistria?Fiume o Rijeka?Merna o Miren?Londra o London? Trieste e Trst?

Esistono diversi processi di italianizzazione, i più noti sono quelli figli dell'abitudine, figli di quel modo di fare che hanno trasformato London in Londra, Berlin in Berlino, Barcelona in Barcellona, Marseille in Marsiglia ecc. Si dirà che è semplice traduzione. Fattore tipico di tutte le lingue. Poi vi sono luoghi che sono stati soggetti all'italianizzazione forzata tramite la nota opera nazionalfascista e di esempi ve ne sono a bizzeffe, se ne perde il conto, sia in Italia che in Slovenia che in Croazia che ovunque l'Italia abbia operato in tal modo.
Ad esempio Redipuglia  ha storpiato lo sloveno Sredipolje. In altri casi si utilizza l'italianizzazione per rispetto anche della comunità italiana che vi abita, non chiamare quei luoghi con il loro nome italiano significherebbe negare l'esistenza della comunità italiana, almeno per gli italiani autoctoni del luogo è così, pensiamo Capodistria il cui nome in sloveno è Koper, o Rijeka diventata Fiume. Italianizzazi…