Passa ai contenuti principali

Scuola: arrivano a Trieste gli avvisi di conclusione indagine per la tentata occupazione dell'Oberdan



Quando le questioni inerenti le battaglie volte ad edificare una scuola pubblica, dove la comunità scolastica, o parte di essa, si eleva, anche con iniziative forti ma non violente, a divenire soggetto promotore di attività alternative, e quando a queste attività alternative si risponde con la strada penale, è una sconfitta per tutti.
Trieste vive ancora nel mito della legalità dell'Impero asburgico, una legalità a metà.
Perché se buona parte delle scuole cittadine sono in condizioni non a norma di legge, dunque in stato teoricamente illegale, si pretende la legalità solo per reprimere certi e dati comportamenti non ritenuti consoni a quell'apparenza che alimenta la rabbia e la giusta voglia di reazione.

Il 13 gennaio 2014, sono giunte denunce a quattro ragazzi per l’occupazione del Liceo scientifico G.Oberdan svoltasi l’anno scorso. Gli studenti, già al tempo maggiorenni, sono imputati per concorso in occupazione di suolo pubblico, interruzione del pubblico servizio e danneggiamento. Le prove, per quello che si è compreso, sarebbero il verbale delle forze dell'ordine e le dichiarazioni della preside del 3 Gennaio. La condanna potrebbe arrivare a 3 mesi di reclusione.
Contestualizzare i fatti è atto dovuto e necessario.
A dicembre 2012 “avevamo deciso di, poiché non è stato possibile attuarlo con i professori,prenderci,anzi, avevamo deciso di riappropriarci della nostra scuola per poter all’interno di essa svolgere delle attività che noi credevamo utili sia per la crescita degli studenti che per lo stesso edificio;avevamo deciso infatti di,oltre a tenere dei corsi sulla didattica alternativa, ripittare i muri,le porte,cercare di mettere un pò a posto alcune strutture come i bagni(dato che la provincia,per mancanza di soldi o non si sa bene per quale motivo,continua ad ignorare queste situazioni),tanto che la notte stessa avevamo con noi pennelli e vernice per iniziare dalla mattina i nostri lavori.
Sapete tutti quello che è successo: la Digos, su ordine della preside, ha fatto irruzione nell’Istituto rompendo una finestra(che,ci teniamo a dirlo,non è ancora stata sostituita) e i ragazzi,presi anche dal panico per il gesto di violenza della polizia (perchè il gesto violento è quello di rompere una finestra quando dietro ad essa c’è la faccia di un ragazzo,non quello di occupare una scuola dopo aver tentato per settimane di costruire un qualcosa di alternativo con i professori,dopo che questi hanno rifiutato di accettare la nostra proposta di 3 giorni di cogestione per poter,appunto,svolgere queste lezioni su temi alternativi e questi lavori) sono in gran parte scappati quando hanno visto le forze dell’ordine entrare”.

Questa la versione degli studenti che verrà supportata in via testimoniale, se necessario, nelle dovute sedi.
Da questa ricostruzione emergono alcuni fatti rilevanti:
  1. la volontà di contribuire al miglioramento sostanziale della propria scuola con anche la proposizione di attività didattica alternativa;
  2. la comunicazione preventiva di questa volontà e la tentata occupazione, visto che, a parer mio, l'occupazione non è stata pienamente realizzata a causa della situazione come maturata e nessuna interruzione effettiva di pubblico servizio si è realizzata.
La protesta si inseriva nel quadro generale, che ha visto in tutta Italia,diverse mobilitazioni contro i tagli del governo al sistema scolastico e contro  le condizioni fatiscenti in cui versava parte dell’istituto interessato. Si  è trattata di una mera iniziativa simbolica e sostanziale, lo scopo era quello di  manifestare in modo in modo pacifico e democratico la necessità di frequentare edifici scolastici sicuri e dotati dei servizi indispensabili. Nessuna azione violenta è stata posta in essere da parte degli studenti, e la presa in possesso dell'edificio è stata parziale e temporanea.

Come è noto, e come ribadito da recente giurisprudenza che richiama principi tipici della magistratura degli anni settanta, gli studenti sono soggetti attivi e non semplici frequentatori della scuola, hanno il diritto di partecipare alla gestione con un «incisivo» potere-dovere di collaborazione, protezione e conservazione della scuola, oltre che di iniziativa per «il miglioramento delle strutture e dei programmi di insegnamento».  Dunque è innegabile che l’edificio, nella sua struttura muraria e nelle sue attrezzature, appartiene allo Stato e, di conseguenza, non deve essere danneggiato, è altrettanto vero che la scuola costituisce una realtà non estranea agli studenti.
Studenti che volevano semplicemente ripristinare un minimo di decoro nella loro scuola e proporre anche attività didattica alternativa. A tal proposito è il caso di ricordare che l’attività didattica mira alla formazione degli studenti, nell’ambito delle diverse materie, secondo determinati programmi di studio. Contrariamente ad altri servizi pubblici, tale attività non postula “necessariamente modalità predeterminate e rigide concatenazioni di puntualità temporale”, potendo gli scopi che essa si prefigge essere raggiunti anche attraverso “modalità” e “tempi più liberi ed elastici” (Cass., sez. VI, sent. n. 2723 del 21.3.1997).
Senza dimenticare il valore educativo e formativo che possono avere iniziative di lotta come quelle dell'occupazione o dell'autogestione o cogestione.


Commenti

Post popolari in questo blog

Giorno del ricordo a Gorizia e agibilità democratica: Revocata sala gestita dalla provincia a resistenza storica

Era stato promosso dal gruppo di Resistenza Storica e sinistra goriziana antifascista, un convegno per il 10 febbraio dal seguente titolo, da svolgersi in Gorizia, presso il palazzo provinciale Attems:11 ANNI DI "GIORNO DEL RICORDO" Tra mistificazioni storiche e rivalutazione del fascismo. Questi gli interventi previsti: Alessandra KERSEVAN: Il ruolo della X Mas al confine orientale; Claudia CERNIGOI: Il "fenomeno" delle foibe e gli scomparsi da Gorizia nel maggio 1945; Sandi VOLK: 10 anni di onorificenze della legge del Ricordo; Piero PURINI: Gli esodi prima e dopo il secondo conflitto mondiale; Marco BARONE: "Volemo tornar". L'irredentismo del terzo millennio; nota di inquadramento storico e coordinamento del dibattito a cura di Marco PUPPINI. Contestualmente a ciò, nella stessa giornata, nella stessa città, ma in luogo diverso, è previsto il convegno organizzato dalla Lega Nazionale di Gorizia, con l'alto patrocinio della Prefettura, Provincia…

Se Babbo Natale ha ridimensionato San Nicolò

Ma è più sentito San Nicolò o Babbo Natale?

Questo è quanto mi domandavo notando tutta la serie di prodotti realizzati, i mercatini diffusi, le fiere e quant'altro si afferma in prossimità della notte tra il 5 e 6 dicembre. Così come mi domando, ma quanti conoscono la sua storia? Quanti sanno che tipo di santo protettore sarebbe?  Scommetto che le mani alzate sarebbero una manciata.  Ed a dirla tutta non interessa, interessa quel giorno solo scambiarsi qualche regalino, girovagare per le fiere, bere e mangiare.
San Nicolò, dicono, è un santo molto venerato in tutto il mondo, addirittura avrebbe carattere universale. Sarà. Ma in Italia ci sono su più di 8 mila Comuni solo una ventina di località, e qualche Comune, ad avere questo nome e sono poche le località dove viene festeggiato, soprattutto in alcune zone del Nord Est ed in Puglia.  Vi è chi dice che Babbo Natale altro non sia che praticamente il San Nicolò in chiave pienamente consumistica, che avrebbe tratto origine da qu…

Gorizia,16 dicembre, manifestazione regionale a sostegno dei migranti "RESTIAMO UMANI-HUMANITY WELCOME"

Il titolo della manifestazione è restiamo umani, humanity welcome. Il 16 dicembre se a Roma ci sarà la manifestazione nazionale dei migranti, a Gorizia si svolgerà una manifestazione regionale che ha lo scopo di denunciare il fallimento dell'accoglienza diffusa in regione, lo stato di degrado umano che si è raggiunto nei confronti dei richiedenti asilo "fuori convenzione", senza dimenticare quanto accade nel CARA di Gradisca, che è oltre ogni limite di capienza, destinato a diventare nuovamente centro di espulsione, senza dimenticare quanto accade lungo le rive dell'Isonzo da Gorizia a Gradisca, a Pordenone, senza dimenticare l'omissione di soccorso sistematica ed impunita. Gorizia non è mai stata realmente una porta verso l'Est, si è sempre chiusa, non è mai stata una porta verso l'Oriente, e la caduta visiva dell'ultimo muro d'Europa, dopo quello di Berlino, è stato solo un gesto illusorio, perchè le divisioni sono sempre state la normalità in q…