Passa ai contenuti principali

Le nuove Regioni dell'Italia che verrà se verrà


Nei primi anni 90 la Fondazione Agnelli sosteneva la necessità della revisione della seconda parte della Costituzione in linea con un impianto federale ispirato ai principi della responsabilità, della trasparenza, della solidarietà e della sussidiarietà. Si prevedeva per esempio un ruolo centrale per le Regioni, una grande autonomia per comuni e aree metropolitane e l'introduzione di un Senato delle Regioni. Il tutto doveva passare dal ridisegno delle regioni e dei comuni italiani. La società Geografica italiana nel 1999 proponeva un ridisegno dei confini regionali, prevedendo una Italia suddivisa in circa in 35/40 nuove regioni, con nuovi confini regionali e la totale abolizione delle province. Nel 2013 si proporrà un nuovo progetto che così ridisegna l'Italia: Nel caso di una Italia con 31 Regioni: 1) del Tanaro, 2) La grande Torino, 3) Valsesia/Piemonte settentrionale, 4) La Grande Milano, 5) Insubria, 6) Liguria, 7) del Garda, 8) Dolomitia, 9) Veneto, 10) Friuli/Iulia, 11) Emilia/La Grande Bologna, 12) Padania orientale/Romagna, 13) Tirrenia, 14) La grande Firenze, 15) Etruria, 16) Umbria, 17) Marche, 18) Roma Capitale, 19) Ciociaria, 20) Abruzzo, 21) Napoletano, 22) Campania, 23) Daunia, 24) Puglia, 25) Salento 26) Basilicata 27) Calabria 28. Sicilia Ionica, 29) Sicilia occidentale, 30) Sardegna settentrionale, 31. Sardegna meridionale. Nel caso di una Italia a 36 Regioni alle precedenti si dovranno aggiungere la Valle d‟Aosta, Padania occidentale/le citta‟ del Po, Padania orientale/del delta, Alto Adige, dello Stretto.
Che dire? Che la geografia, in tempi bui è stato uno strumento per l'imperialismo, per l'irredentismo reazionario che ha favorito violenze ignobili nel confine orientale, pur cambiando i tempi, i localismi in Italia sono molto vivi. In ogni Regione vi potrebbero essere tre o quattro Regioni, fino al minimo particolare. Questi argomenti sono caldi, si gioca con il fuoco e si rischia di fomentare un grande incendio, specialmente quando queste proposte che partono da lontano e da logiche prevalentemente economiche e funzionali al capitalismo, si scontrano con la reale partecipazione e condivisione dei cittadini. Ma che necessità sussiste di ridisegnare l'Italia in tal modo? A chi realmente e concretamente giova? E con quali criteri si decidono e propongono i nomi? I nuovi confini?



Commenti

Post popolari in questo blog

Giorno del ricordo a Gorizia e agibilità democratica: Revocata sala gestita dalla provincia a resistenza storica

Era stato promosso dal gruppo di Resistenza Storica e sinistra goriziana antifascista, un convegno per il 10 febbraio dal seguente titolo, da svolgersi in Gorizia, presso il palazzo provinciale Attems:11 ANNI DI "GIORNO DEL RICORDO" Tra mistificazioni storiche e rivalutazione del fascismo. Questi gli interventi previsti: Alessandra KERSEVAN: Il ruolo della X Mas al confine orientale; Claudia CERNIGOI: Il "fenomeno" delle foibe e gli scomparsi da Gorizia nel maggio 1945; Sandi VOLK: 10 anni di onorificenze della legge del Ricordo; Piero PURINI: Gli esodi prima e dopo il secondo conflitto mondiale; Marco BARONE: "Volemo tornar". L'irredentismo del terzo millennio; nota di inquadramento storico e coordinamento del dibattito a cura di Marco PUPPINI. Contestualmente a ciò, nella stessa giornata, nella stessa città, ma in luogo diverso, è previsto il convegno organizzato dalla Lega Nazionale di Gorizia, con l'alto patrocinio della Prefettura, Provincia…

Le conclusioni della Commissione d'inchiesta sul caso Moro

Nelle considerazioni conclusive della Commissione d'inchiesta sul Caso Moro emergono spunti di riflessione importante ed anche inquietanti che dovrebbero far tremare i pilastri della nostra Repubblica. Un lavoro durato alcuni anni, con diverse audizioni, accessi a documenti, verifiche, ispezioni, un lavoro enorme e giunto a termine.    La legge istitutiva della Commissione (Legge 30 maggio 2014, n. 82) ha assegnato come mandato all'inchiesta parlamentare quello di «accertare eventuali nuovi elementi che possono integrare le conoscenze acquisite dalle precedenti Commissioni parlamentari di inchiesta sulla strage di Via Fani, sul sequestro e sull'assassinio di Aldo Moro; eventuali responsabilità sui fatti di cui alla lettera a) riconducibili ad apparati, strutture e organizzazioni comunque denominati ovvero a persone a essi appartenenti o appartenute». E' stato sottolineato che è "dalla rilettura sistematica dei cinque processi e dell'attività delle precedenti…

Ma ha ancora senso la "Venezia Giulia"? O meglio regione di Trieste?

Venezia Giulia. Un nome che ha sicuramente un suo fascino, originale, una forzatura storica pasticciata, proposta ed utilizzata sin dal 1863, come si legge nell'Enciclopedia Treccanti dal linguista goriziano G.I. Ascoli in sostituzione di ‘Litorale’ (Küstenland), usato dagli Austriaci. "Dal 1920 sotto la denominazione di V. furono compresi anche territori appartenenti alla Carniola; i limiti della regione non erano del resto ben definiti: ora comprendeva anche il Friuli ora questo era considerato come appartenente al Veneto, per cui la V. corrispondeva ai territori orientali ceduti dall’Austria all’Italia in seguito alla Prima guerra mondiale, cioè le province di Gorizia, Trieste, Pola e Fiume (superficie 8893 km2 con 955.257 ab. nel 1936), zona caratterizzata dal graduale trapasso del sistema alpino in quello dinarico e dalla compenetrazione di elementi italiani e slavi. Il piccolo lembo della V. rimasto all’Italia dopo la Seconda guerra mondiale è confluito nella regione a …