Passa ai contenuti principali

Movimento Trieste Libera nuovo ultimatum:15 settembre 2014 o risposta o autodeterminazione



Il 10 febbraio 2014 è scaduto l'ultimatum del Movimento Trieste libera all'Italia, la quale in sostanza ha risposto alle rivendicazioni indipendentiste di questa realtà, tramite alcune sue articolazioni, come Tribunali, autorità governative, in modo a volte diretto, con rigetto dei ricorsi, ed a volte indiretto con l'adozione di provvedimenti che si scontrano in particolar modo con il regime del punto franco del Porto Vecchio. Tempo nefasto, pioggia, in questo 10 febbraio 2014 ma un centinaio di militanti, pochi rispetto all'importanza dell'evento, hanno presidiato gli accessi dell'area del porto vecchio per tutto il pomeriggio. Roberto Giurastante, presidente del Movimento Trieste Libera, intervistato intorno alle 20.20 del 10 febbraio 2014 dalla web tv del Movimento Trieste libera dirà che ora si “rivolgeranno alle nazioni unite”, che hanno un programma con una decina di punti, dal reddito minimo garantito, casa per non abbienti, risarcimento per danni ambientali subiti ecc,  e se il 15 settembre 2014 non ci saranno risposte si passerà direttamente all'autodeterminazione. " Passeremo direttamente alla costituzione del nostro Stato che l'Italia sta cercando di eliminare”, queste le parole del presidente del MTL.

Certamente questo movimento ha perso pezzi, tanti pezzi, per strada. Ma non cede, e la strada intrapresa continua ad essere sempre più evidente e chiara. D'altronde non esistono vie coerenti di mezzo, per i così detti duri e puri,  o si risolvono le cose con la burocrazia legalitaria oppure con processi di tipo rivoluzionario. La via di mezzo è quella del compromesso ed accettare compromessi per una forza politica che urla al mondo intero la presunta illegittimità ed illegalità dell'esistente a Trieste, significherebbe disconoscere la propria essenza.  Fare espressamente intendere pubblicamente che se il 15 settembre 2014 non ci saranno risposte positive si passerà direttamente all'autodeterminazione e dunque alla effettiva costituzione del TLT,ciò  ben lascia intendere che la situazione di tensione sociale a Trieste sarà significativa e da non sottovalutare. Certo, ritornando al discorso della via di mezzo e del compromesso,  vi è sempre la possibilità che tale soluzione possa essere sostenuta, dal 2014 in poi,  nel 2016, salvo dimissioni anticipate dell'attuale Sindaco,  in modo ipotetico, con la partecipazione alle prossime elezioni di rinnovo del consiglio comunale, ma se così sarà, allora si assisterà all'ennesima ripetizione di un passato già noto e conosciuto nella vita politica amministrativa sia italiana che di Trieste, penso alla Lega Nord od alla vecchia lista pseudo indipendentista di Trieste,  dunque a nulla di nuovo, ai soliti giochi visti e rivisti ed utili a pochi.  Questo 2014 sarà, tra elezioni europee, estremismi di destra crescenti, nazionalismi minori o maggiori sempre più diffusi, l'anno della verità, sarà l'anno che dirà dove andrà a finire questa Europa e questa piccola ma importante Trieste. 

Commenti

Post popolari in questo blog

A Trieste fare gli auguri in sloveno proprio, proprio no se pol...ma c'è il greco

Niente da fare. Non ci riescono. Ma proprio non ci riescono. E' vero che ci sarebbe una legge che contemplerebbe l'esercizio del bilinguismo anche nella città di Trieste. Ci sarebbe, ma viene applicata per non essere volgarissimi, alla ad minchiam. Che gli sloveni ed il ceppo linguistico slavo facessero parte delle radici di Trieste, non conta un fico secco.  Un Pelinkovac e il fico secco indigesto va giù.
E neanche a natale si è più buoni. Altro che a natale puoi. Ma che. Figurarsi. Zero concessioni. Mentre l'attenzione si è totalmente focalizzata sulla stella cadente al contrario, per non farla cadere, farla resistere alla bora, e qui si potrebbe scrivere una storia tipicamente triestina, o meglio raccontare una storia tipicamente triestina,  tra chi tifa bora e chi rimane ipnotizzato dalla cometa al contrario, non può però non attirare l'attenzione quella solita fila di alberi di natale, scelti uno ad uno, pare, di persona, personalmente, per dirla alla Catarella, …

Se toccare il seno della statua di Giulietta è di buon auspicio, perchè?

Città che vai, tradizione o superstizione che troverai. In pieno centro a Monaco vi è la statua di Giulietta, donata dalla città di Verona. Una foto con Giulietta è immancabile a Monaco così come toccare il suo seno destro è un gesto molto diffuso. Ed è stato toccato tante di quelle volte che  praticamente è stato consumato dalla "passione" dei passanti tanto che ha assunto una tonalità più chiara rispetto al resto della statua. Ma da dove nasce questa superstizione? Perchè toccare il seno destro di Giulietta sarebbe di buon auspicio? Ognuno avrà una sua risposta, e Giulietta non può fare altro che subire questo rito. Un rito che accomuna diverse città, perchè la statua di Giulietta la si può trovare in diverse località oltre ovviamente che a Verona. A Monaco ve ne sono due, una prima copia donata dalla Cassa di Risparmio di Verona nel 1974, si trova ai piedi della torre dell’antico municipio a Marienplatz. La seconda si trova nel parco di Shakespeare Platz. Monaco e Vero…

La nuova strage di migranti nel Mediterraneo era prevedibile e forse anche voluta nel nazismo del terzo millennio

Lo si sapeva. Lo si sapeva che in tarda primavera sarebbero ripresi gli sbarchi dalla Libia. Con i soliti schemi, metodi. Tutto era prevedibile, conoscibile. E qui la chiusura criminale della rotta balcanica non c'entra nulla. Viviamo in una società dove il più grande crimine di guerra mai compiuto e mai punito, quale il lancio delle bombe atomiche sul Giappone, viene quasi giustificato. Senza quelle bombe non sarebbe finita la seconda guerra mondiale, si dice. E per questo non si deve chiedere scusa. Sono certo che se quelle bombe le avesse lanciate la Russia, oggi si racconterebbe una storia diversa. Ma il mondo funziona così. L'Europa, costituita da Paesi ricchi, si chiude per non essere contaminata dalle razze inferiori. Sì, parlo di razze, si parlo di inferiori. Perché? Perché il fantomatico sentimento razzista di paura, trova in realtà il proprio fondamento in quel concetto di superiorità della razza pura del terzo millennio, che non deve essere intaccata dai poveracci …